Faccia de cazzo

Scritto da , il 2020-01-16, genere sadomaso

Quel profilo greco mi stava dannatamente sul cazzo.
Non lo ammorbidivano gli occhiali con la montatura alta. Non distoglievano lo sguardo gli occhi verde chiaro, intensi, acqua di mare, onde, zero.

E nemmeno il sorriso sghembo e imbarazzato che Fede mi stava rivolgendo riusciva a levarmi dalla testa che quel faccino del cazzo volevo vederlo in lacrime.
Stavamo parlando del più e del meno, delle sue ragazze, delle mie relazioni, ed eravamo seduti una di fronte all'altra. Vedevo i suoi denti scintillare sotto il rosso. Volevo sentirli sulla lingua con la stessa intensità con cui volevo tenere la sua tra le dita.
- È che sei un tesoro, Sol. È facile aprirsi con te. Ascolti. Forse anche per questo molti non pensano tu sia anche una persona dominante -

- Oh, quella è una cosa che ho imparato a fare, però - rispondo sorridendo - e dalla mia esperienza le persone che sembrano tendenzialmente sottomesse sono molto, molto più sadiche. Perché la loro mancanza di espressione di un indole dominante nel quotidiano può voler dire due cose: repressione, o controllo. -

- E tu, - mi risponde, piano - a quale delle due categorie appartieni? -

Che domanda del cazzo. La stessa che avrei fatto io, ovviamente. Non per nulla condividiamo lo stesso segno.

- E a te, Fede, quale spaventa di più? - le sussurro avvicinando il viso al suo e intrecciando il nostro sguardo. Di nuovo i miei occhi si soffermano sul suo naso. Voglio farlo sanguinare.
- Fammi male per favore -

La richiesta arriva inattesa. La sento ingoiare a vuoto. - cioè, sì, io... Lo so che detto così suona improvviso ma è da venti minuti che mi guardi come se stessi guardando una preda e io mi sto bagnando da morire e quindi per favore, Sol, o fai qualcosa tu o mi chiudo in bagno, ecco. -

- E fallo. - le dico. Lei sembra non capire.

- Cosa, Sol? -

È paonazza. Il modo in cui retroflette la l finale del mio nome mi manda fuori, ma devo tenermi. Rispondo con finto disinteresse. Parzialmente, finto.

- Chiuditi in bagno e masturbati. Pensi davvero che potrei far qualcosa con te? Con Te? -
Sogghigno, anche se per un breve momento è un vero sorriso. Lei lo coglie. Sa a che gioco sto giocando.

- Ti prego Sol! - ribatte, teatrale - fa qualcosa, qualsiasi! Farò in modo di ripagarti, promesso! - sorride sorniona.

Mi prende una mano fra le sue. La bacia, la carezza. Sento le sue labbra umide. Io ho la bocca riarsa. Posa la mia mano sulla sua coscia destra. Sento il calore. Sento il Nylon. E sento anche che la stronza la sta portando verso il centro, e quindi le affondo le unghie nella carne. Lei mugola.

- È così che vuoi che ti faccia male, troietta? -

Ormai il ghiaccio è stato rotto, tanto vale non darsi un tono. Il capretto mi ha messo il collo fra le fauci. Dovrei sputarlo via?

- Sì Sol per favore. -

- Safe? -

- Poppy -

Le prendo il mento fra le dita, e con l'altra mano le sfilo gli occhiali. Li poso a terra con gesti misurati, alle mie spalle. Avvicino il viso al suo,di nuovo, e sussurro appena.

-Lingua. -

Lei la tira timidamente fuori, e io mi avvento a morderla e succhiarla, mentre con la mano salgo sotto il maglioncino a tormentarle un fianco, affondando tanto con le dita quanto coi denti. Sento il sapore metallico in bocca di qualche taglio che le ho causato. Mi eccita. La sento gemere e piagnucolare, così mi stacco per riprendere fiato. Ha un rivoletto di saliva mista a sangue che le cola dall'angolo della bocca. Lo raccolgo con l'indice, e lo lecco via. Poggio i canini sul suo collo, come a volerla graffiare, respirando, sentendo i suoi battiti attraverso le vene. Annuso. Ma mi alzo in piedi.

- Faccia a terra, Fede. -

Mi guarda intimorita. Non è la prima volta che giochiamo, ma raramente mi aveva colta in un momento di sadismo così preponderante. Si inginocchia. Abbassa la testa. Il mio piede sinistro, ora scalzo, trova posto proprio tra il suo naso e il suo mento.

- Pensi di meritarti le mie botte? -
- no sol, ma ti prego... - risponde piagnucolando.
Io rido. - gne gne gne gne invece di parlare usa quel buco inutile che ti ritrovi per fare qualcosa, no! -
L'esitazione che leggo nei suoi movimenti dura un attimo: mi prende il piede in mano e comincia a leccarlo, delicata. Passa sulle dita, sul dorso. Posa baci sulla caviglia, piccoli cenni di denti arrivata quasi alla pianta. Sa cosa fare, i gesti quasi coreografati. Vorrei godermi ancora un po' questo trattamento... ma direi che può bastare.

Mi tiro indietro e le sferro un calcio sul fianco che la manda a terra, sull'altro.
Sento il suo singhiozzo smorzato, mi abbasso, le tappo la bocca. Ora voglio silenzio.
Inizio a colpire la coscia, in maniera cadenzata, con la mano semichiusa, un colpo, un respiro, un altro colpo. La mano non si sposta dalla sua bocca. La sento agitarsi sotto di essa. Il mio corpo copre il suo, sento il suo profumo, voglio berne... Ma continuo. Bum. Eh. Bum. Eh. Bum. Eh. Mi artiglia la mano che le sta togliendo il respiro, il naso non le basta, quel naso del cazzo maledizione...
La tiro su per i capelli e le sputo in faccia. Trasale.
- Fai storie eh? Fai storie? Vediamo ora se ti lascio fiato per fare storie. -

Il mio braccio destro le circonda il collo, il sinistro afferra il polso del destro. Le cingo il corpo con le gambe, e stringo. La mia erezione preme contro il suo torace. Cerca di divincolarsi, ma non allento la presa. Mi struscio, gemo appena. Lei inizia a singhiozzare. Continuo a ancheggiare. Lei inizia a piangere. Io spingo ancora un po'. Mi godo la pressione, il calore del suo corpo, il respiro che rallenta...

La lascio di scatto, e svelta mi siedo di fronte a lei. Le è colato il trucco. Rido. Il mio è ancora in ordine. Poso una mano sulla sua guancia, le tolgo via una lacrima. Sorrido. La schiaffeggio, forte. Con un piede premo fra le sue cosce. Le calze sono zuppe.

- E quindi, Fede? -

Lei prende fiato. È provata.
- Ancora... - dice con voce flebile. Io spingo il piede. Il suo odore mi sta facendo impazzire. - Ancora, cosa? - - Ancora male! - risponde, con convinzione. - Non manca qualcosa? - sogghigno. Tolgo il piede, e il suo viso assume la stessa espressione di un cane a cui hanno appena negato del cibo. Singhiozza. - fammi ancora male per favore Sol... -

Vederla in lacrime è così dannatamente gratificante. Rimetto il piede dov'era. - Beh. Meritalo. - respiro. - vieni per me. -

Lei avvampa. Sposta le mani per portarle sulla sua fica, ma le fermo con le mie, e affondo le unghie nei suoi polsi.

- No. Ho detto che devi guadagnartelo. Su, scopati il mio piede. -

Rimane interdetta qualche istante. Prova a dire qualcosa esita, abbassa la testa. Ma inizia comunque, per quanto incerta, a muovere il bacino. Si sposta, prova a sfregarsi come meglio può, ma per quanto bagnati sono comunque due strati di tessuto che si frappongono tra lei e l'orgasmo che le ho chiesto. Lo sa che non farò altro finché non ci riesce. E sa anche che se non ci riesce rimarrà a bocca asciutta. Il suo muoversi si fa frenetico. Io continuo a segnarle i polsi. Ormai è al parossismo, continua a piangere, mi supplica di lasciarle le mani, si contorce cercando di strappare le calze contro le mie dita e spingendosi con moti man mano più animaleschi. La vedo che c'è quasi. Spingo il piede. Le lascio i polsi, le sue mani vanno a cingermi la caviglia per aggiustare meglio il punto di contatto, si sfrega ancora, ansima... E poi esplode un un gemito scomposto, rotto dal pianto, accasciandosi sul mio grembo. Trama. Le sfilo maglione e canotta, e le carezzo e bacio la schiena bianca. Lei uggiola il mio nome. Lo so cosa vuole. Le mie dita si inarcano. Affondo nei suoi fianchi. Tiro su, tenendo la pressione, fino alla schiena, aprendo dieci solchi semiparalleli. Il mugolio che fede emette non è né di dolore né, a questo punto, particolarmente umano. Quanto trema. È in fiamme sotto le mie dita. Sento i suoi baci posarsi sul mio ventre. Vorrei...
- Poppy - mi dice flebilmente. Mi calmo, sorrido. - Va bene fede. Sei stato davvero bravissima. - Le bacio le ferite. Le carezzo la schiena nuda. Poi mi tolgo la maglia, la stringo fra le braccia. Sorrido, lei sorride di rimando. Le bacio la fronte, le carezzo i capelli, e la cullo. Mi si addormenta in braccio, io la guardo sonnecchiare. Che faccia da cazzo che ha. Quanto cazzo le voglio bene.

Questo racconto di è stato letto 8 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


i racconto di miluraccon ti eroticistorie saffichele seghe di mia moglieracconti porno breviracconti erotociavventure matureeroticiracontiesperienze sessuali a trei racconti di milyero raccpompini nei cessiracconti sesso amatorialeracconti gay pretitorie pornofeticismo raccontimilu cuckoldraccontiincestiracconti gratis eroticiracconti amatoriali gratisracconti eropticimilunudaracconti porno breviracconti gay annunci 69a69 racconti eroticistorie vere amatorialistorie erotivheracconti icestoracconti erotivciracconti ertici 69racconti erotici stuprosuocera troionavisita medica eroticacagna sottomessaracconti icestostorie eroticracconti di sessfottimi porcoracconto porno gratisraccontierotici69raccotni eroticierotici racconti.comracconti erotici animalraccont eroticiracconto bondageracconti porno di donneracconti sesso a scuolai racconti di ilueroticiracontistorie di sesso spintoracconti sauna gaysesso sadorscconti pornoracco.ti eroticistorie di e per adultierotici incestostorie tradimenti pornofaccio sesso con mammaracconti punizionewww.eroticiraccontistorie donne maturedonne che scopano con i canierorici raccontimature zoofiliaracconti doppia penetrazioneracconti hard gratisracconti mogli puttaneraconti eroticeorgia raccontogiochi erotici raccontiracconti mistressrocconti eroticimi sono fatta incularenuovi racconti di miluracconti hio milùraccontincestoeacconti eroticiracconti scambi coppiatacconti eroticiracconti erotici fetishracconti hot lesbo