Ti ho tradito

Scritto da , il 2020-03-24, genere tradimenti

“Come sarebbe a dire che mi hai tradito?”
 
La moglie era seduta sul divano, con le gambe strette al petto. In mano aveva una tazza di tisana fumante. Indossava dei calzettoni, un lungo maglione e forse nient’altro. La sua voce era calma, quasi un po’ assente.
 
“Ti ho tradito, ho scopato con un altro uomo.”
 
“E perché me lo dici?”
 
Lui reagì in maniera stranamente calma a questa rivelazione, ma fu il modo in cui lei gli si era rivolta a fargli affrontare la situazione così. Gli venne istintivo di voler capire, prima di agire in qualche modo.
 
“Non lo so. Sento che dovevo dirtelo.”
 
“Quando è successo? Con chi?”
 
“Il mese scorso. Quando sono andata a Roma. Con uno che non conoscevo.”
 
Diede un sorso alla tisana. Sembrava spaventata, ma risoluta.
 
“E questo cosa cambia tra noi?”
 
“Non lo so. Devi dirmelo tu. Sono io che ti ho tradito.”
 
“Perché me lo dici, allora! E perché solo ora, dopo un mese? Sei innamorata di lui?”
 
Rise nervosamente, scuotendo la testa.
 
“No, no. Ma figurati. Non lo conosco neanche.”
 
“Allora spiegami. Perché io non ti lascio per una cosa del genere, ma neanche posso perdonarti come se niente fosse. Fammi capire! In modo che io possa giudicare. Siamo sposati e credo che ci amiamo ancora. Siamo adulti. Queste cose succedono. Ma non per questo possono esaurirsi così, in una confessione.”
 
“Appunto siamo sposati.” Fece una lunga pausa, sorseggiò la tisana pensierosa. “Siamo sposati ed io ho bisogno di sapere se lo rimarremo.”
 
“Sì, cazzo. Ora mi arrabbio. Cosa vuoi che ti dica? Divorziamo per un tradimento? Non credo, se non c’è qualcos’altro dietro. Ma questo non vuol dire che le cose siano a posto.”
 
“Va bene. Non ho mai pensato che uno come te potesse mandare a puttane il matrimonio solo per un tradimento. Ti conosco. Ci conosco. Non è di questo che ho paura. Ma cosa faresti se ce ne fossero altri?”
 
“Altri? Mi hai tradito altre volte?”
 
“No. Non ancora.”
 
“Non ancora? Hai intenzione di rifarlo?”
 
“Credo di sì. Per questo ho avuto bisogno di dirtelo.”
 
“Ma che cazzo dici? Questo dialogo è surreale.”
 
“Forse devi ascoltare la storia.”
 
“Cazzo, te lo chiedo dall’inizio! Spiegami tutto.”
 
——————————————–
 
Ero in treno, stavo andando verso Roma. Ti avevo appena salutato, mi avevi dato un bacio sulla guancia prima che scendessi dall’auto. Ero corsa verso il binario. Avevamo fatto un po’ tardi e non avevo tanto margine di tempo. Avevo le scarpe col tacco e quel vestito aderente, ti ricordi? Mi avevi fatto anche i complimenti. Non era certo agevole correre vestita così, trascinandomi dietro il trolley. Mentre mi avvicinavo al treno, diversi uomini si giravano a guardarmi. Mi sentii lusingata, mi sentii sexy. Non so se è stato quel pensiero, ma mi sono distratta e sono inciampata. Quasi finivo a terra, se un uomo che giunse da dietro non mi avesse sorretto e raccolto la valigia che era caduta. “Deve salire su quel treno?” mi chiese e sentendo la mia risposta affermativa, "anch'io" disse e trascinò lui il trolley e mi aiutò anche a salire. Lo ringraziai. Era un bell’uomo. Il caso volle che avessimo i posti vicini, o forse erano semplicemente liberi quelli accanto al mio. Iniziammo così a conversare in modo piacevole. Era una persona interessante, molto galante e con un modo di fare seducente. Durante il viaggio la conversazione si trasformò in un corteggiamento. Io lo lasciai fare. Anzi forse lo incoraggiai. Non ci vedevo nulla di male. Quel giorno mi sentivo sexy ed era appagante vedere che suscitavo tanto interesse. E devo dire che anche lui suscitava in me dell’interesse, anche se non lo stavo prendendo sul serio.
Mi aveva chiesto cosa andavo a fare a Roma e gli avevo detto, senza nascondere il mio scarso entusiasmo, che ero lì per assistere ad alcune conferenze, per lavoro. A sorpresa, appena scesi dal treno, mi fece una proposta:
“Vacci domani alla conferenza. Oggi pomeriggio ti porto in giro io per Roma.”
Non so perché, non mi sembrò di averlo deciso consciamente, ma gli dissi di sì. Ed ero entusiasta di averlo fatto. Il pomeriggio volò via, mantenne quello che aveva promesso e sembrava quasi farlo senza nessun secondo fine. Inutile dire che a sera mi propose un ristorantino di sua conoscenza ed io accettai di buon grado. Mi fece bere del vino, anzi forse è esatto dire che fui io a berlo, quasi per prepararmi ad un dopo, quasi per giustificare, un dopo.
“Disdici il tuo hotel. Stasera dormi da me.” mi disse risoluto al termine della cenetta. Io ormai avevo deciso. Ero in uno stato di euforia da tutto il giorno, nella mia testa ti avevo già tradito. Ero nella stato d’animo del “che sarà mai per una volta! E' un incontro occasionale, non succederà più”.
Di quel che accadde dopo non ho ricordi ben definiti. Forse avevo effettivamente bevuto troppo, forse sono stata confusa dall' atmosfera quasi incantata, dal fascino di quella serata romana passata con lui. Ricordo solo che mi portò a letto che ero già nuda, doveva avermi spogliato in giro per la casa. Mi leccò, mi toccò e mi masturbò. Mi fece venire tante volte, ma credo che quella sera non mi scopò. Io probabilmente mi addormentai dopo una serie infinita di orgasmi.
I ricordi si fanno più nitidi a partire dal mattino dopo. Mi ero svegliata che lui a letto non c’era. Sentii il rumore della doccia. Mi alzai cercando i miei vestiti. Trovai una sua camicia e mi misi quella per uscire dalla camera. Lo sai quanto mi piace indossare le camicie da uomo sulla pelle nuda, so che anche a te piace vedermi, quando lo faccio. Andai in cucina. Era già apparecchiato per la colazione. Mi fermai a bere un bicchiere di succo di frutta e non lo sentii arrivare alle mie spalle. Mi baciò sul collo – lo sai quanto mi piace – e si appoggiò a me. Era nudo. Ebbi un brivido. Mi sentii subito eccitata.
 Notai qualcosa di strano. Sentivo il suo pene contro le mie natiche, ma era strano, perché non era in erezione ma era morbido e pendente. O meglio quello fu ciò che pensai istintivamente. Perché era grosso come un pene in erezione ma non sembrava fosse in quello stato. Allungai una mano dietro e lo toccai. Oh mio dio, era enorme ed era ancora molle. In quel momento ebbi la certezza che la sera prima non mi aveva certamente scopata. Sentii che si stava indurendo, ma lui si abbassò e prese a leccarmi da dietro. Io ero appoggiata al tavolo, col culo proteso all’indietro. Mi leccò la figa, già bagnatissima e anche il buco del culo. Lo so che da te non me lo faccio mai leccare e che quando ci provi ti respingo. Ma in quel momento mi sembrò naturale accettarlo.
 Si tirò su, appoggiò il suo membro, ora bello duro, all’ingresso della figa e pian piano lo spinse dentro. Mi allargai. Mi stupii della facilità con cui lo fece, sentendomi più allargata che mai. Ebbi già un primo orgasmo mentre entrava. Forse fu quello a rendere le cose facili. Continuò ad entrare, sembrava non finire mai. Inutile dire che né tu, né nessun altro era mai entrato così a fondo. O almeno quella era la sensazione, diversa da tutte le altre volte.
  Mi scopò così, sbattendomi sul tavolo di cucina, a lungo, molto a lungo, non so per quanto. Per tanti orgasmi, sicuramente. Non ero più molto in me quando mi fece girare, mi prese per i capelli abbassandomi il viso davanti al suo cazzo grosso, turgido e lucido, che eruttò pochi istanti dopo. Istintivamente aprii la bocca e tirai fuori la lingua, ma solo pochi, dei tanti e copiosi schizzi, la centrarono.
Intanto non stavo pensando a niente. Era come se non sapessi dov’ero, cosa dovevo fare, chi ero e soprattutto che ciò che stavo facendo era sbagliato. Furono domande che non mi posi in quel momento né in quelli successivi. Sì, perché i miei impegni non esistevano più. Non uscii da quella casa fino al giorno successivo, per ritornare a casa.
Dopo che avevamo parlato per tutto il tempo durante il viaggio, quella giornata passò invece quasi senza parole. Ci spostammo in bagno. Io andai dentro la grande doccia a lavarmi. Lui mi raggiunse dopo un po’, dopo aver pisciato. Mi venne spontaneo inginocchiarmi e lavarlo insaponandolo con le mie mani, partendo dai piedi e salendo lungo le gambe muscolose. Quando arrivai al cazzo era di nuovo maestosamente in erezione e passai molto tempo a massaggiargli le palle e l’asta, scivolando col sapone. Si girò, mostrandomi il culo ed io mi ci dedicai. Fino a quel momento aveva avuto un atteggiamento molto dominante e mi stupii che si lasciasse toccare in quella zona intima, tabù per molti uomini. Sembrò invece incoraggiare l’esplorazione da parte delle mie dita. Non ho mai osato farlo con te, perché mi sarebbe sembrato di violare il tuo ruolo di maschio, eppure con lui, che ancor più maschio appariva, infilargli due dita nel culo lo percepii come l’ennesima cosa fatta per il suo piacere, restando in qualche modo a lui sottomessa.
Ho perso la cognizione del tempo. Certe scopate mi sono sembrate lunghissime, ma in realtà tra una e l’altra ci sono stati lunghi momenti di pausa. Se mi è capitato di pensare a te? Sì, mi è capitato più volte. La cosa strana è che pensavo a te più durante le scopate che durante il riposo. Certe volte ti avrei voluto lì con me. Altre mi chiedevo cosa avresti pensato se mi avessi visto. E facevo confronti, sì. Non ce l’aveva solo più lungo, più grosso, più bello. Era bravo, era maledettamente bravo.
Ho pensato a te anche quando mi ha appoggiato la punta del cazzo sul buco del culo che mi aveva lungamente leccato. Ho pensato a tutte le volte che ti ho detto no, che abbiamo provato e mi hai fatto male. Lui ha cominciato a spingere, io mi sono aperta. Sì, mi ha inculato, me lo ha infilato nel culo. Sì, tutto, fino in fondo. E’ stato facile ed è stato bellissimo. Ho provato un orgasmo diverso.
Sono brutale, lo so, ma ti sto dicendo la verità. E mi sto eccitando a raccontartela. E tu sei ancora qui che mi ascolti, quindi forse ho fatto bene. Avevo due strade: o tradirti di nascosto o raccontarti tutto e poi tradirti di nuovo. Sì perché lo farò di nuovo. Forse non con lui, ma di sicuro non saprò più resistere a certe tentazioni.
Non c’è bisogno che tu mi dia una risposta. L’ho già avuta mentre ti parlavo. L’ho visto crescere nei tuoi pantaloni. Ho visto il tuo sforzo per resistere alla voglia di toccarti e segarti. Ho visto che quando ti ho parlato della sodomia che ho subìto, una chiazza umida ti ha bagnato le mutande ed è comparsa sui pantaloni. Ma sapevo che avresti reagito così, lo sapevo fin dall'inizio.
Solo un dubbio mi rimane. Vuoi che continui con il racconto oppure vuoi scoparmi ora? Se può aiutarti a decidere, sappi che anche il mio culo stasera è disponibile.

Questo racconto di è stato letto 5 0 1 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti d incestibrevi racconti eroticile seghe di mia mogliescopata con il caneracconti reali eroticiracconti erotici piediracconti sesso con animalistorie hot gratisracconti zoofiliamia cugina racconti eroticiwww raccontimilu comstorie erotracconti erotticiracconti erotici canivideo porno storie vereracconti eraticiracc eroticiracconti camionistirac erotstorieroticheracconti porno con animalifoto racconti eroticiracconti coppie cuckoldracconti ricattataraccontierotici incestoschiava aziendale 7www.eroticiracconticuck raccontiracconti erotici club privemamma mi racconti la tua storiaracconti ertici 69racconto erotico professoressami inculo la suoceraraconti eroticoracconti di sesso spintoracconti:eroticiracconti erotici animalistorie a luci rosseracconti porno guardoniracconti transessualiracconti lesbiracconti di incestoporno racontiracconta eroticianimali eroticiracconti erotici lunghipipparoloculo di mia cognataracconti erticiracconti erotici prima volta gayporno raccontoinculato da un cavallosissy maid storieracconti eoriticsuocera eroticastorie fetishtacconti gayracconti sexracconti dimiluracconti pormoracconti zia e nipoteracconti erotici gravidanzasesso donna e cavalloesibizionismo eroticoracconti erotici trioa mia moglie piace farsi guardareracconyi pornoracconti per adulti gratiserotici racconriultimi racconti eroticiraacconti eroticiraccontizoofiliaracconti fratello sorellaracconti gay porni generi di racconti eroticiracconti di sesso con la nonnar acconti eroticitravestiti raccontieroticiracconti.itracconti sborrateracconti di tradimentoi racconti di miligenere dei racconti eroticiracconta eroticinonna racconti erotici