Mio cugino mi ha svezzato (parte seconda)

Scritto da , il 2020-02-14, genere gay

Come mi aveva lasciato intendere, Renato aveva le idee molto chiare su quella che sarebbe stata la mia estate. Per i due giorni successivi io e lui ci siamo comportati normalmente, nessuno schiocco di elastico, nessun giornaletto lasciato aperto ... ma la sera prima che gli zii andassero giù in città, in camera Renato fa schioccare l'elastico, mi giro e lo vedo, disteso n udo sul letto, con gli slip a mezzagamba. Un'altro schiocco, e un'altro ancora, lo vedo fremente, nervoso, ma ho paura, di la ci sono gli zii che dormono, e se si accorgono di tutto , che figura facciamo ? mentre penso a queste cose, lui si alza e si avvicina al mio letto, si toglie lo slip e mi fa segno di mettermi seduto sul letto, ma di stare in silenzio.Obbedisco e subito lui mi tappa il naso e mi mette il suo cazzo sulle labbra, non è duro, e non lo ha scappellato, io apro istintivamente la bocca per respirare e lui me lo spinge dentro, sorridendo. Lo lecco e piano piano diventa duro. A quel punto lui si toglie , e si rimette nel suo letto, sdraiato e con il cazzo bene in vista, duro , che punta verso l'alto. Mi guarda ed è come se mi stesse dicendo che se lo volevo in bocca, dovevo essere io ad andare da lui, che era lui a farmi un favore, e non il contrario; ma ho troppa paura, mi volto dall'altra parte e mi rimetto a dormire. La nottata passa veloce ed il giorno dopo gli zii ci salutano, sono già con i loro amici che mi presentano Giulio, loro figlio. Ha la mia stessa età 14 anni, un bel ragazzo. Poche parole, qualche raccomandazione e poi salgono in macchina e partono. Renato e Giulio parlottano fra loro, si vede che c'è molta confidenza, poi tutti e tre decidiamo di metterci in giardino a prendere il sole. La casa degli zii, è una bella villetta isolata, cintata , non accessibile se non dal vialetto, ora chiuso da una bella cancellata. Nel giardino sul retro della casa, c'è un bel praticello con le sdraio, ombrellone e una doccia. Giulio e Renato si tolgono i vestiti e rimangono in slip, e subito si sdraiano, io faccio altrettanto e mi sdraio vicino a loro. Renato ha uno slip colorato, Giulio uno bianco, che evidenzia un pacco di notevoli dimensioni. Passa una buona mezz'ora fra risa e commenti di calcio, poi Giulio e Renato si alzano e vanno in casa, dopo qualche minuto escono e sul viso hanno un sorriso starno...mi alzo e vado in casa per bere, il caldo mi ha asciugato la bocca. Entro in cucina e sul tavolo c'è uno dei famosi giornalini di Renato, aperto su una pagina dove due ragazzi stanno facendo sesso con una ragazza. Sono su un prato, lei è a gattoni e uno la prende da dietro, mentre l'altro le riempie la bocca...in quel momento una vampata di caldo mi pervade tutto, ma non voglio fare una cosa del genere, passi Renato, mio cugino, lo abbiamo fatto in esplorazione dei nostri corpi , penso, ma solo per darmi un alibi. Non intendo avere altri rapporti, e a questo punto nemmeno con Renato. Quindi chiudo il giornalino, prendo da bere ed esco in giardino. Sono li, stesi al sole, Renato ha lo slip appena calato, vedo-non vedo, mentre Giulio no, porgo ad entrambi i bicchieri e mi vado a stendere. Renato si alza , va in cucina ed esce quasi subito, non dice nulla. Lo vedo irritato, ma ovviamente non può pretendere nulla, soprattutto perché c'è Giulio. Passa ancora circa un'altra ora e Renato si alza e si fa la doccia, subito seguito da Giulio. Ovviamente lo slip bianco, quando si bagna, diventa quasi trasparente e mette in evidenza il bel cazzo di Giulio. Li osservo e li raggiungo, facciamo gli scemi sotto alla doccia e con una cannetta usata dalla zia per annaffiare i fiori, ci schizziamo con l'acqua e ci spintoniamo qua e la. Ad un certo punto Renato mi afferra dai fianchi ,e si struscia contro di me, in modo inequivocabile.Subito rimango impietrito, poi guardo Giulio in volto, e subito dopo non posso fare a meno di guardarlo in basso, visibilmente eccitato per questa situazione. Renato non mi lascia, anzi, continua a strusciarsi contro di me. Anch'io mi sto eccitando e quando Renato mi mette la mano sul cazzo, Giulio diventa rosso in volto. Renato mi spinge sulle spalle per farmi mettere giù, faccio un po' di resistenza, ma si vede che è solo per apparenza, e dopo qualche istante mi piego in avanti. Giulio è li, davanti a me, quasi a sorreggermi per non farmi cadere. Mi appoggio ai suoi fianchi ed il mio viso è vicino al suo inguine.Lui spinge in avanti il bacino, verso la mia faccia, verso la mia bocca. Ho il suo slip a pochi millimetri di distanza e mentre penso a cosa stia accadendo, Renato mi abbassa lo slip e mi punta il cazzo, diritto nel culo. "AHIA, mi fai male" gli dico girandomi di scatto, ma lui mi spinge verso Giulio, e in quel modo ho la bocca proprio sul suo cazzo. Giulio resta fermo, mi tiene solo per non farmi cadere, io sono inebetito, il caldo del sole e l'acqua fresca della doccia mi danno delle sensazioni miste, la foto del giornalino, la scena che si sta creando, tutto va in quella direzione. Mi scosto da tutti e due, mi sistemo lo slip e rientro in casa. Loro restano fuori, parlottano e poi rientrano anche loro. Sul tavolo della cucina questa volta ho messo il giornalino sulla pagina che mi interessa, se proprio devo soddisfare le voglie di Renato, almeno voglio dare la parvenza di essere stato io a decidere di farlo e come farlo. La pagina in questione mette in evidenza una bellissima ragazza, quasi senza seno, che sta succhiando avidamente due bei ragazzi sotto alla doccia. Dal bagno si sente un scroscio di doccia aperta, io son o li, in ginocchio ed aspetto. Dopo pochi istanti arrivano, sanno già cosa voglio, e loro sono pronti a soddisfarmi. Renato si toglie lo slip e si mette sotto l'acqua calda mentre Giulio, impacciato, non sa proprio come fare, ma si vede che è eccitato. Lo slip è gonfio, si avvicina a me, e senza pensarci troppo con una mano cala l'elastico e con l'altra impugna alla base il suo cazzo durissimo...me lo sbatte in bocca, con una veemenza tale che non controlla, fino in gola. Renato osserva e sorride, poi mi piazza il suo vicino alla bocca ed inizia la danza di bocca e lingua, prima uno, poi l'altro.Renato si scosta e con le mani mi spinge su Giulio, che inarca il bacino più che può per farmelo sentire fino in fondo alla gola, a tal punto che devo spostami perché quasi non respiro. Renato mi invita con le mani ad alzarmi, a mettermi piegato a novanta e continuare a succhiare Giulio, con una mano mi passa il docciaschiuma sul culo e sento la sua cappella che punta diritta sul mio sfintere. Poi una spinta decisa, non faccio in tempo a fermarlo, che già metà del suo cazzo è scivolato dentro di me.Giulio sta godendo , non riesce a trattenersi e mi inonda la bocca e la gola, mentre Renato mi sta scopando da dietro in modo forsennato. Un misto di dolore e piacere pervadono il mio corpo.Giulio dopo avermi riempito si accovaccia sotto di me, e prendendomi il cazzo in bocca, inizia a succhiarlo dolcemente, per agevolarlo mi sollevo un po' appoggiandomi con le braccia tese alla parete della doccia, e lui in ginocchio continua a pomparmi con dolcezza, mentre Renato continua nella sua opera di sfondamento. Passano ancora pochi minuti e Renato viene copiosamente sulla mia schiena, mentre io nella bocca di Giulio, che incurante del fiotto caldo che gli cola dalle labbra,continua a pomparmi. Adesso un silenzio è sceso far noi, ci guardiamo in faccia, tutti e tre, sfiniti, e contenti. Ci laviamo a vicenda ridendo e scherzando. Ci rimettiamo gli slip e scendiamo di sotto, andiamo in giardino, e sul tavolo della cucina vedo il famoso giornalino aperto, ma la foto mi lascia basito...una donna matura che succhia due ragazzi giovani... subito non colgo ma , quando ci sdraiamo a prendere il sole, Renato mi dice che suo padre sarebbe andato via qualche giorno la settimana prossima e che sua madre, sarebbe rimasta sola... (il racconto continua, ma nella sezione incesti)

Questo racconto di è stato letto 2 5 5 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotocoracconti osèracconti erotici spankingstorie etotichestorie di sesso analestorie di feticismouomini bsxraccontifetishstorie di sesso pornoracconti erotiviracconti porno scatincesti storieiraccontidi miluraccontieroticostorie eroticeracconti pprnoerotici raccpntiraccomti eroticiracconi pornoscopata caserecciaracconti sesso incestoracconti erotici zoofiliafoto incestomasturbazionrracconti tradimenti pornoamatoriali raccontiracconti erotici lesbicaracc eroticisiti di incestoporno racconti 69racconti erotici scambio di coppialiberaevastorie di culiracconti erotici prima segamio nonno mi scoparacconti di sesso e tradimentiiincesti italianii racconti eroticiracconti cuckoldgay porno storieracconti eroiticisuocere raccontiracconti guzzon 59ho tradito mio marito all'addio al nubilatoracconti moglie al cinemastorie fetishmi sono scopato mia cognataracconti eroticiiracconti eroticiracconti eros 69gli ho rotto il culoracconti porno annunci 69corna raccontiracconti prima esperienzaraconti erosracconti incesto veriracconti porno recentiraconti eroticeraconti erosstorie di zoofiliaracconti erotici di stuproracconti erotichetacconti pornoracconti erotici forum femminileracconti eroticiùracvonti eroticiracconti erotici tettestorie dincestoracconti sverginateincesto storieracconti gay zioracconti erotici mistressclisteri raccontistorie di tettestorie di sesso realmente accaduteletture erotiche gratiszia chiavata