2020 un Capodanno da ricordare - 2

Scritto da , il 2020-02-14, genere etero

Capitolo 2 – Il tarlo dell’ossessione

------------

Ero tornato a casa da poco e il pranzo era stato appena fatto visto il buon profumo che usciva dalla cucina.
Come al solito appena varcato l’atrio dovetti subito placcare la mia gatta che ogni volta che poteva, cercava di uscire sul pianerottolo non tanto per scappare ma tanto per dare sfogo alla sua curiosità.
-Dove vuoi andare piccolina?
Avevo domandato mentre la prendevo in braccio e con una mano chiudevo la porta d’ingresso.
Lei per tutta risposta mi aveva guardato tutta arrabbiata e in un movimento fluido era sgusciata dall’abbraccio e poi si era dileguata in corridoio lasciandomi addosso peli bianchi.
Mia madre nel frattempo rideva sotto i baffi mentre con voce scherzosa le diceva:
-Povera micina che cosa ti ha fatto quel bruto (si bruto e non brutto perché a quanto pare i gatti - o i cani o qualsiasi animale carino - ti fa perdere la capacità di ragionare e di parlare correttamente)?

Ero sazio.
Non tanto da scoppiare che sia chiaro.
Così una volta finito la cena avevo sparecchiato, mi ero lavato i denti e poi ero andato in camera a studiare per alcuni (non so se otto rientra nella categoria di alcuni…) concorsi pubblici.
Eppure durante lo studio non riuscivo assolutamente a concentrarmi visto quello che mi aveva detto Alex.
Così avevo acceso il PC e con la scusa di cercare alcune leggi sul Diritto Amministrativo avevo invece digitato in una seconda pagina il nome del posto che mi aveva consigliato.
Su Google il primo risultato fu quello che effettivamente cercavo.
Quando poi cliccai sul link mi si aprì un mondo nuovo.
La prima cosa che notai subito fu l’immagine principale con il logo del posto e sotto due righe di scrittura. Semplici. E dicevano:

SPA FOR MAN
FEEL THE MOMENT!

A destra c’era invece la figura di un uomo con una camicia bianca, una cravatta grigia e dei pantaloni blu seduto su una poltrona raffinata di velluto viola con le gambe e le finiture bianco oro.
Ai suoi piedi c’erano due ragazze, una a destra e l’altra a sinistra sedute e con le braccia appoggiate a lui e alla poltrona. Dietro di lui c’erano poi altre quattro ragazze di cui quella più a destra aveva un mantello sottilissimo di seta viola, come la sedia. Le due ragazze al centro erano dietro all’uomo e mentre una lo abbracciava con un braccio guardando in modo sensuale la macchina fotografica che aveva immortalato la scena la seconda stava invece cercando di baciare la sua amica. La quarta era invece di schiena e a differenza delle altre cinque che indossavano lingerie e babydoll neri, lei indossava un intimo bianco.

Il sito poi continuava e descriveva che tipo di struttura era, i prezzi, quello che si poteva fare e le fantasie che si potevano realizzare e così via fino a descrivere anche i servizi di barbiere, le saune e le vasche idromassaggio, la piscina all’esterno, il servizio di ristorazione e naturalmente anche il servizio fornito dall’albergo adiacente e le vip room annesse.

Insomma un piccolo paradiso, ai miei occhi.
E più guardavo a quel paradiso più i miei occhi brillavano.
Volevo andarci di conseguenza e più ci pensavo più mi rimaneva in mente e nel cuore questo desiderio.
Purtroppo però c’erano alcuni aspetti che rendevano difficoltosa la realizzazione.
La prima era che non guidando da circa dieci anni e quindi dovevo per forza di cose prendere o il treno o il Flixbus.
Se avessi preso il treno avrei dovuto prenderne uno regionale diretto verso Tarvisio e da Tarvisio fino a Villaco e come se non bastasse tornare poi indietro fino ad Arnoldstein.
E ci avrei messo all’incirca quattro ore.
Se invece avessi preso il Flixbus avrei pagato circa una quarantina di euro tra andata e ritorno per fare lo stesso, il viaggio fino a Villaco e da là avrei dovuto comunque fare il percorso all’indietro fino ad Arnoldstein in taxi quindi avrei dovuto aggiungere altri quaranta euro. Insomma mi serviva qualcuno che potesse guidare e portarmi direttamente ad Arnoldstein senza girare per il mondo prima di raggiungere la meta.
Inoltre avevo anche deciso quando andare, visto che sul sito c’era una news in cui si comunicava la possibilità di partecipare alla festa di capodanno che la struttura offriva.

Ero così preso da questi pensieri che per i primi tre giorni non sono riuscito ad essere razionale e persino i miei studi ne risentirono.
Poi quando la preparazione del viaggio era entrato nella mia testa mi ero mosso per trovare una soluzione e intanto avevo mandato una mail al responsabile del marketing della struttura e avevo prenotato un albergo prima a Villaco e poi visto la distanza troppo lunga ho optato direttamente per Arnoldstein.
Un albergo con la prima colazione.
Poi visto e rivisto le opzioni tra treno e Flixbus optai per la prenotazione di quest’ultimo; mandai una mail per la richiesta del biglietto al responsabile del marketing, e gli inviai anche la ricevuta dell’acconto che avevo pagato per il biglietto stesso. Infine ero pronto per la bugia più grande della mia vita sperando che i miei avessero abboccato all’amo.

Questo racconto di è stato letto 8 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


mi sono scopato mia sorellaracconti porno scambistiracc er 69racconti eccitanticognata provocantei generi racconti eroticierotici racvontirqcconti pornoracconti erotici amicomogli dominantiracconti erotic iracconti veri di incestoracconti erotiviracconti erotivi gayracconti di donne voglioseracconti di escortstorie di sesso con la suoceraracconta eroticistorie feticismoracconti erotici i generiracconti erotici sadomasoracconti porchiracconti dottoreraccont eroticerticiraccontistorie con donne matureho inculato la mammaracconti sessoracconti porno incestoracconti sadomasoracconti erotici punizioniracconti erotici e pornoraconti sessosesso di gruppo raccontiracconti hotgeneri dei racconti eroticistorie clistereracconti pompini gayracconti eoritciracconti mia moglieavventure cuckoldracconti erotici mracconti vecchie troieraccoti eroticieros raccontiscat raccontistorie erracconti veri sessostorie erotiche piedistorie di sesso pornotradimenti racconti pornoracconta eroticiracconti erotici tra fratello e sorellaprima inculata gaymoglie persa a pokerraccontu eroticilibri erotici comicimamma troia.comracconti gay pelosii racconti di milistorie erotivhegolosa di spermaracconti erotici con neriracconti erotici inculateiracconti di milùracconto erotmariti cornuti raccontiracconti erotici con il caneracconti erotici gitaracconti erotici adultiracconti feetaddio al nubilato orgiastorie eroticheesibizioniste in autoho messo incinta mia cognataerotici 69racconti erotici generei generi dei racconti eroticistorie69acconti pornogenere dei racconti eroticiincesti proibitiracconti primo pompinocugina tetteracconti pornosex clistere