Scambio di stanza in albergo.

Scritto da , il 2020-02-12, genere etero

Sono ad un hotel in attesa di riparazioni in casa mia e dopo aver cenato al ristorante, mi avvio per andarmene in camera. Entro ed accendo la televisione per rilassarmi un poco ma all'improvviso mi ritrovo al buio. Esco dalla stanza ed ho la conferma che non c'è luce dapertutto l'hotel. Mi giro sui tacchi e entro in una stanza, convinto di trovarmi nella mia ma quando richiudo la porta sento una voce femminile dirmi:" ciao, amore, hai visto che scocciatura senza luce?- Dai spogliati e vieni a letto che mi sono decisa ad offrirti la mia verginità, non mi ci fare ripensare!" Rimango un attimo stupito poi decido di approfittare dell'offerta al buio e a tastoni arrivo al letto e sento subito una manina che mi palpa il cazzo ancora celato dai pantaloni, così mi spoglio rapidamente e m'infilo sotto le lenzuola e la voce anonima mi dice di volermi subito, e allora senza indugi le cerco la bocca e la bacio con la speranza si trattasse di una bella figa ma al buio non si distingue età, così, con lei smaniosa di essere sverginata, le tasto la figa già ben viscida dagli umori fuoriusciti e sempre rimanendo zitto, le allargo le cosce e la penetro lentamente ma deciso e, appena sento la barriera dell'imene sfiorata dal mio cazzo, le dò un colpetto e poi le lacero la verginità e lei piange per il dolore ma anche per la perdita dell'ultima sua virtù. Le sborro tranquillamente tutto dentro e, dopo che le ho lasciato dentro l'ultima goccia mi sfilo da dentro e presi i miei vestiti me la filo fuori dalla stanza e, preso in tasca l'accendino, guardo il numero sulla porta e vedo che la mia è prima da dove sono appena uscito. Mi chiudo in camera mia e rifletto sul misfatto, però mi è piaciuta molto la fighina strettissima e bagnatissima ed è un peccato non averle onorato anche il culetto che le avevo palpato per saggiare la sua carne soda. Proprio quando stò per addormentarmi torna la luce ed allora accendo la tv ma sento un urlo dalla stanza dove sta la donna ormai non più vergine e sento poi dire: "che ci fai di nuovo vestito, vuoi andartene via?" Poi sento una voce maschile:" ma che stai dicendo? Io sono arrivato ora e che cosa è quel sangue sul lenzuolo, che hai combinato?" Sento poi lei scoppiare in un pianto e dice a lui che è stata sverginata da uno sconosciuto che ha approfittato dell'assenza della luce, convintissima di essere stata con lui. Lui a quel punto le risponde he non crede alla sua fantasiosa versione e, dopo che sento sbattersi la porta della camera, sento i passi di lui nel corridoio. Sento poi lei scoppiare in un nuovo pianto e, proprio quando sto lasciando la mia stanza per uscire, esce nel corridoio anche lei e posso vedere che gran pezzo di figa mi sono scopato a sua insaputa: una morona tutta curve, gambe lunghe e culo da infarto, un viso da sogno ed una bocca carnosa che suggeriva più bocchini che baci. Lei mi squadra dlla testa ai piedi e giratasi se ne va all'ascensore. La raggiungo e scendiamo insieme a piano terra. In portineria mi metto da parte lasciandole sistemare il suo conto poi tocca a me e, uscito da lì, la vedo in attesa di un eventuale taxi, così mi avvicino a lei e le chiedo se le posso dare un passaggio e, incredibile ma vero, accetta la mia proposta e sale sulla mia auto. mi dice di dovere andare alla termini la stazione ferroviaria di Roma, poi nel tragitto le domando dove va e risponde che torna a Firenze dove abita da anni ma lei è romana. Casualmente le faccio notare che sto andando anch'io in Toscana per lavoro ed allora le propongo di viaggiare insieme fino a dove ci separeremmo prendendo lei un treno per Firenze, sempre che poi non decida di andare anch'io a Firenze. Dopo un'ora di viaggio siamo già al tu e decidiamo di fermarci a pranzo su una trattoria. Mangiamo benissimo e poi riprendiamo il viaggio, poi lei ad un certo punto mi chiede di trovare un posto dove fermarci per necessità fisiologiche (pipì) ed io vedo un boschetto ideale per l'abbisogno e mi fermo. Scendiamo ed anch'io mi dedico alla stessa funzione, poi, osservando il bosco affascinante per i profumi della natura e dei colori, ci mettiamo a passeggiare tra gli alberi e però lei d'improvviso ha unastorta alla caviglia e cade in terra. La soccorro subito e la sollevo, poi la faccio sedere su una pietra e le prendo la caviglia che le massaggio delicatamente frizionando per farla riprendere elasticità. Lei accusa ancora gran dolore così la prendo in braccio e la porto alla macchina dove la faccio sedere e le stendo la gamba dolorante. Gliela accarezzo ancora e massaggio poi approfittando di una sua crema per le mani e si sente un poco meglio. Penso poi di abbassare il sedile davanti e farla sedere sul posteriore con la gamba sull'anteriore stesa completamente. Per tale operazione, la abbraccio per spostarla di peso e ci troviamo con le bocche a poca distanza l'una dall'altra e, guardatici a fondo negli occhi, le sfioro la guancia con un bacio e lei si affretta a rispondere ugualmente. Passiamo così ad un bacio in bocca e slinguiamo da sentirci subito eccitati e lei quasi mi abbraccia ma la fermo dicendo che certi discorsi vanno fatti in ambienti più comodi, così le allaccio la cinta di sicurezza e passo alla guida, per dirigersi all'albergo più vicino ma dopo un'ora di strada, non troviamo nulla e lei mi suggerisce di andare a casa sua che è una villa di campagna sulla strada da noi percorsa, così dò il massimo di potenza al motore e dopo un'altra ora siamo al suo cancello che si apre dal radiocomando. Senza preamboli, dopo pochi minuti siamo sul suo lettone e, sistemata la mia compagna di viaggio: Giorgia, spoglio lei poi passo a me. La abbraccio, l'accarezzo, poi lei mi dice che questo è il suo secondo rapporto sessuale ed io figno di esserne meravigliato perchè a quasi trent'anni si può dire che non ha avuto una vera vita sessuale ma da oggi provvederò io a non farle mancare quanto ci vuole per vivere bene e, dopo averla messa a cosce spalancate, la possiedo scopando con foga e, quando sento di stare per sborrare, le schizzo tutto dentro e dopo le dico se vuole provare anche il cazzo nel culo. Lei sobbalza perchè sà di essere una cosa assai dolorosa e nega di volerlo provare ed allora l'abbraccio e la penetro nuovamente in figa. Ho deciso di farle provare tanto il mio cazzo, per riguadagnare il tempo perso in astinenza.

Questo racconto di è stato letto 3 2 6 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie di mogli troieporno seghe al cinemagenere racconti eroticiracconti eeroticiracconti erotici vecchiracconti.pornofrocettoesperienze scambio di coppiail culo di mia cognataracconti prnostorielle eroticheracconti di mogli esibizionisteraccont eroticracconti mistressscambio coppiaracconti erotici mogli troieracconto cornutoletture pornocerco cazziracxonti eroticiracconti fem domracconti trasgressionimoglie troie mariti cornutiracconti porno in famigliarapporti eroticiracconti erotiiraccontiscambistiracconti veri di sessoracconti erotici di sessoracconti pornograficimia madre mi masturbalibri erotici onlineracconti porno con animaliracco ti eroticiracconti porno itaporn raccontistorie sesso gratisracconti erotucistorie a luci rossei generi racconti gayracconti analeil confessionale eroticocuckold sottomessoraccontierotici.itracconti sesso gratisstori eroticheracconti di sesso al mareho ingravidato mia madreinculata per scommessastorie di pornostarfeticismo forumracconti erorticiracconti libidinosierotoci raccontistorielle eroticheracconti incemigliori racconti eroticiracvonti pornoracconti moglie al cinemaraccontisessoraccoti eroticiracconti porno italiani gratisporno ita netracconti reali incestiracconti eccitantiracconti ardracconti erotici annunci69storie di masturbazioneracconti zie troieraqcconti erotici