Era de maggio-capitolo 7

Scritto da , il 2020-02-14, genere sentimentali

In quel weekend C e D avevano una passeggiata sul lungomare e quel sabato pomeriggio avrebbero fatto un breve giro della città.
D non stava più nella pelle, se non fosse per il fatto che si sentiva la presenza del padre di lei quasi come se avesse il fiato sul collo. Nel breve pranzo di quel sabato, aveva conosciuto meglio quel signore di mezza età, che per via della separazione si curava sempre meno e gli parlava più in dialetto che in italiano, sforzandosi a volte di farsi capire.
Quel giorno era passato proprio all'ora di pranzo, il fidanzato della sorella di C, portando con sé un paio di paste per loro. Quasi con noncuranza si degnò di salutare l'ospite, e si mise a parlottare con loro. L'imbarazzo evidente di D, non era nemmeno passato di mente agli occhi dei padroni di casa, che continuarono per una buona mezz'ora a interloquire con lui, lasciando che finissero il pranzo. Non era il massimo come inizio, pensava D mentre aiutava a sparecchiare i piatti. Dalle conversazioni, poteva intuire che aveva a che fare con uomini di mondo. Avevano tutti almeno il doppio o il triplo della sua età e giustamente comprendeva che C non si trovava a suo agio senza però darlo a vedere.
D si era infine allontanato dalla cucina, per mettersi in camera col cellulare, nell'attesa che finissero.
Dopo un'ora abbondante, sentiva ancora C e suo padre parlare, mentre era sopraggiunta la sorella, che si era dimostrata più gentile del suo ragazzo, accennando un minimo saluto a D. Sentiva ancora rumore di stoviglie e di piatti da mettere nel lavandino e dopo aver telefonato ai suoi genitori per rassicurarli, D si concesse una dormita dopo essere stato sveglio fino alle 2 quella notte, dopo il viaggio sicuramente stancante.

C si sentiva un pò in colpa di aver trascurato D ma desiderava più stare col padre durante il giorno, perché sapeva che poi lui sarebbe andato a dormire e non avrebbe più potuto parlargli.
Voleva sapere un pò la prima impressione che aveva di questo D conosciuto sul web, posto che per i genitori è spesso causa di guai più che di soluzioni.

Alla fine di quella conversazione, sapeva che il padre non era entusiasta anzi lo considerava un ragazzino in confronto al fidanzato della sorella, che già lavorava, che si dava da fare per portargli anche qualcosa come paste o altri dolcetti. Se quella era la mentalità, sarebbe stato anche difficile contraddirlo e la paura più di sentirlo arrabbiato, visto che era la sua unica figura di riferimento in quella casa, non era per lei contemplabile.

Quando aveva terminato la cucina, tornò in camera, trovando D addormentato e ne approfittò per andarsi a preparare per la passeggiata. In fondo pensava che doveva farsi perdonare per la sua assenza.

D si risvegliò quando l'orologio segnava le 16,30. Il rumore di un paio di ante di un armadio che si richiudevano, gli fecero capire che non era solo nella stanza.
Spalancando gli occhi, si ritrovò davanti la ragazza più bella che avesse mai visto.
C aveva un filo di trucco, un rossetto blu scuro che risaltava le sue labbra, un maglioncino aderente con una giacca stile gotica e un paio di leggings. Ma dal suo profumo di viole e dal suo guardarlo, era davvero un sogno.
Avvicinandosi a lei, congiunse le labbra con le sue e cingendole i fianchi delicatamente, si lasciò andare ad un tenero momento.
Non si era dimenticato della passeggiata, e si diede una sistemata prima di infilarsi le scarpe e pettinarsi.

La città era meravigliosa, specie se per la prima volta si tiene mano nella mano una persona. Specie se tutto quello che per mesi è stato solo un sogno, diventa reale.
D si fece guidare in città da C, anche senza conoscere le strade o i mezzi pubblici da prendere con le relative tariffe dei biglietti, le coincidenze e tutte quelle cose che era abituato a sapere ogni qualvolta si spostava per raggiungere l'università.
C a suo modo cercava di parlare il meno possibile, lasciava che fosse D a chiedergli le cose, perché in quel momento non aveva le parole giuste per esprimere la sua felicità.
Le ragazze spesso sono così: basta un momento per renderle le più felici. E basta un attimo per farle sentire tristi. Così anche per quel pomeriggio, i momenti di gioia, si alternavano a quelli di pianti non appena erano arrivati in una zona vicino al mare e lontano dalla strada, legati al fatto che C si sentiva in colpa per averlo trascurato a pranzo, o che era solo per tre giorni da lei. D la rassicurava sempre e le faceva comprendere che non era un problema. Capiva l'importanza di passare un pò di tempo col proprio padre quando lavora di notte.

C consigliò a D di fare una foto ricordo e per farle risplendere gli occhi sotto la luce della luna, passò le sue labbra sulle sue palpebre per asciugarle il viso, e la baciò con dolcezza, sentendo C divorare con passione quei momenti, senza gustarli a pieno, ma volendo quasi fagocitare le sue sensazioni.
Non le avevano insegnato a saper controllare il suo istinto anche in queste situazioni. Se nel primo bacio era sembrata timida, negli altri attimi, cercava di donarsi in tutto e per tutto come se avesse paura di fallire.
D aveva in mente il compito di educarla anche alla tranquillità interiore come un ragazzo è giusto che sappia fare, al cospetto della sua amata. Infondendole fiducia, che lui non sarebbe scappato e non avrebbe visto i suoi demoni interiori senza combatterli per farla uscire vincitrice.
E mentre la baciava, cercava di accarezzarle il collo, per incentivarla a rallentare nella foga, per non rovinarsi il rossetto e il trucco. Le prese la mano e la guardò lentamente come per rallentare tutto intorno a loro.
Era un momento solo per loro. Dove non doveva esserci la presenza di altri nella loro mente.

Quegli attimi legati al parlare al proprio animo, sciolsero le ultime barriere nella mente di C e appena tornati a casa, decise di passare l'intera serata tra le sue braccia. Gli accarezzava il petto da sopra la maglietta anche quando cenavano, lui con lei sulle sue ginocchia, e lo guardava anche spogliandolo con lo sguardo, mentre D aveva anche gli occhi lucidi per quei momenti e con fare lento, con il riscaldamento che permetteva loro di poter anche stare senza troppi vestiti addosso, cominciò a sfilarsi la felpa e la canottiera, per poggiarla sul suo petto e farle ascoltare il suo battito.
C si decise a spogliarsi lentamente, per far assaporare il suo corpo e nutrirsi di lui come un secondo pasto.
Sfilando il reggiseno e i leggings, lasciò spazio anche ad un veloce strip con le mutande che volarono fin sopra le loro teste, per mostrarsi a lui come in webcam per la prima volta sotto la luce del lampadario.
D aveva un'evidente erezione che C aiutò a liberarsi dei pantaloni e delle mutande, restando come madre natura li aveva fatti.
Si guardavano, nella loro mente per un attimo c'era stato il desiderio di fare sesso. Ma C attendeva un gesto da parte sua, come se avesse quasi paura che non volesse farsi avanti.
D la guardava, lui coglieva ogni attimo come un momento donato e quelle forme, quella femminilità senza più veli, senza dover ricorrere ad uno schermo, era lì di fronte a sé. Sentiva una tensione dentro sciogliersi lentamente, come se avesse il controllo sulla mente.
Guardava la sua vulva leggermente pulsante, i suoi denti mordicchiare quelle sue labbra, quel suo seno che puntava verso l'alto con le areole più rosee che mai.
Aveva assaporato nel buio della stanza solo la sera prima, il suo primo "salvavita". Perché era la sua pelle e tutto quello che in chat nel loro speciale sexting, aveva dichiarato un salvavita nelle giornate negative...per riportare il sorriso.

Il membro di D svettava davanti a lei e C non poteva fare a meno di guardare nel folto della sua barba e la sua peluria, un cuore tenero e un mondo nuovo che sicuramente voleva amare. Non si trattava di fare sesso con gli occhi. Si stavano amando come fossero davanti ancora alla webcam.
Si decise infine D ad avvicinarla a sé e la baciò lentamente per farla sistemare vicino a lui. La mise davanti a lui per fare nasino-nasino. Accarezzandola lentamente e guardandola per proseguire in quel viaggio meraviglioso lungo le sue curve e le sue emozioni.

Quelle sensazioni valeva la pena viverle almeno una volta nella vita.

Questo racconto di è stato letto 4 3 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti club privèporno moglie al cinemaliberaevarscconti pornostorie pornpa69 raccontiracconti erotici onlinestorie feticistedonna caga in boccaracconti porno gratuitigiorgina la troiastorielle erotichemammeincestirecconti eroticiracconti erotici zooracconti porosito racconti eroticiracconti erotici casalingadottoressa vogliosacornuto raccontiracconti porno freeracconti la suoceraracconti porno zooracconti hard di donne matureracconti matureporno racconti eroticiracconti erotici di ragazziracconti couckolddonne che scopano caniracconti erotuciracconti erotici di zoofiliastorue pornoracconti porno di casalingheracconti zia troiaracconti erotici generoracconti erotici vergineil troioracconti xxxracconri pornoracconti di massaggii racconti di milyraccontihotraccontu pornorscconti pornoacconti pornotradimenti racconti eroticiracconti hard 69video storie erotichesito racconti eroticiraccnti pornostorie di masturbazione femminileracconti eroticacerco cazziracconti orgestorie porno tradimentiracconti feticismostorie zoofiliastorie sesso lesbostorie sesso a treracconti padre e figliaracconti erotuciracconti di orgeracconti milunudaa69 racconti eroticiracconti transessualiracconti potnoracconti e video eroticiracconti erotici ditalinoracconti incesto mammaracconti poenoracconti cougargeniv racconti eroticiracconti porno inculatei generi racconti eroticiclistere erotico raccontiesperienze di sessoracconti di scambio di coppieracconti porno dal dottoremoglie puttana raccontisrorie pornosottomissione raccontiracconti lesbo 69racconti porno con transracconti erotici gratuitiracconti guzzon 59racc sess