Sul web

Scritto da , il 2020-02-11, genere masturbazione

Non lo avrò mai. Almeno non come vorrei - pelle su pelle. Tuttavia, questo non cambia il fatto che fino ad ora non conoscevo nessuno che mi avrebbe eccitato come lui. Per molti anni, la sua presenza nella mia vita si è limitata a poche brevi e-mail aziendali. Se dovessi dire oggi come è successo che il carattere della nostra relazione è cambiato, dicendo la verita non lo so. Era solo una conversazione casuale e alcune parole ambigue che colpiscono il terreno fertile.

Quando abbiamo spostato la nostra relazione dai canali aziendali a quelli privati, tutto era nuovo ed eccitante per me. Ho chattato con lui con le farfalle nello stomaco e sorridendo allo schermo dello smartphone.

All'inizio ho avuto i leggeri rimorsi di coscienza. Dopotutto, ero sposata e la parola "moglie" mi obbliga. Nel tempo, tuttavia, mi ha convinto che ciò che facciamo è innocuo, ma molto piacevole. Oh sì, non si può nascondere che è molto piacevole. Sorprendentemente molto per un romance virtuale. Romance, tuttavia, è una parola inappropriata, troppo superficiale. Siamo collegati da qualcosa di molto difficile da definire, una chimica inspiegabile che ci fa leggere perfettamente le esigenze reciproche.

Ricordo quanto mi sentissi insicura quando gli inviai le mie foto nude per la prima volta. Ho provato a mostrare un pezzo del mio corpo senza mostrare nulla. Volevo sembrare attraente per lui. Dopo, mi stava esortato ad andare oltre, ed inviargli fotografie più audace. Mi faceva sentire, che gli fa piacere quando lo faccio. Poteva (ancora può), con poche parole, farmi sentire bello, femminile e sexy. Ricordo il momento, in cui mi resi conto che prima di lui non dovevo fingere nulla, non dovevo vergognarmi di me stessa e dei miei bisogni. È stato liberatorio. I resti di timidezza sono scomparsi, volevo costantemente eccitarlo e provocarlo. Da allora, non deve più chiedere foto, prendo l'iniziativa da sola. A poco a poco, ho rivelato sempre di più - seno, stomaco, sedere. Per una foto della mia figa ha dovuto aspettare il più lungo. Dopotutto, il piacere deve essere dosato.

A volte gli mando anche i brevi video. Ad esempio, scrivo "so che potresti prenderti cura di loro perfettamente" e allego un video in cui, sotto la doccia, mi lavo il seno in maniera provocatoria. Oppure scrivo "qui mi piacerebbe sentire la tua lingua" e invio insieme al film in cui accarezzo la mia figa con le dita.

Sono felice quando mi ripaga lo stesso. È meraviglioso ricevere delle foto del suo cazzo duro, con la nota "sei tu a causarlo". Il suo pene mi impressiona. La sua vista in piena prontezza, in una foto o in un video, mi fa venire voglia di prenderlo in bocca, leccarlo, succhiarlo e accarezzarlo fino a quando non eiacula. È perfetto per me. È tutto perfetto - dalla testa ai piedi.

Adoro anche i giorni in cui ci eccitiamio, l'uno del l'altro, a scrivere cosa faremmo se potessimo e fossimo vicini. Succede, che per colpa sua, quasi tutto il giorno sono bagnata dall'eccitazione. A volte, incapace di sopportare la tensione, mi nascondo da qualche parte (nel bagno all'ufficio o nel camerino) per masturbarmi. So che lo fa anche lui ed è bellissimo - una complicità tra di noi. La consapevolezza che l'altra persona, sebbene situata a molti chilometri da te, ti svela i suoi più grandi segreti, ti svela desideri e fantasie e persino ti accarezza e viene per te, è incomparabile per qualsiasi altra cosa.

Oggi la nostra relazione entrerà in una nuova fase. Abbiamo aspettato molto tempo per questo. Avevamo bisogno delle giuste condizioni per questo, che non è facile quando entrambe le parti hanno dei partner nella vita reale. Finalmente ci siamo riusciti. Insieme, e tuttavia separatamente. Io sono qui e lui è lì. La nostra prima volta. Sorrido leggermente a me stessa al pensiero di ciò che ci aspetta. Nuovo e sconosciuto. Un brivido di eccitazione attraversa il mio corpo quando guardo il laptop davanti al letto. Mi sono preparata. Volevo che fosse lunatico, quindi mi sono preso cura della musica giusta, della luce e dei petali di rosa. Ho indossato biancheria intima nera, di pizzo e sexy, autoreggenti, un vestito e tacchi alti. Abbiamo fissato il nostro incontro segreto per le venti, quindi due minuti prima, accendo il computer e imposto la webcam in modo che la vista sia la migliore. Quando alle venti appare dall'altra parte, non riesco a smettere di sospirare. Per un momento ci guardiamo in silenzio, e alla fine lui li rompe con un caldo "è bello di vederti". Queste tre parole contengono tutto il nostro lussuria, aspettativa e voglia. Dopo non ci servono più le parole. Su entrambi i lati del monitor, inizia un spettacolo sensuale. Io per lui e lui per me.
Con il suono delle ballate rock, lo guardo dritto negli occhi e, senza fretta, mi faccio scivolare il vestito dalle spalle, lasciandolo cadere sui fianchi. Vedo, come alla vista del mio seno vestito di pizzo nero, inumidisce le labbra con la lingua. Mi ripaga e si slaccia la camicia. Bottone per bottone. Voglio abbracciare il suo torso nudo, ma non posso. Ho sete quando i miei occhi catturano un ciuffo di peli sullo stomaco, correndo giù e scomparendo sotto i suoi jeans. So dove sta andando e non vedo l'ora di liberarsi dei suoi pantaloni. Con una mossa, lascio cadere l'abito sul pavimento e, ipnotizzato, lo guardo slacciare la fibbia della cintura. Sembra che i jeans siano troppo stretti per lui e se ne libera con sollievo. Solo i boxer mi stanno separando dalla visione tanto desiderata. Noto l'attesa nei suoi occhi. Sorrido leggermente e tocco il mio seno attraverso il materiale del reggiseno. I capezzoli si induriscono immediatamente, ma lui non lo sa ancora. È solo quando li rilascio dalla prigione di pizzo che si rende conto di quanto siano tesi. So che gli piacciono i miei seni, per questo mi concedo di accarezzarli per un po '. Li accarezzo, stringo, prendo in giro i capezzoli con le dita fino al punto di dolore e piacere. Vedo il suo viso cambiare, i suoi occhi si scuriscono, il suo respiro si fa più veloce. Mi tocco lo stomaco senza fretta, dirigendomi gradualmente verso le mie mutandine. Faccio una mossa come se volessi toglierli, ma non lo faccio. Lo guardo in modo suggestivo. In un attimo capisce cosa mi aspetto. Senza distogliere lo sguardo da me, si libera dei boxer mentre mi tolgo le mutandine. Lo vedo nudo, pronto, voglioso. Non devo nemmeno toccarmi per sapere quanto è bagnata la mia figa. Sono tutta un grande desiderio. Se fosse stato qui, qualche mosse sarebbero state sufficienti ed avrei urlato tra le sue braccia. Ma lui non c'è qui, devo prendermi cura di me stessa, immaginando che sono le sue mani che mi accarezzino. Mi siedo sul letto e apro le gambe. Mi tocco il seno con una mano e accarezzo delicatamente l'interno della coscia con l'altra mano, muovendomi sempre più in alto. La mia figa luccica dai succhi che fluiscono fuori di me. È calda, umida e pronta. Ci faccio scivolare facilmente due dita e le muovo pigramente. Avanti e indietro. Guardandolo dritto negli occhi, lecco le stesse dita che sono appena penetrate nel mio interno. Agrodolce gusto del desiderio. Il livello della mia eccitazione aumenta quando abbraccia il pene con la mano e inizia a muovere lentamente su e giù. La ghianda lucida scompare ancora e ancora sotto la pelle del prepuzio. Non riesco a distogliere lo sguardo da lui, mi toglie il fiato. Prendo il vibratore precedentemente preparato e lo infilo dentro di me con un movimento regolare. Sto cercando di abbinare il ritmo della mia mano a quello in cui accarezza il suo cazzo. Con l'altra mano tocco il clitoride e lo accarezzo con movimenti circolari. Nel modo in cui stringe la mano, nella tensione muscolare, nella respirazione superficiale e nell'espressione facciale, vedo che è vicino. Questo mi eccita ancora di più. Accelero i movimenti del vibratore. I miei occhi si scuriscono quando arriva l'orgasmo. Mi inchino nell'arco e sento il mio urlo. Con la coda dell'occhio vedo come sborra. Flussi di sperma scorrono lungo il torace, lo stomaco e le mani. Tremo dopo il piacere che ho appena provato e sdraiato tra i petali di fiori sento Bon Jovi cantare „Bed of roses”. Sto cercando di riprendermi, anche il respiro. Non pensavo che sarebbe stata un’esperienza così intensa. Ancora sdraiato, giro la testa, lo guardo e so che si sente lo stesso. Sorrido quando sento il suo „grazie”. „Anche a te”, rispondo.

Parliamo ancora per molto tempo. Nudi, godendo della sua vista e del momento da solo. Prima di salutarci, ci masturbiamo di nuovo. Quando spengo il computer, sono soddisfatto come mai prima d’ora.

So che ci vorrà del tempo, ma non vedo l’ora quando lo faremo un’altra volta.

Questo racconto di è stato letto 8 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


mia madre mi ha masturbatoprima volta scambio coppiaracconti di gang bangstorie di zoofiliastorie vere hardracconti sesso oraleracconti erooticiracconti erotici nonna e nipotestorie vere incestoracconti bollentiuomo bifallicoracconnti eroticiracconto porno incestoracc eroticiracconti erotici teenannunci incestistorie di sesso al cinemaracconti erotici zoofilixnxx gajracconti sesso a treracconti porno con caniraconti picantiraccpnti eroticiracconti mogli che tradisconostorie hard gayracconti rroticiracconti di travestitiracconti di storie di sessoracconti sesso animalipiccole trasgressioni raccontistorie di collantracconti porno italiaho scopato mio fratelloracconti erotici seghefetish raccontiracconti eroticiipapà inculamiracconti erotuiciracconti erotici prima esperienzai generi di racconti eroticistorie etoticheerotic raccontiracconti di sesso con animalislave raccontiracconti eroyiciracc eroticiracconti erotici mracconti erotici suocera generoracconto eroticistorie di sesso eccitantiracconti erotici bondageracconti erotici lunghieroticiracconti.iti piedi di mia cuginasesso sadoracconti hard incestuosiraccontii eroticistorie milfracc eroticimilu raccontosottomessa raccontiracconti sesso con nonnastorie di masturbazione femminilegeniv raccracconti erotici pompinimorenasex coppiemary rider escortracconti sverginateracconti di lesbicheerositalia raccontiracconti porno mogli troieraccondi eroticiracconti sporchicrociere eroticheracconti eroti cierotoci raccontiracconti eros gratismogli troie raccontiravconti eroticiracconti porno zoosculacciate eroticheinculata raccontoracconti erotiiciracconti eroticzie troie raccontiracconti di mogli puttaneracconti porno trenoracconti hot gratisracconti del cazzoerotci raccontiscambio fidanzate