La sua giornata fortunata

Scritto da , il 2020-02-09, genere masturbazione

Il mercoledì sera, seduti sul divano, Fabio stava ammazzando il tempo con il cellulare mentre io ascoltavo cosa diceva la Gruber del nuovo assetto del governo e della nuova alleanza. Tutto normale. La bimba era già a dormire.
Di botto sento Fabio esclamare che si era dimenticato dell’appuntamento del venerdì con gli addetti alla manutenzione dell’impianto di condizionamento. Da circa quattro anni abitiamo in questo complesso che ha anche un sistema di climatizzazione centralizzato e già una o forse due volte era venuta la ditta da Padova a fare la pulizia o la manutenzione dell’impianto e a verificare nei vari appartamenti che tutto fosse a posto. Di questa cosa non me ne sono mai occupata visto che lo “statuto del matrimonio” prevede che sia il marito ad occuparsi di queste faccende. Venerdì, e lo stavo scoprendo solo in quel momento, sarebbe cambiato lo statuto e mi sarei dovuta sorbire io la verifica visto che lui aveva un impegno improrogabile in ufficio e non poteva nemmeno pensare di spostarlo al pomeriggio.
Che palle!
Ok, vuol dire che prenderò un paio d’ore di permesso il venerdì mattina, starò a casa ad aprir la porta agli addetti e poi appena finiranno me ne andrò a lavorare.
Poco male, sta a significare che farò le mie cose con un po’ più di tranquillità. Ovviamente a Fabio la cosa la farò pesare un sacco, chissà che non ci scappi un regalino.
Con questo piano in mente la mattina dopo ho mandato la mail all’ufficio personale per comunicare le due ore di permesso. Il giovedì sera a letto ho fatto un po’ la smorfiosa con mio marito dicendogli che doveva darmi una ricompensa per quel pasticcio che aveva combinato con gli appuntamenti facendogli ben capire che la ricompensa poteva esser qualunque cosa, qualunque gioco. Già a sentire queste minacce il pisellone di Fabio era diventato recettivo ed io dopo averci giocato un pochino con la mano e strusciato la coscia sopra gli ho dato schioccato un bacio rumoroso sull’orecchio che fino a qualche istante prima stavo solleticando con la lingua e gli diedi la buona notte.
Hihihihi era particolarmente eccitato ed io, particolarmente stronza, non mi sono lasciata sedurre boffonchiando che era lui a dover fare un regalino a me.
Non era la prima volta che ci stuzzicavamo in questo modo, certe volte era lui a restare a bocca asciutta, mentre altre era toccato me che dopo esser stata eccitata ed esser praticamente ad un passo dal venire mi sentissi dare la buonanotte.
Sì, sembrerà crudele, forse lo è, ma questo è un nostro gioco.
La mattina del venerdì avevo programmato di pisolare un pochino di più ma Fabio che cercava i vestiti con la luce accesa, la bimba che voleva i consigli sull’outfit (è una bimba e ci tiene ad esser carina…) hanno fatto si che cedessi e mi alzassi dal letto praticamente come se dovessi andare in ufficio. Fatta la colazione, consigliata la gonnellina fucsia alla bimba non restava altro che iniziare a prepararsi sperando che la verifica durasse il meno possibile per poter andare a bermi un caffè al bar.
Alle 8.40 sento già suonare la porta, apro e mi trovo davanti un tipo più vicino ai sessanta che ai cinquanta un po’ sovrappeso. Evidentemente era il responsabile o il titolare della ditta che mi avvisava con uno spiccato accento veneto che avrebbero effettuato la verifica e se avessi qualcosa da segnalare. Spiegato che non c’erano problemi tranne per il riscaldamento della camera della bimba che a volte era troppo forte mi salutò avvisandomi che da li a poco sarebbero passati a fare la verifica, lui doveva solamente raccogliere le segnalazioni degli eventuali problemi e comunicarli agli operai.
Mannaggia, io speravo facesse subito il lavoro. Mi ero quasi pentita di aver detto del problema della stanzetta della bimba, magari perderanno un sacco di tempo.
Decisi che era meglio iniziare a prepararmi così da poter uscire subito dopo la conclusione dei lavori.
Passati nemmeno 10 minuti di nuovo il campanello. Avevo fatto male i conti con la tempistica. Ero in intimo che stavo studiando cosa mettere. Per andare ad aprire infilo un paio di pantaloni da yoga sotto il ginocchio ed una maglietta XL di mio marito, non proprio una bomba sexy. Dietro la porta trovo un ragazzo con il tablet, una borsa degli attrezzi ed un gran sorriso.
Avrà vent’anni, forse meno. un paio di pantaloni kaki con i tasconi, una polo bianca ed una testa di capelli piena di ricci biondi. una faccia simpatica!
Salutandomi mi chiede il permesso di entrare e sul tablet ha già tutta la cartina del mio impianto con indicato anche il problema della stanzetta. Cavolo che teconologici gli idraulici 2.0!!!
Chiededomi da dove iniziare, visto che dovevo ancora prepararmi gli dico di farlo dalla stanzetta così da poter finire di prepararmi in bagno. Chiusa la porta inizio a truccarmi, metto gli orecchini e cerco una collana che stia bene con la camicia che avevo deciso di mettere; una tunica stretta mezze maniche in un tessuto lucida che arriva poco sotto il culo ed un paio di pantaloni stretti. Le porte di camera e bagno sono praticamente attigue così che posso passare solo con l’intimo addosso senza esser vista. Una volta in camera aperto l’armadio stavo cercando la camicia quando si apre la porta e riflesso sullo specchio vedo il ragazzino alle mie spalle con il tablet in una mano, la borsa nell’altro e due occhioni sgranati che mi guardava il sedere. Non si è mosso, solamente è rimasto immobile a godersi lo spettacolo. Certo, io frequento le spiagge FKK per cui sono abituata a farmi vedere nuda ma il fatto che fosse in camera mia mi colse di sorpresa. Dopo un istante che il nostro mondo era rimasto in pausa mi girai per dirgli di uscire subito dalla camera. Lui rosso come un peperone si scusò e arretrando chiuse la porta dicendo “mi scusi, mi scusi signora”.
Beh, passato l’attimo di sorpresa mi vien da sorridere pensando al ragazzo che si era goduto lo spettacolo di un completino da 190 euro che immagino le sue coetanee non erano abituate ad indossare.
Dopo aver chiuso la porta sento ancora il ragazzo dire “mi scusi, mi scusi signora…”
Mortificato, educato, gentile e carino. Però quante doti ha il padovano
Uscita dalla stanza indossando la camicia, accollata ma decisamente corta se portata senza pantaloni andai nel salone e lo vidi indaffarato con uno strano attrezzo che stava tarando o misurando il condizionatore. Avvertendo la mia presenza si girò e nuovamente mi disse che non sapeva fossi nella stanza e si dispiaceva per prima.
Diciamo subito che pur avendo alcune avventure e qualche esperienza “forte” di cui vi ho già raccontato sono sempre stata attentissima di non fare nulla che potesse mettermi in una situazione di imbarazzo o fare in modo che le chiacchere si diffondessero in città perchè, pur superando i duecentomila abitanti Trieste è pur sempre una cittadina dove ci conosciamo tutti, ovvero tutti quelli del proprio giro. Con quel ragazzo mi venne voglia di rischiare, era di Padova, era un ragazzino e io probabilmente rappresentavo il suo sogno erotico da MILF di porvincia.
Senza dar troppa bada alle sue parole mi accomodai sullo sgabello della penisola in cucina a sfogliar in modo svogliato una rivista..
Il condizionatore della cucina è proprio sotto la penisola.
Quando dopo poco finì di armeggiare nel salone lo chiamai in cucina dicendogli che avrebbe dovuto dar un occhiata al condizionatore della cucina. Ovviamente non mi spostai e lo guardai con sguardo gelido per simulare la mia incazzatura per quello che aveva fatto prima entrando senza bussare. Lui non ebbe il coraggio di chiedere di spostarmi.
infilato sotto il banco iniziato a smontare il pezzo esterno del condizionatore decisi di iniziare a fare la MILF che lui avrebbe voluto incontrare.
Le gambe, le cosce e anche un pezzo di natiche era ormai nudo e sapevo bene che dalla posizione in cui era riusciva a guardarmi dalla punta dei piedi allo slip che già prima aveva ammirato dal dietro.
Decisi di passare al livello successivo, con le unghie che avevo di un bel colore rosso cupo, inizia a grattarmi dolcemente l’interno del polpaccio destro e così facendo, accavvallando le gambe, tirai ancora più su la camicia che in quel momento faceva le funzioni di mini, mini abito.
Mi stavo divertendo alle spese di quel ragazzino che mi sembrava troppo educato ed impaurito per palesare la propria eccitazione.
Dopo qualche minuto riemerse da sotto il tavolo con gli occhi che stentavano a credere a quello che avevano visto. Mi disse con una voce timida se poteva andare in camera a vedere il termoconvettore di quella stanza che era l’ultimo che mancava.
Entrato in camera si mise tra il mobile ed il tavolino di nuovo inginocchiato a concentrarsi sull’apparecchio. Era giunto il momento di dargli il colpo di grazia!
Entrata in camera e aperto il cassetto del tavolino dove tenevo DOC facendo finta di cercar qualcosa lo tirai fuori e lo feci cadere a terra a pochi centimetri dal mio giovane amico.
Fece un rumore sordo che fece quasi spaventare il ragazzino intento a maneggiare con lo strumento sul condizionatore. Come lo vide cadere mi guardò con rinnovato stupore. Io me ne stavo con le gambe divaricate, la mia camicia coreana all’altezza degli slip che si vedevano benissimo e lui che mi guardava da basso.
Feci finta di mortificarmi per quello che aveva visto e raccolto dal pavimento DOC gli dissi “ti piace?”
Lui si limitò a dire “non capisco signora, cosa intende?”
“intendo dire se ti piace questo coso?” e così facendo lo misi vicino alla mia micia
“signora mi sta facendo diventar pazzo, prima in camera, poi in cucina e adesso questo. Mi creda non riesco a resistere”
“davvero, e allora fammi vedere cosa intendi” lo alzai e gli feci appoggiare le natiche sul tavolino della camera avvicinandomi fino a pochi millimetri.
Quando si decise di mettermi le mani sul culo quasi nudo e tirarmi verso di lui mi divincolai dicendogli che non si doveva permettere e che lo potrei denunciare per molesitie!!!!
Rimase di pietra. Sgomento e smarrito.
Boffonchiando scuse e chiedendomi di non denunciarlo che avrebbe potuto perdere il lavoro.
In quel momento lo guardai e mettendogli le mani sulle spalle gli chiesi se gli piacevo e se mi trovava carina. La risposta fu scontata ma non sfrontata.
Messa la mano sul pacco constatai che effettivamente era vero, aveva il cazzo in tiro e da quello che capivo era anche di una misura importante.
Gli dissi di tirarlo fuori e che doveva fare quello che gli dicevo per non rischiare il posto di lavoro e non solo. Con il cazzo in mano mi guardò togliermi il vestito.
“fatti una sega!”.
Sembrò l’ordine perentorio di un colonnello ad un soldato incapace di rifiutare, iniziò a menarsi l’uccello con la foga dei vent’anni alla ricerca non di durare o di giocare ma con l’unico desiderio di venire il prima possibile e nel modo più profondo possibile!
Dopo pochi minuti, forse un paio, bastò che con una mano mi tirassi giù lo slip per fargli vedere il lavoro creativo dell’estetista e con l’altra gli sfiorassi le palle piene e dure come quelle di una statua per farmi inondare dalla sua sborra calda e profumata.
Appena venuto mi guardò per un istante e poi abbasso lo sguardo come avesse fatto qualcosa di male. Presa con le dita un po’ della crema che avevo sulla pancia me la misi sulle labbra assaporandone il gusto.
Sapeva di buono.
mentre lui in fretta e furia rimetteva nei pantaloni il suo coso non ancora floscio mi avvicinai al suo orecchio dicendogli “in casa ci sono le telecamere, se dici una sola parola ti faccio mandare in galera. Se invece sai comportarti bene il prossimo anno trovi me per il controllo” e lo baciai sull’angolo delle labbra accarezzandogli i pantaloni kaki e il non sopito uccello.
A quel punto non restò che farmi una veloce doccia, cambiare l’intimo, vestirmi ed andare in ufficio a pensare quale prezzo far pagare a Fabio per la scocciatura del controllo del condizionatore…
Sono certa che pensando a quella mattinata si sarà menato il cazzo 1000 volte.
Quel giorno, ed era la prima volta, in ufficio ho andai con la mia Borsa Rossa.









Questo racconto di è stato letto 1 6 1 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


porno storie realiracconti erotici zooin culo alla suoceraracconti fetish piedii generi raccontiracconti erotici suoraho sverginato mia cuginai migliori racconti eroticiracconti erotici con la suoceraracconti pornostarracconti erotici africaracconti analiracconti di annunci 69rotici raccontiracconti pronoerotici racconti.comraccoti eroticistorie eriticheracconti erotici piediniracconti erotici in busstorie eroticoerotici racconti realierticiraccontiwww.eroticiracconti.itsega da mia cuginastorie di bondageracconti prime esperienzeracconti erotocostorie poenoracconti di sesso gratisracconti erotici zooaffogata di sborramoglie e marito bisexracconti hard con animaliracconti porno ziaracconti eoriticiquel cornuto di mio maritostorie feticisteracconti erotici caneracconti porno con canistorie sesso con animaliracconti sesso estremoracconti zoofilieroticiracontiporno racconti al cinemastorie reali sessoho rotto il culo a mia suoceraracconti pirnostorie fetishracconti eros gratisracconti moglie ninfomaneincesti teenmogli troie raccontiracconti safficostorie eriticherqcconti eroticimia zia è una porcaracconti sesso con sorellati sborro dentroeroticiracconti gayracconti erotici generiracconti erotuciraccontisessoaspirante cornutoracontimiluracconti reoticistorie eroticistorie spinteincesti nonne nipotiracconti erotici peggingracconti erotismostorie di sesso analexnxx fratelloho scopato la nonnai raccontidi miluzia porconascambio coppia raccontitacconti eroticiracconti erotici mia moglieamatoriali raccontistorie di tradimenti veriracconti erotici cuginettastorie hard gratisrotta in culo raccontiwww.eroticiraccontiperetta racconti