Ricerca racconti

Risultati di ricerca per "stazione" :

3 4 racconti trovati.

Cadorna, stazione di Cadorna (capitolo 14)
genere: dominazione
14 – Punita Il telefono muto in mano, Piero restò a lungo a fissare il nulla. Tutto si sarebbe aspettato, meno quella telefonata che lo aveva lasciato completamente confuso. Silvia? Davvero era a casa del tizio della metropolitana o gli stava facendo solo uno scherzo? Provò a richiamare, ma il telefono era spento. E mentre si preparava a...
scritto il 2019-07-14 | da Mister Pink
Cadorna, stazione di Cadorna (capitolo 13)
genere: dominazione
13 – Strada senza ritorno Il respiro corto, segni di perspirazione sulla schiena lucida, il cristallo del tavolino testimone del piacere che colava dalla fica, Silvia riprese… “Con mio marito Piero ci siamo spesso confessati le reciproche fantasie, Signore: situazioni oscene, scenari che regalavano a entrambi tanta eccitazione. In qualche...
scritto il 2019-07-12 | da Mister Pink
Cadorna, stazione di Cadorna (capitolo 12)
genere: dominazione
12 – Il nome Il freddo del vetro sulla schiena, la posizione a quattro zampe sul tavolino, l’ordine di rimanere immobile. Silvia stava sperimentando sensazioni nuove. “Stupida! Ma chi me l’ha fatto fare?”. Per l’ennesima volta si ripeté la domanda. Conoscendo però perfettamente la risposta. Perché se una parte di lei in quel...
scritto il 2019-07-08 | da Mister Pink
Cadorna, stazione di Cadorna (capitolo 11)
genere: dominazione
11. Le quattro regole Le dita che stringevano il capezzolo dovevano sicuramente causarle del dolore, ma la donna non pronunciò alcun suono mentre i suoi passi mi seguivano nel salone. “Come ti chiami?” “Silvia”. Uno schiaffo la colpì sulla guancia sinistra. “Come ti chiami?” “Si..Silvia, Signore” “Impari velocemente,...
scritto il 2019-07-06 | da Mister Pink
Cadorna, stazione di Cadorna (capitolo 10)
genere: dominazione
10. Nuda Era stata puntualissima e già questo deponeva a suo favore. Quando il campanello di casa suonò, aprii il cancello, socchiusi la porta e mi misi comodo in poltrona ad aspettare. Un minuto dopo sentii la cancellata dell’ascensore che si chiudeva, quindi il suono di un tacco che si posava sulle piastrelle dell’ingresso. Passarono...
scritto il 2019-07-05 | da Mister Pink
Cadorna, stazione di Cadorna (capitolo 9)
genere: tradimenti
9 - L’appuntamento Per qualche minuto Silvia fece fatica a respirare. Lo aveva fatto. Aveva chiamato lo sconosciuto della metro, come cento volte aveva pensato di fare e come cento volte si era bloccata dandosi della matta. Però l’ultima notte con Piero aveva lasciato il segno e soprattutto quella voglia crescente che sentiva montare dentro...
scritto il 2019-07-04 | da Mister Pink
Cadorna, stazione di Cadorna
genere: dominazione
8 – La telefonata Stavo cazzeggiando al computer dopo avere chiuso una telefonata noiosa con un ragioniere (non poteva avere studiato nient’altro nella sua vita, ero pronto a scommetterci un mese di stipendio!) che mi aveva spiegato e rispiegato reiteratamente e pedantemente la procedura da seguire per ottenere un rimborso fiscale. Tra i...
scritto il 2019-07-04 | da Mister Pink
Cadorna, stazione Cadorna (capitolo 7)
genere: tradimenti
7. La decisione Accadde qualche sera dopo. Silvia era impegnata in un lungo e appassionato pompino al cazzo di Piero, l’asta lucida dalla saliva che l’aveva ricoperta, le labbra avvolte attorno al glande, la lingua che stuzzicava il buchino, un dito che dolcemente massaggiava il culo. “Lo hai rivisto?” chiese a bruciapelo Piero. Lì per...
scritto il 2019-07-02 | da Mister Pink
Cadorna, stazione di Cadorna (capitolo 6)
genere: tradimenti
6. Al lavoro Il risveglio fu traumatico. Per tutta la notte Silvia aveva vagato tra sonno e veglia, le immagini della sera prima a scorrerle nella mente, rendendole impossibile un vero e proprio riposo, le mani che nel dormiveglia accarezzavano le sue parti intime ancora incrostate del piacere suo e di Piero. Quando suonò la sveglia si...
scritto il 2019-07-02 | da Mister Pink
Cadorna, stazione di Cadorna (capitolo 5)
genere: sentimentali
5. La confessione Quando alla fine Piero cedette al sonno, Silvia rimase ancora a lungo sveglia. Un braccio piegato sotto la testa, il corpo ancora bagnato di sudore, del suo piacere e dello sperma di Piero, le gambe leggermente divaricate, le dita della mano destra ad accarezzare languidamente la strisciolina di peli sopra il pube. E mille...
scritto il 2019-06-29 | da Mister Pink
Cadorna, stazione di Cadorna (capitolo 4)
genere: masturbazione
4. Lo specchio Rapiti dall’ennesima serata calcistica, Marco e Matteo lanciarono un distratto “Ciao mamma” a Silvia, che seguendo una scia profumata si diresse in cucina. “Ciao Piero, scusa il ritardo” sussurrò Silvia, mentre sollevandosi sulle punte indirizzava un bacio sulla guancia al marito che, dandole le spalle si stava esibendo...
scritto il 2019-06-28 | da Mister Pink
Cadorna, stazione di Cadorna (capitolo 3)
genere: dominazione
Quando, dopo aver parcheggiato, aprì la portiera della sua Mazda, il freddo vento della sera che si insinuò sotto la gonna fece sospirare Silvia. Le mutandine ormai zuppe, il piacere insoddisfatto che sentiva essere colato lungo le gambe, accelerò il passo verso il portone del suo condominio. Mentre aspettava l’ascensore, sentì il portone...
scritto il 2019-06-27 | da Mister Pink
Cadorna, stazione di Cadorna (capitolo 2)
genere: dominazione
Una statua di cera. La mano teneva stretto il telefonino. Gli occhi incollati sul display anche quando divenne buio. Il fiato che sembrava faticare nella sua strada da e verso i polmoni. Il piede che fino a pochi minuti prima si muoveva delicato lungo quella gamba sconosciuta a sua volta era bloccato come da un incantesimo. Altre volte a Silvia...
scritto il 2019-06-25 | da Mister Pink
Cadorna, Stazione di Cadorna - Prologo
genere: tradimenti
“Stupida! Ma chi me l’ha fatto fare?”. Per l’ennesima volta Silvia si ripeté la domanda mentre, immobile sulle mani e sulle ginocchia, fungeva da soprammobile nel salone. Nuda. Fatta eccezione per le scarpe che portava quella sera in metropolitana. Con un bicchiere di acqua colmo quasi fino all’orlo sulla schiena. - Mi sto chiedendo...
scritto il 2019-06-24 | da Mister Pink
Al cesso della stazione ferroviaria
genere: gay
Entro nel piccolo gabinetto della stazione per pisciare ma lo trovo occupato,anche se il tipo sta’ pisciando con la porta mezza aperta e vedo il getto del piscio....... sembrava un tubo dell’acqua da quanto pisciava! Esce e mi guarda con un mezzo sorrisetto...... poco dopo Lo vedo fuori la stazione,mi chiede una sigaretta,ma non fumo,però...
scritto il 2019-03-10 | da Barista Troia
Incubo in Stazione
genere: esibizionismo
Questa è una storia vera capitata qualche tempo fa alla Stazione Ferroviaria di una Città in provincia di Roma! Io sono un'Autista e passo molte ore nel piazzale antistante la suddetta Stazione,in attesa del mio turno per aspettare i clienti! È più che normale che dovendo attendere per molto tempo ,uno abbia la fisiologica necessità di...
scritto il 2018-03-17 | da Morris D'Antonio
La stazione
genere: gay
Forse oggi non è più opportuno avvicinarsi alle stazioni, visto quello che succede, troppi controlli, troppa brutta gente, ma anni fa non era così, anzi. Io vivo fuori Milano. e nel mio paese, indossare intimo femminile, e preferire essere scopati che scopare, non è proprio visto di buon occhio, da noi sin da giovani giovani, si deve...
scritto il 2017-05-21 | da PAOLA
In stazione
genere: etero
Non si vedevano da molto, entrambi avevano bisogno l'uno dell'altra. Dopo mesi si incontrano alla stazione, lui arriva col treno e lei lo sta aspettando. Quando incrociano gli occhi corrono per potersi abbracciare. Restano fermi, abbracciati stretti, per un paio di minuti e poi si baciano con passione. Lui le dice che non può aspettare, che ha...
scritto il 2017-04-15 | da Ary
Stazione
genere: esibizionismo
Appena scesa dal treno alla stazione. Mi guardo intorno, il cuore palpita, il respiro cambia. Sono le sei e quindici del mattino, l’aria gelida mi punge le guance e mi taglia le narici ad ogni respiro. Lo cerco con gli occhi, non lo trovo. Aspetto un po’, comincio a camminare con il borsone in spalla, mi sento agitata. Una mano mi sfiora il...
scritto il 2017-03-18 | da Ana2
In ufficio dal Capostazione
genere: feticismo
Era un caldo pomeriggio dei primi d'agosto e Filippo,35 anni,ragazzo di bell'aspetto e semplice operaio delle ferrovie dello Stato,venne chiamato dal suo capostazione Miriam di 32 anni,bella donna bruna che quel giorno vestiva con una camicetta azzurrina,pantaloni blu scuro e scarpe nere coi tacchi senza calze. Quel giorno,venne chiamato parlare...
scritto il 2017-02-22 | da FußeFeet
Violenza in stazione
genere: esibizionismo
Seduta davanti all'armadio aperto, mi mordevo il labbro indecisa su cosa indossare. Gli ordini del Padrone erano stati chiari, ma cercavo insistentemente un modo per sviare da quell'ordine assurdo. "Hai fatto, puttanella?". Il suo messaggio mi fece sobbalzare,sapevo che se lo avessi ignorato, sarei stata punita. "Sì padrone, ho quasi finito"....
scritto il 2016-09-01 | da Rafiki
Quella mattina in stazione
genere: tradimenti
Dalla radiosveglia proveniva la buona musica degli anni 80, quelli sì che erano pezzi. Laura, in immagini confuse tra la sua camera da letto e i ricordi di quand’era più giovane, non realizzava che non si era alzata con la prontezza di ogni mattina. Aprì gli occhi di scatto quando capì di essere in ritardo e le sarebbe costata una corsa...
scritto il 2016-05-31 | da Ethan Hunt
Il barbone della stazione
genere: gay
Un giorno trovo alla stazione ferroviaria un vecchio barbone,vecchio almeno a vederlo,ma sicuramente molto piu' giovane di quello che sembra essere,la vita e il modo di vivere lo a stravolto in tutto. IL tipo dice di chiamarsi Pietro,sembra molto sveglio e la sua memoria non pare oscurata da alcol ho altro,mi racconta della sua vita,della sua...
scritto il 2015-11-07 | da fellatio
Nel parcheggio della stazione
genere: etero
Passando sulla banchina del treno per andare al parcheggio, Elena rivede il ragazzo che ha incrociato in spiaggia. Lui ha non più di diciotto anni, fisico massiccio, pelle abbronzata, capelli neri. In spiaggia indossava un costume blu che aderiva al bacino alla perfezione. Elena ha guardato quel ragazzotto muscoloso giocare sulla sabbia con i...
scritto il 2015-10-11 | da Squall7691
Stazione termini
genere: tradimenti
6.0:..." mi trovavo nella stazione del mio paese dovevo recarmi a roma precisamente alla stazione termini ce' un centro dove fanno analisi 'e' visite generali convenzionata , salgo sul treno cerco un posto a sedere quando mi sento chiamare ...tony tony mi giro era sabrina amica di vecchia data da ragazzi abbiamo avuto una breve storia....piu'...
scritto il 2015-03-09 | da todem63
cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone