Non e' tutta colpa mia. O forse si

Scritto da , il 2020-03-23, genere etero


Luglio 2019. Cinquant'anni e piu'. Da Saint Raphael entriamo nella zona di Cap Esterel. Sono seduta accanto a te. Sul tuo, ennesimo, nuovo giocattolo. Aston Martin Vanquish S. Guidi come se fossi in circuito. Ma e' una strada a libera circolazione. Splendida al tramonto per altro. Non ti frega niente che ti dica che mi viene da vomitare, ne' che ti ricordi che ci sono altre vetture. Non ti frega nulla di nessuno. Esisti solo tu.
L'Aston Martin. Perche' proprio questa? Mi hai risposto che ti piaceva. Bugiardo. L'hai presa perche' volevi darti un'immagine di un certi tipo. Come fai sempre. Amore mio, senza offesa, ma non sei James Bond e neppure un gentleman di nobili orgini o anche piu' semplicemente un gentiluomo per modi e fattezze.
Ti guardo mentre sei intento a battere i tuoi record personali su questo tratto di strada e vedo in realta' il cattivo dei film di James Bond. Sei una bestia, Pietro. Il setto nasale deviato e i segni sul viso fanno ricordare a tutti da dove vieni. Per non parlare di quando ti spogli e le tue cicatrici sulla pelle sono almeno pari a quelle che hai dentro.
Hai preso l'Aston Martin per darti un'immagine. Perche' sei un bimbo cresciuto troppo. E il tuo sguardo furbo da piccola peste e il tuo sorriso sincero lo mostrano a tutti. Ma non sei un gentleman, Pietro. Come puoi esserlo se quando parli del tuo giocattolo ti premuri sempre di ricordare "e guarda che gli ho messo su 50000 euro di optional". Sant'iddio Pietro: e' da cafoni! Altro che gentleman. Non era meglio la Ferrari? La lasci parcheggiata in garage perche' dici che "ormai ce l'hanno tutti" e poi fai queste figure andando a raccontare quanto costano gli accessori della Vanquish?
Amore mio. Lo fai perche' hai bisogno di sottolineare queste cose per far si che gli altri ti percepiscano con un valore monetario. Perche' lo penso? Perche' io faccio lo stesso. Perche' noi, in fondo, siamo uguali. Venuti dal nulla. O forse, peggio, da sottozero.
Siamo riusciti a non affondare prima e a emergere poi. Con ogni mezzo illecito.
Tu giravi, a 17 anni, con la pistola dietro i pantaloni perche' eri nei gruppi che hanno vissuto l'ultima parte della lotta armata fra la fine degli anni 70 e i primi anni 80. Oltretutto dalla parte numericamente piu' esigua. Poi non sei mai piu' riuscito a rimanere fuori da certi giri anche se la politica non c'entrava piu' niente. Eppure ce l'hai fatta. A modo tuo ce l'hai fatta. Non potevi certo mandare curricula alle multinazionali ma sei diventato un imprenditore. Di successo. Modi un po' sbrigativi all'inizio ma... ce l'hai fatta. Acquisisci aziende. Smembri le divisioni e le rivendi. Fiuto e istinto. Studi universitari pari a zero. Non leggi nulla: solo la Gazzetta.
Ed e' per questo che senti sempre il bisogno di sottolineare cio' che hai. Le case in luoghi conosciuti. Le auto che ti diano una certa immagine. E cosi' via.
Io faccio lo stesso. Spendo migliaia di euro per vestiti o scarpe che devono avere un marchio visibile o riconoscibile. Con le auto non arrivo ai tuoi livelli perche' non mi frega piu' di tanto ma anch'io devo "mostrare" che ho piu' degli altri.
Questa e' insicurezza, amore mio. Tu col tuo modo da spaccone e io con i miei modi da "faccio tutto quello che mi pare" in realta' siamo persone insicure che in continuazione sentono la necessita' di affermare qualcosa perche', dentro di noi, sappiamo che non siamo delle persone per bene.
Tu sarai sempre un ex "bandito" anche se oggi sei un imprenditore di successo. Io saro' sempre una puttana anche se oggi gestisco indirettamente un fondo di investimento tramite un trust per non dovere spiegare certe cose.
Dieci anni di analisi solo per arrivare alla conclusione che uno psicologo e' come una brava puttana che cerca di legare nel tempo i propri clienti. Mia zia mi aiuta piu' di Freud, se mi permettete la battuta. Mi capisce meglio di me stessa.
Sempre a doversi giustificare con tutti.
I soldi non bastano a farti accettare in certi ambienti.
Li frequentiamo da anni ma saremo sempre un corpo estraneo: non saremo mai accettati da loro.
A me non frega nulla. Tu ci soffri. Perche' sei un bimbo. Il mio bimbo terribile.

Accelera Pietro, batti il record. Rischia ad ogni curva. Non ho paura. Non abbiamo mai avuto paura. La roulette russa, Pietro. Il nostro gioco preferito. Alto rischio. Alto guadagno. Chi non capisce questo non otterra' mai certi risultati.

Passiamo Le Dramont che col sole che scende vede le sue rocce rosse diventare infuocate.
Passiamo Theoule sur Mer e continui a sorpassare macchine anche se e' folle farlo a quest'ora.
Entri a Cannes e acceleri ai semafori per attirare l'attenzione. Sei proprio un parvenue, Pietro. Non riesci farne a meno. Pero' quando ti guardo sogghignare mentre i passanti ti urlano di finirla e i ragazzini tirano fuori i loro cellulari sorrido e scappa da ridere anche a me. Un bambino.

Quando arriviamo a Cap Ferrat e' gia' buio. Mentre il cancello si apre pensi bene di dare gli ultimi colpi di acceleratore per disturbare i vicini mentre canticchi "... e i francesi che si incazzano..." di Paolo Conte.

Le luci sono tutte accese e la piscina e' popolata di ragazzi che si stanno divertendo muovendosi a ritmo di musica.
"Pietro, sapevi della festa?"
"No. Credevo fosse una tua idea"
"Ho l'impressione che tua figlia Daniela l'abbia organizzata oggi pomeriggio quando eravamo fuori"
"Fanculo. Sono stanco. "
Ovviamente non dira' nulla alla sua "bambina". Stronzetta viziata... e zoccola.
Si muove mezza nuda sul bordo piscina per farsi vedere da tutti. La piccola star. Alla sua eta' dovevo trasgredire per assecondare mia zia e prendere cazzi ovunque. Lei li prende per divertirsi a trasgredire. Questa e' la differenza.
Come mi capita spesso mi sta stufando. Mi sono divertita a trasformarla in una zoccoletta facendole credere di essere come me. Adesso pero' i giochi cambiano. A mio vantaggio.

Incontro la madre di Daniela a Mentone. Una sorta di "campo neutro". Arriva con l'autista. Lei non guida. Troppa classe? No, guida da schifo come ammette lei stessa.
Passano gli anni ma lei e' sempre splendida. Di una eleganza albionica che non avro' mai. I suoi occhi azzurri e le sue lentiggini sul nasino perfetto la rendono adorabile. Di una semplicita' disarmante. Figlia di una delle famiglie piu' in vista di Milano e indossa un paio di jeans e una camicetta di cotone azzurra denim come i suoi occhi. Non ha bisogno di mettersi in mostra con i vari marchi Gucci e Prada in bella mostra fra vestito e borsa come faccio io. La sua e' eleganza naturale, la mia e' costruita.
Mi verrebbe voglia di scoparla. E sorrido senza accorgermene al pensiero. Lei se ne accorge e mi chiede il perche' del mio sorriso. "Ho fatto qualcosa di buffo?"
No, nulla. Neanche volendo. Sei perfetta.

"In effetti c'e' qualcosa che mi fa sorridere. Come diavolo hai fatto a sposare Pietro?"
Mi guarda sorpresa, ma poi sorride anche lei abbassando lo sguardo. "Me lo domando anch'io. Credo fosse per fare arrabbiare mio padre"
Lo credo anch'io principessa. Lo credo anch'io. Pietro ti ha usata per arrivare a tuo padre ma alla fine lui ha ribaltato il tutto mettendo i bastoni fra le ruote delle sue attivita'. Alla fine si era stancato ma adesso che Daniela era col padre gli attacchi erano ripresi ed erano pesanti.

"Laura, non voglio essere maleducata ma credo sia importante arrivare dritta al motivo dell'incontro che ti ho chiesto. Non saremo mai amiche ma io non ho nulla contro di te o la tua famiglia.
E per dimostrartelo ti faccio una proposta che ti puo' interessare. Anche se per te sara' dura accettare di seguirmi in questa cosa. Ma e' l'unico modo. "

Sabato pomeriggio c'e' una "festa" da noi. In giardino e in piscina. L'ho organizzata io anche se ho fatto credere a Daniela che era lei l'anima di tutto.
Un po' di coppie scambiste dalla Francia e anche da Milano visto il periodo e il fatto che sono nostri ospiti.
Quando il sole scende la festa inizia. Si beve, si balla, si ascolta musica, si gioca in piscina, si chiacchiera. Tutti sono rigorosamente nudi.
E' bello toccarsi. Palparsi a vicenda. Esplorare i propri corpi. Trasgredire. Erezioni naturali e procurate. Dita e mani che entrano nei corpi degli altri.
Daniela e' in mezzo a loro ovviamente. La giovane zoccoletta. La piccola star della serata come ho chiesto alle coppie piu' fidate di renderla oggi pomeriggio. Niente esagerazioni ma un suo coinvolgimento "controllato".
Io dico a tutti che arrivero' piu' tardi perche' devo recuperare una coppia amica di Torino che si era persa.
In realta' incontro Laura. Le dico di seguirmi e di fidarsi di me. E di essere forte. E di non fare cazzate.
Ci nascondiamo dietro il muro di cinta nella parte alta della villa dove c'e' il giardino piantumato. Si vede tutto ma loro non possono vederci.

Le metto una mano sulla spalla e la invito a guardare. "Osserva bene".
Per chi non e' abituato a frequentare club prive' o feste private certe immagino sono "forti".
Se vedi tua figlia... ti senti male. Ma era quello che volevo.

Daniela e' completamente nuda e si fa toccare ovunque. Gode in queste situazioni. Io sono fatta alla stessa maniera. Mi piace essere al centro delle attenzioni anche se morbose di un gruppo di persone. Meglio ancora se sconosciuti.
Mani che la toccano. Che la esplorano. Che la penetrano. Lei chiude gli occhi e gira la testa all'indietro. Che zoccoletta!
Laura e' sbiancata. Ma non dice nulla. E' cio' che le avevo chiesto.
Daniela si e' inginocchiata e sta succhiando il membro oscenamente in erezione di un uomo che per eta' potrebbe essere suo padre.
Gli succhia il cazzo come fosse la cosa piu' gustosa del mondo. Probabilmente lo e' per lei.
Brava Daniela, vai avanti cosi'.
Un altro da dietro la posiziona a pecora allargandole le gambe e la scopa senza dire nulla.
Ma il bello deve ancora venire.
"Laura, scusa se rompo questo silenzio surreale ma... guarda sul terrazzo sopra la piscina chi c'e'!"
Pietro era li. Vestaglia di seta in stile Hugh Hefner aperta sul suo corpo nudo con un bicchiere del suo Whiskey preferito per le occasioni importanti in mano.
Massiccio, potente, minaccioso e col suo solito sorriso da furbo stampato sulla faccia da pugile che ostentava tutta la sicurezza di questo mondo.
"Papa' scendi che ho portato una mia amica che ti vuole conoscere. E' qui col suo fidanzato che vorrebbe ringraziarti per l'invito"
Laura ha la bocca aperta per la situazione. Io vorrei infilarle la lingua in bocca ma... mi rendo conto che non e' il caso. Ho scopato con sua figlia e sarebbe veramente perverso almeno provarci con lei ma... non e' proprio il caso.

Pietro scende dalla scalinata come un re ma, forse, sarebbe piu' corretto dire come un boss viste le sue fattezze.
Si avvicina alla giovane coppia accanto a Daniela e ignorando il ragazzo se non dandogli una pacca sulla spalla e rivolgendogli un "ciao" a mezza bocca, si dirige verso la ragazza stringendola col braccio libero dal bicchiere e baciandola con la lingua. "Benvenuta cara. Non ti chiedo il nome perche' tanto me lo dimenticherei fra un secondo"
Lei ridacchia fra l'imbarazzato e il divertito.
Pietro le prende la mano e se la mette sul cazzo ordinandole di farglielo diventare duro. Si volta verso il suo ragazzo e gli dice "a te non dispiace, vero? Se vuoi puoi guardare oppure puoi scoparti Daniela. Cosa dici?"
La domanda era retorica ovviamente. La ragazza era diventata di sua proprieta'. Sua figlia godeva alla vista del padre che era padrone del luogo e delle persone.
La ragazza sembrava un fuscello accanto a Pietro. Probabilmente troppo giovane e troppo inesperta di certe situazioni per essere li.
Le prese la testa fra le mani e la invito' a inginocchiarsi.
Le appoggio' la cappella sulle labbra e verso' qualche goccia di Whiskey dal bicchiere che continuava a tenere in mano "vuoi bere qualcosa?".
Gli infila tutto in bocca con dolcezza e muove lentamente il bacino. Lei e' tutta intenta a dimostrare quanto e' porcellina ma non sa ancora dove e come finira' la cosa.
Pietro la accarezza e le sposta i suoi lunghi capelli biondi dal viso.
Lei sta pensando che c'e' un contrasto pazzesco fra le fattezze di quell'energumeno e i suoi modi gentili.
Non ha capito nulla. Non sa ancora che fa parte del gioco perverso di Pietro.
La solleva e la bacia delicatamente sulle labbra. Le sorride e le chiede se le piace scopare. Lei risponde il tipico "mi piace da impazzire" pieno di entusiasmo che lui si aspettava di sentire.
Le sorride e la invita ad appoggiarsi al tavolo da giardino che era accanto a loro.
Lui le entra dentro piano e la fa bagnare a dovere. Lei si sente la porno-star della situazione.
Pietro allora si volta verso il suo ragazzo che nel frattempo si stava masturbando e gli dice a bruciapelo "ascolta frocetto, e' cosi' che scopi vero?"
Lui smette di sorridere e lo guarda stranito.
Adesso e' Pietro che tira fuori il suo ghigno da stronzo e comincia a sbatterla con forza. Con molta forza. Nessuna violenza ma... MOLTA forza.
Lei apre la bocca ma non esce alcun suono all'inizio. Poi inizia a mugulare una serie di "si, si, cosi', non fermarti"
Pietro non si ferma e si gira ancora verso il suo ragazzo "non ti sei offeso se ti ho chiamato frocetto, prima, vero? Hai capito adesso come si scopa una ragazza. Anzi, la tua ragazza."
E va avanti a scoparla prendendola adesso per i fianchi.
Si ferma, la fa alzare e girare.
La solleva dalle gambe come fosse una piuma. Ce l'ha di fronte a se sollevata da terra e la impala cosi'. Lei non dice piu' nulla. Non capisce. Lui usa i due tronchi che ha al posto delle gambe per farla muovere su e giu' e la scopa come un ossesso, come fosse un giocattolo da piacere personale. Ogni tanto la bacia come volesse mangiarsela.
Lei gode e lo dice ad alta voce. Lui e' una furia e continua a ghignare per fare vedere a tutti che per lui quella posizione e' un gioco.
Accelera il ritmo e urla "ti vengo dentro troietta!"
Il suo ragazzo era sbiancato. Non era mai intervenuto perche' sapeva che se ci avesse provato avrebbe ricevuto una reazione poco piacevole. Ma questa sottomissione era parte del godimento di Pietro.
Bacia la ragazza. Lei lo bacia come fosse una fonte naturale di miele.
Lui la mette a terra. La fa mettere in ginocchio e le dice "pulisci tutto per bene. Non lasciare le cose a meta'"
Lei gli lecca glande, asta e palle guardandolo negli occhi estasiata.
Pietro si rivolge ancora al ragazzo "vuoi favorire anche tu? Secondo me un po' ti piace. Hai capito come devi fare? Spero di si altrimenti questa troietta cerchera' cazzi altrove dopo avere provato cosa vuol dire godere con un vero uomo"
Lei continuava a guardarlo ammirata come il suo nuovo dio pagano.
Che figlio di puttana. Ogni volta cosi'. Sempre la stessa storia. Umiliare chi vedeva come un possibile avversario e mostrare a tutti la propria posizione dominante. Anche negli affari. Anche con le aziende.

Daniela intanto stava consolando il povero ragazzo dicendo che suo papa' scherzava sempre ma che non pensava quelle cose. "Vero papa'?" "No, no: secondo me e' proprio un frocetto e quella troietta della tua amica me la scopo ancora. Fatti dare il telefono"
Daniela faceva la faccina affranta ma in realta' godeva nel sentire il cazzo ormai ammosciato del ragazzo e nel vedere la sua amica usata come una puttana da strada. Eccome se godeva la troietta. La conoscevo bene.

Torno a guardare Laura. Me l'ero dimenticata intenta com'ero a gustarmi la scena e pronta a raggiungerli per divertirmi anch'io.
Ero contenta che non avesse avuto conati di vomito a vedere sia figlia e l'ex marito in quelle condizioni. Era gia' qualcosa...

"Sapevo che era un porco schifoso. Per questo l'ho lasciato. Ma non sapevo che fosse malato a questi livelli. Ha coinvolto sua figlia. Mia figlia."
Mi sembro' giusto intervenire "in realta' non e' stato lui. Sono stata io che ho sbagliato ad assecondarla. Perche', Laura... tua figlia ha il sangue di suo padre nelle vene. Io posso anche averla assecondata troppo. Lo ammetto. Sono una poco di buono e me ne sono approfittata un po' per vedere fino a dove voleva arrivare ma... ti assicuro che nessuno ha imposto nulla. E' stata lei a cercare certe cose. Pietro e' un animale ma ti giuro che non ha mai fatto nulla con lei o contro di lei. "
Si volta verso di me per la prima volta e mi chiede "perche' mi hai fatto vedere e vivere tutto questo? Non bastava parlarmene al telefono?"
Le sorrisi e risposi "no, Laura. No. Dovevi vedere coi tuoi occhi. Farti stare male era parte del piano"
L'espressione cambia e diventa dubbiosa "quale piano scusa?"
Ce l'ho in pugno. Dio che carina che sei con quell'espressione. Adesso le do un bacio, pensai. Ecco io vorrei essere come te, Lauretta mia. Ma non potrò mai esserlo. Troppo brutta dentro per avere la tua bellezza che e' anche interiore.
"Il piano e' semplice Laura. Tu vuoi avere indietro Daniela. Io ti ho fatto vedere in che stato puo' ridursi se rimane con noi. Cosi' il tuo desiderio di riaverla e' ancora maggiore.
Ora, Laura, saro' diretta. Tu torni a Milano col tuo autista e chiedi di incontrare tuo padre. Gli dici che ci siamo incontrate. Che non sono una cosi' brutta persona come credevi e che sono disposta ad aiutarti a riavere Daniela indietro. Lui pero' blocca tutte le azioni che aveva messo in piedi con le banche contro Pietro grazie alle sue conoscenze personali e la smette con le minacce di rivelare le cose del passato di Pietro che lui ti aveva rivelato pensando di potersi fidare di te. Tutto si deve fermare. TUTTO. "
Lei mi osserva attonita "io ti giuro sulla mia vita che tutto verra' fatto come da te richiesto. A costo di ricattare io stessa mio padre per quello che so di lui e delle porcate che ha fatto per la liquidita' delle sue aziende nei momenti difficili. La domanda pero' e' come farai tu a convincere Daniela visto che vi vede come degli modelli di vita. Purtroppo per me..."
Di questo non si doveva preoccupare. Sapevo come fare. Avrei usato suo padre dicendo che persone molto pericolose lo potevano ricattare e fargli del male sfruttando proprio la sua presenza con lui e che l'unico modo di salvarlo era tornare con la madre o comunque stare lontano da noi.
In realta' mi ero stufata di avere quella troietta fra i piedi. Non era come me. Viziatina del cazzo!

Strinsi la mano a Laura. Con la faccia piu' ingenua che potessi fare le chiesi se potevo abbracciarla. Lei sorpresa non si tiro' indietro e io l'abbracciai. Le toccai la schiena e feci scivolare una mano sul culo. Fu un attimo. Ma lo feci. Era piu' forte di me.

La riaccompagnai alla sua auto e la salutai.
Baldanzosa mi incamminai verso la festa e mi feci vedere mentre mi spogliavo camminando verso di loro.
"Scusate ragazzi ma i miei amici non si sono fatti vedere. Che stronzi! Per consolarmi ho bisogno di cazzo!"

In un colpo solo l'avevo fatta fuori dalla mia vita e risolvevo i problemi di Pietro. Che stavano diventando grossi.
Ma non era solo questo. Avevo costruito un ponte con la famiglia di Laura. Pensateci bene: io adesso ero quella "buona" agli occhi di Daniela, Laura e il padre.
Il cattivo era solo Pietro.

Ero proprio una puttana. Lo sono sempre stata. Nessun sentimento. Solo guadagno. Mi hanno fatto diventare cosi'. Non e' tutta colpa mia. O forse si.


Questo racconto di è stato letto 1 2 2 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie di sessmoglie troie mariti cornutimia sorella mi provocaracconti di veri incestiracconti sesso con sorelladonna che scopa con un cavalloracconti erotici ragazzeracconti erotici punizionistorie porno amatorialii generi dei racconti gayiracconti di milucugina zoccolamilù raccracconti piedi femminilierotciraccontiracconti porno ziastorie hard gratiserotici raccstorie pormariti cornuti e mogli puttaneracconti gay pornoinculata dal suo caneracconti erotici zoofiliaarrizzacazziracconti di donne sodomizzateracconti erotici zoofiliaracconti pormoscambio di coppia bisexracconti erotici zoofiliracconti eros gratisracconti gratis eroticiracconti erotici esibizionistaracconti moglie al cinemacrociere erotichestorie scabroseracconti sporchiwww raccontimilu comrac erotincesti in casaracconti incesto ziastorie di figheannunci69 racconti gaystorie eroticoracconti tradimenti moglistorie di mariti cornutiracconti erotici prima volta analeporno racconti bisexraconti picantitracconti eroticiculo raccontigeneri dei racconti eroticiracontieroticiracconti:eroticiracconti porno genivsesso a tre raccontiraccontiannunci69ballbusting raccontisesso incestiracconti moglie zoccolaracconti.eroticipiedi femminili raccontipapà inculamiracconti mistressdoppia penetrazione raccontiracconti schiavi gaygeniv raccracconti eroticuracconti eroiticistorie fetishracconti sesso gayanimali eroticiracconti incesiracconti porno con vecchielesbiche storieinculatoreracconti lesbracconti schiavaracconti sodomizzataracconti massaggi eroticiraccontierotici gratisracconri eroticierotoci racconticlistere erotico racconticagami in bocca69 racconti eroticiraconti erotici 69