Diario di un fratello e di una sorella incestuosi - CAP 2

Scritto da , il 2020-03-26, genere incesti

Capitolo 2 - La trasgressione e il patto

Invitiamo a leggere il Cap. 0 e i capitoli precedenti se non l’aveste ancora fatto.

Questo capitolo è raccontato dal punto di vista di Arianna, nonostante sia stato scritto assieme come tutto il resto.

In quei giorni era cambiato qualcosa; forse allora non lo sentivo ma ora riesco a percepirlo.
Nonostante io e Alessandro fossimo molto intimi e non vi fosse alcun pudore fra di noi, percepivo nitidamente che nulla del nostro rapporto era normale per il mondo circostante. Iniziavo a comprendere il mondo della sessualità e capivo, più o meno, che le cose che facevamo io e lui non si potevano più fare. Era stata una cosa da bambini, non sarebbe più accaduta di nuovo. Non era una decisione, nemmeno un impegno: sembrava, a entrambi, un dato di fatto.
Ecco perché non parlavamo più di certe cose, nonostante parlassimo letteralmente di tutto: quell’argomento avrebbe inevitabilmente riportato alla luce ricordi neanche troppo passati, un vaso di Pandora che, a quanto pareva, non poteva essere aperto.
Eppure, dopo che insieme avevamo iniziato a esplorare il mondo della pornografia avevamo cominciato a parlare molto di sesso e della sessualità. Volevo parlarne, era un argomento che mi affascinava e incuriosiva ma allo stesso tempo mi spaventava leggermente e non potevo - e non volevo - parlarne con nessun altro al mondo: Alessandro era la persona con cui potevo farlo, l’unica persona che non mi avrebbe giudicata, l’unica persona davanti alla quale già allora mi sentivo a mio agio ad essere nuda, tanto esteriormente quanto interiormente.
Guardavamo filmati porno, scoprivamo un mondo che conoscevamo e comprendevamo a malapena. E poi parlavamo, parlavamo e parlavamo. Ci scambiavamo opinioni su quello che guardavamo, sulle nostre sensazioni che provavamo, sui nostri desideri e le nostre esperienze con i nostri propri corpi.

Furono settimane intense a livello di ‘attività in solitaria’, per entrambi.
Una notte ero sveglia, intenta a darmi da fare pensando a tutto quel sesso che avevo visto durante la giornata, immaginando di trovarmi là al posto delle protagoniste di quei filmati. Avevo ormai capito come toccarmi, avendo sperimentato molto. Mi masturbavo, di fatto, da prima delle medie e lo facevo spesso; tuttavia negli ultimi mesi e in particolare nelle ultime settimane avevo iniziato a farlo ben più che quotidianamente. Ricordo che ero intenta a stuzzicarmi il mio piccolo clitoride sotto le lenzuola, infilando di tanto in tanto il medio nella mia vagina vergine ma desiderosa di quei membri carnosi che vedevo nei porno. Da poco avevo iniziato a masturbarmi infilando un dito: all’inizio faceva male, poco per volta imparai a giovarne. Di lì a poco avrei iniziato a usare due dita e poi tre, ben prima che il mio imene venisse definitivamente rotto nel mio primo rapporto sessuale. Ma questa è un’altra storia. Mi toccavo quel lago di piaceri che avevo fra le gambe e mi massaggiavo il seno, respirando piano cercando di non svegliare Alessandro che dormiva.
Improvvisamente, però, sentii dei rumori provenire dal letto sopra al mio. Un respiro pesante che veniva nascosto, il lenzuolo che si muoveva, il materasso che scricchiolava leggermente al muoversi delle anche. Era chiaro, anche mio fratello si stava masturbando, si capiva.
Mi fermai d’istinto, non sapendo bene come comportarmi. Sapevamo bene che ci masturbavamo entrambi di notte ma allora ne avevo la certezza, stava accadendo in quel momento; probabilmente anche lui aveva capito cosa stessi facendo io (in realtà no, lol). Era strano. Forse fu l’eccitazione e la voglia di raggiungere l’orgasmo, forse fu la complicità sempre più forte che si stava costituendo fra noi ma decisi che non m’importava; che cosa mai stavamo facendo di male, in fondo? Ripresi a toccarmi, ma man mano che mi avvicinavo al momento del sommo piacere ero sempre più accaldata, complice l’umidità estiva e la temperatura. Decisi di scoprirmi dal lenzuolo, gettandolo in fondo al letto assieme alle mie mutandine: amavo - e amo tutt’ora - essere comoda in quei momenti e la mia biancheria intima tenuta a livello delle caviglie mi impediva di tenere le gambe aperte come mi piaceva fare. Mancava poco, sentivo le scosse di piacere attraversarmi la spina dorsale ma volevo prolungare quella straziante ma assai piacevole attesa. Alessandro doveva aver finito perché non sentivo più rumori; non vi diedi gran peso, stupidamente presa a ritardare il mio orgasmo. 
Ero vicina al momento tanto atteso, con gli occhi chiusi e le gambe spalancate, quando Alessandro scese dal letto. Che idiota. Ma non lui, io! Se ha finito è perché è venuto, quindi doveva per forza andare a pulirsi in bagno. Mi aveva anche spiegato come faceva a venire senza sporcare in giro o senza bisogno di fazzoletti: bastava coprire con la pelle la cappella e poi andarsi a pulire con calma tenendo ‘chiusa’ la pelle (fa così ancora adesso, sappiatelo…).
Stava facendo piano per paura di non svegliarmi, non si era accorto di quello che ero intenta a fare, a differenza mia, così mi accorsi di lui solo nel momento in cui appoggiò il piede a terra. I nostri sguardi si incrociarono nella penombra: lui, con la mano destra nei pantaloni per evitare un nuovo disastro del Vajont e la sinistra sulla scala, io a gambe aperte con le dita sul clitoride intenta a scalare le vette dell’orgasmo. Poi avvenne tutto in contemporanea: io mi misi seduta di scatto chiudendo ed incrociando le gambe, lui voltò la testa verso la porta; lui che con un filo di voce mi chiese scusa, io che con il medesimo volume imprecai il Signore. Eravamo imbarazzati, non ci era ancora capitato di vederci in quei frangenti nonostante parlarne o vederci nudi non rappresentasse un problema. Tuttavia, improvvisamente, fu come se ci ricordassimo chi avessimo davanti e l’imbarazzo si tramutò in una lieve risata.
“Che imbarazzo…” ricordiamo che dissi.
“Gia…” - fece Alessandro - “Devo andare in bagno. Scusami ancora”
Lo tranquillizzai, dischiudendo le gambe incurante di aver messo in mostra il mio sesso. Mi rimisi le mutande e mi ricoprii con il lenzuolo. Poco dopo Alessandro tornò in camera; si scusò di avermi interrotta, ridacchiando soffiando col naso come è solito fare da sempre. Lo mandai a fare in culo, ridendo anche io, e mi girai sul fianco verso di lui guardandolo salire le scale. Decisi di mettermi a dormire senza più masturbarmi, troppe emozioni.
In verità, dieci minuti dopo, ero già venuta una volta che ripresi a toccarmi.

Il giorno seguente, dopo aver fatto colazione (i nostri genitori erano usciti molto prima per andare al lavoro), stemmo un po’ per conto nostro: io a leggere qualcosa e lui a giocare a qualche videogioco, probabilmente. A dir la verità non mi pare che stessi pensando molto a quanto accaduto durante la notte… Alessandro, a quanto pare, sì. Si presentò in camera prima di pranzo, che all’epoca eravamo soliti consumare con nostro nonno al piano di sotto, chiedendomi nuovamente scusa per quello che era successo durante la notte. Mi colse di sorpresa e, forse per questo, gli risposi d’istinto dicendogli che tanto da piccoli avevamo fatto anche di peggio. 
Ale era sorpreso, non se lo aspettava. Iniziammo a parlare di tutte quelle cose che facevamo spesso, dalle prime masturbazioni al come ci guardavamo e toccavamo esplorando i nostri organi genitali. Ci sentivamo strani, era come se una parte di noi volesse spingersi sempre più oltre e una parte ci tenesse incatenati alle disposizioni sociali. 
Dopo pranzo, sapendo che nostro nonno sarebbe andato a fare la spesa, decidemmo di guardarci qualche porno, come ogni giorno, e accettai volentieri. Esplorammo qualche sito e iniziammo a vedere diversi video di ragazze lesbiche, cosa che eccitava entrambi. Non ricordo quanto tempo passò, ma dopo un po’ Alessandro mi fece una domanda. Una semplice domanda, con voce un po’ imbarazzata. Una sequenza di parole che non dimenticherò mai:
“Ti dà fastidio se mi sego?”
Immagino vi aspettaste una domanda più articolata, vero? All’epoca il nostro filosofo non era ancora molto bravo con le parole, tutto sommato espresse il concetto con somma sintesi e bravura. 
Ammetto che ero abbastanza combattuta, ma la cosa un po’ mi intrigava. Non pensavo ad Alessandro in quel senso ma non avevo mai visto un ragazzo masturbarsi dal vivo (no, non consideravo i nostri giochi da bambini in tal senso) e quindi gli dissi di sì.
Alessandro si abbassò i pantaloni. Cercai di non darlo a vedere ma con la coda degli occhi guardavo. Non ero abituato a vederlo in erezione e per l’età posso dire che era ben messo. Iniziò a muovere piano la mano, scappellandosi di tanto in tanto per poi aumentare il ritmo. Avevo un cazzo duro a pochi centimetri dal mio corpo mentre sullo schermo vedevo primi piani di tette, lingue e vagine. Ci volle solo un attimo: la scossa che parte dalle proprie zone più intime, quel piccolo brivido, la sensazione di bagnato fra le gambe. Ero eccitata. Iniziai a mettere una mano fra i pantaloncini sportivi che avevo indosso, riuscendo a percepire il calore del mio stesso sesso. Mentre alternavo lo sguardo fra il video e il cazzo di Alessandro iniziai a muovere la mano. Non sapevo bene che fare, volevo masturbarmi accanto a lui ma qualcosa mi diceva di non farlo, un’ultima opposizione della morale che percepivo attorno a me.
Alla fine prevalsero l’eccitazione e quella mancanza di pudore che da sempre, e in quel momento ancora di più, contraddistingueva il nostro rapporto. Non dissi nulla, mi sfilai i pantaloni e le mutande e allargai le gambe sulla sedia. Vedevo Alessandro che mi fissava, non era bravo a celare il suo sguardo. Ero eccitata, sentivo che quello che stavamo facendo non era solo parte del nostro rapporto come, ad esempio, lo spogliarsi insieme prima di farci la doccia: era trasgressione. E cazzo se mi piaceva.
Muovevo l’indice e il medio su e attorno al clitoride, infilavo un dito muovendolo dentro e fuori e poi provavo a fare entrambe le cose usando due mani.
Continuammo così per qualche minuto finché Alessandro, vedendo che continuavo a muovere le gambe per trovare una posizione che non fosse scomoda, mi chiese se volevo spostarmi sul letto. Fu in quel momento che d’istinto, senza ragionare o pensare alle conseguenze, diedi piena voce alle mie pulsioni: “Vieni anche tu, mi piace guardarti.” gli dissi
Non so descrivervi la faccia di Alessandro ma era a metà fra l’eccitazione e la sorpresa; era fin buffo.
Iniziammo a toccarci sul mio letto, uno davanti all’altro, guardando sempre meno il porno e sempre più i nostri sessi. Andammo avanti per parecchi minuti finché entrambi, prima Alessandro e poi io, venimmo in due orgasmi abbastanza potenti.
Non ricordiamo esattamente cosa ci dicemmo ma stranamente ci sembrava di aver fatto una cosa naturale, come se fino al giorno prima avessimo fatto quei medesimi giochi da bambini che ora, con più consapevolezza e malizia, avevamo ripreso. Andammo in bagno assieme e mentre ero intenta a espellere i miei liquidi sul water intanto che Alessandro si puliva nel bidet (il bello delle storie vere è che le situazioni più importanti avvengono in situazioni al limite del ridicolo, se ci ripensiamo ridiamo molto), stilammo un accordo, un patto che nel tempo si sarebbe solo modificato ma mai annullato del tutto. Avremmo continuato a fare quelle cose senza dirlo ad anima viva e senza esagerare, concordando che nel momento in cui uno dei due avrebbe voluto interrompere avremmo chiuso baracca e burattini.
Nessuno dei due pensava tanto al futuro. Nei primi giorni ci facemmo qualche domanda sulla stranezza della cosa e su come avrebbe influito nelle nostre vite: già dopo una settimana di masturbazioni condivide, invece, era diventato tutto naturale e spontaneo. Entrambi ci masturbavamo in camera con l’altro presente, senza che per forza facessimo la cosa insieme, addirittura. Iniziavano le prime battute e frecciatine sul non aspettarsi, i primi commenti sul corpo dell’altro, i sorrisi maliziosi. Era l’inizio di qualcosa di splendido.

Passò l’estate e continuammo ad avere i nostri momenti per tutto quel periodo, tranne in vacanza con i nostri genitori e durante il campo scout (al quale io, per un malanno, partecipai solo per due giorni). Era palese che entrambi, in certe occasioni, volessimo quantomeno provare a spingerci più in là: almeno una decina di volte volevo chiedergli se potessi toccarglielo e anche Alessandro, dal canto suo, desiderava fare altrettanto con la mia figa da adolescente. Nessuno dei due, però, voleva andare oltre la soglia che avevamo stabilito con il nostro patto e tutto sommato la cosa andava bene ad entrambi.
A settembre, però, poco dopo il nostro primo giorno di liceo, ci spingemmo oltre quel limite che avevamo promesso di rispettare…

CONTINUA

[Innanzitutto grazie ancora per tutte le mail che ci mandate. Ci scusiamo per avervi fatto attendere tanto, dovete capire che scriviamo a ispirazione e vogliamo fare un buon lavoro, visti tutti i complimenti che ci fate (grazie ancora

Questo racconto di è stato letto 6 1 3 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


annunci69 gayinculando mia sorellaracconti di storie di sessostorie porno annunci 69brani eroticimi fotto mia cognataracconti per adulti gratiseracconti eroticiraccontierotici69racconti erotici suoreerotici taccontiracconti porno mia sorellaracconti a69storie porno tradimentistorir pornofidanzata esibizionistastorie etoticheracconti erotici con la nonnaracconti porno al maremia sorella raccontiracconti erotici amatoriali gratisho scopato con mammacognata vogliosastorie porno mammaracconti eoriticierotici racconti 69racconti erotici prima esperienzaracconti erotici cognatiraccontini eroticiraccpnti eroticitesti eroticiprime inculatestorie scambio di coppiaracconti erotici blogracconti piccanti gratisraccontiincestistori pornoracconti erotici gitarcconti eroticiracconti erotivho inculato mia cuginaracconti ragazzi gayracconti erotici migliore amicaracconti eroticuracconti fem domracconti porno ragazziracconti erotici straponrscconti pornostori pornoracconti erotici di mia moglieracconti erotuiciracconti hard con animalivideo racconti eroticistrorie pornoracconti di sculacciate eroticheracconti erotici cavallorita gaudentegeniv racconti eroticiracconti coppie bisexracconti di ragazze sverginateracconti di incestiracconti eroti ciracconti erotici peggingracconti erotiiciracconti eeroticierotici racwww.racconti-erotici.itracconto erotico analeracconti eroticviraccpnti eroticiracconti di chiavateracconti storie eroticheracconti di erotismoracconti porno di mogli troieraccontini eroticiracconti lesbo gratisracconti pormoracconti erotticiracconti incesto fratello sorellaracconti porno sesso