Alessia e Giorgia - la confessione

Scritto da , il 2020-02-09, genere saffico

Giovedì, ore 00.25
Alessia fece rientro a casa. Lungo la via del ritorno, si trovò in balia di un continuo bombardamento di immagini e sensazioni, frammenti confusi di quello che aveva vissuto durante quella strana, emozionante serata. Le comparvero davanti il volto sorridente di Emily, impreziosito da quegli occhialoni che tanto le accentuavano lo sguardo; rivide il suo corpo nudo, i capelli che le cadevano sulle spalle. Le parve di percepire ancora il morbido tocco della sua lingua, mentre scorreva su e giù, lungo le piccole labbra, per poi giocherellare con il clitoride; l’inaspettata quanto deliziosa sensazione di sentirla sotto i piedi, tra le dita.
Aveva ancora in bocca il gusto intenso dei suoi umori vaginali, mescolato al suo sapore, mentre si perdevano in quel loro primo bacio saffico. Si sfiorò le labbra, come per poter far riaffiorare il dolce tocco di quelle di Emily, diverso dal più deciso e passionale di quelle di Barbara. Già, Barbara. Che insolito, pensò. La mamma della sua migliore amica, quasi una seconda madre per lei, la quale l’aveva vista crescere, contemplandone l’evoluzione da timida adolescente a studentessa e donna indipendente. La stessa donna che l’aveva stretta a sé, regalandole un bacio romantico, tipico di due innamoratini al primo appuntamento. A proposito di appuntamento, le aveva anche ricordato il loro incontro del giorno successivo, alla lezione di yoga, invitandola a pranzo una volta terminata. Preda di quel turbine emotivo, arrivò ad immaginarsela nuda, in quelle sue forme invidiabili, sognando di poterle sfiorare.
Alessia scrollò la testa, quasi a volersi liberare da certe strane idee che stavano prendendo forma. Ritrasse la mano che aveva istintivamente portato tra le gambe e riprese il pieno controllo, concentrando la sua attenzione esclusivamente sulla guida.

Pochi minuti dopo, arrivò al parcheggio del condominio. Giunse silenziosamente all’interno dell’appartamento, non voleva rischiare di svegliare Giorgia, la quale doveva essere già a letto. Si ricordava, infatti, che le avesse detto di essere sempre in servizio la mattina, durante quella settimana.
Si tolse le scarpe e si avviò verso la sua camera. Il rumore dei sui piedi nudi sul pavimento, venne accompagnato da un altro in sottofondo. Alessia constatò che provenisse dalla camera della sua coinquilina. Sembrava un lamento. La ragazza dagli occhi verdi si avvicinò ulteriormente, per capire se l’amica avesse bisogno di qualcosa. Quando vi fu appresso, realizzò che i lamenti che sentiva, altro non erano che pure esternazioni di piacere. Giorgia stava praticando un po’ di sano autoerotismo, con l’ausilio di un supporto audio-visivo, stando al brusio di fondo che in parte copriva i suoi versi.
Alessia sorrise tra sé, valutando di non disturbare la coinquilina. Tuttavia, avvertì una certa eccitazione nell’udire quei mugolii. Le parve di vederla mentre si gingillava con le sue parti intime, a gambe spalancate, con le dita dei piedi arricciate per il piacere. Deglutii. Chiuse gli occhi e bussò alla porta.
“Gio? Va tutto bene?” chiese.
Quel suo intervento, provocò l’interruzione di quei costanti vagiti, seguito da un piccolo trambusto.
“Eh?! Ah, sì, sì! Tutto ok, Ale! Scusami un attimo!” farfugliò Giorgia dall’interno. Probabilmente si stava ricomponendo.
“Vieni pure!” disse poi.
Alessia varcò la porta. Guardandola, non seppe trattenere un sorrisetto. Giorgia sorrise a sua volta, distogliendo lo sguardo per l’imbarazzo.
“Ehm… credevo di essere sola…” ammise.
“Ehi… non dirmi che la cosa ti imbarazza!” le rispose, strizzandole d’occhio.
In quel piccolo gesto, Giorgia percepì un chiaro riferimento a quello che vi era stato tra loro, qualche tempo prima. L’amica la raggiunse sul letto, sdraiandosi a fianco a lei. Quello di Giorgia, era un letto ad una piazza e mezza, quindi sufficientemente comodo per entrambe. La ragazza dai lunghi capelli neri, vestiva delle sole mutandine scure ed una t-shirt celeste piuttosto larga, la quale fungeva da pigiama.
“Allora, che guardavi, sporcacciona?!” scherzò Alessia, pizzicandole un fianco.
“Dai, Ale! Fai tanto la spiritosa, ma lo so che anche tu… in fondo…” la guardò e sorrise, alzando il sopracciglio.
Alessia ricambiò lo sguardo complice.
“E vabbè! Certo, che c’è di male? Anche a me piace guardare i porno, ogni tanto. E sì, mi ci masturbo a volte!” confessò poi. Rimasero a guardarsi in modo divertito e malizioso.
“Dai, fai partire il video!” disse.
“Dici sul serio?”
“Perché no”
“Vuoi... vuoi che lo guardiamo assieme?” chiese Giorgia vagamente sorpresa.
“Gio! Che c’è? Ti metto a disagio?” domandò Alessia, cambiando tono. Ora appariva ferma, come un genitore comprensivo verso il figlio che ne aveva combinata qualcuna.
“Ma no, è che…” rispose la coinquilina.
Giorgia distolse lo sguardo dall’amica. Non capiva che le succedeva. Si sentiva turbata. O forse aveva paura. In entrambi i casi, era confusa. Confusa perché non poteva negare di provare qualcosa di molto forte. Un desiderio lampante. Tempo prima, l’aveva represso. Si era convinta che non fosse quello che bramava, ma il suo corpo si stava opponendo, i suoi sentimenti ribellando. Fare l’amore con Alessia, le era piaciuto talmente, da farla cadere in depressione dopo aver messo in chiaro con l’amica che non si sarebbe ripetuto. Lunghi pianti l’avevano accompagnata, durante i momenti della sua assenza. Aveva persino cercato di evitarla, sovvertendo orari di lavoro e studio ed uscendo quando lei rimaneva in casa.
“Senti, Ale, io…” iniziò titubante.
L’espressione seriosa di Giorgia la turbò. Istintivamente, le gettò le braccia al collo e la strinse in un abbraccio, ignara del fatto che quel gesto avrebbe incrementato il formicolio nella pancia dell’amica.
Giorgia sussultò per quella dimostrazione d’affetto inaspettata. La strinse a sua volta, inebriandosi del profumo dei suoi capelli.
“Voglio che tu mi dica tutto, Gio!” disse Alessia, rimanendole abbracciata.
“Se è successo qualcosa, voglio saperlo!” proseguì con decisione, ma non in maniera perentoria. Ci teneva a lei, vivevano assieme ed erano diventate pure amiche.
Si sciolsero dall’abbraccio, quindi Giorgia le rivelò quanto le passava per la testa. Durante il racconto, non seppe resistere all’emozione e scoppiò in un pianto contenuto. Alessia la ascoltava. Dapprima, accolse la cosa con freddezza. Ci era rimasta male allo stesso modo, quando l’amica le aveva negato un possibile seguito. Ma l’amicizia era più forte. Avrebbe comunque potuto averla vicina. Ma con il tempo, constatò che non fosse la stessa cosa. Le lacrime di Giorgia, non la lasciarono indifferente, così la strinse di nuovo a sé, cullandola quasi fosse una bimba da addormentare.
“Sarà il caso che ti faccia io una confessione, ora” le disse poi.
Con gli occhi rossi di pianto, Giorgia aggrottò la fronte, assumendo la tipica espressione di una persona confusa.
Fu il turno di Alessia. Il suo racconto fu decisamente più lungo. Le riferì della folle serata che aveva appena trascorso, del momento di intimità con Emily, dei due orgasmi, del bacio romantico che lei e Barbara, la madre di Emily, si erano scambiate sulla porta, un attimo prima di uscire.
“…e domani la vedrò alla lezione di yoga” concluse.
“Vedrai chi? Emily?”
“No, Barbara. È iscritta allo stesso corso. Frequenta quello delle 18.30, ma domani ha un appuntamento di lavoro e quindi… beh ecco…saremo insieme. Tra l’altro, mi ha invitato a pranzo subito dopo”
Giorgia rimase in silenzio. Da una parte, provava una sorta di gelosia per Alessia. Dall’altra, un’insolita eccitazione. Il fatto che avesse avuto quell’esperienza, sommato all’appuntamento del giorno successivo, le mettevano addosso una certa frenesia.
“A che cosa pensi, Gio?” le chiese, vedendola distratta.
“A nulla!” rispose laconica.
“Non dirmi balle! Che c’è che non va’?”
“Ti ho detto che va tutto bene! Che hai?”
“Io?! Beh, scusami, ma sei tu quella infastidita!”
“Non è vero, è solo che…”
“…cosa?”
“Niente, lascia perdere. È tardi ormai, domattina, anzi, stamattina mi dovrò svegliare presto. Sono di turno al bar!” disse Giorgia, con fare alquanto seccato.
Si alzò per andare al bagno, ma uno strattone, improvviso e deciso, la fecero nuovamente sdraiare sul letto.
Nello spazio di un secondo, la ragazza fu vittima dell’impulso emotivo di Alessia, che ora si trovava sopra di lei e la baciava con ardore. Giorgio rispose al bacio, stringendola con braccia e gambe, che aveva avvolto attorno a lei, incrociandole. Trasportate da un’irrefrenabile voglia e dall’inerzia del momento, le sue amiche si strapparono di dosso gli abiti, rimanendo come mamma le aveva fatte. Entrambe volevano comandare, dominare l’altra. Con furore, mescolarono i loro corpi, alternandosi nel rimanere sotto e alla mercé dell’altra. Si tenevano per mano, incrociando le dita e stringendole ad ogni nuovo stimolo che le attraversava. Alessia non vantava una gran misura di seno, ma scoprì di amare letteralmente quello ben più fornito di Giorgia. La sua coinquilina, a differenza di lei, portava una quarta abbondante. Le sue mammelle, furono oggetto di intense ed autentiche poppate. Di rado, Alessia le pungolava anche con i denti. Aveva scoperto sulla propria pelle, che piccoli morsi nel punto giusto, rappresentavano delle vere e proprie iniezioni di piacere. I versi di approvazione di Giorgia, lo confermavano, tanto da poter giungere all’orgasmo in pochi minuti. Nemmeno il tempo di metabolizzare, che balzò sopra all’amica. Senza freni inibitori, affondò la lingua all’interno della vagina di lei, già ben provata quella sera. Le arpionò le gambe e le spinse per aria, mentre proseguiva imperterrita. Alessia, ora, si trovava sdraiata, a gambe per aria, completamente spalancate. Le dita dei piedi si alzavano ed abbassavano come impazzite, per gli spasmi muscolari. Avendo le mani libere, afferrò Giorgia per i capelli, spingendola con maggiore foga verso di lei, quasi a volerla spingere dentro.
“Sììì!! Sì! Sì!! Scopami! Sì! Con la lingua! Scopami con la lingua! Non ti fermare!!” strillò in piena estasi.
Venne ancora, urlando e ansimando. Era il terzo orgasmo in poche ore. Ma Giorgia non si fermava. E Alessia godeva. Quanto sarebbe andata avanti? si domandò la ragazza dai capelli rossi. In un moto di altruismo, decise che avrebbe ricambiato. Si predisposero nella posizione del 69. La lingua di una, scopava la vagina dell’altra. Giorgia fu la prima a venire, riempiendo la bocca di Alessia. Non ci volle molto nemmeno a lei per esternare la propria gioia per la quarta volta. Era stremata. Si lasciò andare del tutto, accompagnata dei battiti del suo cuore, che lentamente, tornavano ad un ritmo normale. Il corpo venne pervaso dalle endorfine, godendo del rilassamento alle quali esse contribuivano.
Giorgia si sdraiò al suo fianco. Il suo respiro, si stava stabilizzando. Percepì le palpebre pesanti, il sonno stava per prendere il sopravvento. E così fu. Si addormentarono assieme, nude, accoccolate.

Giovedì, ore 6.30
Le prime luci del giorno, filtrarono nella stanza, lasciata senza protezioni dalle imposte rimaste aperte. Solo la tendina semitrasparente faceva da barriera, ma con scarsi risultati. Il sole entrò prepotentemente nella camera dove le sue ragazze stavano dormendo beatamente. I suoi raggi, iniziarono a colpire il letto dalla parte di Giorgia, la quale, non senza difficoltà, aprii gli occhi guardandosi attorno. Vide Alessia sdraiata al suo fianco. Sorrise, dandole un tenero bacio in fronte. Socchiuse gli occhi per un secondo, ma un lampo la fece rinvenire improvvisamente. Si girò di scatto a controllare l’ora sul telefono. Un colpo di reni ed un imprecazione, la fecero scattare in piedi.
“Cazzo! Cazzo!” esclamò, cercando di non disturbare l’amica.
Fu inutile. Il parapiglia che aveva provocato, mentre correva qui e là, alla ricerca dei vestiti, aveva svegliato Alessia. In pieno stato comatoso, prese ad osservare la coinquilina con vago cenno di preoccupazione.
“Ohi…Gio…” con la voce piena di sonno, Alessia cercò di capire il motivo di quella piccola baraonda.
“Sono in super-arci-ritardo Ale! Porca troia!!” strillò l’amica.
Alessia guardò l’orologio.
“Ma a che ora dovevi…”
“Alle 6.30 dovevo già essere al locale!!” la interruppe Giorgia, in piena trepidazione.
Sembrava più agitata di un gruppo di paramedici arrivati sulla scena di un violento incidente.
“Ok, calmati ora. Gio? Mi ascolti? Per favore, avvisa che farai tardi Non puoi pensare di guidare in quello stato!” ribatte l’amica, che intanto si era alzata, per aiutarla a trovare l’occorrente per uscire.
Nonostante l'impeto del momento, Giorgia seguì il consiglio della ragazza dai capelli rossi ed avvisò il bar del ritardo, scusandosi ripetutamente per l’inconveniente. Era mortificata. Ci teneva molto a quel lavoro. Le dava un’entrata per far fronte agli studi, era un’occupazione che non le dispiaceva affatto ed era a contatto con le persone, cosa che lei amava.
Chiuse la telefonata, un po’ più sollevata in volto.
“Ho parlato con Jessica, l’altra ragazza in turno con me. Al momento è da sola, ma fortunatamente non c’è molta gente. Riuscirà a gestirla fino al mio arrivo” spiegò, con fare ben più disteso.
“Hai visto? Ti devi calmare, Gio! Può capitare a chiunque, non è la fine del mondo” le disse l’amica.
Facendolo, la accarezzò, scostandole una ciocca di capelli dietro l’orecchio. Giorgia sorrise, abbassando lo sguardo, tradendo un vago imbarazzo. Alessia inclinò la testa di lato e si avvicinò, cercando le sue labbra.
Si trovarono subito, perdendosi un bacio romantico, illuminato dal sole.
Giorgia era già completamente vestita, o quasi, non avendo ancora nulla ai piedi. Alessia, invece, si trovava nella stessa condizione di quando si erano addormentate, cosa che indusse l’amica a perlustrarle il sedere, carezzandolo ed avvolgendolo, per poi arrivare lentamente al sesso. Fece per inserire un dito nella vagina di Alessia, ma lo ritrasse subito.
“No! No! Assolutamente no! Sono già in ritardissimo!” esclamò, con un misto di divertito nella voce.
“Credo anch’io sia meglio che tu vada” rispose Alessia “prima che ti strappi tutti i vestiti e ti getti sul letto!”
Lo sguardo ammaliante ed il tono provocatore, fecero trasalire Giorgia, la quale si rese conto di essere alquanto bagnata.
“Ok, ok, basta così!” fece sorridendo “devo essere presentabile al lavoro” ribadì.
Raccolse le sue cose e si fiondò verso l’uscita, prima di interrompersi all’improvviso. Si girò nuovamente a guardare la coinquilina, che rispose al suo sguardo con espressione confusa.
“Oggi incontrerai Barbara, giusto?” chiese Giorgia.
“Sì, al corso di yoga…perché?” volle sapere Alessia.
“No nulla…” rispose Giorgia, allontanandosi. Aveva uno strano sorrisetto stampato in faccia. Alessia non capiva, e la guardò intimandola a concludere.
“…magari stasera mi racconterai se avrai fatto sesso con lei!” concluse uscendo.
Mentre se ne andava, si girò un’ultima volta a guardare Alessia, sorridendole e facendole l’occhiolino.
La ragazza dai capelli rossi rimase lì nuda, basita, a bocca a aperta e con un vago accenno di sorriso crescerle in volto.

Questo racconto di è stato letto 2 7 6 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti nutillastorie vere hotho chiavato mia sorellaracvonti eroticistorie di troieraccconti eroticizia e nipote raccontieriticiraccontiraconti eroticoracconti zoofiliaracconti porno con animalisega da mia cuginastorie erotic eracconti eroi generi di racconti gaystorie vere di sessoracconto hotclisteri sexystorie lesbgiocare con la sexy sorellastrastorie pronostorie vere incestiracconti erotici di vita realegeniv raccstorie vere di incestomi sono scopato mia sorellawww racconti eroticiraccontivietatierositaliastorie sculacciateracconti erotici madre e figliovere esibizionisteracconti erotocistorie porno gratiscuckold raccontile seghe della nonnaraxconti eroticiraccontieroticerotica raccontiracconti incestifeticismo raccontiracc69racconti erotici cognatiracconti naturistiracconti brevi di sessoracconti di sesso gayracconti erotici trasgressiviracconti eroti ciracxonti eroticidonna che si fa scopare da un cavallostorie di sesso al cinemastorie zoofiliaracconti veri di incestiracconti erotici bendataracconti di mistressracconti veri gayracconti hard69sex professoressastorie potnoracconti di storie di sessoracconti ragazzi gayracconti sverginataracc 69racconti eroticaracconti erotici pompiniracconti porno costrettaerorici raccontiracconnti eroticiracconti erotici on lineracconti gay giovaniracconti erotici in buserotici raccontorgia di piedischiava padroneracconti erotici fistingracconti cugine