Giochi tra sessantenni

Scritto da , il 2020-02-09, genere comici

Giochi fra sessantenni 1

Rita è una sfondatona grassa e flaccida. La scopavo più di venti anni fa quando era molto chiavabile, e ora che era al limite dell’impraticabilità ci facevo ogni tanto qualche porcata.
Ci vedevamo anche per vedere la partita, e una volta per caso siamo andato a casa del mio amico Piero, un chiavatore incallito con cui da sempre faccio con le donne che troviamo.
Avevo provato molte volte a chiavare Rita con un altro uomo e il primo della lista era Piero, ma lei non aveva mai voluto, dicendo la sua frase tipica: “Non crederai mica …”.
Dopo un po’ la partita perde interesse: il risultato è scontato e le squadre aspettano solo di finire.
Così quando Piero va in bagno mi apro e tiro fuori l’uccello. Lei sa cosa fare e mi ci mette la mano sopra carezzandolo dolcemente con la sua mano grassoccia. Dice solo: “Ma quando lui torna come facciamo? Non crederai mica …”
La rassicuro, dico che non c’è problema.
Piero quando torna non si accorge subito della mossa. La vede dopo che si è seduto e ridacchia. “Se volete dopo potete andare sul letto”.
Così delicata la mano mi fa indurire il cazzo lentamente; dopo un po’ accenno a Piero che se lo tiri fuori. Così prendo l’altra mano di Rita e gliela metto sopra in modo che ci lavori tutti e due. Piero è abituato malgrado l’età a della figa buona, ma messo in situazione non si tira indietro.
Dopo un po’ di giochino così rilassante ed eccitante le dico : “E tu cosa ci fai vedere …”
Lei ci pensa un po’ e poi si tira giù a scoprire le tette, grosse e flaccide, ma io insisto “Dai scopri anche la figa”.
Brontola un po’ ma esegue, paziente. “Certo che hai delle pretese”.
Riprende il lavoro a mano che ormai ha dato i suoi frutti.
Sono tutti e due in situazione e gestisco la cosa. Lascio che continui con la mano sul cazzo di Piero e le vado sopra. Le cerco la figa con cazzo duro e comincio a infilarglielo. Mentre pompo si scalda e lavora forte anche con la mano sul cazzo di Piero. Quando vedo Piero in tiro gli faccio segno: si alza e mi sfilo, lui è rapido a infilarlo al mio posto. E lei: “ma dai, tutti e due? Non crederete mica …”.
Lo so cosa succede : dopo poco lei ha delle contrazioni, coi primi gemiti, che si trasmettono all’uccello e lo fa venire.
È troppo presto per Piero che mi guarda: gli faccio segno e si scansa; lo infilo di nuovo e ci do dentro, con lei che geme, e la sento, la porca, che mi gira l’uccello con la figa in contrazione. Ci do dentro lo stesso e godiamo insieme. Rita con tutte le sue sfighe fisiche gode da gran porca e mi fa sborrare dentro. Urla, geme, si agita. Mentre si scuote ancora per la goduta ci diamo ancora il cambio e Piero nuota nella mia sborra che viene fuori lentamente. Corro ai ripari e vado a prendere un asciugamano da ospite. Quando torno Piero è già lì che sborra anche lui: una bella goduta rumorosa, con lei che trova il modo di assecondarlo, muovendo le grosse cosce e spingendo la panciona in su. Le tette sballonzolano.
Quando si ritira la sborra esce a fiotti e la tampono, per non compromettere il divano. Piero ridacchia, è soddisfatto; lui che cerca sempre figa buona non si aspettava di potersi godere anche quel bidone. Rita ansima ancora, scuote le grosse tette, si calma lentamente, ha una tipica contrazione finale della vulva e sospira. La sento dire : “ certo che … non crederai mica …”. Chissà cosa voleva dire …
Giochi fra sessantenni 1

Rita è una sfondatona grassa e flaccida. La scopavo più di venti anni fa quando era molto chiavabile, e ora che era al limite dell’impraticabilità ci facevo ogni tanto qualche porcata.
Ci vedevamo anche per vedere la partita, e una volta per caso siamo andato a casa del mio amico Piero, un chiavatore incallito con cui da sempre faccio con le donne che troviamo.
Avevo provato molte volte a chiavare Rita con un altro uomo e il primo della lista era Piero, ma lei non aveva mai voluto, dicendo la sua frase tipica: “Non crederai mica …”.
Dopo un po’ la partita perde interesse: il risultato è scontato e le squadre aspettano solo di finire.
Così quando Piero va in bagno mi apro e tiro fuori l’uccello. Lei sa cosa fare e mi ci mette la mano sopra carezzandolo dolcemente con la sua mano grassoccia. Dice solo: “Ma quando lui torna come facciamo? Non crederai mica …”
La rassicuro, dico che non c’è problema.
Piero quando torna non si accorge subito della mossa. La vede dopo che si è seduto e ridacchia. “Se volete dopo potete andare sul letto”.
Così delicata la mano mi fa indurire il cazzo lentamente; dopo un po’ accenno a Piero che se lo tiri fuori. Così prendo l’altra mano di Rita e gliela metto sopra in modo che ci lavori tutti e due. Piero è abituato malgrado l’età a della figa buona, ma messo in situazione non si tira indietro.
Dopo un po’ di giochino così rilassante ed eccitante le dico : “E tu cosa ci fai vedere …”
Lei ci pensa un po’ e poi si tira giù a scoprire le tette, grosse e flaccide, ma io insisto “Dai scopri anche la figa”.
Brontola un po’ ma esegue, paziente. “Certo che hai delle pretese”.
Riprende il lavoro a mano che ormai ha dato i suoi frutti.
Sono tutti e due in situazione e gestisco la cosa. Lascio che continui con la mano sul cazzo di Piero e le vado sopra. Le cerco la figa con cazzo duro e comincio a infilarglielo. Mentre pompo si scalda e lavora forte anche con la mano sul cazzo di Piero. Quando vedo Piero in tiro gli faccio segno: si alza e mi sfilo, lui è rapido a infilarlo al mio posto. E lei: “ma dai, tutti e due? Non crederete mica …”.
Lo so cosa succede : dopo poco lei ha delle contrazioni, coi primi gemiti, che si trasmettono all’uccello e lo fa venire.
È troppo presto per Piero che mi guarda: gli faccio segno e si scansa; lo infilo di nuovo e ci do dentro, con lei che geme, e la sento, la porca, che mi gira l’uccello con la figa in contrazione. Ci do dentro lo stesso e godiamo insieme. Rita con tutte le sue sfighe fisiche gode da gran porca e mi fa sborrare dentro. Urla, geme, si agita. Mentre si scuote ancora per la goduta ci diamo ancora il cambio e Piero nuota nella mia sborra che viene fuori lentamente. Corro ai ripari e vado a prendere un asciugamano da ospite. Quando torno Piero è già lì che sborra anche lui: una bella goduta rumorosa, con lei che trova il modo di assecondarlo, muovendo le grosse cosce e spingendo la panciona in su. Le tette sballonzolano.
Quando si ritira la sborra esce a fiotti e la tampono, per non compromettere il divano. Piero ridacchia, è soddisfatto; lui che cerca sempre figa buona non si aspettava di potersi godere anche quel bidone. Rita ansima ancora, scuote le grosse tette, si calma lentamente, ha una tipica contrazione finale della vulva e sospira. La sento dire : “ certo che … non crederai mica …”. Chissà cosa voleva dire …
Giochi fra sessantenni 1

Rita è una sfondatona grassa e flaccida. La scopavo più di venti anni fa quando era molto chiavabile, e ora che era al limite dell’impraticabilità ci facevo ogni tanto qualche porcata.
Ci vedevamo anche per vedere la partita, e una volta per caso siamo andato a casa del mio amico Piero, un chiavatore incallito con cui da sempre faccio con le donne che troviamo.
Avevo provato molte volte a chiavare Rita con un altro uomo e il primo della lista era Piero, ma lei non aveva mai voluto, dicendo la sua frase tipica: “Non crederai mica …”.
Dopo un po’ la partita perde interesse: il risultato è scontato e le squadre aspettano solo di finire.
Così quando Piero va in bagno mi apro e tiro fuori l’uccello. Lei sa cosa fare e mi ci mette la mano sopra carezzandolo dolcemente con la sua mano grassoccia. Dice solo: “Ma quando lui torna come facciamo? Non crederai mica …”
La rassicuro, dico che non c’è problema.
Piero quando torna non si accorge subito della mossa. La vede dopo che si è seduto e ridacchia. “Se volete dopo potete andare sul letto”.
Così delicata la mano mi fa indurire il cazzo lentamente; dopo un po’ accenno a Piero che se lo tiri fuori. Così prendo l’altra mano di Rita e gliela metto sopra in modo che ci lavori tutti e due. Piero è abituato malgrado l’età a della figa buona, ma messo in situazione non si tira indietro.
Dopo un po’ di giochino così rilassante ed eccitante le dico : “E tu cosa ci fai vedere …”
Lei ci pensa un po’ e poi si tira giù a scoprire le tette, grosse e flaccide, ma io insisto “Dai scopri anche la figa”.
Brontola un po’ ma esegue, paziente. “Certo che hai delle pretese”.
Riprende il lavoro a mano che ormai ha dato i suoi frutti.
Sono tutti e due in situazione e gestisco la cosa. Lascio che continui con la mano sul cazzo di Piero e le vado sopra. Le cerco la figa con cazzo duro e comincio a infilarglielo. Mentre pompo si scalda e lavora forte anche con la mano sul cazzo di Piero. Quando vedo Piero in tiro gli faccio segno: si alza e mi sfilo, lui è rapido a infilarlo al mio posto. E lei: “ma dai, tutti e due? Non crederete mica …”.
Lo so cosa succede : dopo poco lei ha delle contrazioni, coi primi gemiti, che si trasmettono all’uccello e lo fa venire.
È troppo presto per Piero che mi guarda: gli faccio segno e si scansa; lo infilo di nuovo e ci do dentro, con lei che geme, e la sento, la porca, che mi gira l’uccello con la figa in contrazione. Ci do dentro lo stesso e godiamo insieme. Rita con tutte le sue sfighe fisiche gode da gran porca e mi fa sborrare dentro. Urla, geme, si agita. Mentre si scuote ancora per la goduta ci diamo ancora il cambio e Piero nuota nella mia sborra che viene fuori lentamente. Corro ai ripari e vado a prendere un asciugamano da ospite. Quando torno Piero è già lì che sborra anche lui: una bella goduta rumorosa, con lei che trova il modo di assecondarlo, muovendo le grosse cosce e spingendo la panciona in su. Le tette sballonzolano.
Quando si ritira la sborra esce a fiotti e la tampono, per non compromettere il divano. Piero ridacchia, è soddisfatto; lui che cerca sempre figa buona non si aspettava di potersi godere anche quel bidone. Rita ansima ancora, scuote le grosse tette, si calma lentamente, ha una tipica contrazione finale della vulva e sospira. La sento dire : “ certo che … non crederai mica …”. Chissà cosa voleva dire …
Giochi fra sessantenni 1

Rita è una sfondatona grassa e flaccida. La scopavo più di venti anni fa quando era molto chiavabile, e ora che era al limite dell’impraticabilità ci facevo ogni tanto qualche porcata.
Ci vedevamo anche per vedere la partita, e una volta per caso siamo andato a casa del mio amico Piero, un chiavatore incallito con cui da sempre faccio con le donne che troviamo.
Avevo provato molte volte a chiavare Rita con un altro uomo e il primo della lista era Piero, ma lei non aveva mai voluto, dicendo la sua frase tipica: “Non crederai mica …”.
Dopo un po’ la partita perde interesse: il risultato è scontato e le squadre aspettano solo di finire.
Così quando Piero va in bagno mi apro e tiro fuori l’uccello. Lei sa cosa fare e mi ci mette la mano sopra carezzandolo dolcemente con la sua mano grassoccia. Dice solo: “Ma quando lui torna come facciamo? Non crederai mica …”
La rassicuro, dico che non c’è problema.
Piero quando torna non si accorge subito della mossa. La vede dopo che si è seduto e ridacchia. “Se volete dopo potete andare sul letto”.
Così delicata la mano mi fa indurire il cazzo lentamente; dopo un po’ accenno a Piero che se lo tiri fuori. Così prendo l’altra mano di Rita e gliela metto sopra in modo che ci lavori tutti e due. Piero è abituato malgrado l’età a della figa buona, ma messo in situazione non si tira indietro.
Dopo un po’ di giochino così rilassante ed eccitante le dico : “E tu cosa ci fai vedere …”
Lei ci pensa un po’ e poi si tira giù a scoprire le tette, grosse e flaccide, ma io insisto “Dai scopri anche la figa”.
Brontola un po’ ma esegue, paziente. “Certo che hai delle pretese”.
Riprende il lavoro a mano che ormai ha dato i suoi frutti.
Sono tutti e due in situazione e gestisco la cosa. Lascio che continui con la mano sul cazzo di Piero e le vado sopra. Le cerco la figa con cazzo duro e comincio a infilarglielo. Mentre pompo si scalda e lavora forte anche con la mano sul cazzo di Piero. Quando vedo Piero in tiro gli faccio segno: si alza e mi sfilo, lui è rapido a infilarlo al mio posto. E lei: “ma dai, tutti e due? Non crederete mica …”.
Lo so cosa succede : dopo poco lei ha delle contrazioni, coi primi gemiti, che si trasmettono all’uccello e lo fa venire.
È troppo presto per Piero che mi guarda: gli faccio segno e si scansa; lo infilo di nuovo e ci do dentro, con lei che geme, e la sento, la porca, che mi gira l’uccello con la figa in contrazione. Ci do dentro lo stesso e godiamo insieme. Rita con tutte le sue sfighe fisiche gode da gran porca e mi fa sborrare dentro. Urla, geme, si agita. Mentre si scuote ancora per la goduta ci diamo ancora il cambio e Piero nuota nella mia sborra che viene fuori lentamente. Corro ai ripari e vado a prendere un asciugamano da ospite. Quando torno Piero è già lì che sborra anche lui: una bella goduta rumorosa, con lei che trova il modo di assecondarlo, muovendo le grosse cosce e spingendo la panciona in su. Le tette sballonzolano.
Quando si ritira la sborra esce a fiotti e la tampono, per non compromettere il divano. Piero ridacchia, è soddisfatto; lui che cerca sempre figa buona non si aspettava di potersi godere anche quel bidone. Rita ansima ancora, scuote le grosse tette, si calma lentamente, ha una tipica contrazione finale della vulva e sospira. La sento dire : “ certo che … non crederai mica …”. Chissà cosa voleva dire …
Giochi fra sessantenni 1

Rita è una sfondatona grassa e flaccida. La scopavo più di venti anni fa quando era molto chiavabile, e ora che era al limite dell’impraticabilità ci facevo ogni tanto qualche porcata.
Ci vedevamo anche per vedere la partita, e una volta per caso siamo andato a casa del mio amico Piero, un chiavatore incallito con cui da sempre faccio con le donne che troviamo.
Avevo provato molte volte a chiavare Rita con un altro uomo e il primo della lista era Piero, ma lei non aveva mai voluto, dicendo la sua frase tipica: “Non crederai mica …”.
Dopo un po’ la partita perde interesse: il risultato è scontato e le squadre aspettano solo di finire.
Così quando Piero va in bagno mi apro e tiro fuori l’uccello. Lei sa cosa fare e mi ci mette la mano sopra carezzandolo dolcemente con la sua mano grassoccia. Dice solo: “Ma quando lui torna come facciamo? Non crederai mica …”
La rassicuro, dico che non c’è problema.
Piero quando torna non si accorge subito della mossa. La vede dopo che si è seduto e ridacchia. “Se volete dopo potete andare sul letto”.
Così delicata la mano mi fa indurire il cazzo lentamente; dopo un po’ accenno a Piero che se lo tiri fuori. Così prendo l’altra mano di Rita e gliela metto sopra in modo che ci lavori tutti e due. Piero è abituato malgrado l’età a della figa buona, ma messo in situazione non si tira indietro.
Dopo un po’ di giochino così rilassante ed eccitante le dico : “E tu cosa ci fai vedere …”
Lei ci pensa un po’ e poi si tira giù a scoprire le tette, grosse e flaccide, ma io insisto “Dai scopri anche la figa”.
Brontola un po’ ma esegue, paziente. “Certo che hai delle pretese”.
Riprende il lavoro a mano che ormai ha dato i suoi frutti.
Sono tutti e due in situazione e gestisco la cosa. Lascio che continui con la mano sul cazzo di Piero e le vado sopra. Le cerco la figa con cazzo duro e comincio a infilarglielo. Mentre pompo si scalda e lavora forte anche con la mano sul cazzo di Piero. Quando vedo Piero in tiro gli faccio segno: si alza e mi sfilo, lui è rapido a infilarlo al mio posto. E lei: “ma dai, tutti e due? Non crederete mica …”.
Lo so cosa succede : dopo poco lei ha delle contrazioni, coi primi gemiti, che si trasmettono all’uccello e lo fa venire.
È troppo presto per Piero che mi guarda: gli faccio segno e si scansa; lo infilo di nuovo e ci do dentro, con lei che geme, e la sento, la porca, che mi gira l’uccello con la figa in contrazione. Ci do dentro lo stesso e godiamo insieme. Rita con tutte le sue sfighe fisiche gode da gran porca e mi fa sborrare dentro. Urla, geme, si agita. Mentre si scuote ancora per la goduta ci diamo ancora il cambio e Piero nuota nella mia sborra che viene fuori lentamente. Corro ai ripari e vado a prendere un asciugamano da ospite. Quando torno Piero è già lì che sborra anche lui: una bella goduta rumorosa, con lei che trova il modo di assecondarlo, muovendo le grosse cosce e spingendo la panciona in su. Le tette sballonzolano.
Quando si ritira la sborra esce a fiotti e la tampono, per non compromettere il divano. Piero ridacchia, è soddisfatto; lui che cerca sempre figa buona non si aspettava di potersi godere anche quel bidone. Rita ansima ancora, scuote le grosse tette, si calma lentamente, ha una tipica contrazione finale della vulva e sospira. La sento dire : “ certo che … non crederai mica …”. Chissà cosa voleva dire …
Giochi fra sessantenni 1

Rita è una sfondatona grassa e flaccida. La scopavo più di venti anni fa quando era molto chiavabile, e ora che era al limite dell’impraticabilità ci facevo ogni tanto qualche porcata.
Ci vedevamo anche per vedere la partita, e una volta per caso siamo andato a casa del mio amico Piero, un chiavatore incallito con cui da sempre faccio con le donne che troviamo.
Avevo provato molte volte a chiavare Rita con un altro uomo e il primo della lista era Piero, ma lei non aveva mai voluto, dicendo la sua frase tipica: “Non crederai mica …”.
Dopo un po’ la partita perde interesse: il risultato è scontato e le squadre aspettano solo di finire.
Così quando Piero va in bagno mi apro e tiro fuori l’uccello. Lei sa cosa fare e mi ci mette la mano sopra carezzandolo dolcemente con la sua mano grassoccia. Dice solo: “Ma quando lui torna come facciamo? Non crederai mica …”
La rassicuro, dico che non c’è problema.
Piero quando torna non si accorge subito della mossa. La vede dopo che si è seduto e ridacchia. “Se volete dopo potete andare sul letto”.
Così delicata la mano mi fa indurire il cazzo lentamente; dopo un po’ accenno a Piero che se lo tiri fuori. Così prendo l’altra mano di Rita e gliela metto sopra in modo che ci lavori tutti e due. Piero è abituato malgrado l’età a della figa buona, ma messo in situazione non si tira indietro.
Dopo un po’ di giochino così rilassante ed eccitante le dico : “E tu cosa ci fai vedere …”
Lei ci pensa un po’ e poi si tira giù a scoprire le tette, grosse e flaccide, ma io insisto “Dai scopri anche la figa”.
Brontola un po’ ma esegue, paziente. “Certo che hai delle pretese”.
Riprende il lavoro a mano che ormai ha dato i suoi frutti.
Sono tutti e due in situazione e gestisco la cosa. Lascio che continui con la mano sul cazzo di Piero e le vado sopra. Le cerco la figa con cazzo duro e comincio a infilarglielo. Mentre pompo si scalda e lavora forte anche con la mano sul cazzo di Piero. Quando vedo Piero in tiro gli faccio segno: si alza e mi sfilo, lui è rapido a infilarlo al mio posto. E lei: “ma dai, tutti e due? Non crederete mica …”.
Lo so cosa succede : dopo poco lei ha delle contrazioni, coi primi gemiti, che si trasmettono all’uccello e lo fa venire.
È troppo presto per Piero che mi guarda: gli faccio segno e si scansa; lo infilo di nuovo e ci do dentro, con lei che geme, e la sento, la porca, che mi gira l’uccello con la figa in contrazione. Ci do dentro lo stesso e godiamo insieme. Rita con tutte le sue sfighe fisiche gode da gran porca e mi fa sborrare dentro. Urla, geme, si agita. Mentre si scuote ancora per la goduta ci diamo ancora il cambio e Piero nuota nella mia sborra che viene fuori lentamente. Corro ai ripari e vado a prendere un asciugamano da ospite. Quando torno Piero è già lì che sborra anche lui: una bella goduta rumorosa, con lei che trova il modo di assecondarlo, muovendo le grosse cosce e spingendo la panciona in su. Le tette sballonzolano.
Quando si ritira la sborra esce a fiotti e la tampono, per non compromettere il divano. Piero ridacchia, è soddisfatto; lui che cerca sempre figa buona non si aspettava di potersi godere anche quel bidone. Rita ansima ancora, scuote le grosse tette, si calma lentamente, ha una tipica contrazione finale della vulva e sospira. La sento dire : “ certo che … non crederai mica …”. Chissà cosa voleva dire …

Questo racconto di è stato letto 1 1 2 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti di bullracconti porno sexracconti erotici con ziaracconti hot gratisracconti eeoticiracconti porno milustorie vere di incestoincesti familiari raccontimasturbazionrho chiavato mia sorellaperetta raccontiincesto storie verefemdom raccontiacconti milustorie gay eroticheracconti mia moglieracconto miluil culo di mia suoceramio marito e cornutoracconti incestracconti erotici sul busravconti eroticiracconti erotici storie verestorie potnostorir pornobdsm storieracconti gairacconti eccitantibrevi racconti pornononna pomparacontimiluracconti.pornomoglie puttana raccontiracconti icestoracconto hardracconti nonnaerotici raccontracconti erotici pulpracconti erotici paparacconti erotici generimogli infedeli raccontierotici racconti 69racconti spankingle seghe di mia ziagenitori che scopano con i figlila cognata raccontiracconti porno cornutoeacconti eroticiracconti erotici italianisesso raccontila figa di mia suocerahard raccontiracconti erotici di donne sposatecfnm raccontistorie e racconti eroticiracconti erotici erotici raccontistorie vere di sessoracconti erotici con transracconti di scopateracconti porno anali racconti di milúraccontierotici gratisstorie erotichracconti hard cuckoldcorna racconticugina raccontiracconti erotici in discotecaraccomti eroticigeniv storiescopami poi ti spiego facebookzia porconaracconti eroticigaymi chiavo mia cognataracc eroterotica racconti