2020 un Capodanno da ricordare - 5

Scritto da , il 2020-02-14, genere etero

Capitolo 5 – L’Ultimo dell’Anno: Liv

------------

Ero stanco. Dannatamente stanco. Avevo deciso così di prendermi un bicchiere di coca cola e poi mi ero disteso su una delle poltrone dando le spalle alla piscina riscaldata.
Mi ero così messo a guardare in giro tenendo sottocontrollo anche quelli che salivano e scendevano dal primo piano.
-Prima volta?
Di nuovo, per la seconda volta, mi venne fatta la domanda. La stessa che Jessy mi aveva fatto al mio ingresso nella SPA.
-È così evidente?
Avevo risposto guardando il mio interlocutore.
Era un ragazzo che poteva avere circa trentacinque quarant'anni, con la barba e gli occhiali.
Un ragazzo semplice, non tanto alto, con un paio di occhiali, disteso su un divano accanto al mio.
-Diciamo che se ti guardi attorno così di frequente come se stessi per divorare l'intera SPA non fa di te uno che è venuto più di una volta.
-Hai ragione. Ma come si fa a non comportarsi differentemente?
Avevo risposto ridendo.
Lui aveva sorriso e poi aveva domandato.
-Sei già salito in camera?
-Sì. Con una che sichiama Jessy se non ricordo male.
-Com'era?
-Brava. Bella e molto brava. Tu sei salito con qualcuna?
Lui per tutta risposta aveva sorseggato un po' della sua bevanda. Con calma poi aveva risposto:
-Sono stato con una delle top di questa SPA. L'unica che ho riconosciuto da quando questa struttura è stata aperta. Si chiama Elma. Di solito si trova vicino ai divani che sitrovano tra le scale e la porta della sauna. Anzi a dir la verità si trova seduta sui braccioli del divano che si trovano sulla destra del piccolo corridoio a lato delle scale, vicino alla finestra. Ha i capelli castani e un 'aria scazzata. È una che vuole stare sempre per conto suo per non essere disturbata tanto visto che è un po' timida. È di poche parole eppure a letto è una belva. Fa dei pompini che è uno spettacolo assoluto.
-Urca devi esserne innamorato se ne parli così bene.
Aveva riso di nuovo.
-A parte gli scherzi, visto che sei nuovo ti do alcuni consigli.
Non buttarti tra le gambe di ogni ragazza che vedi. Cerca piuttosto di capire come si sono trovati gli altri e magari vai a fare domande in giro. Un'altra cosa: stai attento a come le coppie scendono una volta che hanno scopato. Se scendono insieme abbbracciati, che parlano ancora tra di loro e che si scambiano effusioni, allora significa che ci sono stati fuoco e scintille. In caso contrario, la ragazza o lui, non sono stati bravi. Per niente.
-Non ci avevo pensato. Ti ringrazio.
Lui poi aveva bevuto l'ultimo sorso e poi si era alzato.
-A proposito: io sono Giacomo e tu?
-Marco
Mi ero presentato.
-Bene Marco. Ci si vede in giro.
Poi si era dileguato tra la folla. Io per conto mio ero rimasto seduto. O meglio disteso.

-Ciao che ci fai quì? È la tua prima volta? Sai non ti avevo mai visto.
Era una cantilena. Domande e constatazioni che le ragazze più audaci mi facevano. Venivano da me, sculettando a ritmo di musica e poi con un sorriso stampato in faccia mi facevano la domanda.
Io prontamente rispondevo loro che si era la mia prima volta e che ero stanco e poi gentilmente declinavo.
Visto che a sedere attiravo di più l'attenzione, decisi di alzarmi per camminare un po' e magari prendermi il terzo bicchiere di coca cola visto la velocità con cui avevo finito i primi due. E poi tranquillamente mi ero messo a camminare.
Certo che di ragazze belle c'è n'erano. Alcune erano davvero al top come mi aveva detto Giacomo.

Salivano e scendevano. E ogni volta le osservavo. Qualcuno effettivamente scendeva tutto contento mentre aiutava la ragazza a scendere. Parlavano tra di loro, si abbracciavano e si baciavano. Altri sembravano dei completi estranei.
-I'm from Ibiza. - Vengo da Ibiza.
Avevo di colpo sentito mentre passavo vicino ad una ragazza con i capelli lunghi e neri con la frangia tagliata a caschetto.
Mi aveva letteralmente incantato.

Li lasciai finire di parlare e aspettai circa un cinque dieci minuti. E mentre aspettavo la osservavo. Aveva un sorriso veramente bello. Un corpo minuto. E i suoi gesti, l'accavallare le gambe e il suo modo di sorseggiare la sua bibita in modo così sensuale mi mandava in eccitazione.

-Ciao - le dissi - sono Marco. Come ti chiami?
Lei invece di rispondermi mi guardò con un punto interrogativo stampato sul suo viso. Poi mi ricordai della sua chiacchierata che aveva fatto in inglese.
-Sorry. And hi! My name is Marco. What's your name?
Ripetei questa volta in inglese.
-Oh it's ok. My name is Liv. Pleased to meet you too Marco!
-So where are you from? Sorry but I overheard that you are from Ibiza.
-Yeah. But I work only there in summer. In winter I came here in Austria.
E così piano piano abbiamo iniziato a parlare e a conoscerci meglio. D'un tratto mi aveva preso per mano e mi aveva poi portato su un divano dove si era distesa accanto a me e intanto aveva messo una mano sotto all'accappatoio massaggiandomi il petto dolcemente.

-Do you want to go to a room?
Le ho detto guardandola negli occhi mentre ero ormai duro.
-Yeah, of course.
Così mi alzai le diedi la mano e la alzai a mia volta. Tenendola per mano ci dirigemmo poi in camera.
Neanche il tempo di entrare che avevo già messo una mano sui suoi fianche e una sul suo seno mentre cercavo la sua bocca. E. La baciai con tutto il trasporto di cui ero capace. Neanche due minuti che lei si staccò gentilmente.
-Wait a minute... please... I have to go to the shower at least.
Così l'avevo lasciata non prima di averle dato ancora una volta un bacio.
Poi la osservai mentre si lavava, mentre sfregava i seni, la fica e il culo. Mentre cercava di lavarsi la schiena, le braccia bianche.
Ormai non resistevo più.
Partito in quarta mi ero fiondato in doccia con lei.
La cinsi da dietro e la portai con il seno sul divisore di vetro. E mentre la premevo le allargai le gambe e misi prima un dito e poi due dentro di lei facendola mugolare.
-You love... rough... he... naughty... boy!
-Yeah... I love it... I really love it so much... baby girl!
Poi avevo continuato a martoriarle aggiungendo il pollice sul clitoride e fregandole furiosamente la fica finché dopo circa quindici minuti venne.

-Do... you want... to go... to... bed?
Mi chiese mentre era inginocchiata ormai stravolta dal piacere e con le gambe che le erano cedute.

L'avevo presa in braccio mentre lei mi cingeva il collo e piano mi leccava e baciava i lobi delle orecchie.
Una volta arrivati sul letta l'avevo distesa con la testa che usciva verso l'esterno del letto stesso.
In quella posizione l'avevo baciata inginocchiandomi. Un bacio come avevo visto fare tra Peter Parker e Mary Jane Watson. Solo che almeno lei era distesa.
Dopo quattro, cinque baci mi ero alzato e le avevo avvicinato il cazzo ormai durissimo.
-Here take it deep!
Le avevo detto mentre lentamente le infilavo tutto fino alle palle. Poi con studiata lentezza lo avevo ritirato mentre le pastrunavo i seni e i capezzoli.
Lei incitata, aveva perso ogni controllo. Aveva messo le sue mani attorno al mio culo e aveva preso a stantuffarsi. Ogni volta che tiravo il cazzo fuori lei prontamente se lo infilava di nuovo spingendo il culo e di conseguenza il cazzo verso di lei e la sua bocca famelica.
Quando ormai stavo per venire mi fermai. Anche se in extremis.
La feci alzare di nuovo e la misi seduta in ginocchio. Io mi distesi di fianco a lei.
Le presi la mano e le feci cenno di avvicinarsi a me. Una volta che era completamente su di me le cinsi il culo e portai la sua figa alla mia bocca. Lei avendo capito le mie intenzioni aprì le cosce in modo osceno. Io a quella vista mi ci tuffai. Presi a leccare e a succhiare ogni centimetro senza lesinare il clitoride, ormai rosso.
Quando era di nuovo bagnata mi staccai. Lei scivolò su di me fino a quando non si ritrovò la sua figa a contatto con il mio cazzo.
-Put it in... please...
Le avevo detto.
Poi iniziò la cavalcata.
Inizialmente era lento e poi divenne una cavalcata selvaggia.
Mi massaggiava e mi torturava in modo paradisiaco. E alla fine non resistetti molto. Le sborrai dentro.
Finito, le diedi ancora un bacio, mi rivestii e l'accompagnai fuori dalla stanza giù verso la sala principale.

Questo racconto di è stato letto 8 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie transprima inculata gaymilu raccmia sorella mi da il culostorierotichei raccinti di miluracconti analiporno lettureracconto primo analeraccoti miluracoonti eroticiracconti di sessracconti erotici gay eteroracconti pornppissing per stradaracconti di scambistiracconti di tradimenti coniugaliracconti gay prime esperienzecugina tettepissing italia forumracconti erotici farfallinaracconti coppiaracconti eroticciraccolta racconti eroticiracconti per adulti gratishard raccontiracconti erotici hotstorie di sesso realiracconti pormoporno storie di cornaracconti erotici itaracco ti eroticiracconti eroyiciracconti erotici ziaraccontieroticidiguzzon59racconti hard con animaliracconti gay amicosesso fra donne e animaliracconti eros gayracconti storie eroticheracconti erotici in italianoracconti porno di casalingheinculatorelista racconti eroticiraccontierticiracconti pornlibri erotici gratisho scopato la suoceraincestiraccontiracconti incesti gaygeneri eroticii generi di racconti eroticicazzi bruttiracconti reali eroticiracconti erotici slaveracconti di coppie bisexannunci 69 storieracconti erotici zio nipoteracconti erotixipiedi di mia ziaraccontierracconti erotici sul busraccontieroticracconti gratis eroticiracconti rroticiracconti erotici cavalloraccnti pornoraconti picantiracconto erotico scuolaerotico storieculi rotti raccontistorie di sesso videoraccontipostorie porno tradimentiorgia incestoracconti disessoeroticiracconyiracconti ereoticiracconti erotticiil culo di mia suoceraracconti veri incestistorie fetishculosfondatocornuto e troiaincest raccontiracconti erotici di cornaracconti erotici con la suoceraracco ti eroticitroioeracconti sesso animaliracconti erotici di sculacciateracconti adultiracconti eroticiracconti moglie al cinemastorie di sesso gayracconti erotici 69racconti ereoticinonno porco porno