Nonne porche 7

Scritto da , il 2020-02-12, genere incesti


Mi sto facendo la mia scopata pomeridiana con nonna. Lei a pecorina sul divano, io dietro infoiato come un toro pompo a tutta forza nel suo culo mentre con due dita le smulinano la patata bagnata. Zia Olga è andata a farsi fare i capelli dalla parrucchiera quindi siamo soli soletti e la nonna probabilmente avrà doppia razione di cazzo. La sua e quella della sorella.
Sono già a buon punto pronto a farle un clistere di sborra quando...
DRIIIIN!!.
Quel cazzo di campanello interrompe i nostri giochi.
La nonna scatta in avanti, il cazzo le esce duro dal culo. “Haihaihai” urla per il dolore ma invece di star li a massaggiarsi il culo in fiamme velocemente si infila un vestito lungo nero che aveva lì vicino.
Bene o male era coperta anche se la sua fica bagnata colava quasi quanto il suo culo.
Io a mia volta prendo i pantaloni della tuta e li infilo. Era comunque estate e potevo anche stare a torso nudo senza fare scandalo.
Il cancello era sempre chiuso a chiave proprio per evitare sorprese e un alto muro di cinta manteneva la nostra privacy. Nonna uscì e urlò “Chi è?”.
“Sono io” rispose una voce anziana.
“Arrivo” disse e col suo passo lento prese la chiave appesa al muro e andò verso il cancello.
Il cazzo era ancora bello duro e vistosamente pulsava sotto alla tuta così pensai che era meglio togliermi di torno e siccome avevo anche sete me ne andai in cucina a cercare una coca fresca dal frigo. Di sicuro qualche vecchia amica di nonna non aveva rispettato il solito orario ed era arrivata prima. Non è una cosa tanto strana, era già successo, anche se mai da quando facciamo sesso. Sia come sia la befana mi ha interrotto la scopata e, forse per il fatto che c’è lho di marmo la cosa ammetto mi irrita un po’. Fra l’altro queste amiche sono capaci di tenere i loro culoni sul divano di Nonna fino anche alle sei. Se poi aggiungiamo che non c’è neanche zia mi sa tanto che oggi andrò giù di mano.

Lo pigiai con destrezza lungo la gamba. Mi restò un vistoso bozzo ma tanto valeva farsi dei problemi. Di certo si sarebbe sgonfiato da solo o al limite ci avrebbe pensato nonna non appena salutato l'inatteso ospite.
Chiunque fosse mi aveva rotto le uova nel paniere e già mi stava sul cazzo.
Decido di andare in camera mia a guardare la tv ma per farlo devo comunque passare vicino al salotto e riconosco Alma una vecchia che andava per i 70 con la faccia e le mani rugose, capelli neri fumo un po’ grassoccia con dei vistosi occhiali quadrati che la facevano ancora più brutta.
Non era una a cui avessi mai dato molta attenzione, nonna aveva molte altre amiche decisamnete più gnocche. Le avevi forse studiato le gambe una volta o due ma con le calze nere non si vedeva poi molto tanto più che aveva sempre gonne piuttosto lunghe.
Sto già salendo quando nonna mi chiama.
Mi avvicino “che c’è?”.
“Faccio il caffè tu ne vuoi?”.
Annuisco e intanto per non fare il cafone saluto “buon giorno signora Alma”.
“Ciao” risponde lei senza cambiare espressione seduta dalla poltrona di fronte a nonna.
Così mi metto sul divano libero cercando di non far vedere troppo il bozzo del cazzo duro sulla gamba.
Nonna si alza e solo in quel momento mi accorgo che ha una bella macchia sul culo.
Deve essere la sbroda che aveva nella figa che le è colata giù.
Facendo finta di nulla seguo nonna verso la cucina e le sussurro “Sei tutta bagnata. Hai colato dietro”.
Lei si tocca. “Un po’ si” annuisce.
“Dici che capirà che è sperma?”.
“Non preoccuparti. Comunque meglio che metto qualcosa di asciutto”.
“Si meglio”.
“Tu tienile compagnia che arrivò subito”.
“Cosa?”.
“Ma si dai. Fai amicizia - conclude nonna salendo le scale - e non bruciare il caffè”.
Tempo un minuto e il caffè è pronto. Lo verso nelle tazzine e lo vado a servire sul vassoio con la zuccheriera. La signora Alma è ancora seduta un po’ annoiata. Le porgo il vassoio, lei ringrazia con un cenno, prende la tazzina “niente zucchero grazie”.
Mi siedo anche io e bevo il mio, io lo zucchero lo metto anche in buona quantità.
“Allora sei contento di vivere con la nonna e la zia?” chiede l'impicciona.
“Contentissimo” annuisco
“Due donne a prendersi cura di te, a viziarti...”.
“A segarmi....” risi io a mezza voce.
“Come?” non aveva capito era un po' sorda.
“Saziarmi. A saziarmi dicevo”.
“E si certo. Tua zia poi è una gran cuoca”.
“Esperta in culi all'aria” rido.
“Culi...?” sbianca lei.
“Culinaria. L'arte di cucinare”.
“A si certo...E dimmi, hai la tua cameretta per dormire?”.
Avrei voluto dirle “No, di solito dormo vicino a quella che ho impalato per ultima” ma evito.
“E ce l'hai la ragazza?”.
“No, nulla di serio. Ho un paio di amiche per chiavar... giocare intendo”.
“Già” annuisce lei senza togliermi gli occhi di dosso.
A quel punto abbasso lo sguardo e capisco che mi sta inequivocabilmente fissando il bozzo sotto ai jeans. La cosa è più buffa che imbarazzante. Comincio a pensare che la vecchia befana se lo sogna un cazzo come il mio. Che guardi pure in fondo era così teso per colpa sua. Quasi, quasi me lo tiro fuori così lo vede meglio e poi le piscio addosso.
Ovvio sono solo fantasticherie ma la cosa mi attizza.
Il bozzò aumenta e si muove come preso da vita propria. Lei lo vede, ne sono sicuro anche se non fa commenti. Poi a sorpresa , afferra il lembo della gonna che le arriva un po’ sotto al ginocchio e la solleva completamente. “Ecco qua mi si è sganciata un altra volta la calza”.
In effetti uno dei gancetti del bustino che sosteneva le calze di nylon nere era davvero sganciato. Io però ora vedo tutto. Le gambe fasciate nel nylon nero, i reggicalze, le cosce e più di tutto un bosco di pelo grigio che fa paura perché la befana è senza mutande. Io mi immaginavo che sotto avesse quei così bianchi enormi che lo fanno venire molle, quelle mutandazze antistupro magari un po’ gialline che danno il vomito invece non c’è nulla.
Solo una bella gattona nera e bianca che, lo ammetto sembra mi dica “fottimi subito”.
Riaggancia la calza e cala il sipario ma ora tiene le gambe un po’ più aperte lasciandomi comunque percepire qualcosa sotto alle cosce.
Finge indifferenza come se non avessi visto il suo intimo ma è chiaro che ho visto tutto lo sa lei è lo so io.
Il cazzo è così duro che fra un po’ scoppia e sono certo che se ne è accorta. Ma non fa nulla.
Probabilmente tocca a me fare la prossima mossa forse è quello che si aspetta. Così mi alzo in piedi proprio di fronte a lei e ora l’erezione è inequivocabilmente evidente.
“Questi pantaloni sono molto stretti” dico toccandomelo vistosamente.
“Forse sei tu che sei un po’ abbondante” dice la vecchia.
“Dice che è grosso Signora Alma?” E senza darle tempo di ribattere afferro la tuta e la calo con un colpo secco fino all’età ginocchia.
SBANG!
L’asta decolla e segna mezzogiorno pieno con tutta la sua durezza.
La befana sgrana gli occhi fra lo stupito e l’impaurito “Ommadonna ma è una trave!”.
“Bhe che aspetti allora impalati” dico senza tanto girarci attorno.
“Lo sai che sono dieci anni che non ne prendo uno... Uno vero intendo” confessa mentre allunga una mano per saggiarne la durezza
E brava la porcona abbiamo il vibratore a casa penso.
Allungo la mano e le accarezzo i capelli bianchi e spugnosi. Chiudo a pugno afferrandone alcune ciocche e la tiro verso di me. Lei mi lascia fare.
Apre la bocca meccanicamente e la cappella le entra in gola.
Succhia. Ed è anche brava.
Si sofferma con cura sul prepuzio giocando di lingua e intanto succhia a piena bocca come fosse una cannuccia.
Le mie mani corrono sulla sua camicetta a fiori che inizio a sbottonare piano piano. Sotto ha il bustino color carne che sostiene le sue tette molli ma comunque belle grandi.
Le slaccio un paio di gancetti sempre con la sua bocca che lavora a pieno ritmo e le due pere saltano fuori. Piene di lentiggini coi capezzoli esageratamente lunghi. Molto belle.
Ne afferro una con la mano e ne saggio la morbidezza giocando anche con quel capezzolo così strano. Verrebbe voglia di mungerla per vedere se fa latte.
Intanto lei è al culmine e senza fiato. Se lo sfila di bocca con la saliva che le cola e senza mezzi termini mi dice “scopami tutta!”.
“Allora spalanca le gambe porcona”.
Mi chino sulle ginocchia, le sollevo le gambe in aria facendole arcuare il culo in avanti e lo Poggio fra le sue gambe. Sento la fica già bella calda sotto al pelo pronta a ricevere.
Le labbra sono strette e Alma geme un pochino quando inizio a spingere. Sembra quasi di sverginarla una seconda volta ma piano piano entra e inizio a sentire umido.
Allungo la testa fra le sue tettone e le succhio i capezzoli. Il mio bacino comincia a spingere ritmicamente e la trombo a tutta forza.

Erano passati solo una quindicina di minuti quando tornò mia nonna.
Alma con indosso solo il bustino e le calze nere se ne stava a gambe larghe a godersi la mia asta e quasi non diede retta a nonna come se non fosse un problema.
Anche io, instancabile, pompavo a tutto spiano nonostante sentissi che nonna era dietro di me. Mi volto appena, senza perdere il ritmo e mi accorgo che è nuda.
Capisco subito che per nonna non è un problema se le fotto l’amica è così torno a scopare Alma con ancor maggior vigore mentre nonna mi poggia una mano sul culo aumentando il mio piacere.
“O si avevi ragione questo non è solo un cazzo è il paradiso” dice Alma con voce sommessa fra una pompata e l’altra.
“A brutte porche allora eravate già d’accordo” esclamo.
“Era un po’ che te la volevo presentare. Sai lei è una delle mie migliori amiche” dice nonna.
“Troia come te” esclamo io mentre sento che sto per venire.
La riempio mentre la befana arriva a sua volta all’orgasmo.
Lo tiro fuori. La vecchia mi fissa da dietro i suoi spessì occhiali con gratitudine. “Anni che non venivo così bene” sussurra.

Ci mettiamo più comodi sul divano. Le due iniziano a limonare come se non avessero fatto altro nella vita ed è chiaro che non è la prima volta.
“È da tanto che lesbicate?” domando.
“Secoli” ride nonna.
In piedi davanti a loro poggio io cazzo fra le loro bocche. “Dai forza....”.
Le due non si fanno certo pregare, smettono di slinguarsi fra loro e ora ho due lingue mature ed esperte che mi leccano ogni parte del cazzo.
Alma intanto lecca la fica a mia nonna che ulula “lecca troia, lecca che vengo”.
Stavolta la possiedo con più calma è la sento venire almeno tre volte mentre nonna al contempo le allaga la bocca. Alma beve e non si lamenta, nonna gode come una puttana continuando a dare della troia all’amica.
Sborro di nuovo in fica ad Alma e lei si gode la frustata dello schizzo di sborra rovente che le sale in pancia. La sua vulva pulsa tanto ha voglia di cazzo.
Lo sfilo, bello umido e grondante di sperma e senza tante cerimonie glielo metto fra le chiappe.
“Oi ma che fai?” urla Alma.
“Ti inculo vecchia troia. Ti apro il culo come una noce” dico.
Lei prova a fare un po’ di opposizione “ma sei pazzo sono vergine li dietro sai”.
“Non sembra” dico mentre inizio a farmi strada con la cappella.
“Qualche vibratore l’ha preso” ride mia nonna.
“No ma dai. No piano, piano...” geme Alma che già sente La Rosa del suo culetto andare in frantumi. Il dolore deve essere tanto anche perché con il mio diametro è impossibile non provare un po’ di dolore iniziale. Anche nonna ha sanguinato dopo i primi anal e lei era già spaccatissima.
Alla fine, dopo averle fatto il pieno anche dietro ci fermammo soddisfatti.

Ci rimettemmo vestiti come nulla fosse e lasciai che le due donne andassero a turno in bagno dove Alma si pulì con un bel bidet di tutto lo sperma che aveva dentro.
Quando ci salutammo con un bacio in bocca la vecchia mi disse ancora grazie per il piacere che aveva provato e poi aggiunse “lo sai dove abito vero? Puoi passare quando vuoi. La mia porta è sempre aperta”.
“E anche il tuo culo” risi io mentre lei si allontanava zoppicando.

Più tardi appena soli nonna mi racconta un po’ di cose. “Non è bella ma è sempre stata una vaccona. Per anni arrotondava il lavoro nei campi facendo pompe agli altri contadini. Girava anche voce che per scommessa abbia succhiato il cazzo a un cavallo.
È stata una delle prime con cui ho lesbicano, famiglia esclusa ovvio, anche dopo il suo primo matrimonio ha sempre continuato a voler fare sesso con me e mi diceva che il marito la faceva godere davvero poco e stava con lui solo per i soldi.
Alla fine lo ha sotterrato e si è trovata padrona di non so quante giornate di terra intorno al paese. Poi si è sposata di nuovo con uno che lavorava in città abbastanza ricco.
Anche a questo ha fatto corna a più non posso e continuato a lesbicare senza scrupoli ma diceva che a lui bastava che si lasciasse pisciare addosso ed era felice”.
“Il marito la pisciava?”.
“Si. Dice che lo faceva quasi ogni sera. Non la scopava ma la pisciava e poi si segava su di lei”.
“Per questo ciuccia così bene” faccio notare.
“Anche i mille pompini che ha fatto da ragazza sono stati un buon allenamento” dice nonna.
Ridiamo assieme.
“Comunque me lo potevi dire che avevi amiche da scopare non c’era bisogno di farla lunga”.
“Diciamo che ti ho messo alla prova. All’inizio zia ed io pensavamo di tenerti in esclusiva per noi ma è chiaro che ne hai per tutte. Capiamo anche che a te l’idea di farti altre donne possa stuzzicare quindi d’ora in poi diciamo che ti faremo un po’ di pubblicità. Però volevo vedere da solo come avresti reagito. Sei stato bravo. Glielo hai messo in mano senza troppe parole anche se, diciamolo, di faccia la Alma è davvero un cesso”.
“Bhe mica la devo sposare. Poi nel culo ho goduto parecchio confesso”.
“Molto bene. E comunque i soldi dei due mariti e di tutta la terra che ha venduto quella tirchia li ha ancora. Tutti in banca sul libretto che fanno interessi”.
“E perché me lo dici?”.
“Diciamo che penso al tuo futuro. Magari non sarebbe male che oltre al divertimento cominciassi a pensare al tuo conto in banca”.
“Non so nonna a me piace solo scopare per il gusto di farlo e mi basta”.
“Allora tesoro della nonna vuol dire che me ne dovrò occupare io”.
“Cioè scusa? Non ho capito nonna”.
“Diciamo che dirò ad Alma che dovrà dare un contributo alle tue spese scolastiche”.
“Quindi vuoi monetizzare le mie prestazioni sessuali?”.
“Ti dispiace?”.
“Ma no nonna, anzi, mi state mantenendo da mesi tu e zia solo con le vostre magre pensioni e i risparmi. Se posso dare un contributo lo faccio volentieri. Anzi se hai altre diciamo amiche....ben venga”.
“Ti dico già che quelle che sono disposte a pagare sono davvero brutte” dice lei.
“Non me ne importa e poi credo che mi tiri ogni donna che vedo bella o brutta che sia” e dicendolo le mostro che ho il cazzo duro ancora una volta.
Siamo sul divano tutti nudi, nonna accanto a me allunga la mano e mi accarezza. “Doveva venire un’ora dopo ma ha anticipato. Un’ora in cui avrei avuto la mia parte” sussurra.
“Bhe sei sempre in tempi adesso nonnina” dico io.
“Sono un po stanca, sdraiata sotto a leccare mi ha spaccato la schiena”.
“Allora mettiti a pecora bella comoda nonnina”.
Lei obbedisce, si sdraia bene con culo dritto e la testa sul cuscino. “È brutto sai da vecchi. Hai tanta voglia in corpo ma ti mancano le energie”.
“Non preoccuparti nonna. Faccio tutto io. Tutto!” E senza esitare la impalo a pecora e la monto a tutta forza.

Questo racconto di è stato letto 3 0 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


storie di sesso a tretravestiti sissyraccon ti eroticiracconti porno zooracconti erotici 69sculacciate racconti eroticiracconti sesso gratiszia porcellonaracconti erotici i generiracconti cucoldcuck raccontiho sverginato mia cuginauna zia porcaracconti sensualiraccontti eroticiraccont eroticieroticiracconti.itmamma mi fai un pompinogay racconti eroticiracconti erotici segheracconti ninfomaneannunci69 .itracconti porno travracconti prima volta analemammecalderacconti hard realiracconti erotici onlineracconti veri sessoa 69 raccontiracconti di incesti gayfoto di trans superdotatiracconti potnomary rider escortracconti sorellinaracconti gay italianiracconti di ragazze sverginateragazza si fa inculare dal caneerotici raccsottomessa raccontiracconti iomilusesso tra suocera e generozia perversaracconti anzianelaura panareiporno racconti eroticiraccontieroticiracconti porno a scuolaracconti eroti iracconti porno in famigliaracconti eropticiracconto erotico analeracconti erotici racconti di milostorie suocereracconti lesbo dominazioneracconti annunci69racconti gayscovolinamio marito bisexracconti erotici generimarito e moglie bisexmia moglie in bikiniracconti veri incestoracconti sesso con animalistrip poker raccontiracconti erotici zioracconti erotici slaveracconti hard sexracconti erotici ricattataracconti roticiracconti bdsm gayracconti erotici incintaeroici raccontiracconti erotici pompiniincesti veri raccontianimali eroticiracconti eroticeerotici racconriracconti animalsexracconti erotici sui piediraccontierotici69racconti pirno