Il prete che mi confessa

Scritto da , il 2012-05-21, genere etero

Mi chiamo Claudia e sono "di piccola età", per tutti quelli che non avessero letto il mio primo racconto, voglio sottolineare che scriverò solo di esperienze realmente accadute, provate sulla mia pelle,questa è la terza. Sono castano- bionda, di statura media con occhi marroni, ho un bel fisico, tette ancora non troppo sviluppate (porto la seconda-che si avvicina alla terza) forse per via delle mia età e un bel culo per il quale ricevo spesso molti complimenti dai miei compagni di classe. Da sempre i miei genitori mi hanno mandato in una scuola di preti, ove vigono regole ferree come indossare sempre la divisa e mantenere un comportamento contenuto e rispettoso (faccio il secondo liceo). Ogni giovedì la mia classe si reca nella piccola chiesa della scuola per fare le confessioni. Generalmente vengo sempre confessata dallo stesso prete, frere Giorgio, un uomo anziano ,grosso, sovrappeso, e con i capelli grigio chiari che formano una sorta di corona intorno alla nuca. A metà anno circa mi venne in mente un'idea perversa,folle e trasgressiva cominciai così a fantasticare di essere scopata dal vecchio prete che ogni giovedì mi confessava. Avevo un buon rapporto con il frere, infatti oltre che a farmi confessare in chiesa ci scambiavo spesso due chiacchiere durante l'intervallo e all'uscita di scuola lo salutavo con un bacio sulla guancia. Un giorno decisi di fare la mia prima mossa, durante l'intervallo mi recai dal vecchio prete e mi inventai una scusa per entrare nella sua stanza. ( i frere della mia scuola dormono in delle stanze ubicate all'ultimo piano della struttura scolastica) Infatti finsi di avere bisogno di aiuto con i compiti di latino e frere Giorgio mi diede appuntamento nella sua stanza al termine delle lezioni. Soddisfatta lo salutai con un bacio sulla guancia e un abbraccio mentre strusciavo la mia passerina al suo pene. Notai immediatamente una gobba nella tunica,in quell'istante compresi che il vecchio non avrebbe resistito alle mie tentazioni feci finta di niente e tornai classe. Finite le lezioni, prima di dirigermi verso la stanza del prete andai in bagno, mi sbottonai il secondo bottone della camicia bianca per mostrare leggermente le mie tette, mi tirai sui la gonna grigia per rendere più visibili le gambe e mi tolsi le mutandine. Dopodiche mi diressi verso la stanza del vecchio. La cosa più scioccante è che non ebbi alcuna esitazione ne paura, ero solo estremamente arrapata e non vedevo l'ora di farmi scopare da un vecchio svendendo e umiliando il mio giovane corpo. Quando bussai immediatamente frere Giorgio aprì la porta e mi fece accomodare su una sedia scricchiolante, la sua era una piccola stanza con le pareti rovinate verde pistacchio,un letto ad una piazza, uno tappeto beige impregnato di polvere, un tavolino rotondo al centro della stanza, un angolo con qualche fornello che fungeva da cucina e un piccolo frigo color panna usurato con la maniglia ossidata. Prima di iniziare i compiti frere Giorgio mi offrì un tè caldo, ovviamente accettai. Mentre l'acqua bolliva il vecchio prete mi domandò come fosse andata la mia giornata, mentre rispondevo accavallai le gambe in modo avvenente e mi sfilai lentamente le ballerine verde petrolio che indossavo con la scusa di non voler sporcare rimanendo così scalza. Notai che la gobba sotto la tunica era tornata e ciò mi faceva sentire più vicina al mio perverso obiettivo. Quando il tè fu pronto il prete pose le due tazze sul tavolino e si sedette, cominciammo i compiti di latino in attesa di farle freddare. Quando mi accorsi che il tè era bollente mi venne un'idea folle ma estremamente efficace, infatti mentre ripetevamo le varie declinazioni rovesciai appositamente la tazza di tè bollente sulla mia camicia facendo cadere per terra allo stesso tempo la penna con cui stavo scrivendo. Il tè era bollente quindi rimanendo con la camicia mi sarei scottata.... usufruendo di questa scusa mi tolsi la camicia fingendomi mortificata. Rimasi così con addosso nient'altro che un reggiseno nero, riuscivo a capire che il vecchio era sia imbarazzato che eccitato. Mi scusai con il frere che si finse indifferente, dissi che avrei rimesso la camicia appena il calore del tè sarebbe evaporato. Dopodiché mi alzai e mi chinai con la scusa di dover raccogliere la penna, mostrando così il mio culetto e la mia fichetta scoperti. Quando mi risedetti il prete era scioccato e cominciava a sudare a stento riusciva a parlare.... non mancava molto e avrebbe ceduto alla tentazione. Mentre il prete parlava non riusciva a togliermi gli occhi di dosso e io mi arrapavo sempre di più, così, come ultima provocazione cominciai a strusciare il piede sotto il tavolo prima sotto la sua tunica fino ad arrivare al suo pene. A quel punto il prete si zittì e rimase immobile mentre li mio piede si strusciava sul suo cazzo arrapato... il vecchio sudava come un maiale. Allora andai sotto il tavolo alzai la tunica al , gli abbassai i mutandoni, tirai fuori il suo grosso cazzo pulsante come il cuore di un atleta al termine di una gara, cominciai così a masturbarlo, iniziai il contatto orale leccandogli la cappella per poi spompinarlo per bene suchiandogli tutto il pene e leccandogli le palle. Frere Giorgio si lasciò andare, mentre gli succhiavo il cazzo facevo avanti e indietro con sempre più foga. Quando il vecchio venne mi sborrò in bocca e fui costretta a bere il suo sperma,non che la cosa non mi piacesse, dopo che ripresi fiato, il vecchio si tolse rapidamente la tunica si mise in ginocchio nel tappeto beige, mi tolse la gonna grigia rimanendo così entrambi nudi,mi fece sdraiare per terra, divaricò le mie cosce e penetrò la mi fichetta come un trapano penetra in un foro. Cominciò così a fottermi in modo scoordinato ma violento, le nostre lingue e le nostre labbra si incontrarono più volte e mentre venivo scopata selvaggiamente la sua pancia grassa era un peso quasi piacevole sul mio corpo e non potevo fare a meno di gemere dal piacere come una cagna in calore. Ricordo ancora che mentre il prete grasso mi fotteva mi disse: ti piace essere posseduta come una puttanella vero? .... io continuai a gemere dal piacere ma il vecchio mi ordinò i fare silenzio per non insospettire gli altri frere che risiedevano nelle stanze accanto. A metà scopata circa il vecchio porco afferrò una delle mie gambe che penzolavano in aria attorno alla sua vita mentre mi fotteva e cominciò a succhiare le dita dei miei piedi una ad una. Cominciò a succhiarmi il pollice del piede per arrivare fino al mignolo e ricominciare mentre sforzava la sua anca indebolita per fottermi e sentivo tutto il suo cazzo dentro di me. Ricordo perfino che durante la scopata il mio sguardo era rivolto al soffitto verde pistacchio rovinato della stanza, ricordo la polvere che veniva mossa dai colpi di bacino dati dal prete per fottermi che salivano fino al mio naso, ricordo il dolce sapore di sperma rimasto nella mia bocca, ricordo il sudore, il lardo del vecchio che non scopava da tempo immemore ricordo la sensazione di umiliazione e piacere afrodisiaco che allo stesso tempo provai. Quando entrambi venimmo, ricevetti lo sperma del vecchio nel mio ventre e i nostri umori si unirono, con le mie unghie colorate da uno smalto blu mi aggrappai con forza ai folti peli bianchi che il prete aveva sulla schiena. Dopo qualche secondo il vecchio sfilò il suo pene dalla mia fichetta e una buona quantità di liquido vaginale e sperma colarono nel tappeto beige, frere Giorgio cominciò a leccarmi la fica e la sua lingua portò via la piccola quantità di liquido rimasto sulla mia vagina, venni così per la seconda volta. Mi sentivo una vera cagna, rimasi qualche secondo a terra e mi rialzai credendo che fosse tutto finito, ma il porco ancora insoddisfatto mi afferrò con violenza dalla caviglia, mi fece sdraiare per terra a pancia sotto e infilò il suo cazzo nel mio culetto sodo, non che la cosa non mi piacesse, con tutto il suo corpo lardoso e flaccido si mise sopra di me e cominciò a incularmi e mentre ciò avveniva insinuò la sua lingua nelle mia labbra più volte. Stavolta mi sborrò nel culo e quando sfilò il suo cazzo si sdraio con tutto il suo peso a terra. Si era fatto tardi, il sole stava calando e dovevo tornare dai miei genitori, così mi rivestii velocemente e tornai a casa. Il giorno dopo durante l'intervallo mi avvicinai a frere Giorgio che appena mi vide mi domandò se avessi altri problemi con i compiti di latino, dopo che dissi di si, il vecchio mi diede appuntamento nella sua stanza al termine delle lezioni. Mentre lo abbracciai per salutarlo infilò la sua mano sotto la mia gonna, spostò mutandine e infilò un dito nella mia fichetta. Ci appartammo dietro un albero e le dita da una divennero due... cominciò così a massaggiarmi il clitoride,mi chiese se l'esperienza del giorno precedente mi fosse piaciuta e risposi di si e che ero ansiosa di ripeterla, quando terminò il ditalino, un gran quantità di liquido vaginale colò sulla mia coscia, il prete si chinò e con la lingua la tolse velocemente. Infine tornai velocemente in classe in attesa che le lezioni terminassero. Circa tre giorni dopo il prete mi diede appuntamento nel ripostiglio della scuola dove vengono tenuti gli attrezzi di cui usufruiscono le signore delle pulizie al termine della giornata. Appena entrai nello sgabuzzino mi sorpresi trovando assieme a frere Giorgio, frere Luigi , un'altro prete che non conoscevo bene, lo vedevo raramente poiché si occupava solo del giardino della scuola, a differnza di frere Giorgio era magrissimo con il viso scavato ed un fisico rachitico. In realtà fui sorpresa positivamente, farmi fottere da ben due vecchi decrepiti mi sarebbe stato ancor più perverso e frizzante. Frere Giorgio aveva parlato del nostro incontro col suo compare e quest'ultimo non ne si scandalizzò, anzi aveva intenzione di provarla sulla sua pelle. Così frere Giorgio chiuse la porta a chiave, poi mi tolse la camicia ed il reggiseno, dopodiché frere Luigi si tolse la tunica mi afferrò la testa e la spinse verso il suo membro facendomi inginocchiare. Già cominciavo ad eccitarmi.... senza pensarci due volte abbassai le mutande al vecchio e cominciai a leccargli la cappella e i testicoli, a quel punto il vecchio pervertito cominciò a fare avanti e indietro con il cazzo mentre mi spingeva tutta la testa verso di lui, sentivo il cazzo in gola... mi stava letteralmente scopando la bocca. Con l'altra mano afferrai il membro di frere Giorgio masturbandolo. Entrambi i vecchi mi vennero in faccia, ma frere Luigi perse una quantità di sperma immensa, mai me lo sarei aspettata, avevo la faccia impregnata di sperma... avevo anche gli occhi ricoperti, la vista era appannata e tutto il trucco che mi colava. I due non mi diedero il tempo di pulirmi, frere Luigi si distese per terra a pancia in su, frere Giorgio mi fece sdraiare su di quest'ultimo, e poi mi sfilò la gonna e il tanga rosa che portavo e si mise in ginocchio sopra di me... formavamo una sorta sandwich, io ero il pezzo di carne in mezzo alle due fette di pane. A quel punto fui penetrata doppiamente, il cazzo di frere Luigi nella mia fichetta, quello di frere Giorgio nel mio culetto. Era la prima volta che subivo una doppia penetrazione, inizialmente faceva estremamente male, poi comincia a godere come una cagna, mentre mi fottevano con forza frere Luigi mi teneva per i fianchi e mi faceva un succhiotto sul collo e frere Giorgio mi teneva piedi. Cercavo di non urlare dal dolore e dal piacere ma era impossibile non emettere gemiti , così frere Luigi mi tappava la bocca con la mano... allora cominciai a succhiare le dita di quest'ultimo per tenermi occupata riuscendo a non urlare. Mentre mi scopavano sentivo il loro fiato, il loro sudore su di me, sentivo i due membri pulsanti nel mio ventre... mi sentivo una puledra in calore mi piaceva l'idea di svendere il mio corpo. Ero bagnata, ebbi vari orgasmi, anche frere Luigi venne, i nostri liquidi si unirono, mentre frere Giorgio mi stava ancora inculando.... pochi istanti dopo anche quest'ultimo venne, sfilò il suo uccello dal mio culetto sodo e mi sborrò sulla schiena. I due vecchi si alzarono, anche io mi alzai, avevo ancora il viso impregnato di sperma e parte di quest'ultimo era colato sul mio seno. Dopodiché i due mi dissero di usare la carta igienica presento nello sgabuzzino per pulirmi, (ricordo anche che frere Luigi mi diede una pacca sul culo prima di andarsene) e se ne andarono. Mi tolsi lo sperma dal volto, mi rivestii, andai in bagno per pulirmi definitivamente, presi la pillola e tornai in classe. Da quel giorno continuai ad avere rapporti con i due preti e quando mi incontrano ancora oggi non possono fare a meno di toccarmi "furtivamente", di solito strusciano il loro membro su di me, mettono le mani sotto la gonna ponendo le dita sul clitoride, mi "accarezzano le gambe",mi danno pacche sul culetto e quando nessuno guarda me lo strizzano pure... ancora oggi ci diamo appuntamenti e soddisfo ogni loro desiderio

Questo racconto di è stato letto 4 0 2 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie sesso con animaliracconti eroti istorie erotichveri racconti incestoracconti di zie troieracconti nonno gayracconti cornaracconti incesti in famigliaracconti erotici generischiava padroneracconti piedi femminilieritici raccontiracconto sesso analestorie di sesso a treraccontizoofiliaracconti erotici porcaracconti eroticheracconti erotici trasgressiviracconti erotocimia madre mi ha masturbatoracconti erotici di mariti cornutiracconti porno gratisracconti erotici migliore amicaracconti sesso con animaliaspirante cornutoracconti ginecologosesso con mio nonnomio marito bisexracconti erstrorie pornoracconti veri sexstorie69racconti erotici miglioriracconti erotici di ragazzeracconti eroticeracconti eroticoscopata dal cane racconticlub prive raccontiincesto storie verearchivio racconti eroticiil troiostorie footjobracconti ziaracconti culi rottimio marito e un cornutostorie porno gratisstorie di zoofiliastorie porno videoperizoma raccontiracconti eroti ciraccontipoquel cornuto di mio maritocamionisti porciracconti porno suocereiomilu racconti eroticiio milùstorie porno dominazioneincesto storie vereracconti amatoriali per adultimia zia racconti eroticiracconti porno ziaracconti incestracconti porno animaliracconti feticismostorie di donne porcheporno storie di cornaracconti gay realiracconti gay illustratistorie di sesso con suoceraracconti porno seghetroie scopate da animaliracconti proibiti realierotoci raccontipompino a mio fratellopissing per stradaracconti incesto pornoracconti erotici padrei generi racconti eroticii generi racconti eroticidonne che fottono con animaliracconti erotici zooincesto racconti verimistress raccontiracconti porno milfracconti porno incestgenere racconti eroticistorie erotiche lesbicheracconti di ragazze sverginateho inculato mia cognataraccontiberoticiracc er