Tappabuchi 12 - Al ristorante

Scritto da , il 2020-03-25, genere incesti


Nonna era furibonda. “John ma ti rendi conto che sei sparito per più di un'ora?”
“Scusa nonna avevo un'impegno”.
“Un impegno? E dove avevi l'impegno che sei in collant”.
“No è che..... Ero giù in macchina.... Telefonavo”.
“Ma la valigia era sul pianerottolo? L'ho tirata dentro io che non la rubassero”
La nonna non era certo stupida e io mentivo pure male.
“Sono venuto su poi sono tornato giù....”.
Sorrise “Va bene lasciamo stare. E' giusto che alla tua età tu abbia i tuoi segreti.... Però potevi dirlo. Adesso è l'una passata e non si fa più in tempo ad andare in trattoria e tornare. Mi sa che salteremo il pranzo”.
“Mi spiace...”.
“Bhe a me un po' di dieta male non fa tu, perdonami ma te la sei cercata”.
“Tanto non avevo fame” mentivo. In realtà dopo la scopata avevo una fame e una sete infernali....
Nonna stava già per allontanarsi mentre io trascinavo il mio trolley in camera da letto per cambiarmi quando di botto disse “E scusa una cosa. Perchè hai un buco nel mio collant e mezzo pisello fuori?”.
“A..... -cavoli era vero, si vedeva tutto- No è che.... Bho forse si è strappato.... Impigliato da qualche parte”.
Lei si avvicinò sorridente. Mi colse di sorpresa e appoggiò una mano sulla mia coscia sfiorandomi la cappella “Lascia stare tanto era vecchio e da buttare... Teniamoci il segreto che è meglio” e mi fece l'occhiolino. Poi avvicinandosi all'orecchio come per farmi una confidenza aggiunse “e non ti chiedo nemmeno perchè è tutto unto di sborra...”.
Io non sapevo che dire e mi limitai a un sorriso ebete.

Nel pomeriggio puntuali arrivarono due operai e in poche ore cambiarono il termosifone che si rivelò crepato alla base con il relativo tubo. La spesa non fu di certo indifferente ma alla nonna i soldi non mancavano.
Felici di aver risolto la vicenda e stanchissimi ci sedemmo in salotto fin che la nonna non disse “stasera festeggiamo che ne dici. Prendiamo la macchina e mi porti fino a quel ristorantino sul lago ti va?”.
“Non sei stanca. Non vuoi riposarti per il viaggio di domani?”.
“Ma no dai. Per una volta che ho un cavaliere voglio fare un po di festa. Anche tu mettiti un abito elegante che andiamo a fare i fidanzatini” e rise di gusto. Poi mi fissò maliziosa “O vuoi andare ancora dalla signora Teresina?”.
“Cosa?” arrossii io.
“Tesoro guarda che ho sentito tutto. L’hai fatta urlare così forte che era impossibile non capire cosa stavate facendo.
“Occccazzzo”.
Sorride “Guarda stai tranquillo, anzi magari le hai fatto anche del bene così le togli un po’ di acidità”.
“Acidità?”.
“Ma si dai che hai capito. Quella cattiveria che viene quando non fai sesso per troppo tempo”.
“Comunque non volevo tradirti nonnina” giustifico io.
“Tradirmi?”.
“Insomma tu... noi.... prima...”. Magnanima si avvicina e mi fa una carezza “Adesso non dirmi che sei innamorato di me perché ti rido davvero in faccia”.
“Nonna io... noi... prima...”.
“Ossignore ma cosa hai capito? Ti ho dato una simpatica sgrullata al pisello ma l’amore è un altra cosa nipotino mio”.
“Ma io... tu.... mi hai detto che andava bene...” balbetto.
“Scopare intendi. Si scopare va bene è una cosa fisica, un bisogno che tutti abbiamo ma l’amore è un altra cosa. Tu devi trovarti una brava ragazza, fare tanti bei bambini e vivere felice con lei. E nel frattempo, mentre la cerchi fallo andare più che puoi” e mima con la mano il gesto di fottere.
Sbotto “Si ma io è con te che voglio farlo andare nonna!”.
“E pensi che non l’abbia capito?”.
“E me lo dici così?”.
“E come te lo devo dire? Cosa vuoi? Vuoi che mi metto a novanta adesso così mi prendi subito?”.
“Cazzo nonna non scherzare che sei a rischio guarda che ho già voglia”.
“E ci mancherebbe che alla tua età non ne hai. Allora che vuoi? Hai fame? Vuoi fottere? Dimmi tu?”.
“Nonna ma perché sei così brusca adesso?”.
“Perché ho voglia di cazzo imbecille non l’hai capito che ho voglia anche io” e mentre lo dice spalanca le gambe e mi mostra la sua vulva pelosa...
“Così di botto me lo dici?”
Lei richiude le gambe. “Lascia stare ho capito che non ce la fai” e si rialza.
“Scusa ma.... sei mia nonna e io... non so vorrei ma poi penso a te come nonna e non so, non riesco...”.
“Invece col troione qui di fianco non hai esitato un attimo”.
“Non è mia nonna”.
“Capito. Va bhe allora vai avanti a seghe che devo dirti. Fai che vestirti che ho fame. Almeno andiamo a cena assieme o anche questo è troppo?”.
“No no... faccio subito”.


Obbediente mi infilai la camicia di seta nera che avevo portato e dei Jeans neri, lei invece uscì dalla camera da letto in gonna nera sopra al ginocchio, camicetta bianca a pizzi, calze nere con la riga e scarpe nere con un bel tacco. Profumava di Chanel n°5 di cui doveva aver abbondato e aveva la bocca rosea impastata di rossetto. Occhi truccati e unghie smaltate di rosso.
“Oi ma che gran figa nonna” dissi per scherzare e allenatare la tensione.
“Ma che parole sono....” scattò lei.
“Intendevo che sei molto carina” mi corressi io.
“Ecco così va già meglio. Bravo. Non puoi dire a una donna matura che è 'figa' non si usa, non si fa. Puoi dire che sono uno splendore, che stò davvero bene o al massimo che sono provocante se proprio vuoi osare... Figa lo dici a una che ti porti a letto.
Ora da bravo, prendimi a braccetto e scendiamo fino alla macchina... Poi mi apri la porta e mi fai salire come si conviene”.
“Ok nonna” annuii ancora un po perplesso.
“Su dai che ti insegno come si corteggia una dama” e cogliendomi di sorpresa mi diede un bacio sulla guancia.

Al Ristorante “Laguna Blu” erano tutte coppiette. Ne contai otto. Un paio con donne dalle scollature vertiginose, le gonne che sembravano cinture e i tacchi simili a pertiche... Alcune più che altro sapevano di prostitute.
In effetti percorrendo la strada del lago sui bordi della strada ne avevamo viste parecchie... Nigeriane, del nord europa e un paio che parevano tranx... Una in particolare, una nera, mi aveva colpito perchè era completamnete nuda con addosso solo le scarpe col tacco... Spavalda mi aveva agitato la gatta pelosa davanti alla macchina e aveva fatto ciondolare un po le tette incurante che ci fosse già una donna al mio fianco...
Alll'interno del Laguna, con tavoli apparecchiati con tovaglie di lino pregiato e lumi di candela a centro tavola non ci si poteva certo aspettare un clima da famiglia e non ci volle molto per cominciare a notare che parecchi limonavano tra una portata e l'altra senza tanti problemi.
Quando poi notai chiaramnete che una bionda venticinquenne muoveva con troppa insistenza la mano sotto la tovaglia mentre il suo accompagnatore minimo sessantenne contraeva i muscoli del viso e ansimava piano piano non ebbi più dubbi che si trattasse di coppiette occasionali o di mercenarie.
Quando finalmente la bionda finì di muovere il braccio, se non fosse stato chiaro, alzò la mano tutta collosa e si pulì con una tovaglietta.
Anche la nonna guardava e non credo le fosse sfuggito che l'amico si era appena fatto fare una sega. Ma non disse nulla.
Ordinammo Rigatoni alla crema di scampi, pesce spada alla griglia e un dessert di fragole il tutto annaffiato da un buon vino che cercai di bere moderatamnete visto che dovevo guidare.
La nonna che invece non guidava ne tracannò tre bicchieri di fila e ordinò presto una seconda bottiglia.
Quando entrò una signora over sessanta con un ragazzo che non aveva più della mia età credetti di non essere l'unica mosca bianca. Anche loro, forse erano nonna e nipote o era la zia o roba simile pensai...
Ma, presto, nonna mi tolse ogni dubbio quando la salutò “Ciao Graziella” disse.
E subito, mentre la grassa donna si avvicinava aggiunse a bassa voce rivolta a me “non dirle che sei mio nipote. Lascia parlare me”.
La bionda si avvicinò facendo ciondolare tutta la grande latteria mal celata sotto a un vestito nero intero così corto che mostrava persino le giarrettiere che fasciavano le sue gambe grosse come prosciutti.
Pesava almeno venti chili più di nonna e la sua pancia era incipiente quasi come le sue tette o il suo culone. In più su quei tacchi e con un vestito così aveva davvero l'aria della battona. Per non parlare dei capelli tinti di un biondo platino acceso davvero volgare.
“O cara Antonietta che piacere” disse la bionda.
“Graziella tesoro” sorrise nonna. Le due si baciarono tre volte sulle guance.
“Sei qui col tuo amico?” chiese Graziella.
“Si. Anche tu vedo....”.
“Cara lo sai che non mi faccio mancare nulla.... Un po di svago fa sembre bene poi il ragazzino ha un bel c.... Insomma è bello grosso”.
“Anche il mio” annuì la nonna senza battere ciglio e io mi guardai i piedi per non arrossire...
“Allora buon divertimento cara” concluse Graziella.
“Anche a te tesoro” rispose la nonna e tornò a mangiare.
Per fortuna eravamo già a metà secondo perchè anche nonna pareva un po' in imbarazzo “Scusami caro. A pranzo ti giuro che questo è un ristorante elegante. Non credevo che a cena fosse diventato un posto così...”.
“Fa nulla nonna... Il cibo comunque è squisito”.
“Almeno quello” sorrise lei e bevve un altro po di vino.

Finimmo di mangiare senza non poter fare a meno di notare che ogni tanto una coppia si alzava, spariva per un po in bagno e quando tornava aveva l'espressione più soddisfatta e i capelli più spettinati.
Sforzandoci di far finta di nulla mangiammo anche il dessert anche se ammetto che ogni tanto mi cadeva lo sguardo su qualche minigonna davvero estrema e che sotto mi si era risvegliata la bestia.

Chiudemmo con un caffè e la nonna pagò i quasi 150 euro di conto... Mica male per un ristorantino sul lago pensai.
Ci alzammo e nonna cercò Graziella per salutarla ma era sparita. “Sarà andata in bagno” disse tranquillamente.
“Probabile” dissi senza star li a sottilizzare che se era andata in bagno si era portata dietro il ragazzino e ci avviammo verso l'auto.

Sorpresa delle sorpese nel parcheggio c'era Graziella. Un po più spettinata di prima e con l'aria più triste.
“Cara che succede?” chiese subito la nonna.
“Lascia stare. Una fregatura totale. Mi aveva detto che faceva di qua e faceva di la e poi.... Che fregatura” borbottava la bionda.
“Ma di che parli?”.
“Il toy boy. Mi aveva detto che faceva chissà che meraviglie e che aveva chissà che roba li sotto... E invece guarda....un disastro.
La foto che mi aveva mandato non era del suo quindi come dimensione non c'eravamo affatto, in più due minuti in bocca e.... fine della festa. Il solito sfigato da chat buono a niente e mi è pure costato 80 euro di cena”.
“l'hai rimorchiato su una chat?!!!” sgranò gli occhi la nonna esterefatta.
“Bhe si... Tu il tuo dove l'hai preso?” disse come se io non ci fossi.
“Lascia stare. Ma ora dov'è scusa...?”.
“Gli ho dato due calci in culo e l'ho mandato via a piedi sto stronzone”.
“A ecco brava... Bhe dai ti rifarai sabato prossimo disse nonna e accelerò il passo verso l'auto.
Intanto il parcheggio non era deserto. C'era una Mercedes coi vetri oscurati che dondolava a tutta forza mentre una degli occupanti ululava “si si siiiiiii”.
C'era la bionda che si era sporcata le mani prima che ora stava con la testa sul lunotto posteriore mentre la sagoma dell'accompagnatore era dietro e ci dava a pecorina e c'erano un paio di signori seduti al posto di guida con l'espressione soave mentre la sagoma di una testa andava su e giù sul loro petto....
Che bello scopatoio pensai.
Fu a quel punto che Graziella affrontò nonna “Senti non è che.... me lo presteresti”.
“Cosa?!” sbottò nonna.
“Dai mezz'oretta, una cosa veloce... Tanto è bello robusto e sono sicuro che ne ha per tutte e due... Dai ti prego” e senza problemi mi accarezzò il braccio.
“No ma io non credo che....” obiettò Nonna.
“A capisco.... Va bhe dai dividiamo non c'è problema. Quanto per una sveltina dai?” disse rivolta a me e io secco dissi “Cinquanta”.
“A.... Bhe non sei economico ma sicuramente li vali.... Va bene” e iniziò a cercare il portafogli in borsa.
Nonna mi sussurrò all'orecchio “ma che fai sei impazzito”.
“Che vuoi che faccia? Le dico che sono tuo nipote?”.
“Quindi adesso vai in macchina a fare sesso con lei....ma ti rendi conto?”.
“E che devo fare...?”.
Stava per rispondermi, malissimo ma Graziella aveva già i soldi in mano e me li stava porgendo.
“Su dai vieni caro che ho il Suv nove posti comodissimo”.
“Ha il suv nove posti” ripetei ridendo a nonna.
“Ho visto” mugugnò lei.
“E tu Antonietta cara che fai?” chiese.
“Non so... Vado in macchina che vuoi che faccia”.
“Ma no dai.... Vieni con noi... Dai che ci divertiamo” disse Graziella sicuramente bella carica di alcool.
“Ma no dai non è il caso”.
“E su dai non fare la scontrosa.... Dai che ti costa dove godiamo in due godiamo anche in tre”.
La nonna scosse la testa e mi sussurrò “ma tu guarda che situazione”.
“Puoi sempre dirle che sei mia nonna” dissi io mentre Graziella già spalancava la portiera e in fretta e furia levava il vestito restando solo con un body nero molto provocante e le calze...
“Questo mai.... Stai zitto, fai quello che devi e poi andiamo a casa”.
Le feci il gesto di fottere con la mano “Faccio quello che devo?”.
“Per forza scosse la testa nonna. Non vedi che ha già tirato fuori le poppe”.
Entrammo in auto. Graziella aveva tutto fuori. Le poppe enormi e la fica in bella vista.... Anche li il pelo era tutto platinato...
Io le sedetti accanto sul sedile posteriore e nonna vicino a me così da farmi trovare esattamnete in mezzo a loro avvolto dai loro corpi giunonici.
Graziella non ci mise un attimo, mi aprì la patta, mi calò secca Jeans e boxer e il mio uccello bello eccitato spuntò dritto come un fungo.
La bionda sgranò gli occhi “Mamma mia tu si che li vali 50 euro questo non è un cazzo è un albero”.
“Già un albero sempre in fiore” mormorò nonna.
Graziella senza tanti problemi mi scivolò sul petto e se lo prese in bocca.... Diede due o tre belle succhiate poi di botto si fermò e guardò la nonna ancora vestita e immobile come una statua “O ma che maleducata che sono... Toccava prima a te cara”.
“No no fai pure tu non mi offendo” scosse la testa.
“Ma no dai... Un po per una non voglio essere cafona... Il ragazzo è tuo.... Dai su senza complimenti” e tenendolo teso con una mano quasi lo porse a nonna.
“Senza complimenti” ripetei io ridendo.
“Grazie siete davvero gentilissimi” disse lei con voce glaciale poi prese fiato, si chinò sul mio petto e lo prese in bocca...

Questo racconto di è stato letto 2 7 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


tradimenti scopateracconti sex gratisstorie porneracconti zoofilisuocera racconti eroticiracc69racconti erotici i generiracconti di scambistiracconti erorticiracco ti eroticiracconti di pornoerotici racconti 69racconti porno anzianeraccontie roticiracconti erotici d autoreracconto erotico 69eracconti eroticiraccpnti pornoracconti erotic iraccinti gayracconti lesbo bdsmracconti erotici ricattoracconti sentimentaliracconti erotici bbwracconti fratello sorellala porcellonavideo storie eroticheracconti erotici transracconti pprnostorie eritichesuocere chiavateincesto con cognataguardami cornutoscambio copiaracconti erotici gloryholeracconto cuginaracconti erotici gauracconti milùwww.eroticiraccontira cconti eroticistorie di adultiracconti sverginateracconti erotici esibizionistaiomilu racconti eroticiracconti erotici canestorielle eroticheracconti porno animaliraccomti eroticisesso con mia nipoteracconti masturbazioneracconti di pissingho inculato mia nonnaracconti pissingracconta eroticiracconti maritiracconti eoriciannunci 69 raccontiiraccontidi milustorie sessualiracconto xxxporno italiano raccontisuocere incestuoseracconti piedi femminiliracconti erotici madre e figliaerotici racconriracconto suoceraprima volta gay raccontiracconti erotici di tradimentoracconti di sesso sfrenatoracconti erotici gayi generi di racconti inceatoracconti di miliracconti sculacciataracconti brevi eroticiracconti erotocoracconti travestitierotici racracconti cuckold veriracconticuckracconti erotici sul trenoracconti erotici piediracconti eroticviraccnti milufoto porno raccontiracconti zoofiliaracconti poeno