Cosplay

Scritto da , il 2020-03-25, genere trio

COSPLAY
I-
Aveva un fisico da fotomodella: alta, spalle larghe, curve al punto giusto, morbida e flessuosa. La faccia stonava un po': affilata, una naso a forma di triangolo rettangolo, faccia sbarazzina. Me la ritrovo davanti in cosplay tipo Jen del Grande MAzinga "Ciao, tu sei Moran, vero?" mi tende la mano, tutta sorrisi, saltellando sul posto come una bimba davanti a dello zucchero filato
"E tu sei NAtzuko?" faccio perplesso osservandola "Non hai la faccia di una Natzuko"
"Che faccia deve avere una Natzuko?" chiede lei non smettendo di sorridere
"Stile orientale"
"Sì. Sono la quarta di tre sorelle e un fratello. Mio padre è italiano, mia madre è mezza italiana e mezza giapponese. Di nipponico ho preso solo il nome"
"Io sono italiano al 100%" sorrido "Sei pronta per le foto?"
"Da dove vuoi cominciare?"
"Facciamo qualche foto in spiaggia?"
Ci rechiamo sulla sabbia. In giro c'era poca gente. Natzuko si mise in posa afferrando prima un pallone, poi un salvagente. Si tolse i sandali e comincio a saltellare sulla sabbia, assumendo aria sbarazzine, da bambina capricciosa.
Io scattavo in continuazione, soffermandomi anche sui particolari: le punte dei capezzoli che premevano sotto il vestito, il culo perfetto e sodo. Ma anche occhi, naso, bocca
"Io sono italiano al 100%" sorrido "Sei pronta per le foto?"
"Da dove vuoi cominciare?"
"Facciamo qualche foto in spiaggia?"

Per mezzogiorno facemmo una pausa "Conosco un posto qui vicino che fa dell'ottimo pesce alla griglia"
Come antipasto mi presi un misto mare. E come primo spaghetti allo spada. Lei si limitò a prendersi una trota salmonata con contorno di verdure "Dessert?" chiese il cameriere avvicinandosi per portare via le nostre pietanze
"Un frullato di frutta, se lo avete" disse guardando Natzuko
"Anche per me" rispose lei con un sorriso
Certo che, quel vestito, faceva venire una voglia...
"Sei fidanzato?" chiese lei
"Non al momento. E tu?"
Si strinse nelle spalle "VAdo a momenti"
Prese una fragolina lì, nel cesto della frutta e la morsicò lentamente, in maniera provocatoria, sensuale.
Un brivido mi artigliò i testicoli e la mente si fluidificò quasi immediatamente
"Pensavo di spostarmi verso casa mia per le prossime foto" disse NAtzuko "Ho una casa grande, una piscina con vista mare e tante cosa da provare"
"Perchè no" sorrisi "E' da tanto che fai cosplay?"
"Una decina di anni. Ho iniziato all'età di 15 con un costume di Sailor Moon. Per un po' di anni erano loro le mie cosplay preferite. Poi ho fatto anche qualche Saint Seiya, MAzinger, Great Mazinger, Evangelion. Ho fatto anche body Paint. Vorrei fare Asuka Slim Warrior" e morsicò ancora quella fragola in maniera sensuale
"Mi sento onorato" risposi. Asuka Slim Warrior era l'altra mia attività dopo il fotografo di cosplay. Disegnatore di manga erotici. Asuka è la protagonista femminile di un mio manga, una giovane guerriera che, in perfetto stile hentai, se ne va in giro a combattere contro mostri in abiti succinti. Ogni volta è uno scontro sfavorevole, dove viene catturata e abusata in ogni maniera possibile; altre volte, è la possente guerriera che abbatte i mostri che l'hanno violentata e umiliata. Nelle sue avventure è affiancato dalla giovane Mituka, una maga occhialuta, acerba nel corpo ma non nelle esperienze sessuali e Kinto, vigoroso guerriero samurai, la cui spada uccide mostri apparentemente invulnerabili
"Quindi, sei una mia ammiratrice" sorrisi
"Mi piace Asuka e le situazioni in cui la fai trovare ogni volta"
"Un po' da sadico"
"In perfetto stile hentai"
I frappè arrivano. Mangiamo con cura. Veramente buono "Ti ispiri a qualcuno?" chiese lei
"Per le armature dei protagonisti mi sono rifatto a certi illustratori fantasy come Julie Bell, Boris Vallejo o Clyde Caldwell"
"Non Rojo?"
"Rojo è più da fantascienza"
"Asuka la vedo come una specie di Red Sonja orientale"
"Sì" annuii
"E tu? Chi saresti nel manga?"
"L'impavido e vigoroso samurai che uccide i mostri a suon di katana"
"mmm, interessante" disse facendo volutamente rumore con la cannuncia del frappè
"bene, paghiamo e andiamo?" sorrise lei lasciando cadere la cannuccia nel bicchiere

Pagammo e ci dirigemmo verso la casa di Natsuko. Bella, enorme, con un bel patio e una veranda che dava sul golfo. Una piscina con un acqua cristallina, rifletteva i raggi del sole. Diverse sedie a sdraio erano collocate attorno ad essa, sotto l'ombra di frondose palme e di ombrelloni aperti.
Una ragazza magra e nuda, stava prendendo il sole su una di esse. Aveva tette piccole e capezzoli che sembravano disegnati con un pennarello; i fianchi erano magri, così come il ventre e la fica era totalmente priva di peli.
Dormiva, con una copia del mio manga appoggiato sulla faccia.
Non feci una mossa, mi limitai a fissare la ragazza, poi Natzuko.
"Lei è Mira. Ti ricorda qualcuno?"
"Assomiglia ad una certa strega di mia conoscenza" risposi sorpreso "Ma quanti anni ha?"
"E' diventata maggiorenne, circa un'ora fa" sorrise "Ehi, Mira! Sveglia!"
Mira scattò in piedi cacciando un urlo. Il manga volò in aria e rischiò di finire in acqua. Con un movimento rapido, lo afferrai ancora prima che cadesse in acqua

Glielo porsi, con l'indice a fare da segno a dove era aperto "Tieni"
"Grazie" poi si accorse di essere nuda e cercò frenetica un asciugamano. Prontamente, ne afferrai uno con la faccia di hello kitty e glielo porsi
"Grazie" disse ancora e se lo annodò lungo i fianchi, lascinado le sue piccole tette esposte. Incrociò le mani al petto "Ecco.."
"Non mi scandalizzo. Sono abituato a vedere ragazze nude sui set fotografici"
"Ah, tu sei il fotografo che doveva fare foto a NAtzuko"
"Sì e tu somigli incredibilmente a Mituko. Stesso taglio di capelli, stessi occhiali, stesso fisico"
"Leggi anche tu Asuka Slim Warrior?" fece incredula
"L'ha creato lui Asuka" dice Natzuko alle mie spalle
Mi volto. Ha cambiato abito. Sento il sesso gonfiarsi nei miei pantaloni. Si è vestita da Asuka: stivaletti di pelle marroncina, un perizoma a forma di tigre dai denti a sciabola sul davanti a coprirle la vagina e un tessuto in maglia di ferro a coprirle il culo. Il reggipetto sono due conchiglie di acciaio che coprono a malapena delle tette grandi quanto meloni. Sulla schiena una faretra con delle frecce e una arco componibile. Sul fianco sinistro è assicurato un fodero con dentro una spada
Glielo porsi, con l'indice a fare da segno a dove era aperto "Tieni"
"Grazie" poi si accorse di essere nuda e cercò frenetica un asciugamano. Prontamente, ne afferrai uno con la faccia di hello kitty e glielo porsi
"Grazie" disse ancora e se lo annodò lungo i fianchi, lasciando le sue piccole tette esposte. Incrociò le mani al petto "Ecco.."
"Non mi scandalizzo. Sono abituato a vedere ragazze nude sui set fotografici"
"Ah.. sì, beh, ormai mi hai vista.." e si scopre il seno, facendo una smorfietta sbarazzina


"Asuka pronta per essere immortalata nella sua prossima avventura" annunciò raggiante Natzuko e, indicando Mira "Insieme alla fidata maga Mituko e al prode Kinto a sconfiggere i brutti mostri cattivi" alzò la spada verso l'alto e mimò alcuni fendenti contro mostri immaginari
"E Kinto dove sarebbe?" chiese Mira
"Kinto, farà le foto, per ora" Natzuko mi lanciò un'occhiata maliziosa "Tieni, Mira" Natzuko le lanciò una vestaglia con disegnate sopra stelle e pianeti "Il tuo mantello da maga. Poi il cappello e.." si guardò intorno in cerca di qualcosa. Afferrò una cannuccia e la lanciò verso Mira "La tua bacchetta magica"

E continuammo così per buona parte del pomeriggio, sotto un sole caldo e sfiancante, a mimare attacchi di mostri, duelli, incantesimi.
"E ora.." disse NAtzuko "E' tempo che il prode samurai salvi le sue amate compagne dall'orribile orco Zam"
Natzuko afferrò Mira, la spogliò e la legò contro un palo. Si mise una maschera grottesca e un grosso fallo di gomma che si allacciò ai fianchi. Non riuscivo a credere ai miei occhi. Natzuko prese a violentare con il cazzo di gomma, la povera Mira "Ehi, aspetta.. Non è necessario.."
"Sì che lo è" rispose Natzuko
"Sì, fa parte del gioco" disse Mira ansimando e godendo
Natzuko continuò a penetrarla imperterrita e io non riuscivo a distogliere il mio sguardo da loro due. Il mio cazzo, che non era di gomma, prese a vibrare e a lanciarmi messaggi.
Senza che potessi accorgermi, Natzuko fu vicino a me. Si era tolta il cazzo di gomma e la maschera e premeva il suo corpo nudo contro di me “Ora, prode Kinto, che ne diresti di sfoderare la tua katana?”
Mi slacciò i pantaloni, si chinò furiosa sul mio cazzo e lo succhiò avidamente. La sensazione fu quella del frappè consumato poche ore prima. Mancava il risucchio di fine bibita. Venni dentro di lei, lo sperma che colava dalle labbra, sulle tette, sul suo ventre. Mira, legata al palo, continuava la sua performance

La chiostratura mostrava Kinto che violentava Asuka sotto gli occhi piangenti di Mituko. Gli orchi neri ridevano e incitavano, battendosi il loro abnorme cazzo con la mani e agitando le loro rozze asce in aria.
Asuka gemeva e godeva. Kinto studiava il modo per liberarsi e uccidere gli orchi “Dobbiamo fare qualcosa” disse Kinto continuando a stuprare Asuka
“Mettimi a pecora” disse lei “Ora”
Kinto obbedì, la mise a pecora e la penetrò con violenza. Asuka grido, afferrò il terreno artigliandolo. Scattò all’indietro, la schiena curva, il cazzo di Kinto che entrava in profondità. Asuka alzò le braccia e fece un movimento verso gli orchi, come per scagliare qualcosa.
Poco dopo, due di loro caddero a terra, con la gola squarciata da poderosi artigli e da zanne che bevvero il loro sangue e si cibarono delle loro carni.
Il perizoma di Asuka era una tigre dai denti a sciabola che lei poteva evocare a suo piacimento.
Kinto si sfilò dal culo di Asuka e afferrò la katana. Con un urlo di rabbia si gettò contro il terzo orco. Alzata la spada, si chinò all’ultimo momento e, con un fendente, gli amputò una gamba. Mentre l’orco urlava e cadeva, Kinto gli conficcò la lama nella gola e lo uccise.

“Uah! Sesso, sangue e sperma” si esultò NAtzuko osservando le tavole appena finite
Tutti e tre nudi sul letto ormai umido dell’amore appena consumato, appagati e felici, ci osservammo e ridemmo. Mira si era addormentata con la bocca attorno al mio cazzo, sul viso un’espressione felice.
Natzuko mi abbracciò e ci baciammo, teneramente, con qualche carezza e colpo di lingua. Mira non si muoveva dalla sua posizione “Dunque” dissi
“Dunque” sorrise lei “Ti siamo state d’aiuto?”
“Direi di sì. Erano mesi che non riuscivo a tirare fuori qualcosa di concreto” ammisi
“Allora abbiamo fatto bene a stimolarti”
“Sì” la baciai “Potrei prenderci gusto, lo sai?”
“Prenderesti due amanti come fonti di ispirazione?”
“Squadra vecchia non si cambia”le strizzai le tette, la baciai ancora
“Che titolo metterai?”
“Non so.. Ancora non ci ho pensato” ammisi
“Che ne diresti di ‘Asuka e l’orgia degli orchi’”
“Mm, potrebbe andare” Mira si svegliò in quel momento. Si accorse di essersi addormentata sul mio cazzo e si distolse “Ehilà” salutò con voce impastata
“Dormito bene Mira? Come va?” chiesi
“Ho la bocca che sa di cazzo” rispose lei stropicciandosi gli occhi “Vado a fare pipì. E a lavarmi”
“E noi..” cominciò lei
“Facciamo lo stesso” le picchiai una manata sulle chiappe
Finimmo per fare la doccia tutti insieme e ci ritrovammo a fare sesso ancora una volta. Natzuko era un’abile spompinatrice. Ma anche Mira non era da meno. Mi fecero venire in stereo sotto alla doccia e aspettammo che l’acqua calda lavasse via la nostra stanchezza.
Era quasi sera ed io dovevo rientrare per gli ultimi ritocchi alle mie tavole, prima di rimandarlo al mio editore “Io mi sono divertita” disse Mira applaudendo “Il miglior regalo di compleanno che mi potesse capitare”
“Buono, per i tuoi 18 anni” dissi
“Sì, sarebbe domani, in effetti”
M’irrigidii “Non sei ancora maggiorenne?”
“Beh, un giorno di differenza, che vuoi che sia”
Beh, se venisse a galla questa storia..
“Ci vediamo la settimana prossima?” mi chiese Natzuko abbracciandomi
“Sì, settimana prossima”
“Sì, settimana prossima” esultò Mira

=Fine=






Questo racconto di è stato letto 5 6 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie di sesso incestoracconti porno cuckoldscopata raccontoporno milustorie safficheracconti erotici sui piediracconti zozziracconti erotici preteraccontipiccantiracconti erotici animaliracconti porno brevistorie cuckoldracconti sesso incestiracconti erotickracconti di sculacciateracconti erotici sui piedisito racconti eroticiraconti di sessoracconti erotici canimarito cornuto sottomessoi raccomti di miluracconti erotici cunnilingusinculata atroceho scopato con mia suoceraracconti toplessracconti hard 69scambisti raccontiracconti erotici caniracconti hard 69storie pormostorie poenoesibizioniste al mareracco ti eroticiracconti dominazioneimcestoracconti erotici guardoniracconti brevi hardracconti etoticiracconri eroticistoriw pornoracconti piedi femminilimoglie ingravidataerotivi raccontierotici racvontiracconti erotcipadrona tortura schiavoracconti di pissingracconti stupro gayracconti eroticiiincesti racconti veriracconti erotici animalracconti pronoracconti erotici figliostorie fetishraxconti eroticiracconti feeti generi racconti eroticimi chiavo mia cognataerotici racconti.itho chiavato mia sorellaracconti di suocere troieracconti lesbo eroticii generi dei racconti gayracconti famigliaraconti sexracconti erotici cuginettaracconti xxx gratiseriticiraccontiracconti erotici di milùstorie sculacciateporno seghe al cinemaracconti erotici ricattogolosa di spermarcconti eroticiiomilu raccontila cognata raccontistorie miluracconti erotici neriracconti sensualilibri eros da leggere online gratisrecconti eroticiracconti erotiiraccontigayracconto erotico femminileracconti poenostorie 69storie potnocamionisti arrapatiraccontu eroticiincesti fraternirocconti eroticierotoci raccontiwww raccontimilu comracconti porno breviindice racconti gayracconti erotirscconti eroticiragazza si fa montare da un canestorie sesso gay