La Bruta

Scritto da , il 2012-09-04, genere incesti

Chi la vita la vive e non la subisce, arrivato ad una certa età, necessariamente deve avere nella sua storia qualcosa di cui essere orgoglioso e qualcosa di cui vergognarsi. Anch'io.

Il fatto che sto per narrarvi, in teoria dovrebbe essere la cosa di cui io dovrei vergognarmi, in realtà la scrivo perché io ne sono orgoglioso.

Una ventina d'anni fa avevo all'incirca la metà dei miei anni attuali, forse qualcuno di più.
Spesso s'usciva di sera con gli amici per andare a divertirsi. Divertirsi per noi allora significava andare a ragazze. S'andava a ballare, al cinema, a passeggiare in piazza, sempre e solo con quell'unico scopo: rimorchiare. Il sabato sempre e si rientrava sempre a tarda ora.
Accadde che una di quelle sere, ma non era un sabato, mi accorsi d'essere uscito senza portafoglio, quindi senza soldi, al momento di pagare le sigarette. Figura meschina e richiesta di un piccolo prestito ad un amico. Poi il “gruppo” decide d'andare a passare la serata in un nuovo locale, una specie di nightclub mascherato da bar, aperto da poco (e chiuso dopo non molto tempo) dove era facile “cuccare”. Per la prima consumazione, obbligatoria perché sostituiva il biglietto d'ingresso, avevo quanto restava del mini prestito ma....se avessi rimorchiato, e per quello si andava, con cosa avrei pagato le consumazioni della tipa? Meglio inventare una scusa e, per una sera, rinunciare all'avventura e tornarsene a casa.
Per questo motivo rientrai molto prima del solito, ma comunque a notte già avanzata, certamente erano passate le undici. I miei genitori russavano nella loro stanza da letto. Da sotto la porta della stanza di mia sorella, invece, vidi filtrare la luce.
Ho subito pensato che avesse preso sonno e la luce fosse rimasta accesa per caso. Per questo ho aperto la porta attento anche a non far rumore, facendo fare un salto di paura a Gioia, mia sorella, che non dormiva affatto, anche se era sul letto, senza coperta addosso, solo il lenzuolo attorcigliato tra le gambe che sporgevano dai due lati, senza camicia da notte ma in sottoveste, generosamente scollata per altro. Stava leggendo un libro che si affrettò a chiudere tentando persino di nasconderlo sotto il cuscino. Esclamò:-Che vuoi?...Bussa imbecille! Mi hai spaventata!

Lo so. Adesso chi legge già immagina: “ Il rimorchiare è andato a monte, la sorella semi svestita è a letto, l'ora è tarda, magari il libro è un poco malizioso...ecco questo ora ci propina la solita descrizione della sorella bellissima, provocante e poi...beh... se il racconto è nella categoria ”incesto”, non è difficile prevedere la scopatella”
Non è così.

Purtroppo mia sorella era poco coperta. Se fosse stata vestitissima sarebbe stato meglio, avrebbe ammantato la sua “non bellezza”. Gioia non è brutta. È orrenda.
Mia sorella ha undici anni più di me. Quindi all'epoca, se io avevo circa ventuno anni lei ne doveva avere trentadue. Vent'anni fa, al mio paese, le donne oltre i trenta anni erano considerate zitelle. S'era ritirata dagli studi durante il secondo anno di scuola media superiore, non perché non riuscisse negli studi, anzi, era la classica secchiona con una media prossima al nove. Non era riuscita più a sopportare gli sberleffi e le prese in giro di un gruppetto di studenti, anche non della sua classe, che godevano a prenderla in giro per la sua....”non bellezza”.
Ebbene sì, madre natura è stata decisamente malvagia con mia sorella. Io pure da bambino la canzonavo dicendole “Non è vero che tu sei brutta, è solo che quelle belle sono fatte in maniera completamente diversa da te” e tante volte ho pensato che i nostri genitori erano rimasti cosi scioccati dal come era uscita la loro prima figlia che per fare il secondo (me) hanno atteso undici anni.
Fino ad una certa età aveva sopperito alla non bellezza con la simpatia Dopo i ventitré, ventiquattro anni aveva cominciato a perdere anche quella. Aveva cominciato ad allontanare le amiche, gelosa nel vederle fidanzarsi, sposarsi, diventare madri. Aveva cambiato lavoro scegliendone uno meno remunerato che però le evitava il contatto con la gente, da commessa (in un negozio di ferramenta perché altrove non l'avrebbero presa) a lavoratrice in proprio (cucire abiti pre tagliati a casa, pagata un tot a capo), sempre più chiusa in se stessa, nella sua stanza da letto (anche suo laboratorio) e sulle sue letture, romanzi rosa. Fredda con tutti, con i nostri genitori addirittura scorbutica .
Solo tra me e lei i rapporti non erano peggiorati. Non avrebbero potuto. Non c'erano mai stati veri rapporti tra noi due, non di quelli che comunemente ci sono tra fratello e sorella. Undici anni di differenza di età sono veramente tanti, specie nella prima fascia di età. Cosa possono avere in comune un neonato ed una ragazzina prossima allo sviluppo ormonale? Cosa un bimbo di cinque anni ed una signorinella di sedici? Di comune ben poco. Al massimo lei aveva provato a farmi da seconda madre ma non con l'affetto, ma con le azioni di controllo: dove sei stato? Con chi? A fare cosa? Perché?
Non potendo andare peggio le cose tra noi, inevitabilmente erano migliorate nel tempo. Ero l'unico a poter dire una cosa simile. Infatti lei aveva smesso di impicciarsi dei fatti miei ed io avevo smesso di risponderle male. Avevamo un rapporto apatico, da coabitanti nella stessa casa e con lo stesso nucleo familiare, esteriormente anche una convivenza serena, in realtà, almeno da parte mia di assoluta indifferenza alle stranezze comportamentali di Gioia.
Credo che proprio per questo, cioè per non essere anch'io tra quelli che l'assillavano con sproni a uscire dal suo isolamento, Gioia un poco mi voleva anche bene.
Oggettivamente era bersagliata da tutti, dai miei genitori per prima che, pur di vederla accasata, l'avrebbero offerta anche ad un vecchio, un invalido, un relitto umano e glie lo dicevano pure: ”tanto a te uno normale non ti si piglia mica, ti devi accontentare” e le paventavano la tristezza di una vecchiaia in solitudine per spronarla ad accettare qualsiasi proposta le fosse stata fatta, ma tanto non glie le faceva nessuno.
Le cosiddette amiche, che giustamente lei tentava di tenere lontano, erano prodighe di consigli su tutto: “dovresti portare i capelli sciolti e non raccolti, così ti coprono le orecchie a sventola”, “i pantaloni ti sanno meglio delle gonne, non fanno vedere i tuoi polpacci un poco troppo grandi”, “se metti le gonne a tuniche forse i tuoi fianchi grossi si vedono meno” e via dicendo
Io al massimo le chiedevo: -Hai finito di leggere il libro?Ti è piaciuto?
Per questo ero l'unico con il quale lei si intratteneva volentieri. Io un poco meno volentieri.
Questa descrizione lunga e per alcuni noiosa era necessario, direi indispensabile, per far intuire cosa abbia potuto provare mia sorella quando quella sera, anzi notte, le dissi: - Copriti! Va bene che sono tuo fratello, ma sono pur sempre un uomo!
A dire la verità dopo “copriti” avevo fatto una pausa. Capendo a volo d'aver esagerato (effettivamente avrei voluto dire “...che fai schifo”) ho tentato di rimediare con la seconda parte.
In quell'attimo vidi brillare una luce nuova, mai vista prima negli occhi di Gioia.
Poiché non saprei descrivere quello strano bagliore ho descritto la precedente condizione di Gioia, affinché chi legge, se ci sarà qualcuno che legge, possa immaginare da solo quel particolare momento: mia sorella s'era sentita improvvisamente femmina. Forse hanno influito altri elementi, come l'ora notturna, la storia che lei stava leggendo sul libro o altro ancora, ma di certo le mie parole la turbarono. Qualcuno per la prima volta le aveva detto che riusciva a turbare un maschio.
Per un attimo s'era sentita non più brutta ma sensuale, non più sgorbio ma donna conturbante. Vi assicuro che nei suoi occhi tutto questo trasparve ed anche di più, ma io non so descriverlo.
La cosa, per quella sera finì lì.
Nei giorni che seguirono, memore di quello sguardo particolarissimo, sono tornato a fingere interessi erotici per lei. Nulla di eccezionale, semplicemente soffermarmi a lungo a guardale le gambe, finché lei non se ne accorgeva, poi alzavo lo sguardo e le sorridevo. Oppure, senza che fosse vero, buttavo giù qualche frase del tipo: Che hai oggi? Hai un'aria furbetta!Chissà a cosa pensi”. Roba del genere, nulla di trascendentale, eppure... eppure Gioia cominciò a sorridere, di rado, solo a me, solo quando restavamo soli, ma sorrideva ed io avevo scordato il quando l'avevo vista sorridere precedentemente. Notai che si faceva improvvisamente seria ed abbassava la testa se arrivava qualcuno, anche persone di famiglia e che, se solo la guardavo, lei qualcosa d'insolito faceva: o distanziava leggermente le ginocchia, o si passava una mano sul seno, o mi fissava il basso ventre, di certo “civettava” un poco.
Diventò un gioco per me provocarla, osservarla, vederla eccitarsi, quasi farsi meno brutta (dire bella sarebbe troppo). Imperversava il colore ero all'epoca, Gioia ruppe i canoni e cominciò a mettere vesti colorati. Per molti era un poco ridicola e fuori moda, per me stava meglio. Glie lo dissi e quella volta fui sincero. Grata, mi diede un bacio sulla guancia ed arrossì subito dopo. Un bacio così tenero non l'avevo mai ricevuto. Di solito sono le mamme che danno bacetti così innocenti ai loro pargoli; mia madre, poco propensa alle effusioni affettive e troppo presa dal lavoro, non credo che mi abbia mai baciato, neppure da piccolo. Neanche picchiato però. E' sempre stata a debita ma rispettosa distanza nei miei confronti, affettivamente parlando. Quel bacio di mia sorella mi aveva davvero emozionato. Le ho regalato un sorriso ampio è sincero, per ricambiarla.
Da quel momento siamo diventati amici. Lei mi raccontava le trame dei libri che leggeva (tutti del genere rosa) io le narravo le mie serate con gli amici, le eventuali avventure “mordi e fuggi”. Ormai tutte le sere, o meglio le notti, quando rientravo, passavo dalla sua stanza per salutarla e scambiare quattro chiacchiere. Prevalentemente le raccontavo come avevo passato la serata. Siccome di solito io ed i miei amici andavamo a caccia di avventure, queste le raccontavo. A lei piaceva, ascoltava con interesse, spalancava gli occhi, quasi come se a palpebre sollevate sentisse meglio.
Di giorno in giorno pareva meno triste. Non subiva più tutto e tutti passivamente. Aveva imparato a rispondere per le rime. A mia madre che le prospettava uno zoppo come marito ricordandole la solitudine della vecchiaia, rispose ”Pensa alla tua vecchiaia piuttosto, che ce l'hai alle porte, io ho tempo”, alla solita amica rompiscatole che le dava consigli sul look disse:- ma tu i cazzi tuoi non te li sai proprio fare?” Acida sì, ma vivaddio viva, non più rassegnata e ripiegata su se stessa. Di fisico no, sarebbe stato impossibile, ma di carattere cominciò a piacermi, anche molto, forse troppo. Ormai, almeno nel parlarci quand'eravamo soli, non avevamo più limiti, ci dicevamo proprio tutto. Per rendere l'idea vi riferisco una frase sulla quale, ripensandoci, abbiamo riso sopra a lungo, quella che mi disse mentre stavo uscendo: -Senti, se passi dalla farmacia a prendere dei preservativi per te, compreresti degli assorbenti anche per me che ne ho solo uno e mi sono già tornate le mestruazioni?
Se i nostri genitori avessero sentito sarebbero morti d'infarto. Noi siamo scoppiati a ridere.
Una notte però mia sorella non gradì i racconti sulla serata che avevo vissuto, anzi mi ha letteralmente sorpreso con una reazione imprevista, spropositata.
Sembrava fosse attenta ed interessata come sempre, invece all'improvviso , a voce tanto alta che temetti avesse fatto svegliare i nostri genitori, sprofondati nel loro sonno con due modi diversi di russare, disse.- Basta! Finiscila! Mi hai stufata!. Ma che cavoli credi che io ci goda a sentire quello che fate tu ed i tuoi porci amici con le squaldrinelle che rimorchiate? O forse tu credi che chi non ha bellezza è menomata anche di stimoli, di voglie, di desideri? Che le mie labbra non desiderano baci come le tue e quelle di ogni altro essere vivente? Credi che a me la vagina serve solo per pisciare? O stronzo, tienile per te le tue vanterie e non venire più da me ad umiliarmi ulteriormente....
Così dicendo era scoppiata a piangere, un pianto vero, con il labbro inferiore che le tremava e le lacrime copiose che scendevano giù dagli occhi, lungo il volto. Persino dal naso storto scolava un rivolo di moccio trasparente.
Raggelai ed ebbi compassione. Avevo imparato a volerle bene ormai. Soffrii della sua sofferenza. Mi sono quasi buttato su di lei abbracciandola e stringendola forte, molto forte, andando con la faccia oltre la sua spalla e chiedendole infinite volte “perdono”, “scusami”. Non so come accade ma inconsciamente, tra queste infinito ripetere “scusami” e “perdonami” mi sfuggì inconsapevolmente anche un “Amore, credimi, non l'ho fatto apposta!”.
Si è liberata dal mio abbraccio , mi ha distanziato da lei, mi ha fissato negli occhi ed ha esclamato: Hai detto amore? Mi hai chiamato amore?
Ero nel pallone, non sapevo che dire, ho solo abbozzato un lieve sorriso e sollevato le spalle, bisbigliando appena un “..beh...sì”
Come freccia scoccata da un arco Gioia si proiettò verso me, mi strinse forte al collo e mi ritrovai con la sua bocca sulla mia. Non aveva mai baciato, su questo ci giurerei, ma aveva letto infiniti romanzi d'amore e forse aveva studiato sui libri, leggendo quei romanzi rosa, come dischiudere le labbra, introdurre e muovere la lingua, accogliere la lingua dell'altra bocca... di certo in quel bacio c'erano i milioni di baci che aveva desiderato dare e ricevere in vita sua. Mi sconvolse. Mi fece scordare che era brutta che era mia sorella. La spinsi per invogliarla a sdraiarsi sul letto. Si lasciò andare tirandomi dietro, addosso a lei. Dissi: spegniamo la luce? Potrebbero vederla i vecchi. Lei rise e disse:- si dai, almeno mi vesto di buio e se mi spoglio non ti disgusti di me.
Ho riso, penso ancora che aveva ragione. In effetti spegnemmo la luce e ci spogliammo.

Adesso sì che chi eventualmente è arrivato a leggere fin qui, può immaginare tutto quello che vuole, perché io, sinceramente, i dettagli non li ricordo. Ricordo solo che una trombata così gustosa , con una donna così assatanata e rispondente non l'avevo mai fatta, e credo di non averla più fatta a quel livello.
Da quella notte mia sorella può essere fiera di chiamarsi Gioia, prima era un controsenso che una donna triste si chiamasse così.

Mi dispiace per i morbosi ma non ci furono altre notti focosi. La nostra follia finì lì, in quella stanza quella notte.

Ho esordito con il dire che di questo evento non solo non mi vergogno ma sono orgoglioso. C'è u n perché. Ve lo dico.
Circa tre anni dopo mia sorella conobbe Adelmo, un vedovo. Non proprio un Adone ma un bravo uomo, onesto, lavoratore e già padre di due bambine. Cercava più che una moglie una buona sostituta madre per le sue bambine. Qualche amica di mia madre (sempre interessata a collocare la figlia) aveva combinato l'incontro. Adelmo, da persona onesta qual'era ed è, le ha detto chiaro e tondo il perché si risposava. Mia sorella con altrettanta onestà le disse: anch'io devo dirti la verità, non sono più vergine
Ci credereste? Adelmo in seguito non ha fatto mistero nell'ammettere d'aver visto “piacente” mia sorella (la parola bella non è uscita neppure dalla sua bocca) proprio perché qualche altro prima di lui aveva individuato in lei le bellezze nascoste . Penso che con le capacità di Gioia e la bontà di Adelmo, siano una coppia più innamorata e felice di tante altre.
Un poco di merito ce l'avrà pure quello che aveva tolto la verginità a mia sorella?
Posso non vergognarmi ma essere fiero di aver portato mia sorella verso una vita degna d'essere vissuta?

Questo racconto di è stato letto 9 6 0 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti di zoofiliastorir pornoi racconti dimilustorie sadomasostorie porneracconti porno sorellavicine di casa troieracconti porno gratisincestoraccontiraccont eroticnuovi racconti eroticistorie era 69 raccontiracconti incestuosi realiracconti gay illustratiracconti pronopiedi raccontiracc eroti generi racconti eroticirracconti eroticiincesto italiano padre figliacrossdresser raccontiracconti piedizie troie raccontistorieroticheracconto piccanteracconti erotici ginecologoraccontii eroticiracconti porno ziastorie erotiche italianedonna si scopa un cavalloracconty gaystorie porneracconta eroticistrorie pornomasturbaziomexlaterracconti erotici freeracconti sodomiaerotci raccontiracconti eroti ciracconti sottomissione gaystori pornostorie eroticiquella troia di mia suoceraporno storie veresesso69storie erotic eracconto scambio coppiastorie eroracconticuckoldracconti massaggiraccomti 69racconti dottorestorie di cornutiracconti inceststorie di tradimenti veriracconti eroticracconti fetish piediracconti erotici padreracconti pornograficiracconti sadomasiracconti dominazione transracconti cukracconti super eroticiraconti erotici 69storie di figaracconi pornomariti cornuti e umiliatiracconti padrona schiavoracconti saunaraccontineroticiacconti pornoracconti con la ziamilu raccracconti erorticiracconti erotici strap onincesti racconti eroticiracconti erpticiracconti eeoticidonne che scopano con i cavallistrorie pornosesso raccontoracconti schiavo gaymilu eroticiraccontierotmilù eroticiracconti di moglie troiestorie erotiche di tradimentidonna scopata dal cavalloracconti efoticiracconti eroticiraccontizoofiliaconfessioni erotiche vereracconti porca