Madame Crudelia

Scritto da , il 2020-02-11, genere trio

I

Il locale è pieno. Gente di ogni risma, di ogni età, seduta ai tavolini, intente a sorseggiare aperitivi vari. Donne di tutte le età, eleganti, austere, sofisticate.
I camerieri e le cameriere si danno da fare tra i tavoli. Il Green Hot è ancora nella fase ‘normale’. I maschi sono a torso nudo, un farfallino annodato al collo, pantalonicini aderentissimi che fanno risaltare chiappe e pacchi, fisici scolpiti. Ai piedi, mocassini in tela argentata. Le loro età sono comprese tra i 20 e i 30 anni.
Le ragazze, hanno i capezzoli coperti da nappe colorate, che ballonzolano nell’aria come i loro seni. Piccoli, medi, grandi. Slip rosa, o fucsia, o neri, in pizzo, quasi trasparenti. Per ora sono solo personale addetto a servire i clienti.
“Stasera pienone” dice Tania sistemando gli stuzzichini sui vassoi
“Gente di rilievo” commenta Franz, il ragazzo nuovo. A Tania piace: aria un po’ ingenua, da bravo ragazzo, pelle liscia, leggermente abbronzata. Si è chiesta cosa ci facesse un tipo come lui in un posto del genere. Ma non ha mai chiesto. La maggior parte di loro sono lì unicamente per uno scopo. Anzi, principalmente per uno scopo: pagano bene. 500 euro a notte, per cinque notte consecutive. Per servire aperitivi ai tavoli in abiti succinti. Per sopportare commenti pesanti da parte della clientele. Per farsi spogliare con gli occhi da uomini, ma anche donne. Per ricevere proposte indecenti.
“Una signora mi ha chiesto di mostrarle il cazzo” dice lui arrossendo
Tania lo guarda e sorride “Beh,è la politica del locale. Ma solo dopo mezzanotte” risponde Tania sorridendo “Tu che le hi risposto?”
“Che siamo ancora in fascia protetta” risponde lui
“Posso farti una domanda? Per quale motivo hai scelto di fare il ragazzo escort in questo locale per maniaci depravati?”
“Potrei dirti per i soldi. Portarmi a casa 2500 euro in una settimana. E’ una bella prospettiva, non trovi?” e arrossisce. A Franz piace Tania. Bionda, con la coda di cavallo, occhi azzurri, non tanto alta ma un fisico perfetto. Piena davanti, piena dietro, ventre piatto e..chissà che bello il taglio delle sue labbra. Chissà se è concesso il sesso tra compari di lavoro? “Ma lo faccio anche come sfida”
“Sfida?”
“Voglio vedere fino a dove riesco a spingermi pur di fare sesso” ancora quel rossore sulle guance
“Lo fai perché sei timido” non è una domanda, ma pura affermazione.
E lui arrossisce ancora di più. “E’ strano, lo so. Forse un po’ distorto e malato. Offrire il proprio corpo al pubblico ludibrio” sorride “Non pensavo esistessero locali simili qui da noi”
“Come lo hai scoperto?”
“La mia ex?” Tania inarca un sopracciglio sorpresa “Sì. Me l’ha consigliato lei. Quasi obbligato”
“Quando eravate ancora insieme?”
“No. E’ stata una cosa strana. Un paio di mesi opo che ci siamo lasciati, mi si ripresenta davanti a me. Parliamo, ci scusiamo ma, nessuna possibilità di tornare insieme. Poi mi salta fuori con questa proposta. O meglio: lei ha detto che fa la escort qui, mi ha spiegato come funziona. Mi ha detto che si diverte. Mi ha detto del guadagno. Lei lavora qui il sabato e la domenica”
“Come si chiama?”
“Veronica”
“Alta, capelli neri, tette grosse?”
“Sì”
“Una tipa che appare parecchio. E si da da fare. Io non ho mai fatto i turni dei sabati e delle domeniche ma, mi hanno detto che è abbastanza richiesta. Forse è un bene che tu faccia la settimana. Sai, magari a vederla in balia di altri uomini, ti potrebbe..”
“Non so. Sai il paradosso? E’ che con lei non c’è mai stata grande affinità. E il sesso.. Beh, quello era limitato solo a masturbazioni reciproche e qualche pompino” si stringe nelle spalle
“Uh. Quindi..sei ancora.. Intatto lì sotto?”
Il rossore si diffuse su tutta la faccia “Adesso sì che mi sento in imbarazzo”
“Scusa, non volevo” allunga una mano verso le sue. C’è quella scossa tipica, elettricità statica, che si propaga lungo il braccio, fino al cervello. E poi scende prepotente in basso. Tania se ne accorge e sorride “Vuoi perdere la tua verginità con una sconosciuta?”
“Non considerarmi sfacciato ma..”
Tania sorride “Mi piacerebbe molto”
“i può fare?”
“certo che sì e prometto” croce sul cuore “Che non mi limiterò ai soli pompini o masturbazioni” sorride
“Ehi Franz!” richiama l’attenzione Rudjard, il capo turno “Hai una richiesta. Tavolo 33”
“Vai tigre” sorride Tania

Sembra Crudelia Demon. Una signora austera, di una certa eleganza, sofisticata nel vestire e nei movimenti. Da giovane doveva essere stata una femme fatale. Ora, alta e magra, sulla sessantina, con i capelli lunghi e grigi che le ricadevano sulle spalle. La pelle non del tutto liscia, viso magro, affilato. Indossa un abito da sera nero, con i guanti lunghi fino al gomito. Pantaloni a fascia larga, una giacchetta che copre una camicia bianca a bottoni rossi. Sotto la camicia si indovinano seni grandi come pompelmi. Quanti anni potrebbe avere? Cinquanta? Sessanta? Franz spera che..
“Mi ricordi uno dei miei tanti nipoti” dice lei con voce vellutata. Sta fumando una sigaretta con il bocchino. Nell’aria diffonde anelli bianchi . E’ sola al tavolino. Sta sbocconcellando crostini di pomodoro e beve vino rosso “Ti scandalizza sapere che me ne sono scopati qualcuno?”
“Penso che ognuno è libero di sfogarsi come meglio crede” risponde franz, tono educato
“Lo so che mancano ancora due ore allo scadere della mezzanotte ma, potresti fare uno strappo alla regola?”
“Niente sesso prima della mezzanotte”
“Vederlo?”
“Deve aspettare”
“Saresti disposto a fare sesso con me?”
“E’ la politica del locale”
“Ho 57 anni. Ti fa dei problemi?”
“Se sono qui, direi di no”
“Posso toccare?”
“Quello si può fare”
La donna allunga una mano guantata e tocca delicatamente il pacco di Franz. “Bello duro. Come piace a me” sorride “Potresti girarti?” Franz obbedisce. Pochi secondi, neanche il tempo di completare la rotazione, che Crudelia gli tasta il culo, preme, scende fino al taglio tra le chiappe “Bel culo, bel corpo, bel pacco. Sì, mi piaci” Franz si gira di nuovo verso di lei “Vuoi scoparmi?”
“Se lei vuole me, sono a sua disposizione”
“Ma non mi hai risposto”
“Dopo mezzanotte”
“Voglio anche lei” dice Crudelia indicando Tania a due tavoli di distanza “Vi ho visti prima. Non ci vuole un genio per capire che lei ti piace”
Franz sposta lo sguardo su Tania, in quel momento con il culo che sporge verso un vecchio dalle mani rugose che la sta tastando e ride, forse pregustando l’attimo dopo la mezzanotte. A Franz da fastidio che Tania si faccia toccare da individui del genere. Ma quello non è l’ambiente per fare gelosi. “Allo scadere della mezzanotte” annuisce Franz
“Bene allora. Ora portami un tagliere misto. Ho bisogno di energia per dopo”

Le due ore passano lente. Franz ha avuto modo di incrociare Tania e dirle della richiesta di madame Crudelia “Una cosa a tre?” fa lei stupita
“Probabile”
“Sei a disagio?”
“Chiedimelo a mezzanotte”

E la mezzanotte arriva. Madame Crudelia li attende con aria a metà tra l’indifferente e l’annoiata. Quando li vede, una luce sembra accendersi dentro i suoi occhi. Brama. La lingua che appare tra le labbra come per pregustare quello che avverrà. Intorno, cameriere e camerieri hanno incominciato ad esibirsi con gli altri clienti “Come siete carini. Iniziamo lo spettacolo?” si accende la sigaretta “Mi limiterò a guardare, per ora” indica Tania “Togliti quegli affari ridicoli dai capezzoli. Mi sembrano dei nastri su uno Yorkshire” Tania obbedisce, lasciando che i suoi capezzoli rosa, svettassero prepotenti e liberi di respirare. Il rigonfiamento di Franz si fa più accentuato “Su, non fate le belle statuine. Baciatevi”
Franz e Tania obbediscono. Il calore arriva ad inondarlo e scende verso il basso. Tania preme il proprio corpo contro quello di lui, lasciando che i capezzoli solleticassero la pelle di lui. Lasciando che le mani accarezzassero la sua schiena, fino a scendere al culo sodo di Franz. Il ragazzo, preme ancora di più e lascia che la sua erezione sia sentita maggiormente da Tania.
“E ora, ragazza, tiraglielo fuori” ordina Crudelia. Tania obbedisce, non distogliendo lo sguardo dagli occhi di lui. In un attimo è fuori, turgido, con la punta già esposta, pronto all’uso. Lei lo accarezza, facendolo fremere e lo bacia “Non troppo forte cara” dice la matrona “Non voglio che venga subito. Adesso togli le sue mutande” Franz obbedisce, sfila le mutandine di lei. Il taglio è come se lo è immaginato, ben rasato, già umido, lubrificato “Qui” fa segno sul tavolo “Voglio passione ma, non entrare ancora dentro di lei. Ci riesci?”
Lui annuisce. Tania e Franz si guardano negli occhi, il Desiderio che cresce ed esplode nella loro testa, nelle loro membra. Si baciano con passione, le mani strette tra di loro. Il bacino di Franz premuto sul ventre di lei, il sesso che strofina sulla pelle liscia di Tania, con quel brivido di piacere che percuote la punta esposta. Esplodono mille colori. La vecchia li guarda bramosa, si sporge in avanti, ad un palmo di distanza. Osserva con attenzione i due corpi che si muovono in sintonia in un paragone di amplesso. La donna vorrebbe far parte dell’amplesso, partecipare in prima persona, sentire i loro corpi che la posseggono con voracità “Ora..” dice madame Crudelia allungando una mano verso il sesso di lui e stringendolo “Entra, ora” dice
Franz entra con foga nella fica di lei. Un urlo di piacere, la danza che continua come in un antico rito di sesso. Si baciano, si abbracciano, si amano. E madame Crudelia si scioglie in un simil orgasmo, toccandosi le cosce con le sua mano destra ricoperta dal guanto
“Sto per..” dice lui in pieno sforzo
Lei lo trattiene, vuole che lui esploda dentro di lei. Madame è nel pieno dell’eccitazione, anche lei in preda all’orgasmo. Poi, Tania esplode con un urlo liberatorio, s’inarca all’indietro, si adagia. Franz respira con l’affanno, appagato per aver fatto sesso con Tania: “Questo è bene” commenta Madame Crudelia accarezzando il petto di Tania “Rimani ancora lì, ragazzo. Lui seduto in piedi, lei sdraiata, ancora uniti, ancora umidi. Madame si china verso il punto di congiunzione e incomincia a leccare con gusto. Rimane lì per un po’, prima di ritrarsi e sedersi soddisfatta “Dirò a Franco di farvi avere un extra” ride la donna baciando prima Franz, poi Tania “La prossima settimana vi voglio ancora qui con me. Vedrete, ci divertiremo ancora” si alza e si allontana, ancheggiando come una vecchia diva di Hollywood e facendo ciao con la mano
“Diavolo che roba strana” esclama Franz con il fiato corto “Me la immaginavo diversa”
“Cosa? L’orgia a tre?” chiede Tania sollevandosi e puntellandosi sui gomiti
“No, il sesso con te. Voglio dire.. E’ stato fantastico! Ma che dico.. Meravigliosamente fantastico!”
“Anche la parte in cui madame ci ha leccato fica e cazzo insieme?”
“Beh, sì, un’aggiunta… Cosa credi che ci riserverà la settimana prossima?”
“non lo so ma, nell’attesa, è meglio fare pratica” sorride lei “Vieni a dormire a casa mia?”

=The end?=

Questo racconto di è stato letto 1 0 8 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


i generi dei racconti eroticiracconti eroticheracconto hotannunci69 .itracconti erotici in autostorie di zoofiliaracconti erotici nonnoincesto gifracconti eros gratisracconti eroticjracconti tradimenti annunci 69storie collantstorie erotracconti lesbicheraccontiardracconti roticiporno racconti incestoracconti stupro gayraccpnti eroticiracconto erotsorie pornoracconti erotici padre e figliaschiavo di mia ziaracconti eeoticiracconti per adulti gratisracconti.eroticistorie di sesso spintostorielle pornoeroticiraccracconti erotici con transracconti incesto madre figliaquella porca di mia cognataerotici racdonna scopa con un cavalloracconti hard 69storie feticisteracconti storie eroticheracconti di guzzonracconti miliavventure matureracconti gay al cinemaa mia moglie piace farsi guardarei generi racconti eroticiracconti schiavemoglie raccontii racconto di miluracconti sul sessorac erotavventure gayracconti erotici zio nipotecornuti consapevolir acconti eroticiracconti erotici erotici raccontiracconti erotici e videosculacciate racconti eroticisesso anale raccontiraccontizoofiliaracconti di porcheracconto erotaddio al nubilato orgiaerotivi raccontiracconti storie di sessosesso con incestiracconti erotici realmente accadutigay raccontorcconti gayracconti etoticiracconti erotici suocera e generostorie reali di sessostorie porno annunci 69racconto cuckraccondi eroticircconti eroticiracconti erotici violentataincesto cuginaracconti erotici prima esperienzaporno racconti eroticistorie pormoio milùzia raccontogeneri dei racconti eroticistorie ornoracconti ewriterewriterstacconti miluincesto annunci 69veri racconti incestoinculami paparacconti erotici esibizionistadonne che si fanno scopare da animalistorie porno milueacconti eroticiracconti-eroticiracconti prime seghemia zia e una porcaracconti incesyoracconti di incesti gayracconti ard