2020 un Capodanno da ricordare - 4

Scritto da , il 2020-02-14, genere etero

Capitolo 4 – L’Ultimo dell’Anno: La prima scopata

------------

Il mattino dopo ci svegliammo alle otto e dopo una doccia andammo direttamente a fare colazione. C'era poca gente in sala da pranzo e tutti rispetto a noi erano più vivaci. Parlavano tra di loro, scherzavano e ridevano. Io e Luca invece eravamo silenziosi. Parlavamo poco e ci guardavamo anche poco. Il motivo era che eravamo parecchio agitati.
Finito la colazione siamo andati in stanza ci siamo lavati e io mi sono addiritura messo un po' di gel tra i capelli, un po'di profumo e un po' di crema per non avere le mani screpolate dal freddo che faceva.
Abbiamo anche chiamato di nuovo la SPA per sapere del biglietto ma tutto quello che ci dissero fu:
-Il biglietto non è pronto ma dato che vediamo che il pagamento è stato effettuato potete entrare tranquillamente.

Siamo poi usciti in silenzio e abbiamo camminato un po'per il paese. Erano circa le undici.
Siamo passati poi per il supermercato che a quanto pare era ancora aperto e ho deciso di prendere una scatola di dolci e due bottiglie di succo di sambuco. Più una busta di noccioline.
Finito siamo tornati di nuovo in albergo e una volta posate le borse abbiamo guardato l'ora: erano circa le tredici.
A quel punto abbiamo deciso di avviarci in SPA.

Erano le tredici e trenta circa quando arrivammo e una volta mostrato il mio biglietto e una volta presi i nostri nomi, ci diedero un accappatoio a testa e delle ciabatte. In più due chiavi. Uno per l'armadietto e l'altro per la cassetta di sicurezza.

Ci cambiammo tranquillamente poi una volta pronti Luca mi fermò.
-Tranquillo. Mica ti mangiano. Almeno non in quel senso.
Gli avevo detto sorridendo.
-Lo so... ma... pensavo... di guardarci in giro e fare le cose separatamente.
Mi aveva risposto e devo dire che non aveva tutti i torti.
-Hai ragione. Allora facciamo così.
Poi entrammo

Una stanza con al centro un piano bar con una pole dance, divani sparsi in giro e a destra una mensa. A sinistra invece vidi un fuoco acceso, delle scale che portavano al secondo piano con accanto una seconda pole dance. Sempre a sinistra c'era la sala massaggi due stanze per riposare e stanze per la sauna da quarantacinque, sessanta e novanta gradi.
E ragazze dappertutto.
Chi in lingerie chi in accappatoio e alcune completamente nude come quelle del giorno prima.

C'era musica dappertutto mentre televisori sparsi per la struttura mandavano video della SPA.
Ero affascinato e il mio cazzo stava reagendo come non lo aveva mai fatto.
-È la prima volta che vieni?
Mi aveva chiesto una ragazza mentre ancora mi guardavo in giro.
Aveva solo la biancheria addoso. Biancheria nera.
Due occhi coloro nocciola e capelli castani, un viso d'angelo e poco più alta di me.
-Qui sì è la mia prima volta. Io sono Marco e tu?
Avevo risposto sorridendole mentre ormai ero perso nei suoi occhi.
-Sono Jessy. Il piacere è mio.
Mi rispose.
-Sai come funziona?
-No... cioè sì... sì so come funziona.
-Capisco. Allora dimmi di ove sei?
-Di Trieste e tu?
-Abito qua in Austria.
Nonostante il discorso così crudo che non portava da nessuna parte e il fatto di bere una coca cola assieme a lei, nonostante ciò, ero incuriosito da lei. Volevo assolutamente portarmela a letto. Eppure ero parecchio timido per domandarle una cosa del genere.
Arrivò anche un'altra ragazza che rimase con noi circa un cinque minuti e si fermò a parlare con Jessy. Poi com'era venuta se ne andò salutando.
-Senti si vede che sei interessato. Vuoi salire su con me?
Aveva domandato mentre sorseggiava la sua bevanda.
Io per tutta risposta avevo trangugiato la coca cola che era rimasta nel bicchiere e avevo sospirat una volta finito.
-Con te andrei dappertutto.
Le risposi.

Un letto a una piazza e mezza di colore nero, una doccia, uno specchio di fronte al letto e una radio accesa.
Insomma ina stanza così piccola c'era tutto questo.
Una volta entrati in stanza aveva poi chiuso la porta dietro di lei e mentre io studiavo la stanza lei si era spogliata e si era diretta in doccia. Dal canto mio ero rimasto a bocca aperta per due minuti, giusto il tempo di togliermi l'accappatoio le mutande e di raggiungerla in doccia a mia volta.

Mentre l'acqua calda scorreva sul suo corpo l'avevo abbracciata da dietro e mentre avevo iniziato ad impastare le sue tette e il suo culo avevo iniziato a baciarle il collo la schiena e i suoi lobi, mentre il suo respiro si faceva sempre più pesante.
Quando ormai era abbastanza evidente la sua eccitazione, avevo smesso, l'avevo girata portandomi il suo viso quasi attaccato al mio e senza esitare l'avevo baciata.
Un bacio sensuale. E mentre le nostre lingue danzavano da una bocca all'altra avevo messo una mano tra le sue gambe e piano piano avevo iniziato a sditalinarla. Con il passare del tempo iniziai a martoriarle furiosamente il clitoride fino a quando non venne nella mia mano gridando di piacere e abbracciandomi e graffiandomi la schiena.
-Hai un buon profumo.
Mi disse in un orecchio.
-Che ne dici se andiamo a letto?
Le avevo risposto ormai con il cazzo in tiro.

Ero disteso sulla schiena mentre lei con dolcezza mi mordeva e leccava i capezzoli e con una mano mi segava.
Io l'avevo fermata, l'avevo girata portandomi la figa in faccia e avevo iniziato a mordere e a succhiare ogni goccia che le colava.
-Piano - mi diceva - piano che sono appena venuta.
Eppure non l'ascoltavo e visto che non la sentivo lei per rippicca si era girata, lasciandomi la fica in bocca e si era messa a spompinarmi.
Succhiava, mordeva e slinguazzava partendo dalla cappella e scendeva giù fino alla base. Leccava le palle. E poi riiniziava.
-Fermati che mi fai venire - avevo detto con voce roca.

Era sopra di me e cavalcava come nessuna mai prima d'ora. Aveva un trasporto, una voglia di godere, e far godere come poche.
Una cavalcata selvaggia e senza fine. Una cavalcata in cui avevo deciso di abbracciarla e tirarmela addosso. Una cavalcata in cui avevo deciso di succhiarle i capezzoli di martoriarle il clitoride e strapparle il culo.
Una cavalcata selvaggia in cui in ogni su e giù mi massaggiava il cazzo.
Una cavalcata che era durata dieci minuti. E poi ero venuto dentro di lei. Senza ritegno.

Eravamo abbracciati come due ragazzini innamorati mentre scendevamo le scale.
E come due idioti sorridevamo.
Una volta raggiunta la base delle scale ci abbracciammo ancora una volta e ci bacciammo un ultima volta.

Così la prima scopata della giornata l'avevo fatta.

Questo racconto di è stato letto 8 1 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


inculate atrocizoofilia raccontiracconti gay freeracconti erorticiracconti gay scuolastorie di incestoracconti nel culorcconti miluracconti erotici donne incinteracconti eccitantirocconti eroticiracconti erotici.comwww.racconti-erotici.itracconti moglie infedeleracconti erotici.commia moglie rotta in culoracconti massaggiositi erotici italianiraccontiervideo porno grstuititradimenti racconti eroticiracconti erotici dal medicola nipote prediletta pornoracconti erotricisesso con mio nipotedonna scopata da animalistorie di scambististorie travestitiracvonti pornoerotivi raccontistorie zoofiliaracconti gay bearsracconti pprnoraconti picantifisting estremimoglie timidaracconti69racconti erotici per adultigenere dei racconti eroticistorie milfracconti dominazione trans1001 racconti eroticiracconti erotici ingravidataracvonti eroticierotici racconti realimio fratello si masturbaraccont eroticiracconti incesti amatorialiracconti mogli pornoracconti straponlettere di coppieracconti picantiracconto erotico suoceraerotici taccontimoglie ricattataiomiluraccontiwww.eroticiracconti.iteroriciraccontiracc incestracconti porno violentiracconti milunudaracconti porno zooerotici racravconti eroticieroticiraccontipadrona tortura schiavostorie reali sessorac erotracconi pornoracontieroticiracconti di deflorazionevideo storie di sessoeroticiraccontistorue pornorac erotracconto sculacciataracconti senza mutandineracconti erotici di guzzonracconti porno+mistress cagaracconti porno tradimentistorie hard gay