Non l'avrei mai pensato ( prima parte )

Scritto da , il 2020-03-25, genere masturbazione

Mi presento mi chiamo Floriana e sono una donna di quasi quarant'anni felicemente sposata e con due bambini.
Ho deciso di raccontare la mia storia perché ho bisogno di sfogarmi, e di esternare i miei pensieri, i particolari e i dettagli che ad oggi non ho avuto modo di dire a nessuno. Quale modo migliore se non raccontarla qui in questo portale mischiandola ai vostri racconti erotici.
Allora, per cominciare vi posso assicurare che non sono una ninfomane, e nemmeno una di quelle donne che vanno a caccia di avventure extraconiugali per soddisfare la propria libido repressa.
Io con mio marito sto bene, lui mi ha sempre soddisfatto a pieno e mi ha sempre fatto sentire una donna desiderabile.
Mi dice sempre che sono bella e sensuale, adora il mio lato b, i miei seni grandi e il mio viso che, nonostante i mie quarant'anni, dice sembri essere sempre quello di una ragazzina.
Ok questi sono dei complimenti, ma a letto come ve la cavate? Questo è quello che immagino vi chiederete voi.
Alla grande scopiamo spesso bene e non ci sono né tabù né complicazioni.
Ma è importante che vi faccia una premessa: circa otto mesi fa ho deciso di iscrivermi in palestra, perché volevo rassodare il mio fondoschiena in modo da poter soddisfare la "voracità"di mio marito.
Si lo ammetto il motivo era soddisfare le voglie sessuali di mio marito. Non vorrei mai che cominciasse a guardare le ragazzine.
Il tarlo mi si è presentato la prima volta durate una cena tra amici.
La mia carissima amica Giada mi fece notare che nonostante io sia ancora una donna molto appetibile, l'uomo per istinto cerca sempre la novità, è un gran bel culo sodo attrarre più del miele.
Da quella serata ho cominciato a farmi un sacco di fisme e nell'arco di un mese ho iniziato a perdere ore di sonno a riflettere a tal punto che il dormire sembrava impossibile.
Così mi sono decisa e mi sono iscritta in palestra, ho pensato di andare di nascosto, non volevo che mio marito lo venisse a sapere, probabilmente la sua gelosia mi avrebbe impedito di proseguire in questa mia decisione.
Forse no, ma non ho voluto rischiare.
Ho iniziato e nell'arco di tre settimane e ho ottenuto ottimi risultati.
Fisicamente ho rafforzato i miei glutei e sono dimagrita di cinque chili, e in più devo ammetterlo: la palestra mi piace mi rende felice, serena, soddisfatta di me, e inoltre mi ha permesso di conoscere altre persone davvero simpatiche.
È proprio durante una di queste sessioni mi sono imbattuta in un giovane di venticinque anni ,Marty, chiacchierando con lui sono venuta a sapere che per metà é italiano e per l'altra è canadese.
Un ragazzo simpatico con il quale mi sono subito trovate bene, in quanto educato e molto premuroso, si è offerto già da subito di fare esercizi con me e nel giro di un mesetto siamo diventati una coppia fissa nell'ambito della palestra.
Lui lo sa che sono sposata e madre di due figlie ma non ha mai smesso di farmi i complimenti sempre.
Una sera mentre facevamo esserci insieme, lui se ne uscito con un apprezzamento che lì per lì mi ha fatto sorridere.
"Floriana devo dirti la verità, quando ti ho visto la prima volta ho pensato che eri una bella donna, ora guardandoti bene penso che tu sia davvero una gran figa, hai un culo incredibilmente bello, chissà come lo apprezza tua marito."
Io rimasi un po' perplessa, ma immagino che un ragazzo di poco più di vent'anni abbia dei desideri sessuali molto intensi, e posso intuire che qualche pensierino se lo sia fatto, ma garbatamente ho dovuto frenare i suoi desideri.
"Si, ti ringrazio per il tuo complimento, un po' colorito, ma perdono la tua giovane età. Sappi che mio marito apprezza molto ed è questo uno dei motivi per cui sono qui."
Lui è rimasto un pò male e ha fatto finta di nulla cambiando discorso immediatamente.
Qualche giorno dopo, non ricordo con esattezza, forse non più di una settimana da quell'evento, lui si presentò in palestra con dei tight da uomo molto stretti e una maglietta davvero fit, insomma che dire subito notai che aveva un bel fisico scolpito, ma la cosa che mi lascio un pò diciamo" allibitae" fu notare che aveva un pacco smisurato, davvero troppo prominente.
Feci finta di nulla e tornai ai miei attrezzi come ormai ero abituata. a fare.
I giorni seguenti mentre parlavamo del più e del meno lui mi fece un altro apprezzamento meno spinto, ma sempre abbastanza provocante.
"Sai Flo sei migliorata anche nel tuo modo di vestire, sei arrivata in palestra in tuta e ora invece sei in leggings e micro top e devo dire che stai da Dio, sei uno spettacolo."
Io mi guardai allo specchio e sorrisi a me stessa per i mie risultati, e forse lo ammetto: un mezzo sorriso era anche per lui, perché mi aveva aiutato tantissimo, e in parte era anche merito suo se ero riuscita a perseverare negli esercizi anche quando non ne avevo molta voglia.
Era vero, ora mi sentivo davvero bene con me stessa, questi abiti stretti da palestra mi stavano bene, valorizzavano le mie forme e mi piaceva che gli uomini in palestra mi guardassero il fondoschiena, mi faceva sentire desiderata.
Lo ammetto da circa una settimana mi sono tolta le mutande, ora me lo posso permettere e soprattutto ho notato che a Marty piace guardarmelo e ho voluto fargli un regalo.
Si probabilmente sono stata un po troppo stronza, una sera mi sono accorta che mi fissava intensamente il culo, credo che il fatto che non portassi le mutande gli ha causato un erezione.
Era molto vistoso, il suo pacco crebbe a dismisura e lui con una scusa banale disse che doveva andare in bagno.
Tornò dopo cinque minuti in condizioni semi normali, io credo che fosse andata a in bagno a masturbarsi.
Ma veniamo al dunque, fin qui non credo che ci sia molto da dire, ho conosciuto un ragazzo che forse si è invaghito di me, e a me questo non dispiace, ma io vado avanti e faccio le mie cose in tranquillità senza dargli troppe speranza.
Una sera lui mi ha chiesto se mi andava di andare fuori a bere un aperitivo, e io per simpatia gli ho risposto di sì.
Così dopo la palestra siamo andati insieme a bere in un localino appena fuori dal centro.
Lui è stato gentilissimo e io mi sono sentita davvero bene con lui.
Certo come amico, non come immaginate voi.
Al ritorno eravamo in macchina insieme, lui ha insistito perché mi accompagnasse sia all'andata che al ritorno e io ho accettato per farlo contento.
Ad un certo punto lui ha preso una strada secondaria.
"Passiamo da qui , é una scorciatoia che conosco benissimo, attraversiamo la pineta, e in un attimo siamo nella via della palestra."
Io ovviamente mi sono fidata ma lui ad un certo punto accosta.
"Che succede perché ti stai fermando?" Chiedo io abbastanza basita.
Lui non solo si ferma ma spegne il motore e appoggia la testa in segno di rassegnazione sul poggiatesta.
"Che hai ?" Chiesi io preoccupata.
Lui mi guardò sorridendo e poi mi ha fatto segno come ad indicarmi di guardarmi tre le mie gambe.
Io rimasi perplessa e imabatazzata nel notare che il mio monte di Venere era quasi del tutto scoperto.
Non so perché ma nonostante la mia figa fosse al vento non ebbi quell'istinto di coprirmi che forse avrei dovuto avere, ma rimasi lì a guardarmela, bella, fresca e rasata al punto giusto, anche con un pò di senso d'orgoglio.
"Indosso una gonna larga di viscosa e non è colpa mia se si è spostata di quel tanto che basta per mostrare la mia passerà al vento. Scusami ma non era voluto, ho lasciato gli slip a casa e i sobbalzi della macchina hanno fatto il resto."
Lui mi guardò perplesso per poi riguardamela, si vedeva che stava davvero soffrendo, ma io non feci nulla, forse volevo che soffrisse un pò, o forse mi ero ormai affezionato a lui da ritenere tutto questo come un regalo.
"Ok guardatela gustatela, ma non puoi fare altro" Gli dissi.
"Sei crudele, lo sai"
Io risi a crepapelle e mi sollevai la gonna del tutto, lasciandolo in preda ad un desiderio quasi estremo.
"Questo non è giusto, non me lo sarei mai aspettato da te, ora mi costringi a farti vedere una cosa di interessante"disse lui.
"A si è cosa mi vuoi far vedere.?
Mi stavo spingendo oltre, ormai mi ero calata nella parte, e mi piaceva stuzzicalo.
Lui mi guardò fisso serio, mentre io ridevo a crepapelle.
Fu una questione di qualche secondo , lui si tirò giù i pantaloni e notai con mia incredulità che non portava neanche lui i boxer.
Ma la cosa che più mi lasciò senza fiato fu quello che ne uscì fuori.
Schizzò fuori letteralmente un membro lungo e duro, non voglio esagerare ma sarà stato almeno una trentina di centimetri, ed era drittissimo, spaventosamente forte.
D'istinto mi misi una mano davanti alla bocca, rimasi senza parole per qualche secondo, non posso negarlo la mia figa comincio a pulsare di eccitazione.
"Ma quanto ce l'hai grosso?"esclamai io ancora sconvolta.
"È tutta colpa tua se è così".
"Colpa mia?"
Lui sembrava serio.
"Come pensi che possa rimetterlo nei pantaloni in questo stato."
Effettivamente vi posso assicurare che sarebbe stata un impresa assai ardua se non impossibile rinfilare quel grosso arnese dentro i pantaloni stretti e ciucciati di Marty.
"E adesso mica potrai rimane così?" Dissi io,sempre con la mano davanti alla bocca in completa ammirazione.
"Tu cosa suggerisci?" Mi disse lui.
Avevo compreso che quel coso non si sarebbe ammosciato tanto velocemente, l'unica maniera era farlo venire il prima possibile.
"Fatti una sega!" Gli dissi io.
"Te lo concedo fatti una sega io te la lascio guardare, ma fai veloce, prima che qualcuno passi e ci veda", aggiunsi.
Lui non se lo fece dire due volte iniziò a maneggiarselo sempre più velocemente mentre io lo ammiravo in tutta la sua lunghezza.
"Ti piace?" Mi disse lui guardandomi con uno sguardo avido e lussurioso che non avevo mai visto prima è che mi fece indurire i capezzoli.
"Si è lungo e duro" Lo dissi storcendomi le labbra
Iniziai a toccarmi la figa, cercavo di non pensare a quello che stavo facendo, ma ero troppo ecciatata e vogliosa di quel cazzo è in men che non si dica mi ritrovai con le coscie aperte a strofinarmi la figa ossessionata da quel grosso uccello.
Mugolavamo entrambi, e quando lui stette per venire mi urlò di soprassalto: "tira su bene la gonna voglio sborrare sulle tue coscie."
Io non esitai, ero completamente trasportata dal desiderio e tirai su il vestito e aprii le coscie mostrandogli la mia figa completamente bagnata mentre me la sfregavo con foga.
Lui ebbe un gemito e mi schizzo sulle coscia destra, poi ne fece un altro e mi schizzò sulla mano e in parte sulla figa poi ne ebbe un terzo è un quarto e così non so quante volte continuava a schizzarmi. Ne ho contate otto.
L'ultimo getto mi fece gemere di piacere, godetti tremendamente mentre lui mi ricopriva di sborra.
Alla fine avevo le coscie completamente ricoperte.
La mia figa era irriconoscibile, bianca di quello che poteva sembraree latte ma che in realtà latte non era.
Non sapevo come asciugarmi da quell'innondazione.
"Che bella sensazione" esclamai senza ritegno.
Arrivati al parcheggio scesi dalla macchina mentre il suo liquido bianco scendeva come una cascata sulle mie gambe fino alle caviglie.
Corsi in macchina, presi un asciugamano dalla borsa e mi ripulii, ero sconvolta per quello che avevo fatto.
Accesi la macchina e corsi a casa, con il cuore in gola.
Ero ancora eccitata...

TO BE CONTINUED






Questo racconto di è stato letto 3 8 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie porracconti adultiracconti moglie cinemaracconti eorticiracconti di mogli troieracconto suoceraracconti erotismoracconti hotracconti di zoofiliaerorici raccontiracconti oornoguzzon 59laverr transracconti di sculacciataraccontiincestiracconti reali incestiracconti erotici tra mamma e figlioracconti erotici culettoracco ti eroticisito racconti eroticierotivi raccontiraccomti eroticibdsm storiestorie eriticheracconti erroticiracconti erotici vecchiaprima esperienza con transracconti hard con animaliracconti di cornutiracconti eros milueroticoraccontistorie ornoracconti incetoi generi di racconti inceatozia porcellonamia cognata e una troiaracconti erotici gay bisexracconti erotici.comsesso hard con animaliracconti gay italianiracconto erotmagredinoracconti bullracconti veri incestile seghe di mia moglieracxonti eroticistotie pornorqcconti eroticistorie pornincesti zieracconti softmi chiavo mia mammastorie di mariti guardoniracconti pornpiedi femminili raccontistorie pornpclistere racconti eroticiracconti sesso matureracconti erotici lesboracconti erotici gay giovanicognate lesbicheracconti porno cuckoldracconti tradimenti annunci 69racconti gay annunci 69primo scambio di coppiawww.eroticiraccontiracconti eroiticiewritersracconti hard69racconti trasgressioniacconti eroticierotici racconti realieracconti eroticiracconti gay dominazioneho inculato la mammastorie erorichecamionisti porcivideo racconti porno gratis