Un especialista en Barcelona - vol. III

Scritto da , il 2020-03-25, genere gay

[.....] Intanto Luis un po svogliatamente, gli sta leccando un capezzolo mentre con una mano gli palpeggia una natica con fare meccanico. Decido di coinvolgerlo di più e trascinandolo con una mano fino a metterlo in ginocchio gli sfilo rapidamente la maglietta e senza esitazioni gli intimo di prendermelo in bocca.
_ Abre la boca y còmeme la cola, marica! (apri la bocca e mangiami la coda, frocetto!)
Manca di finezza, non sa indugiare, ogni azione viene eseguita con nervosismo. Non ho tempo di istruirlo e propendo perciò con accordarmi alla sua veemenza e preso il bel visino tra le mani entro finalmente con il cazzo in bocca. Me lo scappella ed inizia a succhiare e a limonare il frenulo e la corona. Poi inizia un rapido movimento con la testa. Sa che più è rapido il movimento prima finisce il lavoro. In effetti, nello stato di eccitazione in cui mi trovo, non posso durare a lungo.
Scappello a mia volta il glande di Raul, l’odore è pungente e per fortuna mi raffredda un po, potrei vomitare ma decido di affrontarlo. Lo insalivo e lo pulisco alla bell’e meglio e il più è fatto, poi inizio a prenderlo in bocca poco a poco ma Raul mi afferra la testa e mi attira a sé senza riguardo. Non credo che riuscirò a prenderlo in gola, è enorme. Mentre inizio a succhiarglielo sempre più affondo, afferro i capelli di Luis e lo costringo a prenderne in bocca sempre di più ad ogni affondo e a mantenere un buon ritmo. Questa azione sinergica mi anima a cercare di fare entrare molta più asta di quella che inizialmente pensavo di riuscire ad affrontare. Glande verso il palato, naso chiuso ed apnea, superata l’ugola il gioco è fatto. Sento quel bastone di carne aprirsi un varco nella mia gola, lui sta godendo, solo l’ano potrebbe fasciare di più quel nervo nodoso ma non sarebbe ugualmente umido e scorrevole. Affondo guadagnando un centimetro ogni volta finche è Raul che con due colpi secchi ben assestati riesce ad entrarmi in gola fino in fondo. Il ragazzo emette un suono gutturale ed inizia a scoparmi la gola. Senza chiedere interrompo il pigro lavoro di Luis e faccio altrettanto senza pietà, lui ha un conato, poi un altro ma non mi fermo e spingo con ancor più decisione finche la mia cappella non è penetrata interamente nel suo esofago. La faccia di Luis è deformata da quella ingombrante presenza. Le lacrime per lo sforzo scendono sulle sue guance e la sua gola sembra esplodere per la pressione interna come testimoniano le grosse vene visibili. Sono seduto e quindi non mi è possibile il movimento di bacino che sta invece attuando Raul. La gola di Luis la chiavo con forza, tirandolo e allontanandolo, per i capelli. Non possiamo continuare così senno in meno di un minuto saró venuto e non è ciò che voglio.
Sfilo il cazzo dalla mia bocca ed altrettanto faccio con Luis.
_ Os quiero mirar, quiero que os folleis entre vosotros y mientras tanto me voy pajeando! (Vi voglio guardare, voglio che vi scopiate tra di voi, e nel frattempo mi sego!)
_ poneos asì (mettetevi così), e mentre li indirizzo alla nuova posizione li intimo a sbocchinarsi reciprocamente
_ Chupaos las pollas! (succhiatevi il cazzo!).
I due amici si guardano perplessi. E’ chiaro che entrambi si prostituiscono con uomini ma è altrettanto evidente che li unisce una relazione di amicizia che non include intimità reciproche. Probabilmente entrambi hanno una ragazza o più di una, ma hanno chiaro che alla loro età sono merce ricercata solo da maschi adulti. Perciò, mentre si sono abituati all’idea di farsi scopare da un estraneo, sono riluttanti all’idea di farlo tra loro.
Questa condizione imprevista mi eccita moltissimo e non sarò soddisfatto fino a quando non li vedrò giocare e godere.
_ No, no voy a ir con él, que te jodas (no, non vado con lui, fottiti) dice Raul.
Guardo Luis che ancora non ha espresso il suo disappunto. Nei suoi sguardi, percepisco che l’idea non lo turba più di tanto. Forse Luis è segretamente attratto da quel bel colombiano ma è impensabile glielo comunichi. Nell’ipocrisia culturale delle loro comunità, l’omosessualità è un tabù. Tutti sanno che esiste, molti soddisfano clandestinamente le loro pulsioni ma non alla luce del sole. Sono convinto che Luis il sesso lo ha scoperto presto e in famiglia. Dodici o tredici anni, è l’età in cui si promette sposa una bambina e in cui inizia la vita sessuale in quel contesto. Un giovane fanciullo, bello come lui, avrà scatenato certamente le brame segrete di molti maschi della sua cerchia, molto, molto presto.
_ Tened, cinquenta euros màs para compartir y quiero miraros follar entre vosotros. (Toh, cinquanta euro in più da condividere tra voi e vi voglio vedere scopare tra di voi).
Con questa offerta ho tolto a Luis qualsiasi alibi, il suo sguardo ancora istintivo me lo conferma, mancava solo questo.
_ cinquenta euros cadauno (cinquanta euro a testa) rilancia Raul cosciente del mio stato di libidine e di una certa disponibilità. Non posso accettare altrimenti sono nelle loro mani e il gioco si fa al rialzo.
_ Ni hablar. Os voy a dar vente euro màs entre los dos, ni un duro màs. (neanche parlarne, Vi do venti euro in più da dividere, nemmeno una lira di più).
Questa volta è Luis a prendere l’iniziativa e avvicinandosi a Raul, lo spinge sul letto suggellando di fatto l’accordo.
Gli toglie scarpe e pantaloni e lo stesso fa con i suoi. Raul inizia a masturbarsi disteso sul letto per non perdere l’erezione, ma è l’altro a farsi carico di rinvigorirla. In ginocchio sul letto Luis si avvicina allo scroto di Raul ed inizia a stuzzicarlo con la bocca. Lui solleva le ginocchia e allarga le gambe per facilitare il compito all’amico e permetterne una azione più incisiva.
La lingua può ora mulinare e soppesare i testicoli con agilità. La mano di Raul che impugna il bastone dalla base si muove sempre più veloce e la sua testa cerca di affondare nel cuscino mentre gli occhi sono chiusi. Il piccolo all’improvviso passa la lingua sull’asta libera e arrivato alla sommità, inizia a succhiare la grossa cappella del colombiano. La silenziosa estasi lascia spazio ad un respiro affannoso e a qualche gemito. Raul sta godendo della calda bocca del suo amico. Il compagno di giochi del “barrio”, il bulletto gitano compagno di tante razzie, lo skaters ribelle, sta riempendosi la bocca della sua dura spranga nerboruta. Quell’intimazione, comeme la polla o chupamela, tante volte pronunciata come minaccia o come affermazione di uno stato di superiorità, si sta ora concretizzando in un gioco proibito e segretamente gratificante.
E’ stata necessaria la presenza di un terzo estraneo per avvicinare quei due corpi e far scoprire ad entrambi nuovi inesplorati piaceri.
Luis si alza e prende posizione sopra Raul. Lo guarda in viso poi avvicina il suo. Inizia appoggiare la sua bocca ai deltoidi dell’altro, passa delicatamente la lingua a contornarne i muscoli sensuali e raggiunge rapidamente il collo. La lingua ora lo percorre tutto fino a raggiungere l’orecchio mentre la testa dell’altro si è girata verso il lato opposto per permetterne l’ascesa. La punta si addentra nelle cavità esplorandole, mentre un respiro ansimante ne accompagna il movimento. Quell’alito caldo che sembra entrare dall’orecchio di Raul per arrivargli dritto al cervello, lo ha eccitato prepotentemente. Anch’io sono eccitatissimo e mi alzo dal divano approssimandomi a Luis che si trova a quattro zampe sopra l’amico. Quel culetto visto dalla mia posizione é davvero irresistibile e non tardo un secondo ad avvicinare la mia bocca a quelle natiche scure. Senza indugiare iniziò a leccarle avidamente per raggiungere presto quel forellino brunito. La lingua lambisce la zona peri anale prima di centrare l’obiettivo è cercare di farsi largo nel profondo canale. Ho sempre amato il rimming anale, adoro profanare quell’intima apertura con la bocca. L’eccitazione che ne deriva è il preambolo alla penetrazione ma é anche una fonte di piacere in sé.
Luis inarca la schiena, quella tortura umida non lo lascia indifferente e allungando una mano, afferra i miei capelli e mi suggerisce un movimento dal basso verso l’alto. Capisco che ha voglia della mia bocca. Con la lingua gli insalivo le palle, con i denti soavemente mordicchio un testicolo, adoro la consistenza turgida delle palle di un uomo, lo faccio con arte e sembra apprezzarlo. Con la mano afferrò il suo membro ed inizio un movimento lento, alternato a suzioni del glande. Mungo il ragazzino mentre la lingua lecca smodatamente il suo culo. Avvicino i due membri che si trovano vicini sebbene in direzioni contrapposte e cerco di imboccarli entrambi contemporaneamente. La mia bocca di adulto esperto, che sa dosare ritmi, pause e accelerazioni fa si che i due stiano gemendo. Mentre insalivo le due aste vedo le loro teste avvicinarsi e le loro lingue cercarsi. Due machotes dal fare bullesco, abituati alla violenza di strada, si stanno mulinando la lingua l’un l’altro, sensualmente. Non posso aspettare oltre, appoggiato sulle ginocchia avvicino il glande al pertugio e con il pollice spingendo sul glande forzo lentamente il buco di Luis. Il suo corpo, d’istinto, si ritira per un secondo poi ritorna indietro, il mio glande entra, spingo ed entra anche la metà dell’asta. Mi fermo in quella posizione perché si abitui prima di affondarlo tutto fino in fondo. Mentre faccio questo, continuò a masturbarlo. Lui sta leccando il petto di Raul e all’improvviso è lui a spingere il culo all’indietro per farlo entrare tutto. Accenna anche ad un movimento ritmico per comunicarmi forse, che è pronto ad essere montato. Non perdo altro tempo ed afferrato con una mano alla spalla, inizio a muovermi sempre più forte dentro e fuori dal suo intestino. Luis è strettissimo, avverto ogni centimetro di quel budello fasciami il membro, gode. I suoi muscoli delle spalle sono tesi. Raul si sfila da sotto per riposizionarvisi girato di centottanta gradi con la bocca sotto il membro del gitano. Lo scappella ed inizia a succhiarlo, sembra farlo con voglia di far godere l’amico. Luis sembra capirlo ed abbassa la testa imboccando il cazzo di Raul. Così non posso durare molto e decido di rilanciare l’offerta chiedendo a Raul di ricevere in bocca il mio seme in cambio di altri 50 euro. Il ragazzo estratto il pene dell’altro mi risponde senza esitazione:
_ Ni de coña! (Neanche per scherzo)
Alzo afferrandolo per le spalle a Luis e mentre continuo a penetrarlo, leccandogli l’orecchio, gli sussurro
_ cariño, me muero de la gana de correrme en tu boca. Ciquenta pavos son tuyos si te tragas mi leche. Te va a gustar, porque eres un mariquita y veo que te gusta que te den por el culo. ( amore, muoio dalla voglia di venirti in bocca. Cinquanta euro sono tuoi se ingoi la mia sborra. Ti piacerà perché sei un frocetto e vedo che ti piace che ti fottano in culo.)
_ si, dame tú leche! Mi dice nell’orecchio
Prima di finire voglio chiavarmi Raul. Mi sfilo da retto del piccolo e sdraiatomi, faccio prendere posizione al colombiano sopra di me ma dandomi le spalle. Luis me lo succhia e lo posiziona sotto lo sfintere dell’amico. Raul lentamente si abbassa facendo spazio dentro di se al mio randello. Aiutato dal peso, l’ingresso é abbastanza facile. Muove il bacino con sensualità mascolina. Tutti i muscoli dorsali sono in bella mostra ed il suo sfintere mi fa entrare ed uscire come fosse una bocca. Con le mani tocco quella schiena stupenda e devo fermarlo per cercare di ritardare di qualche minuto ancora la mia esplosione. Approfitto per tirare il suo busto a me e poter godere del tatto del suo torace. Si sdraia senza far uscire il membro. Lo muovo leggermente sul lato destro mentre il suo braccio sinistro si appoggia sotto la mia testa. Quel afrore di sudore maschio mi sta eccitando oltremodo e con la lingua inizio a leccare quell’ascella odorosa. Continuo a penetrarlo e mentre lecco la parte sinistra di capezzolo e pettorale, vedo il suo randello duro ciondolare su e giù come un batacchio. Quella visione mi fa impazzire e inizio a leccargli dapprima il collo, poi l’orecchio e poi girandogli forzatamente la testa, tento di infilargli la lingua in bocca.
Raul, fino a quel momento ad occhi chiusi e ansimante, rifiuta il mio tentativo e si gira dall’altra parte. É evidente che ritiene un bacio assai più intimo di un rapporto orale. Accetto la sua ritrosia e la comprendo. Afferrò il suo pene con la mano ed inizio a masturbarlo energicamente mentre i suoi respiri si fanno più rapidi ed il suo corpo si fa teso e a tratti tremante. Capisco che sta per venire, muove il bacino per facilitare la mia penetrazione e prende in mano il suo pene ora durissimo. Gira la testa verso di me e con la lingua mi lecca il collo mentre inarca la schiena. Gemendomi sull’orecchio, esplode. Da quella pompa schizzano violenti, otto o nove lunghi fiotti di sperma. Uno finisce oltre le nostre teste, due si depositano sul suo petto e sul suo viso, due miracolosamente deviano a sinistra e arrivano direttamente nella mia bocca, in quel momento spalancata. Altri tre si depositano tra i solchi dei suoi addominali tesi. Fermo il mio movimento per non esplodergli in culo a mia volta, e con una mano inizio a raccogliere e spalmare quel denso yogurt che ne ricopre il torso. Avvicino la mia mano alla sua bocca ma girando la testa la rifiuta. Senza altre esitazioni la portò allora alla mia, leccando una ad una le dita grondanti di sperma. Il suo corpo ha ancora dei sussulti e il suo affanno caldo mi arriva sul viso. Ripeto l'operazione più volte per assaporare quanto più possibile quel caldo succo di maschio. Non ne ho ancora abbastanza, sfilatomi da lui, lo lascio scivolare al mio lato e avvicino il mio viso al suo. Ha ancora gli occhi chiusi e un fiotto di sborra che corre sulla guancia e passando per l’occhio destro, gli arriva ai capelli. Sono assatanato, potrei ingoiare un bicchiere intero di quel seme. Con la lingua ripulisco il suo viso fino a succhiare un ciuffo di capelli imbrattati. Poi scendo sul suo petto e sul suo ventre e con la bramosia di un assetato nel deserto, raccolgo ogni singola goccia di quel prezioso estratto salato. Ne adoro l’odore, la densità grumosa, il sapore cloraceo. Mi piace giocarci, berlo e farlo bere. Fin da ragazzino adoro ripulirmi dopo copiose eiaculazioni , leccandomi le mani e le dita. Da adolescente, non di rado, al termine di lunghissime masturbazioni, appoggiavo i piedi alla parete spingendo il corpo in modo da riuscire a venirmi in bocca mentre con un dito o qualche oggetto mi torturavo l’ano.
Per fortuna anche Paola ama lo sperma e non si risparmia nel ingoiarlo.
Afferro la caviglia di Luis che é seduto appoggiato alla testiera del letto e lo avvicino a me. Mi abbasso per leccare i suoi genitali e succhiare il suo pene. Lo scappello e lo torturo passando la lingua attorno alla corona e insistendo sul frenulo. Apprezza la mia iniziativa, lo sento dal suo pesante respiro e dalle sue mani che hanno afferrato la mia testa. Le sue dita scorrono tra i miei capelli, poi con una leggera pressione mi indica che desidera sentire la mia lingua vellicargli l’ano. Non mi faccio pregare e con voracità lo scopo con la lingua mentre gli strizzo entrambi i capezzoli. Dalla durezza del suo membro e dai suoi gemiti deduco che é pronto per essere penetrato. Mantenendolo nella posizione in cui é, con le gambe raccolte sul ventre, gli appoggio il glande ed entro poco a poco. Non mi é difficile farmi spazio e dopo una prima smorfia di dolore, scorro fluidamente dentro di lui. Il ragazzo é molto eccitato ed ha messo da parte la sua maschera da macho. Gli piace essere penetrato, é evidente. Aumento il ritmo, sento il mio scroto sbattere sul suo culo. Mi abbasso su di lui, in modo che il mio ventre scorra comprimendo sul suo pene. Avvicino la mia bocca alla sua, so che probabilmente la rifiuterà ma sono pronto a correre il rischio. Non lo fa invece, al contrario, con la lingua cerca la mia. É un mulinare disordinato il suo, potrebbe leccare qualunque cosa in questo momento, io però cerco di rallentarne il vorticoso ritmo. Voglio baciarlo sensualmente. La mia lingua entra, esplora la sua bocca con lentezza e cerca la sua gola. Succhio le sue giovani labbra carnose e lui mi ricambia voluttuosamente mentre tengo la sua testa tra le mani.
Mi avvicino al suo orecchio e gli sussurro:
_ Te gustan los hombres adultos, verdad? Te gusta que te follen? ( ti piacciono gli uomini adulti, vero? Ti piace che ti scopino?
Non mi risponde a parole ma annuisce con un cenno.
_ Quiero leche! (Voglio la sborra!), mi intima.
Non posso più aspettare e dopo qualche colpo secco, supero frettolosamente le sue gambe ed avvicinato il pene alla sua bocca aperta, sborro.
Luis é una maschera di sperma. La bocca é piena. In due volte ingoia il liquido, mentre le mie dita raccolgono quanto ricopre il suo viso e lo portano meticolosamente alla sua bocca.
Il resto lo raccolgo io con la lingua prima di cercare ancora la sua bocca per un bacio appassionato. Luis non si ritrae, anzi, é chiaro che gli piace baciare.
Continuo a leccargli il collo quando sento due mani afferrarmi prima i fianchi e poi massaggiarmi lo scroto. Sento un fiotto di saliva cadermi verticale tra le natiche e incanalarsi nella fessura anale.
Poi due dita umettano il solco in tutta la sua estensione. Un altro fiotto, più consistente del primo discende tiepido e lento, fermato dalle stesse dita. Una leggera pressione e sento risalire una, due e poi tre falangi. Il dito inizia a ruotare tracciando un cerchio nella parte terminale del retto, poi esce lentamente per rientrare, e così via. Continuo leccando quel corpo salato, ora le dita sono due e con movimenti rotatori dilatano lo sfintere. Il mio respiro aumenta all’aumentare il numero di dita che ora sono quattro. Il movimento si fa più intenso, a tratti quasi violento ma mi piace. Ho in bocca la verga di Luis, potrei passare ore ad assaporare quella durezza poco più che adolescente, animato da quei gemiti di eunuco.
Con una mano afferro l’avambraccio di Raul, e lo guido affinché la sua mano chiusa varchi quel sensibile anello. Ci vogliono una trentina di secondi perché ceda alla pressione del giovane, mi fa male ma so che passerà, conosco i miei limiti e so fino a dove posso spingermi. Una volta dentro, l’anello si richiude parzialmente come una guarnizione elastica.
_ Dale fuerte cariño, dale, no pares ( dacci dentro tesoro, dagli, non ti fermare) gli dico.
Raul continua a spingere, ho più di mezzo avambraccio che mi risale l’intestino. Uno stantuffo rettale che, giunto al cazzo che mi riempie l’esofago, mi fanno sentire per qualche istante, donna. Percepisco chiaro il piacere di ricevere, il prendere anziché il dare, il senso di profanazione che l’enorme dilatazione mi da. Sono di nuovo durissimo. Ogni tanto percepisco colpirmi il cazzo di Raul che sembra eccitato quanto me. Ad un certo punto, sfila lentamente quel maglio che sembra non finire mai, e con l’ultima dilatazione che coincide con l’uscita della mano, mi fa gemere. A malapena mi accorgo che il suo glande é entrato mentre ho in bocca lo scroto di Luis. due colpi e il bastone nodoso di Raul ha raggiunto il limite. Mi afferra i fianchi e con l’agilità di un maschio diciottenne, inizia a muovere il bacino. Sento scorrere quel lungo palo di carne per tutta la sua estensione, dentro e fuori, dentro e fuori. Dopo un po’ cambia posizione, ora é in piedi sopra il mio culo, con una mano preme la mia schiena affinché si inarchi maggiormente e renda così più accessibile il mio buco del culo. Perentoria si abbassa la trivella che non deve più vincere alcuna resistenza e sale e scende come un pistone in un cilindro ben lubrificato. Luis inizia tremare ed inarcare la schiena. Sento che la pompa entra in pressione, non voglio perderne nemmeno una goccia di quel seme caldo. Alcuni gemiti gutturali mi fanno capire che anche l’altro ragazzo é pronto a riempirmi di sé. Siamo all’apice, non ho mai provato un senso di eccitazione più forte, la mia mano aumenta il ritmo per cercare di portare anche me ad un nuovo orgasmo liberatore. Ecco, sento quelle pompe pulsare, percepisco il calore di quel liquido tiepido che mi sta gonfiando l’ampolla rettale mentre una sequenza di densi getti mi innonda il palato, la gola, le labbra. Cerco di deglutire tutto ma é impossibile, parte dello sperma fuoriesce scivolando denso lungo l’asta per depositarsi alla base, tra la peluria e lungo lo scroto. Mi abbasso per evitare che arrivi al lenzuolo. Con la lingua lo raccolgo, con la bocca ne aspiro i grumi. É buonissimo, più dolciastro di quello di Raul. Con la bcca ancora sporca di sborra, facilito l’uscita del latino e inizio a baciare il ragazzo che con una dolcezza a lui inusuale, mi abbraccia e mi lecca la bocca. Il bastone di Raul si intromette a interrompere l’idillio col piccolo, ed esige essere pulito. Lo faccio senza indugi e con devozione, succhiandolo e leccandolo completamente mentre dal culo goccia sul lenzuolo lo sperma ricevuto. I due ragazzi si buttano di schiena sul letto, sono esausti. Anch’io ora mi sento provato. Mi sdraio tra di loro, allargo le braccia e passatele sotto le loro teste, li avvicino a me. Sono ora sdraiati su un fianco, con una gamba ciascuno che sormonta le mie, e mentre bacio riconoscente i loro capelli, ricevo un messaggio. Senza cambiare posizione apro la foto che Paola mi ha inviato. Sono lei e Federica, una difronte all’altra che si danno un bacio sulle labbra. Chissà se dormiranno insieme sta sera.
Poi l’emoticon di due bocche con rossetto e un cuoricino.
Rispondo con le stesse emoticon e con un messaggio
_ Divertitevi .....! Io a letto riposando, pomeriggio infernale ....

Questo racconto di è stato letto 4 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti hotracconti di suocere troieracconti cukoldracconti incesti realiracconti mogli esibizionisteracc eroticistorie erotiche incestisesso raccontiracconti di ziestotie pornowww racconti itsegarsi in compagniaracconti incesto eroticiracconti erotixiracconti eroticero raccdonne che scopano con cavalloraccontierotiracconti nonni gayracconti erotici italiai ncestimia moglie in toplesstrio raccontiracconti erotociracconti erotici fistingracconti altamente eroticisesso di gruppo raccontistorielle pornostorie eoticheraccontu pornoracconti erotismoracconti erotici adultiracconti prima volta bisexracconti orge gaystorie bsxpompino raccontistorie di sesso tra fratellierotici racconti 69erotici racracconti erotici per adultifoto racconti hardvideo racconti hardstorie hard gratisracconti di sesso con animaligenere racconti eroticiracconti porno mia moglieracconti di sesso realmente accadutistorie eoticheracconti porno freeracconti famigliaracconti ewriterracconti porno gratisracconti eroticigaymamma mi racconti la tua storiaracconti erotici padreporno italiano storiepompino a mio figliotua zia quella porcaracconti erotiiracc erosgay raccontostorie feticismolettere di coppieracconti adultistorie per masturbarsiracconti pornracconti porno milfraconti eroticiraccontisessoinculate tra vecchiracconti erotici tettoneracconti lesbo gratisracconti deflorazioneraccontitransti prego scopamistorue pornoracconti 69 lesbosesso con mia cognatastorie piedistorie pronostorie erotic eeroticiracontiragazza si fa inculare dal caneracconti milunudaracc miluracconti eroticissimiracconti erotici di mariti cornutiracconti marito cuckoldracconti erotici xxx