Cronache di una ventiduenne disadattata. Cap. VII

Scritto da , il 2020-02-11, genere dominazione


Un tempo sprofondai all'Inferno, ero decorazione di degrado e in esso sguazzavo.

Non mi taglio da due anni. A volte, nei periodi di massima depressione ne sento il bisogno, quella voglia di prendere un qualsiasi cosa avesse una lama e infilzare lentamente la carne, fare pressione e sentire quel dolore che fa star bene. È rimasto solo un pensiero da scacciare via. Ho promesso, ho un animo nobile. Nei momenti di peggiore sconforto mi sono disperata, nei momenti di peggiore sconforto mi sono buttata tra le sue braccia, mi ha sorretto ma so che l'ha trovato difficile per non dire impossibile, la mia disperazione distrugge.
In un pomeriggio di gennaio ero fra le sue braccia annientata, non sto a dirvi il motivo sarebbe complesso il discorso da fare, ma è servito a farci arrivare a delle conclusioni. Il cervello è una macchina che non riusciremo mai a comprendere sul serio. Siamo essere imprevedibili noi.

Vivo al tramonto, nel attimo in cui il cielo tende a oscurare lentamente, a striarsi di rosso e giallo, il sole che va a calare e illuminare in coni di luce quel che rimane del giorno. Sono alla porta, oltre il mio mondo come l'avevo lasciato mi appare come se non l'avessi mai abbandonato, una parte di me è sempre stata qui. Ora mi sono solo ritrovata. Il profumo rianima ricordi. Lascio cadere le mie cose senza una logica precisa. Mi perdo tra le sue braccia…

-Fallo!- anche in questa posizione è autoritario.

-Fallo!- ripete.

La testa mi gira dolcemente, colpa del vino che ho gustato troppo in fretta, mi inibisce. Salgo sul letto e gattono, non lo faccio come altre volte con lui che mi porta a spasso per la casa con il guinzaglio, no! Lo faccio lentamente guardandolo negli occhi, voglio esprimere tutta la mia voglia di lui. Voglio essere come un felino che balza sulla preda. Forse ci sono riuscita! I suoi occhi mi esprimono remissione, quella luce in quel buio oblio mi fa pensare al totale abbandono.
“Fammi ciò che vuoi, bambina, questa sera sei tu a comandare. " Ecco mi parla con lo sguardo. Sento un'energia diversa defluire in me, darmi la carica, l'adrenalina di muovere le mie dita e prendere i nastri. Velluto. Intarsi di tessuto e le sue mani sono legate al letto. Mi da potere e mille sensazioni vederlo inerme sotto di me.

-Mi vuoi?-

Mi muovo su di lui. I miei seni percorrono il suo corpo, i miei capezzoli sfiorano la sua pelle, dal torace scendo giù.

“ Non sei tu a controllarmi. Sarò la tua tortura atroce.”

-Mi vuoi?- ripeto.

-Si. -

- Devi meritarmi. - sfioro il suo cazzo con i capezzoli, sussulta. Sorrido.
Risalgo senza dargli alcuna soddisfazione.

-Annusami.- Sono a cavalcioni sulla sua testa, mi abbasso lentamente e lui si protrae verso di me, gioco. Si avvicina io mi allontano.

-Ti piace il mio odore?- i suoi occhi… trovo difficile fermarmi a lungo, mi fanno capire che, nonostante la mia posizione, è ancora lui a comandare. Continuo, voglio vincere la mia debolezza, devo andare contro il mio essere.
Mi abbasso sul suo viso, la sua lingua tra le mie cosce fradice. Socchiudo gli occhi e mi abbandono ai suoi colpi, disperatamente si ancora a me, la sua bocca si incolla alle mie labbra: succhia, morde, stuzzica. La sua lingua dentro di me.
Mi muovo, oscillo. Lo scopo, lo fotto forte. Mi sto perdendo, voglio il mio orgasmo, lo pretendo, ma non così. Lo lascio. Mi sollevo. Scivolo giù. Lecco la sua carne, la sua voglia pulsante, la sua essenza di maschio. Mugola.

-Voglio scoparti. –

Quello che mi dice è un qualcosa che mi porta fuori dal mondo, in un'altra dimensione cosmica.
Sono estasiata.
Ricerco il mio piacere, lo rincorro. Lo sento crescere, avanzare, farmi perdere ogni difesa. Essere malleabile. Lo guardo. Sto bruciando per lui. Bruciamo insieme.
Il mio apice è qualcosa di mai provato prima. La mia energia confluisce in un solo punto, il cervello si spegne, le forze mi mancano. Il mio orgasmo mi sovrasta. Divento puro istinto. Un felino sulla preda per un'unica notte.










Questo racconto di è stato letto 1 9 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


i racconti di minupiedi eroticistorie cornutierotici racconriguzzon69racconti gracconti di ragazze che si masturbanoracconti strip pokernonna fammi una segastorie vere pornostorie transstorir pornoracconti eroriciracconti sroticiracconti tabooraxconti eroticiracconti scambio coppiestorielle erotichenonno incestoculo rotto raccontiraccontiincestuosii racconti eroticiracconti milùl uomo con due cazzimasturbazione raccontistorie di sexracconti.eroticistorie di sesso estremoracconti di sesso in trenoracconti incestracconti erotici prima volta gayracconti erotici eteroracconti di ragazzi gayracconti eoricimaritoguardonemamma scopa figlio raccontiracconti garacconti erotici veriracconti erotici in trenoracconti erotici di tradimentoraccontieroticiincestoracconti erotici animaliracconto erotico mammarotici raccontiscambio di coppieracconti gay padreconfessioni analiracconti erotici iniziazioneraccpnti eroticiracconti eroticastorie zoofiliaeroticaracconticonfessioni erotichezoofiliavideoracc erotracconti mamme incestiracconti sesso incestiracconti erosxxx storieracconti tetteracconti erotici gratuitierotci raccontiracconti porno con caniesperienze scambio di coppiaracconti erotici di mogli troieracconti veri di incestiraconti sessoracconti eoriticracconti di porchestorie dincestoraxconti eroticisesso con mia cuginaracontieroticifilm porno storieracconti eroticoracconti eriticiracconti eroticaracconti car sexracconti porno animaliporno raccontierotici raccontianale raccontimoglie inculata raccontiracconti porno gratisstorie e racconti eroticimi presti tua mogliesega dalla cugina