Tappabuchi 2 - La seconda mamma

Scritto da , il 2020-02-12, genere masturbazione


Papà ce la presentò come “mia amica” ma era evidentissimo che quei due scopavano. Lo si intuiva dagli sguardi, dalle movenze, dagli ammiccamenti. Bella non era di certo e nemmeno simpatica. Sembrava la classica quarantenne un po' ignorante troppo presa a nascondere i segni del tempo sotto a chili di prodotti estetici e a enfatizzare il suo corpo con gonne troppo corte e tacchi troppo alti.
Vedova come papà aveva troppo lo stile da donna “sapiente” che sapeva già tutto anche se poi nella realtà dubito avesse finito le scuole medie. Quando parlava gli strafalcioni erano all'ordine del giorno.
Di positivo, lo ammetto, aveva due belle bocce. Minimo un'ottava che stava strizzata malamente sotto alla camicetta e che non mancai di ammirare a lungo.
Non credo di averla presa in antipatia per partito preso. Non avevo questioni irrisolte tipo il rifiuto di sostituire mamma o cose simili, ero più che concorde che un uomo di quarantadue anni ancora belloccio e attivo avesse voglia di una compagnia femminile stabile tanto meglio se bella tettona.
Eppure quando papà mi disse che nel giro di qualche giorno Maria sarebbe venuta ad abitare da noi e che in seguito si sarebbero probabilmente sposati mi venne voglia di fare karakiri col coltello del burro.
Io però in famiglia contavo poco o nulla, in fondo era il lauto stipendio di papà a mantenere tutti quanti e quindi si stava ai suoi ordini.

Così eccoci tre giorni dopo il mio diciottesimo compleanno. Un compleanno misero festeggiato con una torta del supermercato comprata dalla badante e con Maria che cantava stonata “tanti auguri”. Una busta di papà ancora in Cina per lavoro con un biglietto “Tanti auguri ometto” e duemila euro cash che facevano da regalo unico.
Siccome faccio gli anni a inizio luglio non dovevo nemmeno andare a scuola e più avanti sapevo già che sarei andato al mare da zia quindi tutto sommato, con le tasche piene, dovevo solo decidere che fare di me stesso. Potevo pure dirmi felice ma mi sentivo troppo, troppo solo e in più avevo una voglia di scopare che mi faceva scoppiare.
Andai al bar da Gianna sperando che fosse in buona e, come spesso accadeva, mettesse il cartello torno subito e mi portasse nel retro a far una bella sveltina.
Avevo già il cazzo duro sognando la spagnola che mi avrebbe fatto fra le sue poppe ma, sorpresa, era chiuso per ferie. La cara barista era partita per la Puglia dove di certo qualche bagnino stava facendole quello che avrei voluto farle io.
Così tornai a casa anche perchè avevo il cazzo teso sotto ai pantaloni e non c'era modo di placare la voglia. Avevo giusto dei file avi scaricati da internet di donne mature e formose che sarebbero stati perfetti. Una di loro, fra l'altro assomigliava molto a Nania.
Non c'era altra scelta. Mi sarei fatto la mia bella pippa e se poi non fosse bastata magari stasera mi sarei fregato la macchina di papà dal garage (non era la prima volta) e una battona nigeriana in tangenziale la potevo sempre trovare...
Arrivai a casa, entrai in bagno senza neanche pensarci e sorpresa delle sorprese trovai Maria nella vasca da bagno.
Ovviamente era nuda. Feci un sobbalzo e ne fece uno anche lei andando a coprirsi pudicamente le pere con le mani ma erano così grosse che le mani non coprivano molto.
“Opsssss” sussurrai mentre il misto di imbarazzo ed eccitazione mi impediva di muovermi.
“Scusa ma non bussi?”.
“Veramente questo sarebbe il mio bagno” dissi tornando cosciente.
“Lo sai benissimo che con papà abbiamo deciso di mettere la Yacuzzi nel nostro ed è inagibile per tutta la settimana”.
Veramente papà non aveva deciso un cazzo era stata la cara matrigna che forse aveva iniziato a farsi un po' di conti a insistere per una Yacuzzi nel bagno padronale. Non che mi importasse, soldi di papà, contento lui contenti tutti... Ammetto però che quando mi comunicò la cosa pensai “devi proprio avere la fica di platino se dopo un mese ti compra una Yacuzzi”.
Cambiai discorso sempre fissandole le tette “Non hanno finito gli operai?”.
“Hanno finito gli attacchi ma adesso è tutto smontato fin che non arriva la vasca.... Ci vorranno tre o quattro giorni penso”.
“A ottimo”.
“Va bhe dai tanto che sei qui tienimi l'asciugamani” disse Maria indicando il lungo telo appeso. Io obbediente lo presi, lo allungai e tenendolo con entrambe le mani mi avvicinai mentre Maria si alzava in piedi e vi si avvolgeva dentro.
Dovette ovviamente spostare le mani e vidi le sue tette in tutto il loro splendore, soprattutto i due enormi capezzoli che sembravano messi apposta per essere ciucciati. Anche il culo bello tondo che notai ampiamente faceva venire voglia di prenderla a pecora.
Invece da bravo “figlio” stetti li immobile, la aiutai a farsi su per bene, le accostai pure le ciabatte perchè le infilasse ammirando le sue unghie smaltate di rosa. Lei non disse nulla e uscì dal bagno, solo quando fu sulla porta ridacchiando disse “ora puoi sbattere gli occhi” e poi sparì.
mi
Dieci minuti dopo sdraiato sul letto avevo il cazzo in mano. Trovato fra i video del pc una tettona molto simile a Maria mi segavo come un dannato. Mi ero persino messo un asciugamani accanto pronto all'uso perchè sapevo già che sarebbe stata una schizzata tipo cascate del Niagara. “Sta troia! Dovevo sbatterla contro la vasca e ficcarglielo dentro. Dovevo metterglielo fra le tette e sborrarle in bocca.... Porcona tettona..... Te la spacco la figa ummmmm.... arghhhhhhhhhh”.
Un litro!!!! E ne usciva ancora... e non era nemmeno molle.....
Mi alzai con l'asciugamani avvolto sul cazzo, aprii la finestra e mi fumai una sigaretta. In casa era vietatissimo quindi meglio far circolare un po' d'aria.
La nicotina rilassa pensai mentre aspiravo una lunga boccata...

“Toc, toc toc” bussarono e subito dopo si aprì la porta.
Io feci appena in tempo a buttare la sigaretta dalla finestra che già Maria era in camera mia...
“A però!!!” disse facendomi notare che preso dal nascondere la sigaretta avevo scordato di essere completamente nudo visto che l'asciugamani era cascato.
“Scusa ma entrì così in camera mia?”.
“Bhe ho bussato no”.
“Ma io mica ho detto avanti”.
“Dai non fare il difficile. Hai visto nuda me e io ho visto nudo te. Siamo pari dai....”.
Feci spallucce. Meglio cambiare discorso.
“Senti vado in centro a fare due compere vuoi venire? Ti faccio guidare un po”.
Tutto sommato non era una brutta idea. Dovevo accumulare esperienza col foglio rosa in vista dell'esame e ogni occasione era buona. Poi, al centro commerciale magari potevo comprarmi qualcosa anche io... Era da un po che volevo farmi un Iphone e avevo duemila euro in tasca che mi bruciavano.
“Ok va bene. Mi vesto” dissi.
“Vuoi il tempo di finire di segarti?”
Arrossii “Ma che dici”.
“Guarda che si sente che ti stavi segando... Vedo che non ahi finito quindi.... Senza problemi dai...”.
“Ho già fatto -ammisi riluttante- dammi due minuti e mi vesto”.
“Bho non sembra” commentò lei fissandomi il cazzo durissimo.
Non me la sentivo di spiegarle che dovevo eiaculare almeno tre volte prima che calasse l'erezione così come non volevo ammettere che mi stavo segando pensando al suo culo e al suo seno così non dissi nulla di ciò ma solo un secco “Se esci un attimo mi vesto”. Più che altro non volevo che vedesse che mettevo i jeans senza le mutande sotto. Non le sopportavo già di mio ma con l'uccello duro era una vera tortura. Meglio mettere i jeans un po spessi, far scivolare la canna lungo la gamba e via così.
Lei si arrese e uscì “Comunque complimenti lo hai più lungo di tuo padre”.
“Lieto di saperlo” commentai a mezza voce imbarazzato come non mai.

Questo racconto di è stato letto 5 0 5 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici dottoreracconti scambio di coppiaracconti pornograficiracconti donne sottomesseconfessioni erotichestori pornolettere hard da leggere gratisescort storieracconti porno sexculo rotto raccontiracconti massaggiracconti rroticiracconti porno prima voltaracconti erotici fantasystprie pornobdsm raccontiracc hardacconti pornoracconyi pornopissing italia forumracconti erotici madre e figlioracconri pornoracconti erotici nuoviracconti pirnoracconti eroiticiracconti incestuosistorie di feticismoracconti 69.itracconti feetsesso trioeriticiraccontiracconti erooticieroticaraccontisesso con mia cuginaracconti maluracconti incesto miluracconti erotici tetteracconti incesto 69racconti erotici recentisuocera porcellaracontimiluracconti piccanti gratisragazze fanno sesso con animaliracconti donne con transrracconti eroticiraccont gayeroticiraccontiracconti gay freelecca suoleprofessoressa zoccolaracconti di transconfessioni erotiche vereerotici racconti 69racconti ricattataracconti storie erotichestotie pornoerotciraccontiracconti erotocoscambio coppie raccontisex professoressaraccontierticipenerentolaracconti lesbiracconto bisexracconti erotici 2016www raccontimilu comstori pornoraccontineroticiracconto incestuosoracconti sesso analeracc incestconfessioni cuckracconti hard gratisraccontieroticigratisracconti piedinimilu raccontiracconti incetuosirqcconti eroticiesibizioniste in luoghi pubblicisesso anale raccontiracconti privepiccole trasgressioni storie di vita