Il destino di una coppia - 12

Scritto da , il 2020-02-10, genere dominazione

Rosy aveva fatto rientro a casa in nottata. Lo seppi al mattino da Giuseppe, prima di andare a lavoro; non eravamo riusciti a vederci perché lei ancora riposava dalle fatiche del giorno prima.
“La troia è rientrata all’ovile. Dopo gli darò una ripassata di cazzo, poi la porto dall’estetista e dal parrucchiere per renderla presentabile quando verrà Toni. Dopo dovrò parlarci, perché Toni è uno di mano pesante e sicuramente vorrà darle un segno di come può essere punita se non rispetta le regole. Conoscendolo, le farà il culo a strisce e poi la manderà a battere! Dobbiamo ancora metterci d’accordo su come dividere i profitti…Chi mai lo avrebbe detto Claudio? La tua Rosy, che fa la puttana di strada! E… guadagnerà più di te, portandomi un po’ di soldini!”
Si, certo ancora per poco e la pacchia finisce…bastardo!
Durante la mattina passata in ufficio ripercorsi ogni dettaglio del piano, nel pomeriggio del martedì mi ero creato un impegno che mi consentiva di uscire dall’azienda per una riunione con dei clienti, Luciano ne era informato e per le 14.00 sarei uscito.
Verso le 15.30 venne in ufficio Luciano per riferirmi che Giuseppe aveva ordinato che rientrassi a casa, in quanto doveva farci visita un ospite importante: Toni. Bastardi!!! Volevano solo farmi assistere a come il pappone avrebbe umiliato Rosy e il sottoscritto.
Nel giro di una mezzora mi ritrovai a casa, Giuseppe e Toni stavano parlando di affari e avevano già trovato un accordo: Rosy avrebbe lavorato come prostituta agli ordini di Toni per due settimane e tutto quello che avrebbe incassato sarebbe stato spartito tra i due, Toni avrebbe ottenuto il 40%.
Nel momento in cui entrai, Rosy non era presente.
Ad un cenno di Giuseppe, Laura mi fece sedere sulla solita sedia posta nell’angolo della sala e andò a chiamare Rosy. L’ingresso di Rosy in sala catalizzò l’attenzione dei presenti, era splendida:
capelli a caschetto biondo platino, occhi castani molto intensi e profondi grazie ad un trucco a dir poco perfetto, caratterizzato da una colorazione avorio delle palpebre e da sfumature di colore marroncino negli angoli esterni. Rossetto rosso amaranto. Indossava un abito aderente in raso verde, privo di maniche, con una scollatura che lasciava intravedere l'assenza di reggiseno e corto fino a coprire a malapena i glutei. Quindi le scarpe con tacco dodici completavano l’opera slanciando il fisico di Rosy come non lo avevo mai visto prima.
“Bene! Vieni avanti fatti vedere meglio…”
Toni, con il suo immancabile sigaro in bocca, si era alzato dalla poltrona e stava girando attorno a Rosy come un avvoltoio con la sua preda. Quindi, le si era bloccato di fronte e le aveva afferrato un capezzolo da sopra il vestito, pizzicava e torceva facendone aumentare le dimensioni. Rosy tratteneva a stento qualche gridolino, segno che Toni le stesse procurando un mix tra dolore ed eccitazione. Toni alternava la presa da un capezzolo all’altro e di tanto in tanto sbuffava un po’ di fumo in faccia a Rosy, che inevitabilmente tossiva. Quando Toni mollò la presa, sul vestito aderente i due capezzoli spiccavano come due chiodi.
“Datemi un po’ di ghiaccio e due mollette! E tu rimani ferma troia!”
Laura prontamente si allontano per poi ritornare con quanto Toni aveva chiesto. Intanto, Rosy osservava con apprensione le mollette, che dalle mani di Laura passavano a quelle di Toni, rimanendo sempre immobile al centro della sala, tra gli occhi divertiti di Giuseppe e Laura.
Toni prese un cubetto di ghiaccio, e agendo sempre sopra il tessuto, iniziò a sfregarlo su entrambi i seni concentrandosi sui due capezzoli. Il vestito verde aveva assunto una colorazione più scura nella parte centrale fino al di sotto dell’ombelico, evidenza che il ghiaccio man mano che si scioglieva lasciava percolare il rivolo di acqua verso il basso. Quindi, Toni aveva lasciato scivolare il cubetto tra i seni e sollevando di volta in volta il vestito aveva fatto entrare il ghiaccio dentro il perizoma. L’espressione di Rosy con la bocca aperta e la pelle d’oca su tutto il corpo era il risultato del lavoro di Toni, che la faceva rabbrividire ad ogni suo movimento.
“Allora Rosy: dimmi se ti piace questa sensazione…”
“Uhi… sii, ho i brividi di freddo ma anche le vampate di calore…uhm”
Successivamente Toni applicò la prima molletta sul capezzolo destro.
“…e questo ti piace, troia!”
“Ahi!!”
“Rispondi alla domanda puttana! e non farmi incazzare, odio dovermi ripetere!”
Nel proferire tali parole, Toni applicò anche la seconda molletta nel capezzolo sinistro.
“Ahi!! Cazzo…si, si mi piace!”
Con la sua risposta, Rosy stava soddisfacendo Toni per cercare di contenere la sua crudeltà, ma inevitabilmente due lacrime le solcavano il viso. Toni raccoglieva le gocce con le dita e le infilava nella bocca di Rosy, che continuando a compiacere il bastardo dischiudeva le labbra e succhiava avidamente.
“Così troia! Brava! Continua a succhiare, puoi fare di meglio, ma sono convinto che con qualche incentivo imparerai a succhiare come una perfetta puttana! E poi con il culo rosso si succhia meglio, non vedo l’ora di spellarmi le mani sopra le tue chiappe!”
Toni non aveva finito di terminare la frase, che diede una sonora sculacciata sul sedere di Rosy facendola barcollare in avanti. Rosy appariva intimorita, non sapendo dove Toni potesse arrivare, e ogni tanto cercava lo sguardo di Giuseppe sperando nel suo intervento. Intanto, Toni si divertiva a rimuovere le mollette dai capezzoli di Rosy, strappandole altre grida di dolore, per poi riposizionarle nel medesimo modo prolungando i gemiti di Rosy, che come una perfetta schiavetta stringeva i denti e rimaneva sempre immobile di fronte al suo aguzzino.
“Claudio! Togli le mollette alla troia e sfilale il vestito, voglio vedere il suo culo bianco!”
Mi alzai e feci quanto chiesto. Ero nuovamente eccitato e, ancora una volta, questo mi sconvolgeva. In un attimo Rosy rimase nuda, con indosso solo un perizoma verde smeraldo visibilmente bagnato dall’acqua ghiacciata che si era depositata. Toni infilò la mano dentro il perizoma e prese il ghiaccio.
“Ma guarda quanto si è rimpicciolito! lo hai quasi squagliato del tutto, sembra una supposta! Girati a novanta gradi che te lo metto nel culo così lo rinfreschiamo!”
Rosy si piegò verso di me; la sorpresa nella sua faccia, accompagnata da un lungo gemito, indicava che Toni aveva inserito il ghiaccio.
“Lo so che ti piace, per una troia in calore come te il ghiaccio può solo dare sollievo! Forza, ora rimettiti dritta!”
Toni prese il bordo del perizoma stirandolo verso di sé e sputandoci dentro, quindi tenendolo sempre ben teso invitò Laura e Giuseppe a fare la stessa cosa. Poi lo lasciò andare massaggiando per bene la fica di Rosy, fino ad infilarle due dita dentro e masturbandola via via con maggiore intensità.
“Rimani ferma troia! E con le gambe dritte!!”
Toni l’aveva fatta squirtare un paio di volte facendole inzuppare il perizoma già bagnato da acqua e saliva.
“Claudio! Toglile il perizoma e mettiglielo in bocca, e tu troia, apri bene la bocca perché devi tenerlo tutto dentro e succhiarne il contenuto!”
Quando sfilai il perizoma mi resi conto di quando fosse appesantito dai liquidi assorbiti. Mentre le infilavo il perizoma in bocca, guardai Rosy negli occhi e colsi il suo sguardo estremamente eccitato, che mi travolse in un forte desiderio di possederla. Ma subito, Toni mi fece ritornare alla realtà delle cose.
“Mettiti in ginocchio troia! Non scordarti mai che questa è la tua posizione naturale, da pompinara! Ma prima di usare la bocca te la chiudiamo con del nastro così ti rifai la bocca dei tuoi umori e della nostra saliva”
Toni le aveva fatto chiudere la bocca e poi aveva utilizzato un nastro per tenerla chiusa. Successivamente aveva fatto adagiare Rosy sulle sue gambe tenendo sollevato il sedere con il quale Tony stava incominciando a giocare: infilava, una per una, tutte le dita della mano nel buco del culo. Rosy ansimava impossibilitata ad emettere altri suoni e a parlare. Per rendere più umiliante la situazione Toni mi fece avvicinare e mi fece succhiare ognuna delle dita che aveva infilato nel sedere di Rosy. Laura era estasiata dinnanzi a si tanta dominazione, mentre Giuseppe semplicemente rideva e si godeva la scena.
“Ora iniziamo a battere questo culetto…e quando mi stanco continua Claudio!”
Toni iniziò lo spanking picchiando fortemente e in modo alternato le natiche che si coloravano di rosso via via che batteva. I gemiti di Rosy, soffocati dal perizoma che rilasciava nella bocca tutti i succhi di cui era impregnato, divenivano sempre più profondi. Dopo una trentina di colpi Toni si fermò e fece posizionare Rosy a novanta gradi, quindi mi diede una paletta di cuoio e mi intimò di continuare colpendo i glutei già ben colorati con quanta più forza potevo.
“Dai Claudio solo 10 colpi! E tu, troia, guai se pieghi le gambe, le voglio vedere sempre ben tese dal primo all’ultimo colpo! UNO…..DUE….”
Cercai di dare dei colpi decisi dosando la forza per limitare il dolore procurato a Rosy. Arrivai a dieci e fu una liberazione. Quindi Toni fece togliere il nastro e liberò la bocca di Rosy dal perizoma. Poi la fece inginocchiare e seduto sulla poltrona tirò fuori il suo grosso membro.
“Allora troia, adesso mi succhi per bene l’uccello e se non mi soddisferai come pretendo ti farò dare altre dieci palettate. Forza comincia a succhiare e senza aiutarti con le mani!!!”
Rosy, piegata a testa bassa, con la schiena inarcata e il sedere arrossato in alto, iniziò a spompinarlo con vigore e decisione.
“Fammi sentire la lingua troia! Mulina di più sulla cappella! Ai clienti piace sentire la lingua che saetta sopra il cazzo! …così brava, ma puoi fare di più, hai bisogno di incentivi…forza in piedi a novanta gradi! Claudio dagliene altre dieci, forse con il culo viola comincerà a soddisfarmi come voglio!!”
La battei per altre dieci volte, urlava ad ogni colpo! Aveva gli occhi rossi e una lacrima le solcava il viso.
Quindi riprese a spompinare Toni.
“UH, CAZZO! Ecco la differenza…ci stai mettendo più passione, più anima. Forza! Continua, fallo entrare di più voglio sentirtelo in gola!”
L’intensità che Rosy ci stava mettendo era coinvolgente, costantemente china sull’uccello di Toni, aveva il viso paonazzo dallo sforzo profuso; mi scoppiava l’uccello, cazzo quanto avrei voluto masturbarmi!
“Continua troia! ingoia il cazzo fino alla radice”
I conati continui provocavano un eccesso di produzione di saliva e lacrime che ormai avevano disfatto il trucco di Rosy.
“Ti farò diventare una brava puttana: fammi sentire il risucchio della saliva ogni volta che l’asta esce dalla bocca e lo ingoi nuovamente. Il cliente impazzisce per questo e tu lo devi soddisfare pienamente!”
Nel mentre che Rosy portava avanti un pompino con i fiocchi, Toni riceveva da Laura un grosso fallo vibrante con cui si divertiva a farlo scorrere sopra la fica e il buchetto del culo di Rosy.
“Dove lo devo ficcare questo troia?”
“Dove preferisci! Mettilo dove più ti garba!”
“Brava zoccola! Ottima risposta, ed io scelgo il tuo bel culo. Apritelo bene con entrambe le mani!”
Toni lo inserì con decisione nel culetto di Rosy spingendo contemporaneamente la testa di Rosy a fondo fino a far scomparire tutta l’asta; tenendo la testa premuta sul suo ventre fino a che non ce la faceva più. Toni si divertiva a ripetere questa sua depravazione, fino quando decise di sollevare l’asticella della perversione accendendo il vibratore posto nell’ano di Rosy. La vibrazione sconquassava Rosy fino alle viscere, ma non era finita qui, perché dopo qualche minuto Toni tirò fuori dalla tasca una specie di pinzetta.
“Questa non si trova facilmente…l’ho fatta arrivare dagli USA: è una clip particolare che si colloca nel clitoride; comandato a distanza può rilasciare dei leggeri impulsi elettrici e ne puoi comandare la frequenza. Laura cortesemente, pinza il clitoride di questa troia che adesso ci divertiamo veramente”.
Mentre Rosy continuava a pompare l’uccello di Toni, e godeva gemendo sotto il lavoro fatto dal vibratore, Laura afferrò con le dita il clitoride già bello gonfio di Rosy e applicò la pinzetta.
“Cazzo!!! Rosy? Sei bagnata da far impallidire una ninfomane…”
Gli impulsi sul clitoride generavano in Rosy dei mugolii sempre più forti e sempre strozzati dall’uccello di Toni che continuava a pompare con maggiore vigore. Toni continuava a spingere la testa mantenendo il cazzo bel fisso nella gola di Rosy, che messa a pecorina, mostrava come il vibratore tendeva ad uscire dal sedere, in conseguenza di tutti gli sforzi prodotti. Ci pensava Toni, però, a spingerlo nuovamente all’interno e ad aumentare la sua velocità di vibrazione. Una scena sconvolgente che mi aveva fatto fortemente eccitare. Laura che si stava masturbando fino a quel momento, si rese conto del mio stato e si avvicinò per umiliarmi ancora una volta di fronte a Rosy. Mi portò vicino a Rosy e mi segò fino a farmi venire sopra la sua schiena.
“Uh quanta bella sborra per la mogliettina!”
Anche Giuseppe si stava masturbando e lo stesso Toni cominciava a respirare più affannosamente. Quando Toni iniziò a togliere completamente il vibratore per poi infilarlo di forza nel culo di Rosy, lei iniziò a squirtare energicamente e in continuazione sempre nel momento in cui vibratore abbandonava il suo sfintere anale.
Dopo che Giuseppe raggiunse l’orgasmo mentre Laura aveva ripreso a masturbarsi, Toni tirò fuori l’uccello dalla bocca di Rosy e iniziò a venirle in faccia schizzando più volte dentro la bocca e sui capelli. Nel frattempo Rosy continuava a bagnare il pavimento distrutta dalla fatica e con il volto disfatto dal trucco e pieno di sperma.
Subito dopo Toni fece una breve telefonata chiedendo a qualcuno di salire nell’appartamento.
“Tu puttana, rimani ferma così a quattro zampe che ho qualcosa da dirti:
ora verranno i miei ragazzi che ti porteranno alla cattedrale per darti una ripulita e portarti a battere la strada fino a domani mattina. Cerca di non tornare a mani vuote, dubito che capiterà considerando che sei una gran vacca. Avrai uno smartphone a disposizione: dopo che fai sborrare il cliente invii un WhatsApp di “OK” all’unico numero memorizzato, accompagnata da un selfie in cui si vede la sborra, in bocca, in faccia o dove cazzo vuole il cliente. A proposito, cerca di non fare la furba, perché ogni tanto tra i clienti che ti sbatteranno ci potrebbe essere un mio amico”.
Poi seppi che la “cattedrale” era il punto di smistamento e di ritrovo delle ragazze di Toni.
Un minuto dopo arrivarono i due ragazzi di Toni. Nella sorpresa generale, senza che nessuno dicesse nulla, si calarono i pantaloni e iniziarono a scopare e inculare Rosy. Tutto sommato, non fecero fatica, era già completamente aperta e in quel momento le si leggeva in faccia che era ciò che voleva: finalmente due veri bastoni di carne che la facessero godere. Andarono avanti per qualche minuto finché Toni non ordinò di andare.
“Forza, è ora di andare! Continuerete a scoparvela in auto durante il tragitto”.
Che bastardi!
L’eccitazione in me stava salendo; l’indomani sarebbe stato il grande giorno, ma rimaneva da sciogliere un grosso nodo: dove avrei trovato Rosy? Avrebbe smesso di battere al mattino, e dopo, dove sarebbe andata? In quel momento dovevo giocare il tutto per tutto e così chiesi a Toni di poter usufruire anch’io delle notifiche WhatsApp di Rosy. L’umiliazione di quella richiesta era tanto grande quanto quella di essere riuscito ad inserire il mio numero di telefono nello smartphone di Rosy. Bingo!!!
Continua…
(Per eventuali commenti o suggerimenti contattatemi su )

Questo racconto di è stato letto 2 7 7 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


i generi di racconti gaysito racconti eroticiraccontisessoracconti mogli porcheconfessione erotichea69 raccontiracconti erotici adultistorie hot gratisracconti eroriciracconti erotcugina raccontipompino ad un cavallostorie feticismoracconti fetish piedistorie di sessracconti erotici69racconti erotici vicinastorie di sesso con animaliconfessione eroticastorie vere eroticheracconti naturististorie pornoracconti erotici camionistiracconti incetoracconti eroticho sverginato mia figliaporno raccontiraccontizoofiliaracconti porno itaracconti eoritici racconti eroticiracconti eroticracconti porno pissingracconti erotiiciracconti erotici con suoceraracconti erotici mogli troievoyeur al parcoracconti erotici triostorie mogli troiestorie pornpprof zoccolastorie di milfschiava aziendale 7racconti incentuosistorie di sesso sfrenatoerotic raccontiracconti cuckold realistorie di orgestorie erotichracconti erpticicontatti eroticiracconti incestuosiracconti porno+erotici raccomtilesbica raccontiracconti sesso donnestorie di sesso in famigliasesso di gruppo raccontiracconti di storie di sessoho scopato mia figliaracconti eroticierositaliacontatti eroticikyr raccontaracconti fendomgeneri eroticidonne che fottono con animaliracconti erotici iomiluraccontiincestuosiracconti di massaggi eroticicugina troiaracconti orsi italianistorie pronocrociere eroticheracconti eeroticiracconti erotickannusami i piedi