Nardo e le Milanesi

Scritto da , il 2020-02-11, genere trio

Leonardo detto Nardo era ignorate all'italiano preferiva lo stretto dialetto della sua terra, a stento sapeva leggere e scrivere, la scuola l'aveva lasciata a 6 anni, quando il padre emigrato al nord era morto in fabbrica schiacciato in una pressa e la madre dopo nemmeno un anno dal funerale, innamorata di un forestiero, se ne era scappata in continente e lo aveva abbandonato da una zia, donna disgraziata e cattiva che non se ne era mai preso cura.
Fin troppo presto, aveva capito che doveva fare da solo, aveva imparato a badare a se stesso, era cresciuto forte e fiero, l'incarnazione della natura selvatica della sua isola, con la consapevolezza di non aver bisogno di nessuno.
Basava la sua vita su quello che all'isola in cui viveva poteva offrirgli, ogni tanto catturava una lepre o qualche piccolo uccello ma, la sua dieta principalmente derivava da bacche ,fichi d'india , le arance che abbondavano ovunque e il pesce che lui stesso pescava ogni mattina, non aveva mai fumato e beveva vino o di rado una birra .solo se ad offrire erano i paesani, forse era per questo che a 71 anni era un uomo ancora in pieno vigore.
Alto, con un fisico asciutto e definito come un bronzo di riace, la pelle brunita dal sole e indurita da sembrare più cuoio che pelle umana, peli non ne aveva ,l'acqua salata del mare glieli aveva portati via, i capelli che una volta erano stati del colore del grano come sua madre, erano ancora ricci e corti ma, per lo più bianchi, il naso aquilino separava due intensi occhi azzurri come il mare in cui viveva, sempre lipidi e luminosi, le labbra erano quelle di un uomo di poche parole ma, il suo viso , il viso di un uomo forte ,bello e sereno, quasi teatrale riusciva ad esprimere con vigore ogni sentimento possibile.
Di denaro non ne aveva mai visto molto e sull'isola fino all'avvento dei turisti, non ne girava certo parecchio, ne lui ne aveva mai avuto bisogno, i vestiti glieli procurava il parroco del paese, oppure glieli regalava il mare, come molte delle poche cose che aveva, come casa aveva una vecchia rimessa per barche, da cui il sindaco aveva cercato di cacciarlo perché gli diceva che non c'era l'abitabilità, ma a lui bastava un tetto sulla testa ed era ostinato come la dura roccia dell'isola su cui era nato e cresciuto, per difendere un suo diritto, si era fatto pure la galera quando aveva preso a calci i due carabinieri e l'ufficiale giudiziario che avevano tentato di sfrattarlo e una volta scontata la sua pena, l'unica volta che aveva lasciato la sua isola, li era tornato.
A 17 anni ,fracassata sugli scogli aveva trovato Nina, la sua barca che con pazienza recuperando cose in giro aveva restaurato pezzo per pezzo, Nina ,come l'unica donna che lo aveva mai amato, sua nonna morta troppo presto e prima che la madre lo abbandonasse, non era bella come le barche dei diportisti o degli altri pescatori che vedeva arrivare in porto ma, lui se ne prendeva cura come una bella moglie e lei non lo aveva mai tradito.
Era stata casa sua per qualche tempo ma, per lo più ci pescava, faceva delle piccole commissioni e qualche volta portava in giro i turisti, giusto per pagarsi la nafta e altre cose per mantenerla sempre efficente, i soldi di quei guadagni, li gestiva in sua vece il bottegaio del paese che faceva da intermediario per quelle gite e piccoli trasporti.
Nardo non sopportava i foresti, sopratutto i turisti ,tanto arroganti quanto più ignoranti di lui che a scuola non c'era andato.
Un giorno il bottegaio lo mandò a chiamare, lui come tutto quello che faceva ci andò con comodo una volta sbrigate le sue faccende, a correre ti rompi il collo, l'uomo di innervosì al quanto quando lo vide arrivare ma, Nardo gli restò indifferente, con lui c'erano due turiste, due ragazzine agli occhi del pescatore, Nardo amava le belle donne, le trovava uno dei tanti doni meravigliosi della natura ma, piu che altro le ammirava da lontano e quelle erano belle come poche e degne di meraviglia.
Erano due universitarie di Milano, sapeva poco su Milano, ne aveva sentito parlare dagli altri paesani e sembrava un posto fatto da favola pieno di opportunità e ricchezza, ma spesso i paesani esagerano quello che sapeva del nord era che suo padre era andato a Torino e la in una delle loro fabbriche ci era morto, quello sapeva e gli bastava.
Le due signorine, pagavano tutta la giornata, volevano fare un giro in barca, vedere l'isola della tartaruga, un faraglione con una piccola spiaggia di sassi, fare il bagno, prendere il sole e mangiare i ricci, il bottegaio aveva promesso che Nardo gli avrebbe pescato.
Li accompagno al porticciolo e prima di lasciarli andare prese per un braccio il pescatore e si raccomando di trattarle bene che quelle stavano bene a soldi.
Nardo non rispose, le avrebbe trattate come trattava tutti i turisti, tollerandole e cercando di ignorando, il secondo proposito spari subito dopo che, una volta a largo, le due signorine si spogliarono rimanendo il costume da bagno.
Le ragazze sembravano fin troppo allegre ridevano per ogni cosa, come per un onda che faceva ballare un po troppo la barca o per qualcosa che l'una o l'altra trovava divertente come un gabbiano, per i pesci nel mare o un altra barca, agli occhi di Nardo sembravano un po' sceme.
Però erano carine quello a lui non sfuggiva, la bionda aveva un fisico snello, cosce lunghe e un gran culo ,la mora un po più bassina era più in carne e aveva tette enormi che stentavano a restarle nei confini del costume da bagno, parlavano senza sosta tra di loro facevano mille foto mettendosi in pose bizzarre, facendo poco attenzione a come si muovevano poco lasciando poco nascosto agli sguardi attenti del barcaiolo.
Nardo aveva avuto pochissime donne nella sua vita si cintavano sulle dita di una mano paesane che avevano avuto il coraggio di cercare da lui l'unica cosa che poteva offrire ,quello che aveva tra le gambe, per il resto della sua vita non sentiva un gran necessità di compagnia , era un solitario, ma d'avanti a quelle due bellezze continentali, sentiva il bisogno di appagare un appetito represso per troppo tempo, una delle ragazze si accorse dell'erezione che stava crescendo nei pantaloncini del loro barcaiolo e lo fece notare all'amica che prima spalanco la bocca con aria sorpresa, poi prese a ridere quasi isterica, tirandosi dietro nella risata l'amica, Nardo cercò di darsi un contegno ma, l'ingombro era parecchio.
Arrivarono all'isola della tartaruga, a mezzogiorno, le due ragazze si fecero aiutare per sbarcare e quella più in carne , la moretta ,ne approfitto per stropicciargli le tette in faccia mentre l'amica inevitabilmente rideva di gusto, Nardo cominciò a sentirsi preso in giro ma tenne la bocca chiusa.
Si sistemarono sulla spiaggia di sassi distendendo i teli mentre lui , dopo aver messo in sicurezza la barca ,le raggiunse portando la borsa frigo che il bottegaio aveva preparato con poche cose da bere e da mangiare, tutto compreso nel prezzo del tour ma, le due pretendevano i ricchi che l'uomo sull'isola le aveva promesso, cosi dovette tornare sulla barca recuperare la maschera ,un retino e il coltello da sub ed immergersi tra gli scogli per soddisfare il lodo capriccio.
Quando torno a riva con una decina di ricci nel retino le due ragazze lo accolsero in topless e l'erezione del pescatore si fece definitivamente evidente, alle milanesi sembrò un tributo alla loro bellezza.
Mangiarono i ricci, mentre lui li apriva e guardandole provava sempre più desiderio, li trovarono buonissimi, si sorpresero quando rispondendo alla loro domanda scoprirono che aveva lui aveva 71 anni.
La mora disse che era molto più grande di suo padre eppure sembrava cosi giovanile, poi la biondina ,che non aveva staccato un attimo lo sguardo dal pacco dei Nardo prese l'iniziativa, chiedendogli se poteva spalmargli al protezione solare sulle spalle.
Lui aveva l'occasione di toccare la pelle di quella bella ragazza e non se la lasciò sfuggire.
Lei si stese pancia sotto mentre le mani forti dell'uomo le frizionavano le spalle, l'altra sogghignava e si prenotò per essere servita allo stesso modo appena lui avesse finito con l'amica ma, la bionda sembrava inappagabile avanzando sempre nuove richieste cosi dopo le spalle, Nardo la massaggio ovunque dal collo al tallone.
Quando fu sul suo culo della bionda, lei sciolse i nodi che tenevano insieme le mutandine del suo bikini se ne sbarazzo lanciandolo tra i sassi e senza imbarazzo gli chiese di mettere la lozione anche li, Nardo ammirato da tanta perfezione esitò ma, poi procedette.
Che culo magnifico, pensò le natiche ,anche se piccole, erano sode e rotonde come le ballerina che aveva visto una volta in tv al bar del paese,curioso e ammirato la osservo con attenzione, avevaun neo sotto la natica destra e per quello che poteva vedere non cresceva un solo pelo sulla sua passerina che si intravedeva tra quei globi scolpiti da un bravo marmista, sode ed elastice stavano da sole ben separate ,l'ano era un po' scuro e reagi come un frutto di mare contraendosi quando lui ci passo sopra un dito, provocando nella ragazza un gemito e una risatina.
La mora era impaziente, quando si voltò verso di lei era un po pallida in viso, già tutta nuda e pretese il servizio completo, Nardo fu felice di mettere le mani su quelle tette enormi ,su quelle cosce piene tra le quali spiccava un tappetino di peli radi e ricci su quella passera più carnosa dell'amica e sporgente da riempirgli il palmo della mano.
Le due turiste erano ormai su di giri, al limite, non gli diedero il tempo di finire il suo lavoro, non era necessario e comunque era stato solo un pretesto, lo trascinarono giù su una delle asciugamani e lo spogliarono dell'unico indumento che aveva, prendendo in ostaggio il suo uccello, si scambiarono commenti ammirati, bestemmiando prese dall'enfasi ,la mora se lo posò su un braccio per verificare che in piena estensione l'uccello di Nardo copriva la distanza che c'era tra il gomito e il polso, l'altra meno interessata a questi dettagli la scanso e senza tentennamenti se lo sbatte in bocca, con coraggio, fino in gola.
Nardo che non era abituato a tanta iniziativa non sapeva bene che fare e in pratica furono le due turiste a dettare le regole dell'amplesso, si baciarono appassionatamente, si alternarono nel darsi piacere con la bocca, le fiche delle due milanesi avevano un sapore diverso insolito, qualcosa che non aveva mai provato, alla fine prima l'una poi l'altra si presero il piacere dal suo cazzo, la prima cavalcandolo fino a farlo venire, l'altra più tradizionale volle che fosse lui a montarla fino a sfinirla.
Andarono avanti fino al tramonto, quando rientrarono in paese, le due ragazze lo invitarono nel loro albergo per continuare il festino, ma Nardo anche se ancora vigoroso aveva dato tutto quello che poteva.
L'anno dopo con la nuova stagione estiva ,arrivarono dozzine di turiste in cerca di Nardo, c'era stato un gran passa parola in continente ma, il povero pescatore non c'era più, quell'inverno il mare in tempesta se l'era portato via insieme alla sua Nina.

Questo racconto di è stato letto 1 5 2 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici guardonierotici racconti.itracconti erotici gratuitistorie erotiche cuckoldracconti gay ragazziracconti erotici guzzonracconti safficiannunci69.it raccontiporno la nipote predilettaracc sessracconti eroiticiracconti porno cuckolddottoresse sexracconti erotici erotici raccontimia moglie si esibisceerotici 69racconti ertoticischiava padroneero raccracconti erotici masturbazioneracontieroticiincesto annuncistorie vere cuckoldracconti eroiticifeticismo raccontila vicina maturaracconti porno ziairaccontimiluravconti pornoracconti erotici-annunci69.itfiga con pannaracconti hot gratisconti eroticiracconti fayracconti erotici mogli troieracconti erotici scambio coppiesborra a go gogeneri di racconti eroticiracconti donne sottomesser acconti eroticistirie erotichemia suocera e una troiai piedi di mia cognataracconti gay incestoprofessionista81storie di suocerestorie erotiche incestidonne che fottono con animaliraccconti pornoracconti reoticipompini storieracconti erotici gangbangracconti priveracconti erotici mamma figlioracconti eeoticiscopata casarecciaraccontieroticoracconti incestuosi realiracconti hard mogliestorie inculateclistere erotico raccontila zia eroticamilùraccontiracconti feticistiscopate da caniracconti incesti madre figlioeroti raccontiginecologo raccontia69 racconti eroticistorie tramplingmilf storiestorie erticheraccontini eroticiracconti frocistorie incestepiedi di mia ziaracconti incesti pornoracconti eroticiùracconti grannyracconti ereoticiincesti sexracconti di ninfomaniracconti cornamistress raccontiraccinti eroticisesso tra suocera e generoracconti porno mia cognatastorie ornomamma troia raccontifoto storie pornopadrona raccontistorie di scambio di coppiai raccconti di miluracconti di cazzila mia ex mi fa un pompinoracconti harstorie porno dominazionestorie potnoracconti erotici mogli infedeliracconti lesbo gratis