OPS!! - Allarme Giallo (2)

Scritto da , il 2020-02-14, genere etero

C’era davvero un fottutissimo caldo..ma Marta aveva una missione da compiere : doveva assolutamente andare a comprare un costume nuovo!
Fra pochi giorni sarebbe partita con Leonardo, il suo ragazzo e doveva rispettare il rito di sfoggiare un costume nuovo ad ogni vacanza.

Ma faceva davvero troppo caldo per vagare per le vie del centro, così preferi dirottare il suo shopping in un centro commerciale…li almeno ci sarebbe stata l’aria condizionata!
Eccoli i soliti anziani seduti sulle panchine della galleria a godersi il fresco.
Marta passandogli davanti si sentì osservata , pensò che era piuttosto fastidioso che degli uomini che avrebbero potuto essere suoi nonni la fissassero in quel modo, del resto in quel momento non era diversa da un cantiere, era qualcosa di diverso di cui parlare nei prossimi 10 minuti.

Si fermò a guardare la vetrina di Calzedonia..ed eccoli li, sul manichino il costume “perfetto”, era un sempicissimo bikini a triangolo nero.. esattamente identico a quello che l’anno prima aveva dovuto buttare via …adorava quel costume!!

Si guardò intorno per un secondo , si sentiva ancora osservata, ma non c’era nessuno che la stesse guardando.
“Stai impazzendo !!” disse fra se e se.
Ma quella strana sensazione d’essere spiata continuò a seguirla, anche chiusa in quel camerino era come se uno stalker invisibile la controllasse.
Si provò il costume. Si guardò , era indecisa se prendere il modello di slip classico o quello alla brasiliana .
Leonardo avrebbe sicuramente avuto da ridire sul secondo, però , le stava così bene! Pensò guardandosi il sedere allo specchio.
Alle volte proprio non riusciva a capire cosa passasse nella mente del suo ragazzo…come se qualche cm di pelle in più fuori la trasformassero in una mignotta che si porta a letto il primo che passa.
Ok essere gelosi,ma lui davvero sembrava essere uscito dagli anni 50!
Non che Marta lo ascoltasse sempre , a dire il vero , anzi alle volte finivano per discutere per stronzate come una scollatura , una maglia trasparente , un paio di short troppo corti..
“Fanculo.. io le mutande da zia non me le prendo!” Pensò Marta girandosi un’ultima volta di schiena allo specchio per guardarsi .
Nel farlo prese contro alla borsa che cadde per terra e dalla tasca aperta scivolò fuori il cellulare che andò a finire fuori dal camerino.
“Merda!!” borbottò Marta aprendo la tenda per recuperare il telefono.
Si ok, era in costume e scalza , ma tanto nel negozio c’erano solo le due commesse.

“Scusate…”disse sorridendo e chinandosi per recuperare il cellulare.
Nel rialzarsi però notò fuori dalla vetrina qualcuno che assomigliava incredibilmente al suo ragazzo..no, anzi quello era proprio Leonardo!!
Che ci faceva li? Non doveva essere a lavorare?
Vabbeh , anche lei avrebbe dovuto essere in centro ed invece era li …poi, una tipa gli si avvicina, gli fa dare una leccata al cono gelato che ha appena preso e… Lo bacia??

Una stronza sta baciado quel bastardo del suo ragazzo??!!
E non un bacio amichevole sulla guancia , non un bacio a stampo .. no no quei due si stanno dando la lingua!!

“Brutto pezzo di merda!!!” imprecò Marta uscendo dal negozio senza pensare che era mezza nuda e scalza.

(Fu quello il momento in cui ad Aldilandia, Lele vide per la prima volta la scritta ALLARME GIALLO lampeggiare, senza sapere che fare..!)

“Certo che te li fanno proprio sudare questi straordinari eh!!” disse Marta avvicinandosi ai due.
Lui la guardò con il terrore negli occhi.
“E tu chi minchia sei?”disse la stronza guardando Marta
“Mi fai veramente schifo!!” rispose Marta guardando Leonardo e tornando dentro al negozio!
Rendendosi conto della figura di merda dall’espressione delle commesse.
Tornò nel camerino senza dire nulla, si riveste , comprò quel maledettissimo costume, anche se in vacanza non ci sarebbe andata.. di certo non con Leonardo!!
Con quello stronzo non ci vado più nemmeno in ascensore!!
Pensò Marta .
Lui la chiamò , le mandò messaggi , lei lo ignorò..
Quella relazione già era piuttosto complicata…erano sempre stati molto diversi , litigavano spessoe di certo la sua lingua nella bocca di un’altra non aveva migliorato la situazione!

La cosa ridicola è che lui sembrava quello tutto perfettino, moralista, perbenista.. e poi.. Boom eccolo li!!
“Ipocrita del cazzo!!”

Il resto di quell’estate per Marta divenne una sorta di pendolo fra l’autocommiserazione e l’iperattività, anche perchè Leonardo certo non mollava la presa , ma più lui si ostinava a volersi farsi perdonare più a lei salivano istinti omicidi.
La cosa che più la mortificava era rendersi conto di quanto era stata scema a fidarsi.

Non le ci volle molto a scoprire che nei due anni in cui erano stati insieme l’aveva cornificata spesso e volentieri, quando si era visto con le spalle al muro era stato proprio lui a confessarlo, con il più classico “ ma era solo una scopata, io amo te!”.
Alla fine si rese conto che non stava male per la separazione da lui ,quanto per la perdita di tutto quel tempo!

“Leonardo è il classico esempio di quelli che vogliono la loro ragazza santa per poi andarsi a scopare le prime zoccole che vedono!” disse la sua migliore amica
“Si ,credo di averlo capito!” rispose Marta.
“Almeno scopava bene?”chiese cercando di parlare di cose più leggere
“Erano scopate educate…”rispose Marta. Aveva voglia di sputtanarlo dicendo di no , ma non sarebbe stato del tutto vero. Più che male, era sempre uguale, sempre educato , sempre stessa posizione. “ovvio il porco che è lo mostra solo alle sue troiette!” pensò Marta.
“Vado a prendere un altro drink..”disse dopo aver finito il 3 coca e rum di quella serata!
Provava una soddisfazione immensa a bere senza Leonardo che la controllava o le rovinava la serata!

“Hey.. ciao!”le dice un ragazzo mettendosi fra lei ed il bar, con l’espressione che ha qualcuno che ti conosce e non con quella che ha uno quando ci sta provando.
“Dovrei conoscerti?”chiede Marta già piuttosto Brilla.
“Tu non sei la ragazzi di Leo? Martina?”disse lui.
“Marta e sono l’ex ragazza …”disse Marta riprendendo il suo percorso verso il bar.
“Sono Claudio..non ti ricordi ?”disse lui seguendola al bar.
“No”rispose lei guardando il barista impegnato a servire altri clienti.
“Il collega di Leo, sei venuta alla cena di Natale…”
“Dio.. ti prego ho rimosso quella serata !!” rispose Marta ricordandosi una delle cene più noiose della sua vita.
“Si, hai fatto bene…io faccio ancora gl’incubi….cosa bevi..te lo offro io..”

Alla fine Claudio sembrava un tipo simpatico ma sopratutto uno a cui piaceva divertirsi..passo il resto della sera a bere e ballare con lui.
“Marta noi andiamo..”disse la sua amica avvicinandosi a loro due che seduti ad un tavolino stavano bevendo due shot di tequila sale e limone.
“Oooh ma è prestissimo!!” si lamentò Marta ubriaca.
“Ti porto a casa io se vuoi…”intervenne Claudio.
“Allora io rimango.. sto con il mio amico!”rispose Marta.

Non era certo abituata ad ubriacarsi con perfetti estranei e farsi portare a casa, ma per una volta poteva pure lei fare una minchiata!!
“come vuoi..chiamami se…”disse l’amica ma Marta la interruppe.
“Non è mica un serial killer.. è un amico di Leo!!”disse per tranquillizzarla.

“in realtà a me il tuo ex sta sulle palle!”le disse Claudio rimasti al tavolo soli , circondati dalla musica assordante della discoteca.
“ah si..e come mai?”chiese Marta
“Perchè è un coglione..”disse Claudio senza troppe spiegazioni.
Marta, ormai sbronza, rise “ cooompletamente d’accordo!!”
“Come ha fatto una figa come te a stare con uno così? Me lo chiedo da quando ti ho visto a quella cena aziendale!”
“eh .. non lo so!” disse lei iniziando a sentire l’autocommiserazione alcolica salire.
“Non fare il faccino triste.. “disse Claudio mettendole un braccio sulla spalla e tirandola verso di lui.
“ci stai provando per caso..”disse in un vago barlume di sobrietà Marta.
“forse..ti dispiacerebbe molto?”gli chiese lui avvicinado il viso a quello di lei.
“Non lo so..”disse lei , pensare in quel momento era troppo faticoso.
E poi , le dava un senso di vendetta pensare di cedere alle attenzioni di un collega/amico di Leonardo.
Lui la bacio , un bacio irruento , quasi violento.
Marta non lo fermò ne cerco di allontanarlo.. semplicemente si lasciò infilare la lingua in bocca in modo completamente passivo. Ma a lui importava poco. Era troppo intento a palparle le tette senza troppi complimenti.
La cosa non era fastidiosa..solo un pò troppo veloce per poterla analizzare, per la mente alterata dal rum e dalla tequila di Marta.

Marta non ricordava d’essere uscita dal locale, ne di essere salita in macchina con Claudio ..ma improvvisamente si ritrovò nel suo appartamento ( una casa che condivideva con un’altra studentessa fuori sede, che però in quei giorni era tornata a casa ) , con le tette scoperte e lui che le succhiava un capezzolo mentre le infilava due dita nella figa..sdraiati sul suo letto.
“Fermati..” cercò di biascicare incapace di toglierselo di dosso.
“Non posso.. sei troppo figa..”disse lui staccando la bocca dal suo capezzolo “ e poi sei fradicia..scommetto che non scopi da parecchio…”disse poi chiudendole la bocca con un bacio.
Fu davvero strano.. la sua mente non voleva , ma il suo corpo sembrava godere comunque.
Lui le si sdraiò sopra penetrandola.
A quell’invasione lei gemette.Non poteva toglierselo di dosso e non era completamente certa di volerlo.
Lui ansimava scopandola con forza. Marta spense il cervello..e si lascio scopare …

Provò piacere, ebbe un orgasmo? Si..ma dopo quando quel momento finì Marta realizzò una cosa..il sesso senza amore non faceva per lei, provò un senso di vuoto e una gran voglia che lui ed il suo odore scomparissero da li.
Bisogna esserci portate per certe cose e lei non lo era.
Gli chiese di andare via pochi istanti dopo aver finito e dall’espressione che lui fece sembrò rimanerci male. Ma non le importava, qualsiasi fosse il viaggio mentale che lui si era fatto, doveva sparire!!

Ogni cosa è una lezione! Pensò fra se e se andando sotto al getto della doccia. Non era una cosa così grave, prima o poi capita a chiunque di scopare il primo che ci prova, lei almeno aveva capito che non le piaceva per niente.
Non si sentiva abusata, si sentiva solo stupida..
Si addormentò sul letto ancora avvolta dall’asciugamano.

( Intanto ad Aldilandia) :

“Lele, c’è un allarme Giallo che non si spegne”mi dice il collega a cui sto dando il cambio “ho controllato ma c’è nulla nel registro sotto quel nome…” .
Non sudo freddo mentre lo ascolto , solo perchè sono morto. Ho la tremendissima sensazione che si tratti di lei!
Porca Miseria!! L’ho controllata ogni giorno e sembrava filare tutto liscio!
“Se non si spegne non so proprio cosa fare..ho comunque scritto nome e codice dell’errore nel registro..”
E se ne va! Mi lascia li in preda all’inizio di un attacco di panico.
Mi siedo e.. si, è proprio su Marta quell’allarme! Sono fritto! Ora l’errore è sul registro. Porca Miseriaccia…
Com’è possibile, infondo la mia sola colpa è di aver fatto cadere quel cellulare!! Com’è possibile che una vita cambi direzione per colpa di un fottutissimo telefono per terra??
Forse dovrei confessare…forse dovrei farlo ora che il suo allarme è ancora giallo!!
“Scusa..”chiamo il mio vicino di scrivania “tu lo sai se c’è un modo per leggere la linea del destino di qualcuno?”
“Perchè vorresti farlo?”mi chiede stranito
“Beh, ho un allarme giallo ma non posso sapere cosa c’è che non va se…non so come dovrebbe essere..”dico cercando di sembrare solo molto diligente e solerte
“Al primo livello non la puoi leggere la linea..ma non hai letto il manuale??”
“si, ma…”
“Fa vedere…”mi dice spazientito scivolando con la sedia nella mia postazione.
“Oh porca boia!! La vedi quella percentuale che continua a salire?”mi dice indicandomela.
“si..”dico leggendola
“Indica quanto la vita di quella persona si sta scostando dalla linea…e credimi..questo diventerà un gran bel casino! Chiama il responsabile.. noi non possiamo fare niente!!”
E non appena me lo dice, l’allarme da GIallo diventa Arancio.

Sono fottuto.. magari non esisterà l’inferno ma quando scopriranno il casino che ho fatto , mi metteranno a fare la cosa più schifosa che c’è. Non solo mi toglieranno i crediti che ho acquisito fino ad ora , ma andrò addirittura sotto …
Starò al primo livello a lavorare come uno schiavo per l’eternità!!
Sono fottuto!! penso , mentre alzo il braccio per attirare l’attenzione del mio responsabile.

Questo racconto di è stato letto 1 4 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


incesto con la suocerastorie e racconti eroticiraccontiincestistrorie pornoi piedi di mia cognataracconto pornoracconti erotici di zoofiliaerotici raccracconto scambio coppiaracconti porno cornaracconti erotici trasgressiviracconti eroti iracconti erotiicracconti erotici veritrans racconti eroticierotico raccontoracconti erotici annuncio69brevi racconti pornocane scopa moglieracconti in cestomariti cornuti e umiliatiracconti erotici universitàraccontieroticoracconti erotici.racconti erotici masturbazioneracconti sroticiracconti poroerotici racstorie trioho inculato mia suoceraraccnti miluculosfondatocogniataerotico storieracconti erotici tra mamma e figlioracconti pprnosesso sadostorie fetish piediracconto cognataracconti erotici pompiniraccotni eroticimilu storiemasturbazione tra cuginii generi di racconti inceatoracconti pornograficistoriepornoeroticaraccontiracconti privestorie e racconti eroticicuginetta pornoracconti erotici con canistorie gay gratisracconti incesto veriracconti pronostorie eroticheracconti erotickracconti sroticiracconti erotici gay giovanimamma troia.comerotivi raccontiracconto xxxracconti porcelliracconti porno nuoviracconti sesso scuolaracconti eroticheracconti particolarimoglie inculata da amanteracconti bsxrocconti eroticiracconti fetishraccobti eroticiracconti sesso lesboracconti erotici analiracconti reoticiinculate raccontistorie erotiche miluracconti erotici dominazione femminileracconti porno nonnaracconti porno con caniracconti eoticilesbiche raccontistorie porlecca suoleracconti moglie zoccolaracconti erotici forum femminilemilu incestoracconti erotiicraccontiposesso zoofiliacornuto e guardoneracconti erotici sui pieditacconti eroticiracconti erotici trasgressiviracconti maritoracconti di incesti gay69 raccontiracconti porno scat