Era de maggio-capitolo 10

Scritto da , il 2020-02-17, genere sentimentali

Aprile era arrivato come il turbinio di emozioni che porta con sé la primavera. Che siano belle o brutte, cariche di impegni o scariche come i primi caldi che ricollegano con la mente all'estate, ecco che quei giorni erano a metà tra la vacanza ormai prossima e la voglia di sperimentare.
Giovanni ed Elisa con i loro pensieri, si erano uniti ancora di più nel parlare, senza però lasciar trasparire quali turbamenti fossero dentro di loro.
Fu quando Giovanni arrivò in stazione, pronto per farsi accogliere calorosamente come la prima volta, che venne accolto freddamente, come se fosse ancora inverno tra loro.
Tiepido abbraccio da parte di quella ragazza, ripresa da poco dall'influenza... ma che sopiva a stento quei pensieri che Giovanni carpiva anche in quei momenti.
Nel ritornare a casa di lei, la seconda volta nel giro di due mesi, comprendeva che l'atmosfera che si respirava era un pò differente.
Il padre era più presente, per via di un differente orario di lavoro, la casa sembrava più trasandata e soprattutto c'erano spesso la sorella e il fidanzato in giro. Come se la sua presenza fosse poco gradita in quel quadretto familiare.

Giovanni ed Elisa passarono sempre meno tempo insieme mentre erano dentro casa, nonostante fossero i loro unici giorni dove potersi sentire. E i veri momenti in cui poter coltivare un pò il loro amore, erano durante le passeggiate o davanti ad un tramonto sulla spiaggia.
Non era nemmeno facile passare un pomeriggio con Elisa, che subito il padre la cercava per sapere se aveva fatto i compiti o se poteva fargli la spesa o tante di quelle cose che a poco a poco cominciarono a turbare i ragazzi.

Elisa, con la scusa di usare di più il cellulare, per comunicare col padre, ricominciò a sentire la sua amica della danza, la quale le dava consigli preziosi su come gestire la situazione... sapendo che aveva conosciuto durante una passeggiata Giovanni e comprendeva che le cose non erano così semplici.
Passando i primi giorni con la scuola, i familiari e le cose da fare, i veri momenti nel quale star da soli per i ragazzi erano la mattina appena svegli.

Uno di quei giorni, Giovanni venne svegliato dalla sua ragazza, che non aveva dormito molto quella notte, per via di tutti quei pensieri. Il ragazzo lo comprese subito scrutandole il volto e le sue parole lo lasciarono un pò perplesso: -Giovanni scusami se ti sto dedicando poco tempo. Vorrei non averti invitato in questi giorni di trambusto.
-supereremo anche questa in un modo o nell'altro-, la confortò il ragazzo.
-la verità è che anche io non mi sento tranquilla. Per dirti nemmeno possiamo fare l'amore che ci sono sempre impegni-
-non è indispensabile fare l'amore, visto che ci conosciamo da poco e non ci sono tutti questi momenti-, rispose frettolosamente il ragazzo, facendola rabbuiare.

In breve lei scoppiò a piangere silenziosamente perché pensava di non sentirsi amata. Che le sue coetanee subito perdevano la verginità e lei lo stava aspettando ma non ce la faceva più come se fosse dimostrare a sé stessa di sentirsi forte.
I suoi singhiozzi divennero sempre più forti che si asciugò le lacrime sul volto. E il ragazzo temeva che da un momento all'altro la sorella o qualcuno che stesse ancora in casa, la potesse sentire. E trovare i due ragazzi nel letto insieme, con lei in lacrime... Giovanni poteva rischiare anche di venir picchiato soprattutto da un padre che non voleva si torcesse un capello alla figlia dopo tutto quello che era stato il suo passato.

Decise di metterla sul suo petto e di tenerla vicino a lei e sussurrarle:-se è importante per te allora lo sarà anche per me. E faremo l'amore per toglierti ogni dubbio che io ti amo e non devi preoccuparti.

Ci volle qualche minuto per farla smettere di lacrimare ma subito dopo era come se nulla fosse successo, vedendola alzarsi per prepararsi e andare a scuola. Gli venne in mente che lui non si sentiva davvero pronto e non sapeva nemmeno come fare. Decise di non darci peso e aspettò che tutti fossero usciti per andare a scuola, lasciandolo da solo in casa per meditare. Si ritrovava da solo e in una casa dove altre persone non lo avrebbero mai lasciato da solo. Era in effetti uno sconosciuto agli occhi del padre, che sapeva di lui solo per mezzo di Elisa e per averlo visto per qualche ora a febbraio. Sentiva quasi di sentirsi abbandonato ad un destino più grande di lui. Sentiva che quel sexting fatto prima aveva solo aumentato la voglia della sua ragazza di fare sesso... l'amore forse non lo stava ricevendo in cambio e lo avvertiva quando la vedeva online nelle settimane precedenti e faticava a rispondergli.
Perlustrando la casa, si imbatté in un buono sconto che era accantonato vicino al cestino, e controllò la scritta sotto... era riportato il nome di E e soprattutto una data relativa all'emissione: era la stessa della foto sul desktop. Perlustrando nella casa, in cerca di altre possibili risposte, non trovò altri indizi per pensare a qualcosa di così negativo.

In tutto questo Elisa e Giovanni non avevano pensato a possibili precauzioni per non far scoprire i propri pensieri. Elisa calava quella maschera, nel cercare di riallacciare i contatti con E che lo chiamava sempre "l'amante degli animali" e Giovanni, cercava di ritardare sempre le conversazioni con la sua ragazza riguardo il futuro. Comprendeva che aveva fatto bene da un lato a venire a trovarla per stare un pò con lei tra le sue braccia nei momenti di silenzio o di quando vedevano un film. Ma dall'altra si stava accorgendo di quanto fosse lunatica e potesse fare usa e getta, prendendo spunto dagli epiteti poco felici che sentiva nelle conversazioni di famiglia. Si sa che dopo una separazione sono sempre le parole più pesanti ad essere usate. E aveva compreso che la madre aveva rotto col padre di Elisa per via di una tresca amorosa e che quest'ultimo aveva spifferato segreti che avrebbero fatto venire la pelle d'oca.

Cominciando a pensare a tutte quelle cose, dovette interrompere le ricerche non appena sentì un rumore di chiavi. Rincasava la sua fidanzata con il padre, che erano pronti per il pranzo.
Rimandò le ricerche nei giorni successivi e passò quella giornata più in camera che assieme agli altri della famiglia che lo calcolavano poco per via di tanti impegni che avevano.

Alla fine Elisa una mattina decise di fingere di entrare a seconda ora e avvisò tutti meno che al suo ragazzo.
Era decisa a perdere la sua verginità e sapeva che una volta deflorata... avrebbe potuto avere quello che voleva.
Voleva farlo senza preservativi, non le importava se potesse avere problemi, voleva solo sentire la carne e lasciar da parte l'amore e pensare solo in quel momento a godere. Pensava soprattutto al suo ragazzo che era così facile da convincere. Stava seguendo solo il piano che stava leggendo tra le sue chat e decise anche di truccarsi un pò e di infilarsi a letto per sfiorare il suo ragazzo e baciarlo.
Lo risvegliò con un piccolo succhiotto e Giovanni comprese che non indossava nulla sotto il pigiama. Si guardarono negli occhi e lui la baciò con dolcezza mentre la attirava a sé per cullarla. Lei lo trascinava lungo i fianchi e sul petto, voleva sentire come era essere posseduta dalle sue carezze, mentre lui andava piano. Era timido ed incerto.
Elisa ebbe l'idea di voler avere il primo rapporto sul letto dove avevano copulato l'ultima volta i suoi genitori.
Non voleva nemmeno saperne di farsi sentire da qualcuno, e tolse il salvavita che le aveva causato parecchi problemi in quei giorni, dopo aver sentito a scuola alcune amiche che avevano partecipato alla festa per i cento giorni dall'esame e si erano fatte sverginare da tutta la scuola o quasi e lei sentiva una gelosia enorme nei loro confronti.
Lo trasportò veloce sul letto e continuò a denudarlo e per tutta casa lasciò i suoi vestiti e fece in tempo a tirare fuori il pene dai suoi pantaloni, che cominciò a succhiarlo come quasi estasiata da quel sapore. Lo voleva insalivare per bene mentre tra le sue gambe cominciava a bagnarsi per poter avere tutta quella voglia da conservare per la prima penetrazione.
Giovanni era ansimante e si era appena svegliato quando ricevette la vagina grondante di umori sulle sue labbra, che era quasi un imperativo a leccargliela e a farla gridare di piacere.
Appena venne il momento, Elisa guidò il suo ragazzo all'apertura della sua vulva, ma solo in quel momento tentennò presa dalla paura.
Giovanni aveva conservato un briciolo di intelligenza e sapeva bene che non doveva nemmeno in quella prima volta e nelle volte successive, venirle dentro. E volutamente cercò di farlo entrare poco alla volta, quando sentiva l'imene non lacerato e la sua voglia di inglobarlo tutto.
Quasi come se fosse uno stupro, lui cercava di amarla anche in quel momento, sapendo che era diventato un pallino per la sua ragazza. Aveva sentito un pò di dolore nel momento in cui aveva inserito la cappella all'interno... e dopo vari tentativi, ecco che l'imene si disgregò come tutta quella sicurezza di Elisa.
Si sentiva diversa in quell'attimo, quasi priva di una barriera. Per la prima volta sentiva dolore che la faceva ritornare alla realtà.
Venne istintivo abbracciarlo e lui la accolse baciandole gli occhi. Comprendeva solo in quel momento che cosa aveva fatto e le uniche parole che le uscirono furono: - promettimi di non lasciarmi mai.
-solo se me lo prometti anche tu-, rispose Giovanni, e in tutta risposta vide lei sollevare il capo come in un cenno di assenso, e cominciare a cavalcarlo.
Sentiva l'orgasmo montare di quella prima volta e appena si rese conto della situazione, si sfilò da lei e aspettò un pò prima di cambiare posizione e mettersi sopra di lei.
Il rapporto diventò più una sfida a cercare di sopperire al dolore di quel momento per Giovanni, mentre Elisa era intenta a ricercare il piacere più assoluto.
Quando una forte scarica durante la penetrazione, le fece provare un orgasmo fortissimo, strinse forte il membro tra le sue gambe quasi a voler sentire tutta la potenza di quella prima volta.
Giovanni si staccò in tempo e per non sporcare nulla, la portò in bagno dentro la vasca, per spruzzarle il suo seme e baciarla con passione, cercando di non mostrare i lievi arrossamenti sul pene che scomparirono nel giro di qualche tempo.

Da quel giorno ogni occasione era buona per non andare a scuola per lei ma lui la obbligava ad andarci per non permettere di fare assenze. La situazione stava sfuggendo di mano e tutto per colpa di quel telefono col quale spesso stava incollata nei momenti in cui pranzavano o erano assieme agli altri o peggio... quando Giovanni era in camera e doveva prendere appunti per studiare anche un pò lì a casa sua e vederla online e sul divano assieme al padre, mentre lui dormiva o guardava la tv... e lei scriveva con una velocità impressionante sulla tastiera.
La verità sarebbe presto venuta a galla e per lui per fortuna, mancavano pochi giorni al ritorno a casa. Anche se non sarebbe stato da solo sul treno di ritorno.

Questo racconto di è stato letto 2 9 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie sesso con animaliraccon ti eroticiracconti eroticaracconti masturbazioneracconti erotici universitazia porcellinaracconti di coppie bisexragazza si fa montare da un caneracconti orsi gayerotici raccontbello sticchioracconti mogli che tradisconoporn raccontiracconti erotici suocereracconti erotici immaginistorieroticheracconti orgasmoracconti sesso animaliracconti erotici gratuitistorie di culiraccnti eroticiscambio coppiastorie di adultiraconto eroticoracconti erotici suocera e generoracconti erostorie sesso gratisracconti mogli infedelicrossdresser romawww.eroticiraccontistorie x adulticornuti e guardoniracconti rtoticistorie erotichcuck raccontiracconti erotici costrettaraconti picantimia cugina vanessaracconto incestuosoracconti milu comracconti di vecchie troieracconti di bondagei racconti del clistereracconti teenracconti zoofiliaraccontimiluracco.ti eroticiracc gayraccontieriticiracconti sesso maturei generi racconti eroticiletture eccitantiraconti eroticoracconti solleticoracconti moglie infedeleracconti fratello e sorellaracconti porno analeracconti erotici genivgeniv racconti eroticiho sverginato mia figliaracconti69racconti erotici lesbocameriera eroticamasturbazioni violenteracconti erotiiracconti pormoescort storieracconti eriticiracconti maturi gaymia moglie in toplessracconti erotici animalstorie erotichrracc erotraccont pornoracconti erotici zoofiliaraconti picantiracconto gayletture hardcoppie raccontierotici racconti 69raccomti gayconnilinguosstorie di culiracconti erotici nipoteracconti porno amatorialiracconti erotici la prima voltalesbicare