Famiglia nudista 12

Scritto da , il 2020-02-12, genere incesti

Per un po' ho evitato di scopare con mia sorella anche perchè ho paura che l'altra se ne vada in giro a sparlare della cosa o peggio spiattelli tutto a mamma. Così in casa sono abbastanza casto e tranquillo anche se con tutte quelle tette al vento e quei baffi in bella mostra non è facile. Certo ho Valentina che mi da una grossa mano scopando come una vacca il più che può e facendo ogni tanto partecipare la sua badante cinese che è sempre una bella cosa.
Comunque sia arrivo a casa e dopo una settimana di astinenza dall'incesto mio malgrado ci ricado sopra. Stavolta però la colpa è tutta di Marika.
Mi sono svegliato tardi e ancora un po sonnacchioso sono andato tranquillo verso il bagno con il mio pisellone in mezzo fra una erezione del mattino e un bisognoso bisogno di svuotare un litro d'urina. Per quanto sia sempre pronto ad una bella scopata in quel momento, giuro, non mi era passato proprio per la mente anche perchè credevo di essere solo a casa.
Invece entro in bagno e mi trovo Marika seduta sulla tazza.
Nuda, ma questa non è una novità. A gambe larghe in maniera oscena e già solo la posizione sveglierebbe il cazzo di un morto.
Se non bastasse ha un fallo di lattice grosso come una trave piantato nella vulva e se lo muove su e giù come un'ossessa.
L'uccello mi diventa automaticamente di marmo “posso sapere cosa fai?” domando.
“Non lo vedi fratellino... stò godendo” dice tranquilla continuando a muoverselo su e giù a tutta forza.
Un secondo dopo le ho già schiaffato la cappella gonfia in bocca....
Ci guardiamo negli occhi, abbiamo entrambi una voglia da paura. Monica che si incazzi pure quanto vuole, non ce ne frega niente.
Nell'ora successiva in quel bagno succede di tutto. Prima la prendo a pecora sul lavandino stritolandole i fianchi e schiaffeggiandole il sedere poi direttamente sul tappeto lei sotto e io sopra a stantuffare finché mi reggono le gambe.
Tocca poi a me sdraiarmi mentre Marika mi si siede in braccio e usa il mio pisellone come sgabello.
Piena di energie si impala sul mio tarello furiosa di procurarsi l'orgasmo.
Godiamo senza problemi e non abbiamo alcuna intenzione di smettere. Cola come una fontana e io assetato mi getto fra le sue gambe a leccare quella passerina deliziosa fino all’ultima goccia. Ormai aperta se lo fa scivolare dietro senza problemi e arrapato da quel bel culetto la omaggio con un clistere di sborra.
Glielo sfilo dalle chiappe e lei sgrana gli occhi “ma non ti viene mai molle?”.
“Adesso è un po' presto” spiego.
Non le dispiace granchè. Me lo prende in mano e guidandolo come fosse una maniglia mi porta verso le camere da letto.
Entriamo in camera di mamma. “Vuoi scopare qui?” le chiedo.
“Si dai così stiamo più comodi sul matrimoniale” e mentre lo dice si sdraia e divarica le gambe come una gatta in calore.
Non posso resistere, le scivolo sopra, addento quei capezzoli duri e glielo lascio scivolare dentro.... ancora e ancora....
Poco dopo su quelle tette da paura ci faccio un'altra bella sborrata. Il liquido sprizza fuori a tutta potenza e le arriva fin sulle labbra. Marika se le lecca con gusto.
E sono ancora lì col cazzo in mano a sgrullarmi lo sperma quando sento un severo “um um um”.
Ci voltiamo a guardare sulla porta “Cazzo mamma!”.
Mia madre ancora vestita ci fissa severa con le mani poggiate sui fianchi “Forse non ve ne siete accorti ma è quasi mezzogiorno e io sono tornata per pranzare”.
Marika arrossisce e sbotta “Cristo stiamo scopando da quasi tre ore!”.
“Abbiamo perso la cognizione del tempo” dico io quasi a volerla giustificare.
Marika scatta in piedi con ancora lo sperma che le cola dalla passera “Scusa mamma preparo subito subito”.
“Sarà meglio” dice mammina severa.
Io resto lì sdraiato sul suo letto e la guardo col mio uccello barozzo e la cappella umida senza sapere che dire.

Ho il fiato corto e il cazzo duro. Un conto è simulare atteggiamenti al limite della decenza, farsi qualche sega mentre mamma non guarda o fa finta di non guardare ma qui si tratta proprio di una chiavata.
Beccato in pieno con la trave piazzata tra le gambe di mia sorella senza che la cosa possa essere equivocata.
Temo l'ira di mamma da una parte e dall'altra ho un cazzo duro che non si abbassa fra le gambe e che pretende, giustamente, la dovuta eiaculazione.
Probabilmente mi basterebbero un paio di carezze per spruzzare come un tubo dell'acqua.
Mamma ha un espressione strana. Non proprio arrabbiata ma direi pensierosa credo stia pensando al modo più adatto per punirmi.
Inizia a spogliarsi. Anche questa è una sua abitudine e anzi stupisce che sia in casa da così tanto tempo e abbia ancora i vestiti addosso. Di solito si spoglia già in corridoio.
Si sfila la camicetta nera e sotto non ha reggiseno così i suoi bei capezzoli duri e rosa si protendono fuori neanche fossero armi puntate su di me.
Io la fisso. Davanti a questa visione qualsiasi tentativo di far abbassare la guardia al mio pisellone sarebbe comunque inutile.
Si sfila la gonna. Senza mutandine e con le sole calze nere autoreggenti è ancora più sexy. Ora non solo ce l'ho duro ma a fissare quella fica ricciuta e quel nylon sexy, la cappella mi pulsa proprio.
Si avvicina... Che vuol fare? Schiaffeggiarmi? Non so immaginarlo e di certo non potevo indovinare cosa mi avrebbe chiesto: “Hai mai messo un preservativo?”.
“Come? No io? In che senso?”.
“Ti stò chiedendo se quando fai sesso usi il preservativo. Mi pare di no a quanto vedo”.
“Non so, non ho mai provato...” ma che cazzo di domanda è.
“Scommetto che non li trovi della tua misura vero? Stessa scusa che usava tuo padre”.
A! Quindi è per questo che è così grosso è ereditario. Buono a sapersi e grazie papà.
Mi siede accanto. Il suo ginocchio ancora inguantato nella calza mi si poggia sul fianco e il solo contatto fra i nostri corpi mi eccita da morire. Non oso muovermi e godo di ogni istante di questo momento... Lei per indorare la dose mi mette una mano sul braccio e mi accarezza “Bisogna che io e te facciamo un discorsetto. E' una cosa importante capisci?”.
Annuisco.
“Vedi tu, come tuo padre, avete questi come possiamo chiamarli.... siluri. -sorride e me lo fissa- e insomma è normale che essendo funzionante e vista la giovane età sia sempre pronto a... sparare”.
Annuisco cercando di restare serio. Le sue carezze dal braccio passano al petto.
“Ora è normale che tu diciamo spari a raffica e io non penso certo di impedirtelo, è un istinto che non si deve dominare e anzi diciamolo pure il sesso è così bello. Però ti chiedo sei consapevole che quando spari le tue raffiche non sono a salve?”.
La fisso chiedendomi dove vuole arrivare.
“Sono a salve o no?” insiste lei.
“Credo di no” balbetto io.
“Ecco appunto. Non sono a salve, non hai mica fatto una vasectomia. Sei pericoloso capisci?”.
“Pericoloso?”.
“Per parlarci chiaro vuoi forse diventare il padre del figlio di tua sorella?”.
“Ma mamma cosa dici?”.
“Ti dico Max che se non facciamo qualcosa una volta o l'altra vieni dentro a Marika e il tuo seme feconda il suo ovulo. Non puoi pensare che essendo parenti la cosa non accada anzi...”.
“Io non ci ho mai pensato in questi termini”.
“Lo so a te e a tua sorella andava di farlo e vi siete sfogati un po. Questo lo capisco e non posso dirvi nulla ma, e qui sta a te dirmelo, sai frenare in tempo? Perchè il problema è tutto qui”.
“Cioè tu intendi....”.
“Intendo che non devi versare sperma dentro a tua sorella più chiaro di così. Lo sai fare?
“Marika non è la vecchia babbiona del piano di sotto che anche se la riempi a ripetizione non ha conseguenze. E' una ragazza giovane e con gli ormoni molto attivi capisci... Basta una goccia”.
Mi paralizzo. A parte il discorso che stà affrontando la mamma ora in bella maniera mi ha detto che sa tutto delle sporcellate che mi faccio con la nonna di Valentina. Chi glielo ha detto? Oddio che imbarazzo....
“Allora dimmi chiaro sai fare l'uomo consapevole? Abbandonare prima che sia troppo tardi?”.
“Di solito... Cioè in linea di massima esco.... Cioè sborro fuori. Si di solito faccio fuori anche con la mia ragazza....”.
“Di solito o sempre? -insiste lei- no perchè un conto è che ti piaccia uscire fuori attratto dall'idea di venirle sul seno un conto è essere consapevoli che se non si esce capitano i disastri. Tu sei consapevole?”.
“Credo di si”.
“E pensi che a me basti un credo di si per stare tranquilla e sapere che non diventerò nonna prima del tempo”.
“Non so cosa dirti” scuoto la testa io senza capirci più nulla.
“Max -mi fissa dritto negli occhi- non si tratta di dire si tratta di fare!”.
Strabuzzo gli occhi. Non ho capito che vuole o forse l'ho capito troppo bene.
Prima che abbia ad aggiungere altro mamma si è già sdraiata bene accanto a me con la testa sul cuscino. I suoi seni mi si strusciano sul petto, la mia cappella solletica il suo petto magro e scolpito. Sono eccitato ai massimi “Mamma... o cazzo mamma” mormoro mentre la mia mano timidamente le accarezza la pelle.
Lei senza dire nulla me lo prende fra le mani. “Certo che è davvero grosso mi fari mica male?” sorride.
“No mammina non voglio farti male solo tanto bene... Tanto.....” sospiro e guidato dalla sua mano esperta con la cappella gonfia e vogliosa lentamente profano la sua vagina.
Mi viene da piangere per l'emozione. Sto infilando il cazzo nella fica di mia madre...ed è assolutamente stupendo.

La scopo.
La prima volta devo ammetterlo non è il mio massimo. Sono così avanti coi lavori che dopo neanche cinque minuti mi devo ritrarre e sfilarlo in fretta. Neanche il tempo di sentirla venire come avrei voluto che già l'ho estratto e le stò gocciolando addosso come una fontana. La sborrata è così sofferta e attesa che svuoto liquidi che neanche sapevo di avere. Tre lunghi schizzi uno più copioso dell'altro che arrivano sul suo petto, sul suo seno, sul suo viso.
“Scusami -dico-non ce la facevo più.... Stavo già per venire quando sei arrivata”.
Lei non dice nulla e sorride “Direi che ti sei controllato bene”.
“Si hai visto? Neanche una goccia nella vagina”.
“Si bravo ma adesso è importante ricordarsi di fare la pipì. Non basta venire fuori col primo getto perchè nel pisello restano ancora un sacco di spermatozio lo sai?”.
Annuisco.
“L'unico modo per diciamo pulire bene il tubo è fare un'abbondante pisciata. Se non ti viene devi sforzarti ma ricordati mai e poi mai devi rimetterlo dentro senza urinare capito?”
“Quindi vado a fare pipì”.
“Si vai a farla tutta e poi puoi riconciare”.
Vado veloce in bagno. Quell'ultima frase mi ha fatto ben sperare. Pur parlando sul piano teorico mamma non ha escluso che dopo aver pisciato si possa tornare al lavoro. Con lei? Spero.
Faccio una gran fatica perchè pisciare col cazzo duro è un impresa ma alla fine qualcosa esce e il tubo, come lo chiama lei, è pulito.
Torno in camera con un cazzo duro da paura e entro sperando di trovarla ancora. Non so neanche descrivere con quanta voglia lo desidero.
E lei è lì....
Sdraiata sul letto nuda. Si è tolta le calze e il suo corpo perfetto stà sdraiato di fronte a me con le gambe abbastanza divaricate da mostrarmi il suo bel pelo rado.
Mi sorride “Lo sai che messo così sembri un elefantino?”.
“Sembro un elefantino ma in realtà sono un toro...” scatto io e con un balzo le sono accanto. Io sopra, lei sotto di me alla mia mercè. La sua fica già umida e dilatata, il mio cazzo pulsante e rigido.
Ci basta avvicinarci e già il mio attrezzo ha trovato la sua tana. Come se quella fica fosse disegnata su misura le entro dento dolce e delicato. Lei mi accoglie come una ventosa attraendo la mia nerchia in tutta la sua lunghezza.
Se prima le avevo solo fatto un po' di solletico ora appeno accenno a muovermi già strabuzza gli occhi. “Cazzo che cazzo!” geme e le manca il respiro.

Chiaviamo.
La percezione del tempo ha un valore relativo ma andiamo avanti almeno un'ora buona senza tregua. Il mio cazzo è un martello pneumatico e se all'inizio mamma sembrava solo giocare con me ora la sento posseduta nella sua pienezza. Geme, ulula, si dimena. La sua fica pulsa stringendomi il cazzo e i miei colpi diventano sempre più potenti fino a che.... “Aaaaaaaaaaaa si Max siiiiii” strilla la mamma.
“Si vengo, vengo. Vengooo”.
Mi si stringe addosso strizzandomi fino a farmi male mentre il piacere le attraversa tutto il corpo. Intanto mi sono chinato sul suo seno e le succhio avido le belle tettone aumentando il suo piacere.
Eccitato dal sentirla godere pompo con ancor maggior forza e gli orgasmi di mamma diventano due poi tre poi sei...
Al nono (suo) perdo il conto ed esausto sfilo la mia asta incandescente.
Mamma si avvicina con la mano me lo prende salda e me lo smulina con padronanza. “Sborroooooo” esclamo mentre l'orgasmo mi schizza fuori fluente e mamma, che stà proprio di fronte alla mia cappella non può far di meglio che spalancare la bocca...
Il mio sperma schizza fuori e le piove diretto in bocca.
A lei non sembra dare fastidio anzi lo inghiotte volentieri e alla fine a dimostrazione che ha gradito mi da due belle leccatone sulla cappella quasi a ringraziamento per il piacere che le ho dato.
Ancora non ci posso credere ma mi sono scopato mia madre.
Eppure è li da vedere con la mia sborra che le cola dalla bocca e la fica rossa per il continuo stantuffare.
La guardo. Lei mi guarda. Nessuno dei due ha lo sguardo di chi non vuole che la cosa si ripeta.
Mi avvicino un po' a lei. Mi sorride e mi da un bacino a bocca chiusa sulla cappella “Il pisellone della mamma” dice tutta felice...
E ridiamo assieme.

Questo racconto di è stato letto 5 4 3 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti ereoticirotici raccontiracconti porno maturagay porn raccontiracconti porno pissingracconti iomilùravconti pornoracconti di sesso veriracc pornracxonti eroticiracconto cuckracconto erotico mammaraccontieroticiesperienza eroticasodomia raccontiracconti porno amatorialestorie hard gratisracconti di tradimenti in vacanza1001 racconti eroticiracconti sesso estremoracconti gay cuginoho inculato mia mammaracconti porno di coppieravconti pornoracconti erotici suocerostorie hard gratisfotostorie eroticheanimalsessodonna scopa col canestorie feticisteerotci raccontistorie di sesso 69racconti etoticiho scopato mio padreracconti.pornoracconti orsi italianiracconti ingoioeroticoraccontimasturbarsi con spazzolino elettricofoto porno raccontiracconti porno pretiracconti eroticiincestoracconti erotici doppia penetrazioneracconto porno gayracconti reali incesticagna sottomessai generi di racconti inceatostprie pornostorie ponosissy raccontistorie di sesso lesboracconti roticisesso con mia cuginafiga con pannavicina inculataracconti erotici vedovaeritici raccontiracconti con la ziapiedi eroticiraconti sexracconri eroticii generi di racconti eroticiracvonti eroticiporno racconti incestierotic raccontistorie tradimenti pornoracconti eroticiincestoracconti erooticiracconti erotici harry potterracconti erotici doppia penetrazionestorie eroricheraqcconti eroticircconti gayracconti erotici filmracconti porno clistereraccomti 69a69 raccerotici racconti gratistesti eroticisesso a tre bisexracconti incesracconto massaggioracconti porno clisteremasturbarsi con spazzolino elettricoracconti eccitanticome masturbarsi yahoo