La magia dell'orgasmo - parte quarta

Scritto da , il 2020-02-13, genere dominazione

Fortunatamente Carmen si è liberata, almeno momentaneamente, dell'influenza malefica della prof, o chi diavolo è, di greco.
Tranquilla percorre il corridoio per tornare in classe. L'ora è già suonata, ma non gliene importa nulla di ricevere una nota di demerito per il ritardo.
E tutto a un tratto la situazione torna fuori controllo.
È come se si trovasse in un enorme flash mob. Tutte la persone nei corridoi, studenti e insegnanti compresi, si sono improvvisamente fermate. Carmen osserva la scena sbalordita non sapendo cosa altro attendersi di folle.
Solo lei può proseguire sui suoi passi e entra speranzosa nella sua classe. Classe che trova assurdamente vuota o almeno così crede a prima vista.
E per l'ennesima volta la voce malefica della prof le trapana il cervello.
'Pensavi di esserti già liberata di me piccola puttanella? Le tue prove continueranno per il mio divertimento personale'.
'Cosa mai le ho fatto di male per meritare questa tortura psicologica e fisica?' le chiede disperata col pensiero la povera ragazza.
"Ma non siamo sole questa volta giovane sgualdrina" le fa notare la prof questa volta parlandole.
Carmen segue affranta il dito dell'arpia che le sta indicando il fondo della classe.
Nota tre figure che le paiono maschili. Avvicinandosi tenta di riconoscere quei tre che immagina studenti della scuola.
"Tranquilla ti aiuto io a toglierti i dubbi" le viene in soccorso, a modo suo, la prof.
"Il più piccolo è uno studente di prima, si chiama Marco, il centrale, Piero, è in terza come te, mentre l'ultimo, Francesco, frequenta l'ultimo anno. Li ho scelti personalmente per quello che ho in mente".
Carmen allibita vede gli occhi dei tre. Paiono assenti come fossero controllati da una forza misteriosa.
"Sì piccola puttanella è ancora opera mia ciò che vedi. Ho fermato il tempo attorno a noi, per me è una sciocchezza farlo, avrai capito che sono una strega, e ho convocato, contro la loro volontà, quei tre ragazzi che probabilmente non conosci o non ricordi".
'Ma proprio a me doveva capitare di imbattermi in una strega per di più pazza e sadica' si chiede Carmen tra se e se.
La strega non le risponde, ma scoppia in una risata che fa tremare i polsi.
Poi inizia a pronunciare parole misteriose e inquietanti.
"Bene mia piccola puttanella. Ora quei tre sanno cosa devono fare".
Carmen li vede abbassarsi i pantaloni e scoprire i loro sessi che appaiono duri come marmo.
Per la prima volta, almeno in questa realtà, può osservare tre cazzi dal vivo.
Marco appare piccolo fisicamente e non solo per età. Anche il suo cazzo, seppur eretto, raggiunge appena i 10 cm. di lunghezza.
"Non stare lì a osservarlo come un'ebete giovane puttanella. Ti ordino di fare un pompino al nostro giovane amico. Vedrai che sarà divertente per entrambi. Prova a rifiutarti e tutta la scuola saprà delle tue perversioni e del tuo masturbarti tra i banchi".
Carmen sempre più rassegnata sa che non può evitare quest'ennesima umiliazione.
Anche se non sa come comportarsi si inginocchia di fronte al ragazzino appoggiando la sua lingua sul glande pulsante. La passa sul buchino sperando di non sbagliare nulla. Con un movimento incerto ingloba nella sua bocca il piccolo uccello iniziando a succhiare e pompare sempre più veloce. L'inesperto ragazzino non può evitare di esplodere in un improvviso orgasmo dopo pochi minuti. Carmen riesce a ingoiare quella piccola quantità di sperma senza difficoltà. Marco si sega molto spesso e le sue palle non era piene in quel momento.
'Me la sono cavata con poco' pensa la ragazza sospirando. Poi il gusto di quel succo perlaceo le piace.
Il secondo ragazzo, il coetaneo di Carmen, ha un cazzo più importante del ragazzino precedente. I suoi 15 cm. saranno già più impegnativi per la povera ragazza.
Con difficoltà tenta di prenderlo tutto in bocca. Riuscendoci appena inizia il suo secondo pompino. Passa la lingua lungo tutta l'asta aiutandosi anche con la mano. Stringe curiosa i testicoli colmi di piacere per poi soffermarsi sul frenulo. Ha sentito le sue amiche dire che quella linguetta di pelle è molto sensibile nel maschio.
Si illude cosi di far venire in fretta anche il secondo ragazzo. Ma quest'ultimo non ne vuole sapere di eiaculare. A Carmen inizia a mancarle il respiro, iniziano a scenderle le lacrime. Non sapendo come uscire da questo incubo agisce d'istinto. Inizia ad accarezzare le natiche del ragazzo aprendole con urgenza. Insinua un dito proprio sulla fessura e lo infila in un colpo solo nell'ano. Subito Marco tocca l'apice e eiacula una quantità considerevole di sborra. Diversi fiotti di sperma invadono la bocca di Carmen arrivandole direttamente in gola. Non può evitare di tossire facendo colare una copiosa parte di quel seme che le scorre sul mento e le sporca il vestito all'altezza dei giovani seni. Senza pensarci si lecca le labbra e assapora anche questo secondo orgasmo che ha provocato.
Ora è il turno del ragazzo più grande. Ha un fisico massiccio degno di un diciottenne. Ma ciò che spaventa Carmen sono i 18 cm. della ragguardevole mazza di Francesco.
'Questo non potrò mai prenderlo in bocca. È enorme è turgido da morire!' pensa Carmen non sapendo cosa fare.
Ma Francesco ha ricevuto altri ordini dalla strega. Prende Carmen con violenza e la sbatte sul banco più vicino. Le alza la gonna strappandole le mutandine. La ragazza sente l'asta durissima schiaffeggiarle le natiche. Poi quando il glande le preme l'ano il suo spavento raggiunge il culmine. Il ragazzo inizia a spingere e sente entrare un poco alla volta tutti quei centimetri di carne dura. Anche se non è più vergine neppure lì, per colpa di quell'incubo più che reale, urla disperata dal dolore. Si sente riempire come non mai. Come una lama nel burro si sente nuovamente violata. Francesco spinge e affonda in lei come un ossesso. Senza pietà fa sentire tutto il suo peso nell'ano della povera ragazza. La mano di Carmen si infila tra le gambe e inizia a stimolarsi anche la fichetta già grondante d'umori. Le piace essere inculata deve ammettere. Sente che sta per godere e un selvaggio orgasmo la travolge all'improvviso lasciandola senza fiato.
Ma il ragazzo stantuffa ancora nelle sue viscere. Lo sente irrigidirsi e le sue pareti vengono inondate da litri di sborra. Questa sensazione provoca in Carmen un orgasmo ancora più potente del precedente. Francesco estrae la sua asta ancora eretta dal culo sfondato di Carmen e si mette in fila con gli altri ragazzi.
Ora sono tornati inespressivi come se non si fossero accorti delle violenze fatte alla ragazza.
Carmen tenta di respirare ancora accasciata su quel banco. Si alza faticosamente sentendo i fiotti di sperma uscirle dal buco del culo e mischiarsi al sangue e al suo piacere colante.
Osserva allibita la strega che, appoggiata alla cattedra, si sta masturbando completamente nuda. Geme come una troia e ha goduto già tantissimo vedendo la pozza ai suoi piedi.
Le sue dita viaggiano veloci nella sua vagina torturandole anche il clitoride grosso come un piccolo cazzo.
Un urlo demoniaco esce dalla bocca della strega. Un orgasmo tremendo viene espulso tra le sue gambe. Litri e litri di piacere liquido iniziano a sgorgare come una malefica fontana.
Finché una luce irradia la stanza accecando Carmen e i ragazzi.
La povera ragazza non fa in tempo a tornare in sé che si sente richiamare da una voce maschile.
"Signorina, ma lei è sempre distratta durante le mie lezioni? Un altro due non glielo toglie nessuno".
Carmen comprende di essere sempre nella sua classe, ma circondata dai compagni questa volta. La normalità è per ora ristabilita.
E alla ragazza non gliene può fregare un cazzo del brutto voto datole da quello stronzo del prof di matematica.
Ha un male al culo che la fa impazzire. Questo è il suo unico pensiero in questo momento.


E-mail:
Telegram:

Questo racconto di è stato letto 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


animalsessoracconto erotico gayracconti erotici animalsrorie pornomilù eroticiracconti zozzigeneri eroticiprima volta racconti eroticistorie erotraconti picantiracconti porno di tradimentiracconto massaggio eroticoracconti eriticii generi dei racconti eroticiracconti porno dal ginecologoincest raccontistorie eoticheracconti porno mia cognataracontieroticiinculami papanonna pompasiti racconti pornoginecologi porciracconti spankingracconti erotici di ragazzirotta in culo raccontiracc coppieracconti eroticciracconti erotici di sessoracc 69amatoriali raccontiracconti erotuiciracconti erotici i generiracconti cuckoldsscoparsi la vicinaracconti omosexracconti genivraccontipoannunci incestoraccont 69raccontiincestoracconti roticiracconti erotici di mogli troieerotici racconti 69racconti erroticimia cugina racconti eroticiracconto miluracconti primo pompinoracconti erotici universitàracconti 69 annuncieriticiraccontiracconti coppiedominazione femminile raccontiracconti erotici animalraconti hotracconti sexy gratisracconyi pornoracconti analracconti di rapporti sessualierotiraccontiesperienze con superdotatiracconti erotici lunghimasturbazionrsorellina porcellinainculata dal suo caneracconti erotici vacanzaracconti milúscopare raccontistorie ponoaddio al nubilato raccontiraccontieroticierotici racconti 69raccontimilùtacconti pornoincesto confessionigeneri di racconti eroticiracconti massaggi eroticiracconti erotici gay eteroracconti brevi di sessostorie porno realiracconti erotici collantracconti erotici anzianoracconti erotici zienonno scopa nipote gaystorie piccantiporno confessioniraccobti eroticiclitorodestorie pornoracconti porno cuckoldstorie porno con immaginiracconti hard cuckoldracconti cuklodincestoxxx.comeracconti eroticiracconti porno transerotoci raccontimoglie ricattata