Dominio all’Ospizio cap3

Scritto da , il 2020-03-24, genere dominazione

La mattina era iniziata benissimo per Maruja, si sentiva pronta a soggiogare le sue due cavie, perché questo erano per lei, e come tali le avrebbe trattate, anche se il suo sogno vero era invertire il karma, lei donna forte dormiva in uno scantinato che gli aveva creato molti problemi oltre che fisici, mentre quella Teresa e le sue figlie avevano dovuto appoggiarsi solo al marito, e davanti al primo ostacolo si mettano a supplicare. Mentre iniziava a pensare a quante cose gli avrebbe potuto far fare a quella mocciosa e soprattutto non vedeva l’ora di conoscere la sorella di quella , che da quanto aveva capito si chiamava Claudia, l’aveva vista poche volte, ma a differenza di Teresa e Federica aveva i capelli castani, un fisico un poco più pronunciato e gli occhi scuri, sicuramente bella come le altre due ma più particolare. Mentre faceva questi pensieri gli squillò il telefono e vide comparire il nome “Teresa” sorrise e rispose.

Teresa che era mezza nuda sul letto, aveva passato una notte sconvolgente a causa di quanto accaduto qualche giorno fa con Maruja, chiese “ Maruja senti posso venire ?” , L’altra sogghignando rispose “ se tu aspettare che io farti venire dimentica “ , Teresa tremò e anche si senti quasi eccitata , “ non importa Maruja , se posso venire “ disse tremante, l’altra approfittò subito di quella apertura al sottostare a lei e rispose “ se te chiedere come si deve io potete pensare” , Teresa a quelle parole si sentì terribilmente eccitata e senza pensarci troppo disse “ ti prego Maruja posso venire lì?” , Maruja sorrise e rispose “ certamente “ ed attaccò. Teresa si vestì velocemente e cercò di fare il prima possibile ad arrivare lì . Una volta entrata provò una fitta strana , come se avesse voluto restarci per sempre. Stranamente trovò Maruja dentro la sala della direttrice. Questa non era molto grande, aveva una grande finestra dall’altra parte, una serie di archivi e vecchie stampanti è una scrivania con sedia, Maruja era seduta lì e appena vide entrare Teresa disse “ tra poco tornerà la direttrice, quindi per un po’ i nostri giochetti finire, a me no che tu non volere scendere a casa mia”, solo al ricordo di quella stanza gli veniva il ribrezzo ma dall’altra parte c’era la possibilità di vedersi con Maruja. “ non mi dispiacerà affatto “ rispose Teresa, l’altra allora sorridente disse “ sono contenta, ora venire qui e baciarmi”, quella si avvicinò come attratta da una calamita e ignorando qualsiasi cosa baciò Maruja, che era rimasta seduta. “ sai a me piacere quando pregare me” disse Maruja, “dici davvero? Allora Maruja ti prego mi fai venire?” Disse Teresa, a quelle parole a Maruja gli venne un gran sorriso e disse “ io detto te tu meritare , tu volere venire qui per questo e ora pregare me, ma io detto te” Teresa era sconvolta, pensava che in questo modo avrebbe ottenuto quel piacere, e ora non sapeva che fare, e rimase li di sasso. Maruja si alzò e disse “ prima cosa soddisfare me!” E spogliatasi e messasi nuda, si rimise a sedere allargando le cosce. Teresa allora si inginocchiò iniziò ad avvicinarsi ma quando stava a pochi centimetri, fu fermata da Maruja “ tu pregare me!” , Teresa allora guardandola disse “ ti prego posso leccare la tua vagina “ , “ solo se tu mettere nuda” rispose Maruja, l’altra non rispose ma senza alzarsi si denudò completamente e poi iniziò a leccare con foga la vagina di Maruja. Per quella la situazione era estremamente eccitante, il volto di Teresa era completamente sovrastato dal suo corpo , di lei sentiva solo la sua lingua e la parte del corpo che sporgeva, vedendo però ancora si vedeva una porzione di testa decise di prenderla e spingerla in basso. Teresa era immersa tra le cosci di Maruja e aveva la testa appiccicata alla vagina di Maruja, che nonostante gli odori leccava avidamente.
Teresa continuò con quel procedimento e ormai era completamente ricoperta dagli umori di Maruja, mentre quella si godeva tranquillamente la situazione, cercando di resistere il più possibile, vedendo però quella donna ormai completamente sporca dei suoi umori e vedeva che anche quella ne colava molti, la situazione gli stava piacendo. Quando ormai Maruja non resistè più, appiccicò il viso di Teresa con la forza e con la massima liberazione squirtò. Quando riaprì gli occhi vide quella donna completamente coperta di liquido , che però stava continuando a leccarle la vagina. “ vedere che tu piacere” disse Maruja, Teresa che ormai era in bambola completamente rispose “ assolutamente mi piace, lo farei sempre “ , Maruja sorrise e disse “ beh se tu pregare me io concedere”, Teresa che ormai aveva capito che per avere soddisfazione, doveva fare tutto quello che chiedeva Maruja disse “ ti prego posso farti venire sempre?” , quella sorrise e disse “ tu pregare me eh, non sapere, tu fare ogni giorno questa cosa, venire in ospizio , denudare e pregare di farmi venire” Teresa all’immagine di muoversi verso l’ospizio , denudarsi e pregare Maruja per farla venire, la trovò estremamente eccitante, anche perché finalmente avrebbe ricevuto piacere da quella. Teresa senza staccarsi dalla vagina disse allora “ la prego posso venire qui ogni giorno, denudarmi e pregarla di leccarle la vagina?”. Maruja sorrise e disse “ a me andare bene, tu essere brava “ detto questo si alzò e continuò dicendo “ ora vestire, dovere fare lavoro “ così dicendo si rivestì e se ne andò. Teresa si cercò di sistemare alla meglio e raggiunse Maruja che era nel salone, il quale era tutto appiccicoso, diede uno straccio a Teresa e disse “ tu ora sistemare questo posto “ e se ne andò . Nonostante era già molto affaticata cercò di fare il possibile, pulendo le sedie e i tavoli come meglio poteva, per terra però a meno di piegarsi come una lavativa non poteva farci niente, decise però di mostrare a Maruja la sua volontà di fare quello che gli diceva e piegatasi iniziò a passare lo straccio per terra. Maruja curiosa, dopo molto tempo che ignorava quella donna, si affacciò e vide quella donna piegata a strofinare per terra, sorridendo si avvicinò a quella fino a stargli vicinissima e disse “ vedere che tu apprezzare di stare in questa posizione “, Teresa alzo lo sguardo e sorridendo disse: “ si soprattutto davanti a te” , “ Maruja allora posizionandosi davanti a lei disse “ se tu pregare me io concedere di stare sempre così davanti a me”, Teresa che ormai era dentro un limbo di sensazioni disse “ la prego posso stare prostrata davanti a lei?” , Maruja sorrise e disse “ solamente se tu baciare miei piedi ogni volta “ . Teresa rimase un attimo colpita, sebbene provava un immenso piacere ad essere trattata in quel modo da Maruja, la eccitava farla venire e sperare che contraccambiasse la cosa, tutto il resto di Maruja la schifava, oltre che dall’odore anche dal colore, neri come la pece, e pensare di baciare quei piedi orrendi gli faceva venire il ribrezzo. L’altra vedendo indecisa, si sfilò le ciabatte e mise i piedi a un passo dalla bocca di Teresa e disse “ baciare “, quella allora avvicinò la bocca e bacio i piedi e la sensazione che provo fu piacevole e piano piano bacio con più piacere, Maruja appena senti ciò volle osare e li sollevò leggermente e senza dire niente Teresa iniziò a baciare la pianta dei piedi. Il processo durò ancora un bel po’ ma alla fine Maruja chiese “ allora tu baciare piedi ogni volta?” , “ si la prego!” Rispose Teresa ancora lì sotto, “ completamente nuda?” Caricò Maruja, “ si la prego “ rispose quella , “ concedere ora alzati” è appena la vide sollevarsi gli infilò tre dita nella vagina e l’altra mano la palpava. Teresa si ritrovò improvvisamente a godere come sperava e non riuscì a resistere granché che venne e si sentì svenire. Quando si riprese era ancora nuda e stesa per terra, coperta di umori e stanchissima, alzo lo sguardo e Maruja era lì che la fissava vestita che sorrideva. “ tu essere svenuta “ quando la vide notò che era nuovamente nuda, con le cosche spalancate che mettevano in mostra la vagina, Teresa si mise a fatica prostrata come voleva Maruja e rispose “ si è stato davvero piacevole!”, l’altra aveva notato che l’altra si era messa nella posizione che le aveva detto. “ bene ! Ora restituire il favore! Ma volere prima una cosa da te” mostrò i piedi davanti e disse “ tu arrivare piano piano capito?” , Teresa che era completamente stordita si avvicinò a carponi, cosa che piacque a Maruja e iniziò a baciare lentamente i piedi e piano piano iniziò ad andare su fino ad arrivare alla vagina lì si immerse completamente e iniziò a leccarla con foga e voglia. Maruja si gode appieno la cosa e come sempre cercò di resistere al massimo e quando stava per venire strinse la testa di Teresa addosso la vagina e squirtò liberamente. Maruja però non aveva ancora finito con quella donna anzi, quella giornata segnava l’inizio del degrado di quella donna. Godutasi ancora un di lingua di Teresa disse “ io ora andare tu andare via che avere da fare, ti aspettare domani “ e se ne andò lasciando Teresa completamente nuda e impiaccistrata e con le ultime forze riuscì a rivestirsi e andarsene, con il solo pensiero di voler tornare.

Federica nel frattempo a casa ormai viveva in uno stato di confusione, c’erano momenti in cui solo a sentire qualche odore di sporcizia si sovraeccitava o quando vedeva qualche donna vagamente somigliante a Maruja. Sapeva che non era normale come cosa e più che mai sana, però il pensiero che la madre godeva nel dare piacere a quella donna gli annullava tutto ciò. Era ormai giunta sera e aveva visto sua madre rientrare scompigliata e tutta affaticata, era convinta che aveva fatto qualcosa con Maruja, così si decide ad andare e vederla. Si vestito comodamente e senza biancheria, tanto non gli sarebbe servita. Arrivò lì velocemente ed entrò all’ospizio, per evitare sospetti da parte di Sara, aveva portato una cosa per il nonno, poi affacciandosi alla cucina e guardò Maruja e senza essere vista da Sara andò in quella che era la casa della sua signora. Poco importava com’era o quanto puzzava o quanto era sporca , si tolse tutto e rimase nuda ad aspettare Maruja. Quella di fece attendere ma dopo un po’ scese e vedendola nuda sorrise “ io non chiamare te!” Disse , “ lo so signora, ma non potevo resistere” rispose Federica, “ bene allora te ora nuda mi sistemi camera, io tornare tra un po’ “ e se ne andò lasciando Federica a sistemare come poteva quel letamaio. Non seppe quanto restò lì sotto ma doveva essere ormai notte fonda, quando sentì aprire la porta e Maruja dire” venire su nuda” , Federica lasciò le sue cose lì e salì nuda. La portò in cucina e Maruja si sedè sfilò le ciabatte e disse “ ora leccare mie piante di piedi” , Federica si prostrò e iniziò a leccare avidamente quelle piante ignorando qualsiasi sapore e odore. Maruja era soddisfatta, quella ragazza ormai era nelle sue mani e ora poteva anche osare con quella , era sicura che avrebbe obbedito, ma voleva godersi la lenta discesa e umiliazione della ragazza, così una volta godutasi la devozione di Federica, si alzò e disse “ seguire me fuori “ quella pur spaventata dall’essere vista da qualcuno , segui Maruja fuori dallo ospizio. Arrivarono in un angolo del giardino dove vi era un pozzo e tanti cespugli, Che rincuorarono Federica. Maruja disse “ prostrare te” L’altra si piegò toccando la terra e l’erba è una volta in quella posizione Maruja prese il tubo dell’acqua e lo accesse in direzione di Federica. Quella fu colpita da un acqua gelida che la ghiacciava e piano piano la parte sotto si sporcava di fango. Maruja allora disse “ alzati” e Federica lentamente si alzò e si sentì tutto il gelo addosso e di nuovo fu schizzata dall’acqua che la fece ghiacciare ancora di più. Maruja rideva e vedendo quella ragazza tremare come una foglia ne godeva. “ ora rotolare nel fango “ disse Maruja, spegnendo l’acqua, Federica tremante si accasciò per terra e rotolò dentro la pozza , sporcandosi di fango tutta. Quando finì era ormai ricoperta di fanghiglia , Maruja allora riaccese l’acqua e la spruzzò su Federica, che piano piano gli veniva tolto il fango. Una volta tornata abbastanza pulita Maruja disse “ e ora masturbare te stessa e dire a me quello che sentire per me” , Federica che si sentiva estremamente umiliata ma anche eccitatissima, così si infilò un paio di dita nella vagina e iniziò a dire “ mmm vorrei baciarla, sentire il suo sapore su di me” e piano piano che la voglia saliva aumentò la velocità e disse “ mmm vorrei passare il tempo a servirla e farmi umiliare” e quando stava per venire concluse dicendo “ vorrei sottostare a leiii” e venne. Maruja si era goduta la scena sorridente, quella ragazza ormai era nelle sue mani e non aveva idea di quanto l’avrebbe degradata . “ essere contenta di tue parole, ora seguire me dentro ma camminare come cane” e lentamente rientrò seguita da Federica che camminava a quattro zampe, nuda , bagnata e mezza sporca. Si diresse verso le scale che portavano alla sua casa e le scese, notando se quella ragazza avrebbe continuato a gattonare anche per scendere le scale, cosa che fece per la gioia di Maruja. Quando arrivarono a Federica sembrava quasi la salvezza quello scantinato, finalmente era rientrata e stava al chiuso. Maruja si sfilò il vestito e i mutandoni e finalmente si mostrò nuda a Federica, vedendo quella nuda fu colta da un nuovo eccitamento. Maruja si sdraiò sul letto e disse “ ora te concedere di baciare il mio corpo” Federica si precipitò e quando finalmente attaccò la sua bocca al quel corpo si vide in paradiso. Maruja si godè i baci di Federica, la quale si disperdeva in ogni dove, alla fine apri le coscie e disse “ leccare mia vagina “ l’altra nemmeno finita la frase si gettò lì in mezzo e iniziò a leccare con furore e con mugolii, adorando anche il sapore. Non seppe quanto restò in quel modo ma improvvisamente Maruja si inarcò e squirtò su di lei. “ fare buon lavoro, ora ringraziare me” disse Maruja una volta ripresa, “ la ringrazio per avermi fatto leccare la sua vagina “ disse Federica, Maruja sorrise e si alzò, posò un piede sopra la testa di Federica e chiese “ e per umiliazioni? “ quella che godeva ad essere sotto il piede di Maruja rispose “ la ringrazio anche per le umiliazioni “ , “ bene adesso per finire, baciare miei piedi e venerare me” Disse Maruja, Federica alzò il viso e appiccicata al piede iniziò a dire” lei è una dea” e leccò il piede “ lei è la mia vita “ e rileccò, “ non sono niente rispetto a lei”. La fece continuare ancora un po’ e alla fine disse “ in questi giorni venire direttrice, quindi tu venire solo per umiliarti e venerare me nel caso” e Federica ancora appiccicata ai suoi piedi rispose “ non vedo l’ora padrona “ e a quelle parole Maruja rise. Quando uscì dall’ospizio era notte fonda e ancora mezza bagnata gelava,ma era felicissima finalmente aveva ottenuto più di sua madre da Maruja.

Questo racconto di è stato letto 1 3 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici punizionistorie hot gratisracconti porno di stupriracconti erotici depilazioneracconti aroticila mia prima segaracconti segretariaraconti erosfarfallina racconti eroticiracconti giantesszia raccontiracconti sesso 69racconti zoowww.eroticiracconti.itsesso a tre bisexracconti anonimiracconti gay al mareracconti sauna gayracconti erotici ragazzaracconti eroracconti erotci 69racconti erotici milfraccontu eroticiracconti di sculacciate eroticheraconti erotici gayracconti lesbo gratisracconti erotici con la nonnazia fammi godereracconto suoceraracconti eriticiracconti di fistingho sverginato mia figliaracconti erotici mutandinemasturbazione femminile yahooracconti erotici campeggiostorie erotiche di tradimentiracconti di guardoniincesti raccontatiracconti zozzierotici racontistorie eriticheracconyi pornoracconti erotiviiomilu raccontia69 gayracconti vergineracconti picantistorie di ragazze troieracconti erotici scuola mediasignore arrapantiracconti di mistressporn storieracconti esoticiforum al femminile racconti eroticiracconti erotici mia moglieracconti erotici la mamma del mio amicostorie pompinoracconti erotici piscinai generi racconti eroticiracconti sroticiracconti erotici reali gayracconti gay la prima voltala porcellonaracconti porboracconti erotici zoofiliaincesto nonna e nipoteracconti lesbconfessioni cuckoldlesbo raccontoinculata sadomaso