Ospite - 2

Scritto da , il 2020-02-10, genere incesti

Trascorsi i due giorni, prima di iniziare il viaggio di ritorno, le mando il messaggio "sono in macchina e per le 17 sono a casa, tu?" dopo qualche minuto "ho riempito il borsone e sto tornando a casa"
Quando era arrivata aveva un borsone in effetti quindi se ne sta tornando a casa sua…
Avevo fatto tanto per mandarla via ed adesso mi dispiaceva, anche se il mio dispiacere nasceva da non avere piu' il giocattolo nuovo.

Aprendo la porta di casa fu grande la sorpresa nel trovarla li, stava sistemando la sua roba svuotando un borsone molto piu' grande di quello che aveva quando era arrivata.
La abbraccio e la bacio sulle labbra, lei si tira indietro quando provo ad infilare anche la lingua -mamma ormai siamo amanti, fatti baciare-

m: Vorrei finire di sistemare tutto
io: Se tra questa roba hai qualche abito elegante stasera ti porto a cena fuori
Le si illuminano gli occhi -si qualcosa l'ho portata-
La serata scorre serena, il locale le piace cosi' come il cibo, mi racconta che con mio padre non va e tanto altro, poi torniamo a casa.
io: Questo vestito te lo tolgo io
Ha una lunga cerniera sulle spalle, non porta reggiseno cosi' mentre lo abbasso le palpo i seni.
Quando rimane In mutande e autoreggenti le giro intorno, le faccio dei complimenti ma lei tace, la invito a sfilarsi le calze.
Poggia la gamba sul divano e toglie prima l'una poi l'altra, certo non e' bella come lo era Sofia Loren nella scena iconica di "Ieri, oggi, domani" ma quelle cosce piene avvolte dalle calze mi eccitano.
Le sfilo le mutande -quanto pelo che hai, una bella ceretta brasiliana devi farla-, insinuo' le dita tra le labbra del suo sesso, guaisce.
Avvolgo le chiappe con le mani -lo hai mai preso nel culo?-
Si allontana
m: No questo no, ti supplico, vuoi proprio sottopormi a tutte queste umiliazioni, sono pur sempre tua madre?!?
io: I patti erano chiari, se vuoi ti riporto a casa anche adesso
m: Ma abbiamo passato una bella serata, pensavo... senti tesoro, andiamo in camera e mi sali sopra, va bene?!
io: Hai confuso un gesto di distensione con uno di pentimento, rivestiti, ti porto a casa!
m: Ma questo e' un ricatto!
io: Nessun ricatto, se vuoi stare qui fai come ti dico altrimenti vai a casa, non sei la prima donna che sodomizzo, e poi hai visto mica sono un superdotato non soffrirai molto.
m: Almeno andiamo di la, e' piu' comodo il letto
io: No, voglio scoparti in ogni stanza di questa casa cominciando dalla cucina, quando arriveremo al letto sara' su quello di casa tua.
Vado a prendere un piumone e lo metto per terra, si e' arresa e lascia che le poggi i palmi delle mani al muro, divarica le gambe.
Faccio scorrere le mie mani sulla sua schiena, le bacio le spalle, traccio i contorni della sua carne, ha la pelle d'oca, dandole piccoli baci scendo lungo la schiena per arrivare al solco delle chiappe dove il bacio diventa una leccata, lei mugola, le piace.

Faccio aderire il mio corpo al suo, faccio scorrere il cazzo prima su una coscia poi sull'altra, poi con le mani divarico quei chiapponi enormi e struscio il cazzo sulla figa, non la penetro perche' voglio che sia lei a chiedermelo.
Quella montagna di carne un po' flaccida e' di un color bianco intenso, le do piccoli schiaffetti, la pizzico finche' non si arrossa.
io: Ti piace essere sculacciata, eh mamma? Che troia che sei!
m: Non mi chiamare troia, ti prego
io: E come devo chiamare una donna che ha il cazzo di suo figlio tra le sue chiappe?
Non risponde.

Mi stacco da lei e mi allontano di qualche centimetro, osservo il suo corpo, mangio con gli occhi quelle gambe che culminano in fianchi larghi, ha le gambe leggermente divaricate ma la carne delle cosce e' cosi' tanta che continuano a sembrare un tutt'uno.
Gira la testa verso di me e con lo sguardo sembra dire 'perche' ti fermi'
io: Che coscioni che hai, sei proprio una vacca, ora te lo metto nel culo, ora tuo figlio lo mette nel culo alla sua mamma troia.

Mi abbasso e mi insinuo' tra le sue cosce, le lecco la fica, il folto pelo mi solletica il naso ma farsi strada tra quella carne mi da una carica di adrenalina incredibile.
I suoi respiri sono intervallati da lamenti strozzati, infilo due dita nella fica e torno ad osservarla, i polpacci sono rigidi come tutto il resto del corpo, le chiappe cosi' tese sembrano meno cadenti.
Esco le dita che sono lucide per via dei suoi umori, le faccio scivolare sul suo culo, poi strizzo una chiappa e poi l'altra baciandole e leccandole.
La pressione sulla carne liscia le rende ancora piu' rigide, non so come riesco a non venire.

Mugola ed inarca la schiena per sollevare ancora di piu' il culo e rendermi piu' facile le lappate sulla fica, infilo le dita nel buchetto, emette una specie di rantolo e separa ancora di piu' le gambe, adesso le cosce non si toccano piu'.
io: Sei pronta? Tra poco ti entro nel culo ma non avere paura faro' piano
Emette un soffocato 'non farmi male'.
Mi alzo e faccio nuovamente aderire il mio corpo al suo, con una mano le massaggio il seno, con le dita dell'altra seguo il contorno della labbra della vagina.
Le strizzo i capezzoli fino a farle male, emette un 'ahi' di dolore -proverai meno dolore di questo te lo prometto mammina mia, voglio che ti piaccia per farlo tante volte-

Per qualche minuto strofino il cazzo sul suo buchetto, comincio lentamente ad entrare, lei si irrigidisce, piagnucola, mi fermo, avanzo, piagnucola e mi fermo ancora.
Barcolla, le gambe stanno per cedere, sembra che voglia crollare a terra -ti prego fammi sdraiare- la sollevo e cerco di consolarla e confortarla -No, all'impiedi godrai di piu' te lo prometto, ora ricominciamo-

Mi riposiziono dove il culo incontra le cosce, con le dita sfioro la carne vicino al suo sesso, la bacio, inalo il suo profumo pungente.

Si agita, ha il respiro affannoso, mi dedico ancora ai suoi globi ed infilo due, poi tre ed infine quattro dita dentro al buco.

Le sue gambe si allargarono, la figa e' fradicia dei suoi umori, li raccolgo e li spalmo sul buco con la speranza di lubrificarlo un po'.

Che spettacolo... mia madre eccitata con le gambe spalancate davanti a me ed io con le mani che stringono le sue chiappe, lei ondeggia davanti a me e la sua figa che brilla umida per l'eccitazione.

io: Da quanto tempo non ti scopano, eh mamma? La tua figa sta colando come una fontanella
Non dice nulla ma il suo ansimare e i suoi sospiri sono la risposta che voglio.

Metto la punta del cazzo sul buco, scorrendo cerco l'apertura, la trovo - lo senti? sto entrando, mamma hai le pareti del culo fatte di burro, sei burrosa dentro e fuori-
m: Che battutaccia, spero tu sappia fare di meglio con quell'arnese
Finalmente una risposta che denota coinvolgimento, si sta sciogliendo e questo mi piace, una donna complice si fa meno remore ad accontentarti.
Le pareti dell'ano quasi si aprono da sole al passaggio del cazzo, sembra che mamma si sia rilassata ed il suo retto si sia abituato all'intruso.

Avanzo millimetro dopo millimetro, lei grugnisce forse per il dolore ma non mi ferma.
Dopo qualche secondo e' tutto dentro, resto fermo per poi lentamente estrarlo e spingerlo nuovamente dentro.
Ad ogni movimento aumento la velocita' e spingo con piu' forza, le mani sui fianchi spremono la sua carne, mamma asseconda il movimento ondeggiando, piu' volte tende a scivolare ma stringe un poco le gambe per tornare in posizione.

Ansima pesantemente, mormora parole a tratti incomprensibili pero' mi implora di spingere piu' forte, finalmente mi implora!
Le palle mi fanno troppo male e non ce la faccio piu' a resistere, svuoto tutto dentro lo sfintere di mamma.
Entrambi urliamo e grugniamo, il cazzo e' saldamente incastrato nel suo culo, il suo anello anale si e' contratto e lo blocca dentro, che sensazione, non riesco a tirarlo fuori mentre sento uscire altro sperma.
Mamma crolla a terra ed io sopra di lei, il cazzo e' ancora eretto e non riesco ad uscirlo, ho paura che sia successo qualcosa sto per entrare nel panico ma finalmente lei si rilassa e sono libero da quella lussuriosa tagliola.
Siamo entrambi ansimanti, mi alzo mentre lei rimane in posizione quasi fetale, il piumone lurido di ogni tipo di liquido, lei ha le guance rigate dalle lacrime.
Inaspettatamente mi dice -resta qui sopra di me, avvolgimi-
io: Credimi mamma non ho mai provato nulla di simile, sei l'amante perfetta
m: Si ma non chiamarmi piu' troia

Questo racconto di è stato letto 6 5 8 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti amatorialeracconti pola monta delle vacche gaystotie pornoracconto pornostorie di sesso incestosadomaso raccontieriticiraccontistoriw pornostorie di bondageracconti erotici di vita realeracconti eroticuracconto porno gratiscugina tetteguzzon 59racconti donne sposaterracconti eroticirecconti eroticiracconti eoriticimia moglie racconti eroticistorie gay pornoraccoti eroticiincesto con la suoceraracconti wroticiracconti arrapantiracconti erotici di suocereracconti erotici zoogiorgina la troiagay porno raccontiracconti di massaggi eroticiracconti erotici stupro gaygay racconti eroticiho scopato mio figlioracconti milúlibri erotici onlinegeneri dei racconti eroticila mia ragazza inculataracconti cuginesesso raccontistorie sesso incestoamoreinfamiglia.blogspot.it.racconti eropticistorie erosesso incestracconti hard incestiracconti di mia mogliegeneri racconti eroticistorie eroticestorie di erosorsi italiani raccontierorici raccontiracconti moglie porcamilu eroticiracconti sesso matureracconti erotici prima esperienzastorie erracconti eros gratissuocere porconeracconti xxracconti esibizionistiracconti erotici cuginiracconti peccaminosiracconti piccanti gratisstorielle pornostorie e racconti eroticierotici raccontolettere hard da leggere gratisstorie feticismo pieditacconti gayraccomti pornoi generi racconti eroticiracconti erotici amatorialeracconti sentimentaliracconti piedimarito e moglie bisexchiavo mia mammaracconti erotucicornuti consapevoliracconti erotici baby sitterracconti erotici cornutiracconti erotocigay eroticiprofessionista81racconto incestuosoracconti erotici scambio coppiastorie erotitrenino bisexracconti eroticaracconti gay orsiraccontie roticierotici ra