Giorni di quarantena : una figlia premurosa

Scritto da , il 2020-03-26, genere incesti

Ciao a tutti, è da un po’ che non pubblico niente ma sono stato molto impegnato, ora però che come molti di voi ho più tempo libero ho deciso di cominciare una piccola serie di racconti brevi, spero vi possano piacere.
Come sempre per impressioni o commenti scrivetemi pure alla mail : kal. rolling2
O seguitemi e scrivetemi sul NUOVO account : kal_rolling (per tutti i nuovi aggiornamenti)

ATTENZIONE !!! : il racconto che state per leggere è puramente frutto di fantasia.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Ciao, mi chiamo Luca, ho 39 anni, sono divorziato, ho una figlia di 19 anni che frequenta l’università e nella vita mi occupo di pavimentazioni, ho un’azienda tutta mia e come ben sapete in questo periodo ho dovuto chiudere.
Questa è la mia storia.

GIORNO 1 :
Il primo giorno di quarantena passò in fretta, durante la mattinata sistemai il piccolo appartamento in cui vivo mentre passai il pomeriggio disteso sul divano a oziare e bere birra.
Era da tempo che non trascorrevo così tanto tempo in casa e sinceramente la cosa mi rilassò molto.

GIORNO 2 :
Anche il secondo giorno passò velocemente.

GIORNO 3 :
Il terzo giorno di quarantena cominciò bene, mi sveglia alle nove circa e mentre sorseggiavo il caffè il cellulare cominciò a squillare.
“pronto ?” dissi
“ciao papà sono Lucia, volevo solo dirti che questa sera torno a casa!!!”
“ciao tesoro” replicai “sei sicura ? non vorrei ti facessero storie”
“ma si stai tranquillo hahaha” disse ridendo con quella sua vocina acuta
“perfetto hahaha, allora devo correre a fare la spesa che qui in casa non è rimasto niente”
“va bene dai allora ci vediamo più tardi”
“certo tesoro, a più tardi ciao”
“ciao!!!”
Dopo quella telefonata mi rallegrai molto, infondo anche se erano passati solo due giorni dall’inizio della quarantena, cominciavo a sentirmi un po’ solo, il ritorno di Lucia avrebbe alleviato la mia oppressione.
Finii la colazione molto velocemente e dopo essermi cambiato corsi al supermercato, la spesa non fu molto facile, mi diedi letteralmente al saccheggio, acquistai tonnellate di cibo e ettolitri di birra e vino, infondo pensavo “così non dovrò uscire per almeno due settimane”. La mattinata si concluse così tra spese folli e allegria, cosa che in una situazione del genere non è scontata.
Il pomeriggio mentre stavo sistemando le ultime cose in casa sentii la porta aprirsi e un rumore di rotelle scivolare sul parquet.
“papà sono a casa” urlò Lucia dall’entrata
“ciao tesoro !!!” dissi andandole in contro e quando mi vide mi saltò letteralmente addosso, io non potei che non abbracciarla e sollevarla da terra.
“dai papà mettimi giù hahaha” disse ridendo
“cos’è solo perché adesso la mia bambina è grande e abita fuori casa non posso più abbracciarla” replicai ironico.
“ma certo che puoi hahaha” disse baciandomi sulla guancia
“perfetto” dissi facendole l’occhiolino.
Con Lucia eravamo sempre stati in confidenza, infondo quando era nata avevo appena vent’anni e nel tempo diciamo che oltre a crescere lei ero cresciuto anch’io.
Il resto della giornata passò in totale spensieratezza, Lucia mi raccontò di come procedeva l’università e di come aveva lasciato il suo ultimo fidanzato, insomma cose da ragazzi.

GIORNO 4 :
Il giorno successivo si delineò come l’inizio della monotonia, il mattino io mi alzavo tardi mentre Lucia era già in piedi per studiare, il pomeriggio io mi davo ai lavori di casa mentre lei rimaneva davanti alla tv o al telefono con le amiche ed infine la sera dopo cena o si guardava un film o giocavamo a carte. Insomma una monotonia dolce e spensierata.

GIORNO 7 :
La monotonia continua, unica cosa da registrare, gli aperitivi si fanno sempre più prolungati hahahaha.

GIORNO 10 :
Il vino e la birra cominciano a scarseggiare

GIORNO 11 :
Anche oggi cominciai a bere presto, tantè che a mezzogiorno ero già particolarmente ubriaco e collassai.
“papà svegliati, ohi, papà sono le tre di pomeriggio svegliati” Lucia cominciò a scuotermi e pian piano mi sveglia, ero ancora disteso sulla poltrona della cucina e le gambe erano completamente addormentate.
“hai già bevuto vero ?” disse fissandomi con sguardo indagatore
“solo un po’ tesoro” sbiascicai
“non dovresti bere così tanto, questa quarantena ti fa male”
“lo so tesoro, potresti fare un favore a papa?” dissi
“certo dimmi pure”
“potresti andarmi a prendere due casse di birra e qualche bottiglia di vino che siamo a secco”
“solo se mi prometti di non bere più così tanto” disse con voce preoccupata e col volto imbronciato
“va bene tesoro promesso” dissi mandandole un bacio con una mano mentre con l’altra afferravo il boccale ancora mezzo pieno.
“allora vado subito, che quel boccale non si riempie da solo” disse sorridendo in maniera molto tenera, mentre si dirigeva verso l’uscio.
Dopo qualche minuto sentii la porta chiudersi e l’ascensore scendere, mi guardai un po’ in giro e dopo aver tracannato quasi la totalità del bicchiere guardai in basso e pensai.
“cazzo, ho il durello, effettivamente è da un bel po’ che non faccio niente” riflettei, come solo un ubriaco sa fare e qualche secondo dopo ero già con i pantaloni calati e il pene in mano.
Fu li che la mia vista si annebbiò ulteriormente e collassai di nuovo.

Mi sveglia di soprassalto quando sentii una pressione avvolgermi il pene, alzai di scatto la testa che giaceva piegata d’un fianco, e guardai davanti a me.
Lucia con gli occhi spalancati mi guardava, i nostri volti erano a pochi centimetri l’uno dall’altro, mentre la sua mano era avvinghiata in una stretta ferrea al mio pene.
Provai a parlare, ma dalla mia bocca non uscì alcun verso, in pochi secondi tutta l’ubriacatura che mi permeava se n’era andata; per Lucia lo stesso, la sua bocca si muoveva ma nessuna sillaba ne usciva.
Rimanemmo a fissarci, i nostri occhi sbarrati gli uni verso gli altri, incapaci di ragionare su quella situazione.
Fui io ad allontanarla quando sentii il mio pene ingrandirsi nella mano di mia figlia.
Mi alzai in piedi e lei face un passo indietro dicendo con voce tremolante :
“papà io… io…” ma niente di più
La scostai un attimo e andai in dispensa, mi fermai un attimo sull’uscio a pensare, nella mia mente un turbinio di domande, ma la cosa che forse mi spaventava di più era che, non ero scosso da quello che era appena successo, anzi, nei miei pantaloni qualcosa continuava a crescere.
Uscii dalla dispensa con due calci di vino rosso riempiti a dismisura, feci segno ad Lucia di sedersi e lei lo fece, posai il bicchiere davanti a lei e non ebbi il tempo nemmeno di sedermi che subito ne aveva bevuto un lungo sorso.
Quindi per distendere quella situazione imbarazzante e sconvolgente presi io la parola
“tesoro, vogliamo parlare di quello che è appena successo ?” dissi con voce rassicurante
“beh … papà … Sai, ti ho visto li, collassato sulla poltrona e …” disse con voce tremolante
“e cosa, dai vai avanti tesoro”
“e … lo sai che le ragazze hanno sempre un po’ di attrazione per loro padre, beh ne ho approfittato” il mio sguardo si fece leggermente perplesso mentre una potente erezione si sviluppava nei miei pantaloni.
“ma tesoro, non è giusto, cioè ero praticamente svenuto” dissi rimproverandola un po’
“lo so … lo so … ma ho provato a svegliati, volevo solo sentire …” disse cominciando a tremare
“dai vieni qua e dimmi” replicai con tono calmo e rassicurante, Lucia si alzò e si sedette accanto a me sulla panca, le sue mani erano poggiate sul tavolo e il suo guardo fisso nel vuoto.
Allora le chiesi con voce calma e rilassata
“sentire cosa ?” lei prima di risponder prese un lungo sorso dal bicchiere e disse
“volevo solo sentire cosa si provava a … avere in mano il tuo pene o …”
“si ?”
“o a succhiarlo” disse affondando la faccia tra le mani.
Udendo quelle parole, quasi istintivamente le presi la mano e pian piano, spinto da una forza invisibile, gliela appoggiai sul mio pene.
Appena il suo palmo impattò sui jeans Lucia alzò il viso di scatto e mi guardò negl’occhi.
“papà ma…” disse
“va tutto bene, infondo non era quello che volevi” dissi slacciandomi la cintura e apprendo i bottoni
“si ma… ho capito … è sbagliato e…”
“per me va bene, devi solo dirmi se lo vuoi anche tu” esordì in preda a un’eccitazione selvaggia e una volta essermi abbassato leggermente i pantaloni e con ancora la sua mano nella mia, gliela poggiai sul pene nudo.
Lucia inizialmente non disse nulla, la sua mano però parlò in sua vece, muovendosi pian piano lungo tutta la lunghezza del pene, così, all’inizio un po’ timidamente poi sempre più veloce.
Quando i nostri sguardi si incrociavano i suoi occhi erano lucidi e disse quasi urlando:
“si papà lo voglio !!!” dopo quelle parole si inginocchiò per terra e con un unico movimento si mise il pene in bocca.
La sua lingua sgusciava mentre con movimenti esperti il mio pene sprofondava sempre più nella gola di mia figlia, il tutto era condito da rumori gutturali e ribollio di saliva, non avevo mai ricevuto un pompino così intenso e selvaggio tantè che preso dalla foga mi alzi in piedi e dopo aver afferrato i capelli di Lucia cominciai a spingerlo sempre più in profondità fino quasi a soffocarla. Quando la allontanai e il mio pene sgusciò fuori da quella sua incredibile bocca la sentii fare un respiro molto profonda mentre dai suoi occhi rigoli di lacrime scendevano.
“grazie papà” disse annaspando
“ti è piaciuto tesoro” Lucia fece un cenno di assenso con la testa
“ne vuoi ancora” esordii ma questa volta il cenno fu un no.
Lucia si alzò, e dopo essersi calata i pantaloncini delle tuta e le mutandine ormai fradice, mi guardò negli occhi e disse :
“PAPA’ PER FAVORE SCOPAMI !!!”
Non le risposi neanche, mi limitai a alzarla di peso e sbatterla sul tavolo, e dopo averle strappato la canottiera e aver messo in bella vista il suo piccolo seno, senza neanche pensarci due volte appoggiai due dita sulla sua vagina e constatai che era bagnata fradicia, Lucia mi guardava mentre con la punta del pene le stimolavo il clitoride provocandolo delle scosse di piacere, i suoi occhi strabuzzarono invece quando con molta violenza feci entrare il mio pene dentro di lei.
Appena la punta andò a sbattere con il suo imene dalla sua bocca proruppe un gemito fortissimo accompagnato da un
“si papà, scopami, scopami più forte”
Più aumentavo la velocità più i suoi gemiti si facevano intensi e ad un tratto le sue gambe avvolsero la mia vita e le sue mani scattarono verso le mie braccia che le cingevano i fianchi, il suo guardo era contratto in una forte smorfia, finché il suo corpo fu attraversato da potenti contrazioni e spasmi.
“papà sto venendo così tanto, ti prego, non fermarti, ne voglio ancora !!!” urlò mentre i suoi occhi si giravano diventando completamente bianchi.
Io per accontentare la mia bambina comincia a pompare sempre più forte, e più spingevo più i sui gemiti si facevano acuti e le sue gambe tremavano dal piacere, il tavolo tremava mentre preso da una euforia perversa scopavo mia figlia.
Ad un certo punto preso dal culmine di piacere la guardai e dissi
“tesoro, papà sta per venire !!!”
“ti prego…” annaspò “… vienimi addosso, riempi tua figlia di sborra!!!”
Diedi ancora qualche sonoro colpo, poi ormai raggiunto l’apice estrassi il pene e dopo due colpi di mano densi fiotti di sperma inondarono il corpo di Lucia che ancora tremava spinta da orgasmi ed eccitazione.

Quando anche l’ultima goccia su espulsa mi avvicinai a lei e la guardai negli occhi, il suo volto era rilassato e incorniciato da un grande sorriso.
“dai tesoro andiamo a farci una doccia” dissi prendendola in braccio
Le sue mani si avvolsero attorno al mio collo e con un filo di voce disse
“grazie papà!!!”

Qualcosa mi dice che questo isolamento sarà più piacevole del previsto.

Per impressioni o commenti scrivetemi pure alla mail : kal. gmail.com
O seguitemi e scrivetemi sul NUOVO account : kal_rolling (per tutti i nuovi aggiornamenti)

Questo racconto di è stato letto 4 6 7 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti ertici 69racconti porno illustratiincesto con nonnoracconti ardracconti cfnmstorie di zoofiliala mia ex mi fa un pompinoracconti transexdoppia penetrazione raccontiracconti erotici sui piediracconti d incestimia moglie è una zoccolaerositalia raccontistorie sesso gratisracconti di rapporti sessualianacletus whipraccomti pornoracconti porno gay incestoal cinema porno con mia moglieracconti di gang bangracconti erotici natalecazzi bruttiporno racconti animalgenere dei racconti eroticiracconto safficoracconti erotici bondagestorie di adultierotici raccotiracconti gay fratellistorie di donne inculateracconi eroticiracconti lesbracconti d'incestiracconti erotici pornoracconto primo analepiccole trasgressioni storie di vitaracconti erotici.comincesto confessionisesso con suocera racconticome diventare cuckoldstorie spinteracconti e storie eroticheracconti porno freepaola travxxx raccontiincesti racconti veriraccontieriticigenere racconti eroticiracconti erotici milùragazza scopa col caneracconti etoticiracconyi pornoracconti erotici genereracconti porno dal dottoreerotico storieracconyi pornoracconti erotici nipoteracconti guzzon 59racconti ertici 69rac erotracconti di mogliracconti erotici zieho scopato la nonnaracconti lesbo gratisracconti erotixistorie di sesso in famigliaracconti picantieritici raccontimi ha pisciato in boccaracvonti eroticiracconti milu.comracconti erotici ricattoracconti erotici tra amiciracconti guzzon 59racconti erotici eccitantiracconti gay pornstorie eroticostorie di sesso con la suoceraclistere erotico raccontiincesti teenracconti fetishtettone bondagegli ho dato il culostorie porno miluerotici racconriracconto porno gratisstorie erotivheracconti erotici professoreracconri eroticiracconti hard di mammeracconti hot veriracconti piedi gayracconti erotici.strorie pornoracconti di zieracconti bdsmra cconti pornoracconti fratello e sorellaracconti erotici vergine