Il tempo di una sigaretta

Scritto da , il 2020-03-23, genere dominazione

La prima volta che mi accorsi di essere osservata era notte fonda e stavo fumando una sigaretta sul balcone della mia camera, dopo che tutti erano andati a dormire. Il mio dirimpettaio continuava a fissarmi con sguardo penetrante. Chiusi la finestra e andai a letto. Frequentavamo lo stesso lido; lui, un uomo sulla cinquantina, brizzolato e con quell’aria mista tra il professore e uomo di mondo, ogni mattina con la moglie sedeva al bar del lido con giornale e cornetto e caffè. Ignorarlo era difficile, anche se non mi degnava di uno sguardo in spiaggia sentivo la sua presenza e la sera, la mia sigaretta notturna diventava un appuntamento fisso con lui, dalla finestra di fronte. Questa situazione era strana ed inquietante da un lato, ma anche stuzzicante dall’altro. Incosapevolemtente o forse si, iniziai ad indossare vestitini più carini, scollati, corti, che mostravano le mie generose forme; la cosa mi piaceva: sapevo di essere guardata. Una mattina Luca, il ragazzo del bar mi consegnò un pacchetto per me, non volle dirmi chi lo aveva consegnato. Arrivata a casa lo scartai, dentro la scatola un baby doll di pizzo nero, un perizoma, un pacchetto di sigarette ed un biglietto: voglio che lo indossi per me stasera…il tempo di una sigaretta. Non potevano esserci dubbi sul mittente, non sapevo che fare. Arrivata sera, mi misi immediatamente a letto, senza fumare. Inutile dirvi che non riuscivo a prendere sonno e la voglia di una sigaretta saliva sempre di più. Mi alzai di scatto dal letto e decisi che lo avrei fatto, si..avrei fatto quello che mi era stato chiesto. Indossai il baby doll che metteva in mostra la mia quarta di seno ed il perizoma, uscii fuori e mi accesi una sigaretta. Il vento caldo e leggero mi apriva leggermente il baby doll e mai prima di allora mi ero sentita così sexy e voluta. Finita la sigaretta mi girai, restai qualche secondo di spalle sulla porta finestra, in modo da mettere ben in mostra il mio fondoschiena e poi rientrai. Mi arrivò subito un messaggio in cui lui mi diceva “sapevo che lo avresti fatto” – “eri perfetta”. Ignoravo come avesse avuto il mio numero. Non rispondergli dopo che avevo indossato per lui un baby doll e un perizoma? Non aveva senso. Presi il telefono e la mia risposta istintiva fu “grazie”. Forse fu proprio quel grazie, più delle altre cose a dare il via a tutto. Di colpo, ero diventata sua, lui chiedeva ed io eseguivo. Mai gioco era stato più eccitante e aveva risvegliato in me tutta questa voglia, questo calore e desiderio. Le sue richieste duravano sempre il tempo di una sigaretta: io l’accendevo, facevo un tiro ed eseguivo. Mi ritrovai ben presto a spogliarmi e a fumare nuda sul balcone della mia camera le mie sigarette notturne, con le gambe aperte o in ginocchio o a quattro zampe come una cagnolina. Un pomeriggio mi chiese di raggiungerlo a casa sua (la moglie sarebbe stata via per il turno di notte in ospedale) e di andarci con solo un vestitino leggero, bianco addosso e nient’altro. Ovviamente accettai, ma l’idea di uscire - quasi- nuda di casa in pieno giorno mi intimoriva e non poco, molto più dell’idea di incontrarlo dal vivo finalmente.. Il primo incontro fu col mio vicino, in ascensore: subito avvampai e diventai rossa. Era impossibile non notare che non portavo reggiseno, la mia quarta di seno spingeva contro il vestito leggero ed i capezzoli erano già evidenti e lui sguardo basso, mi guardava fisso le tette, senza vergogna alcuna. Arrapato del cazzo. O io, puttanella? Dei ragazzi sul vialetto si girarono al mio passaggio, bisbigliando qualcosa che non riuscii a capire. Suonai alla porta, ancora rossa in volto. Mi aprì con calma, senza fretta, mi fece entrare, richiuse la porta dietro di me e guardandomi dritto negli occhi mi mise subito una mano sotto il vestito “brava, sei venuta come volevo.e sei anche già bagnata..ti piace questo gioco vero?adesso viene il bello, lasciati andare e fatti guidare..puttanella” tolse la mano e mi condusse in salotto dove con mia somma sorpresa c’era una terza persona. Un suo amico, seduto sul divano con un bicchiere di vino in mano, si presentò velocemente, Diego, lanciandomi un’occhiata languida ed indagatrice. Non capivo, lo guardai con sguardo interrogatorio. Lui mi porse un bicchiere di vino rosso e poggiandomi la mano sul culo mi spinse in avanti, facendomi accomodare sul divano.
Loro continuavano a chiacchierare del più e del meno ignorandomi, io seduta di fianco a lui ero incapace di proferir parola. Semplicemente non me lo aspettavo e non sapevo che fare. Più avanti che le chiacchiere ed il vino andavano, più la sua mano scorreva dal ginocchio fin su, all’attacco della coscia. Ad un certo punto si stoppò, prese il pacchetto di sigarette, ne tirò fuori una e girandosi me la offrì. Mentre la mettevo in bocca e me la accendevo capii dal suo sguardo che voleva quello che mi chiedeva ogni sera, e forse di più: la sua sigaretta. Mi aprì le cosce delicatamente, mi sollevò il vestito, il mio sesso era nudo e aperto di fronte al suo amico. Lui continuava ad accarezzarmi ed io a tirare boccate profonde. Sentii due dita entrare dentro prepotentemente e iniziare a masturbarmi, mi sentivo oscena, eccitata, esposta, troia. La sua per la precisione. Non pensavo di essere così, non sapevo di esserlo, non sapevo di essere così calda e desiderare che qualcuno ficcasse, le sue dita dentro di me, che qualcuno mi guardasse mentre godevo e ansimavo. Lui lo aveva capito semplicemente osservandomi dalla finestra invece e lo stava tirando fuori. Immobile mentre venivo masturbata d’avanti ad uno sconosciuto, da un semisconosciuto, ansimavo ed inarcavo la schiena. Cacciò le sue dita fuori, zuppe dei miei umori, me le fece leccare e dopo avermi chiesto di restare nuda mi fece inginocchiare di fronte al suo amico. Senza che me ne accorgessi avevo il cazzo di Diego in bocca. Lo bagnai subito con la saliva ed iniziai a leccarlo ed ingoiarlo su e giù, su e giù, mentre lui continua a guardarmi. Sentivo che mi guardava, sentivo che era fiero di me. Il cazzo diventava sempre più duro nella mia bocca. Diego me lo tolse di bocca, mi fece mettere su di lui e me lo infilò di colpo dentro. Iniziò a stantuffarmi, come un cavallo, tenendomi le mani dietro la schiena, mentre lui si godeva lo spettacolo, mentre lui guardava il mio seno ballare, e si accendeva una sigaretta come se stesse guardando un porno. Un porno dove lui era il regista. Diego mi fece mettere a quattro zampe e mi penetrò da dietro, lentamente. Lui mi carezzò il seno e sfiorò i miei capezzoli, mi prese il volto tra le mani e mi disse ”Brava la mia troietta, ne vuoi ancora?rispondi..ne vuoi ancora?” io risposi di si e Diego affondò il suo cazzo dentro di me. Di nuovo disse “ne vuoi ancora?” non ho sentito” dissi di nuovo si, e Diego affondò di nuovo il suo cazzo nella mia fica calda e colante. Ad ogni colpo dicevo “si, ancora” perchè ne volevo ancora. E ancora. Diego iniziò di nuovo a scoparmi, dapprima lento, poi sempre più forte. MI schiaffeggiava il sedere e spingeva i miei fianchi contro il suo bacino. I nostri corpi si incastravano alla perfezione. Le mie natiche sbattevano contro di lui . La mia fica era sempre più aperta e ne voleva sempre di più, i miei ansimi erano diventate urla di piacere. Mi piegò la schiena e aumentò il ritmo, sentivo il suo corpo animale e il suo respiro forte sopra di me, le sue mani che mi aprivano la natiche e stringevano la presa, finchè non sentii un getto caldo sulla mia schiena e sul mio sedere. Sperma caldo che scendeva sul mio corpo. Restammo così qualche secondo. Dopodichè ci rivestimmo, lui accompagnò l’amico alla porta, venne verso di me e mi accese una sigaretta. Quando ci salutammo, poco dopo, mi mise un pacchetto in mano e disse “brava la mia troietta, questa te la sei meritata”. Mi diede un bacio e mi salutò. A casa aprii il pacchetto, dentro c’erano 200 euro e una sigaretta. Avevo bisogno di pensare a cosa era successo: mi accesi la mia “meritata” sigaretta..

Questo racconto di è stato letto 2 8 0 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici bondagestorie sexistorie zoofiliaracconti dal dottoreannunci 69 racconti eroticiracconti hot amatorialierotici racvontiraccotni eroticiracconti di guzzonracconti sesso in famigliaracconti di ricatti sessualiraccconti pornoracconti rtoticiracconti marito cuckoldgenere dei racconti eroticierotci raccontiracconti erotici zooracconti erotici gratisracvonti eroticiracconti erotici professoressastorie di tramplingracconti hard gratisracconti hentairaccoti miluracconti erotici gratuitierotiraccontiracconti ingoioracconti erotici crossdresserstorie eroricheesibizioniste al mareincestiraccontiracconi eroticimilu incestostorie di sesso spintoracconti eoritcistorie erotic eracconti dilatazione analeracconti erotici tra cuginistorie ornocugina zoccolaracconto eccitanteracconti bisexstorielle pornoraccontie roticiscopami poi ti spiego facebookracconti porno gratiscugine maialeracconti erotici fortiracconti eeoticiracconti rroticiracconti scopatainculato da mia moglieracconti sesso gratisracconti erotici animaliracconti di chiavategeneri dei racconti eroticiracconti erotici culo rottosesso gay storieracco.ti eroticiracconti cuckoldporn raccontiracconti di tradimentoracconti di tettoneracconti ertoticii raccinti di miluracconti di sesso gayracconti 69 gayfoto racconti hardi raccontidi miluracxonti eroticiracconti porno suoraho sverginato mia sorellaannunci69 .itracconyi pornoraccomti eroticiracconti porno prima voltaracconti di coppie con transracconti erotici cucksissy maid raccontiracconti erotici zio nipotewww.eroticiracconti.itsesso safficoerotociraccontiwww.racconti-erotici.itracconti erotici teenscopata con il cane