I vizi della nonna

Scritto da , il 2020-01-16, genere incesti

Era sempre stato diverso dagli altri.
Orfano di madre che lo aveva lasciato solo dandolo alla luce e di padre che non aveva mai conosciuto. Così adottato amorevolmente dalla nonna materna e da sua sorella George era cresciuto tra le braccia di queste 2 donne mature che parevano fare a turno per coccolarsi il piccolo e bellissimo George.
Certo era davvero un bel ragazzo con quegli occhioni azzurri e i capelli neri e soffici ma questa era solo una delle sue particolarità. L'altra più nascosta ma anche più intrigante stava nelle proporzioni del suo pene. Un tronco di carne decisamente fuori dal comune.
E poi c'erano gli istinti. Di giorno in giorno osservava sua zia e sua nonna sempre con maggior attenzione.
Zia Vera con le tette così enormi che spesso vedeva i suoi capezzoloni pulsare da sotto come se volessero esplodere. Nonna Irene che ogni volta che si sedeva in poltrona divaricava così tanto le gambe da far sollevare la gonna quanto bastava per vedere gli elastici del reggicalze provocandogli delle immediate erezioni.
Insomma il modo di fare delle 2 tardone era quantomeno sopra le righe.
Basti pensare che la sera avevano l'abitudine di spogliarsi quasi completamente l'una dopo l'altra in salotto e solo quando restavano praticamente nude andavano poi in bagno a lavarsi e a infilarsi pigiami o camicie da notte. Lo spettacolo di zia Vera che lentamente si calava le calze nere davanti a lui o di nonna in reggiseno e mutandine con quelle boccione dondolanti. O peggio quando Vera il reggiseno se lo toglieva proprio restando con le sole mutandine di pizzo e solo un braccio a coprirgli i seni non potevano lasciarlo indifferente. Così, cresciuto abbastanza da esser uomo attento a questi spettacoli e con un cazzo cresciuto altrettanto in fretta tanto che ormai da duro superava di molto i trenta centimentri e pareva più quello di un toro che di un ragazzo George eccitato si addormentava segandosi allegramente fantasticando sulla zia e sulla nonna.
Dopo la sborrata se ne vergognava un poco ma l'impulso era troppo forte, troppo impellente per potervi resistere.
Un giorno poi che lui e nonna erano soli in casa accadde un fatto strano. Nonna Irene si era assopita in poltrona di fronte alla tv e lui seduto sul divano aveva iniziato a sentirla russare, così si era voltato a fissare quel rumore fastidioso e l'aveva vista...
La nonna si era sdraiata così malamente che la gonna le si era quasi del tutto sollevata sui fianchi e le gambe erano così spalancate che poteva vedere tutto.
Certo dal divano ne notava appena l'ombra ma se solo si fosse avvicinato qualche metro.
Lo fece, cercando di essere il più silenzioso possibile e piano piano la sua curiosità ebbe soddisfazione.
Per dio! Sbottò stupito rendendosi conto di cosa aveva di fronte. Non riusciva a crederci.
Nonna Irene non aveva le mutande. Sotto la gonna c'era solo una bella ficona pelosa.
Era la prima volta che ne vedeva una tanto da vicino e iniziò ad eccitarsi come un matto. Quel pelo nero rado con alcuni ciuffetti bianchicci era quanto di più bello avesse mai potuto vedere. Aveva un irresistibile voglia di toccargliela e se non fosse stato per la paura lo avrebbe anche fatto.
Si contentò di toccare se stesso.
Delicatamente si tirò fuori il cazzo super indurito per l'eccitazione e con colpi sempre più veloci prese a segarsi come un pazzo senza perdere un dettaglio della fica della vecchia. Oltre ad avere una fica tanto vicino agli occhi era l'idea stessa che sua nonna non portasse biancheria intima a farlo eccitare quasi che quella mancanze ne sottolineasse in parte la sessualità o perchè no anche una certa disponibilità...
Era quasi al culmine e sentiva lo sperma salirgli dai coglioni per esplodere.
Ben conscio che, proporzionalmente alla grandezza del cazzo, le sue sborrate erano sempre piuttosto fluenti si mise una mano a coppa davanti alla cappella continuando a segarsi con l'altra.
Doveva stare attento se non voleva che gli schizzi piovessero addosso alla vecchia.
Per quanto l'idea lo eccitasse non era propio il caso.
Sentì che stava venendo.
Un orgasmo fantastico, inarcò le gambe per il piacere pronto a metter via il suo grosso attrezzo appena compiuta l'opera.
Proprio in quell'istante Irene aprì gli occhi.
Lui se ne accorse e provò velocemente a nascondere il cazzo. Ma era tardi, troppo tardi. Sotto gli occhi inespressivi di sua nonna George sborrò come un cavallo da riproduzione senza poter più fare nulla. "George ma che cazzo fai?" sbottò la nonna mentre la sborra le schizzava addosso. Lui pietrificato dalla vergogna sperò solo che fosse un sogno.
Fissava la nonna e lei fissava il ragazzo. Aveva ancora il cazzo in mano umido e pulsante. Vedeva chiaramente lo sperma in terra senza sapere cosa aspettarsi o augurarsi.
E non si era ancora reso conto della cosa peggiore.
La notò solo quando vide nonna Irene passarsi un dito sulla guancia umida. "Ma ti piace proprio sborrarmi in faccia?".
"Nonna io...".
"Certo dall'ultima volta che l'ho visto è cresciuto parecchio".
"Si nonna è grosso vero?".
"Il più grosso che io abbia mai visto" sgranò gli occhi la vecchia e quasi d'impulso aprì anche le gambe. Ora non era un caso poterle vedere la vulva.
"E vorresti toccarlo?" ammiccò lui.
"Farei di peggio te lo prenderei anche in bocca per sentire che gusto ha".
"Si chiama pompino nonna".
"Si lo so benissimo."
"Sapessi le seghe che mi tiro immaginandoti...."
"Lo so bello di nonna guarda che le tue lenzuola le lavo io".
"Scusa".
"Ma figurati. E' normale che con quell'uccellone da cavallo ne sborri secchiate".
"E comunque ci sarebbe un bel modo per smettere di segarsi" ammiccò lui mentre ormai aveva raggiunto la massima erezione.
Fece un passo avanti.
"Nonna io non so come dirtelo".
"Non dire nulla" lo tranquillizzò lei mentre con la mano iniziò a massaggiarlo
delicatamente.
"Oddio nonna".
"Ti piace?".
"E' una sega bellissima" mugugnò lui mentre le sue mani scivolavano pian piano sul corpo della vecchia.
Timidamente ma poi sempre con maggior decisione George le infilò la mano sotto alla maglia e le afferrò un seno. "Posso?" domandò dolcemente strizzandole un seno.
"No. Aspetta" disse Irene e sfilatasi in un lampo la maglia e il reggiseno bianco gli mostrò le grosse bocce in tutto il loro splendore.
"O nonna" sospirò lui afferrandole i seni mentre lei aveva ripreso a segargli il
cazzo.
"Ti piacciono?". "Si nonna sono belle, belle come la tua fica".
"Perchè tu è quella che vuoi vero?".
"Si nonna la voglio si" ululò mentre lei si portava il suo uccello alla bocca e lo
lappava delicatamente sulla cappella.
"Nonna succhi da vera maestra".
"Vuoi venire in bocca?" chiese lei tra una leccata e l'altra.
"Noo. Ti voglio tutta. Tutta!!".
"Allora datti da fare no" lo invitò lei.
Preso coraggio non ci mise due volte. Si chinò carponi sulla poltrona e poggiò la testa fra le gambe della vecchia. Esitò a fissarla un istante. "Che hai?" chiese lei impaziente che già bruciava di desiderio.
"Non l'ho mai fatto nonna non vorrei fare errori".
"Ma figurati. Devi solo leccare. Dai tira fuori la lingua vedrai che sarai bravissimo".
Ma George era ancora in grandissimo imbarazzo. Neanche in sogno aveva mai leccato la fica alla nonna.
"Aspetta facciamo una cosa. Sdraiati a terra sul tappeto".
Lui obbedì. Appena fu a terra la vecchia toltasi anche la gonna e rimasta con le sole calze autoreggenti chiare gli si accucciò sopra. "Vedi questo è un 69. Tu fai quel che senti che ti faccio io e vedrai che non sbagli".
"Nonna?" si bloccò lui rosso di vergogna ma appena sentì le labbra calde della
vecchia sulla cappella fu pronto ad obbedire a qualsiasi ordine.
Andarono avanti a sbocchinarsi per un tempo che parve infinito e sentì chiaramente che la nonna veniva un orgasmo dietro l'altro ad ogni suo colpo di lingua. Man mano che la sentiva gemere capiva dove la vecchia godeva di più e affinava la sua tecnica di leccata di fica rendendola sempre più perfetta finchè non potendone più esclamò "SBORRO!" e le venne dentro la gola con un unico fiotto rovente.
Stupendolo ancora una volta la nonna non accennò a staccare la bocca dal suo tubo di carne e anzi succhiò con ancor maggior convinzione. "Che buona la tua sborra".
"Nonna ma che dici?".
"C'è qualcosa di male se mi piace la sborra?".
"No nonna".
"E se mi piace il cazzo?".
"No anzi anche a me la tua fica piace tanto".
"E se ora ti dicessi che il tuo cazzo lo vorrei provare in fica?".
"Che se allarghi le gambe ti servo subito nonna" sosprirò lui e senza tergiversare ancora la fece mettere sotto di se e guidandoselo con la mano glielo infilò dentro un centimetro alla volta.

Da quel pomeriggio non smise più di fottere.
Gli piaceva. Era la cosa più bella del mondo specie con una vecchia porca assatanata come sua nonna.
Così da quel momento non faceva altro che cercare un occasione propizia per restar soli e tirasi fuori il suo enorme cazzo duro tanto più che avendo saputo che quella vecchia bagascia era sempre senza mutande gli pareva ancor più facile prenderla come e quando meglio voleva.
L'unico intrallazzo erano zia Vera che praticamente non usciva quasi mai di casa e quindi era sempre in mezzo ai coglioni nel momento meno opportuno.
Eppure voleva fottere Quindi doveva trovare un posto tranquillo per farlo. Il cesso gli parve ideale. Difficile credere che la zia entrasse a guardare la sorella che pisciava quindi erano soli.
Appena la nonna si avviava verso uno dei cessi della casa (per fortuna ce n'erano quattro) lui sgusciava subito dietro di lei chiudendosi la porta a chiave alle spalle.
La prima volta lo fece con una certa paura temendo che la nonna si arrabbiasse ma appena entrato quando la vide seduta con la tazza, senza gonna a gambe larghe con quelle eccitantissime calze a rete autoreggenti capì che lei lo aspettava.
"Pisci sempre mezza nuda".
"Solo quando mi guardano" disse lei e senza giraci tanto attorno gli si avventò fra le gambe iniziando a spompinarlo.
Soddisfatto la vecchia si girò di schiena con le mani poggiate sulla porcellana della tazza e si lasciò prendere all'impiedi mentre le strizzava i tettoni grossi e mollicci sotto alla camicetta. La porca soffocava a stento il suo orgasmo lui pompava e sborrava a raffica... Sapeva che fuori c'era la zia Vera che girava ma in quel momento non gliene fregava niente. Aveva solo voglia di farsi la nonna e non avrebbe smesso fino a quando non avesse raggiunto la sborrata.
Quando usciva dal bagno pareva soddisfatto ma dopo pochi minuti la guardava di nuovo.
Guardava le sue calze a rete, guardava la gonna sapendo che non c'erano mutande, guardava le grosse tettone mal celate dalla camicetta e gli tornava duro.
Peccato che li sul divano accanto a lei ci fosse Vera. Guardandola con ancora il cazzo soddisfatto dalla fica di nonna Irene non potè fare a meno di chiedersi se anche lei fosse altrettanto brava.
Le tette grosse parevano una caratteristica di famiglia, Nonna Irene aveva un bel balcone, con due ottime mele dai grossi capezzoloni ma era zia Vera il fenomeno della natura. Se quelle di Irene erano mele lei aveva almeno due angurie.
Le aveva così grosse che doveva farsi fare i reggiseni su misura e spesso neanche li metteva lasciando quel ben di dio spenzolare felicemente in giro.
Guardandole, guardando le tettone e la gonna molto corta che svelava ampie porzioni di coscie eccitanti non potè far a meno di desiderare di saltare nudo in mezzo a quel divano e chiavarsela senza pietà.
L'altro momento intimamente tranquillo era la notte, quando tutti dormivano.
Nonna Irene lo sapeva e non si faceva sfuggire l'occasione. Ogni sera passata la mezzanotte andava in bagno e sulla via del ritorno gli entrava in camera,
scivolava sotto alle lenzuola e trovatolo già nudo ed eccitato gli si sdraiava sopra cavalcando il suo cazzo fino a farlo venire.
Era una posizione fantastica dove lui poteva vedere e sentire in pieno le tettone della nonna sbattergli sul petto mentre la sua fica calda lo avvolgeva in un orgasmo bestiale.
D'altro canto era anche una posizione che faceva stancare in fretta la vecchia e quindi si passava velocemente ad una comoda pecorina dove lui poteva pompare senza sosta spaccandole la vulva ad ogni colpo.
Fu proprio mentre era in quella posizione, quando era già più di un mese che scopavano insieme che la vecchia senza peli sulla lingua gli chiese "Vuoi infilarlo nel culo?".
Era la sua prima volta.
Fino a quel momento era talmente preso dallo scopare in fica che neanche ci aveva ancora pensato.
Lei invece lo desiderava tantissimo.
Avrebbe dovuto farlo lentamente e con delicatezza dopo averla fatta bagnare un pochino ma non lo fece.
Preso coraggio poggiò la cappella tra le chiappe della vecchia ed entrò fino ai coglioni con due colpi secchi.
Meno male che la vecchia era una parecchio aperta dai vibratori che usava abitualmente.
Non si lamentò per niente. Anzi. Più lui le spaccava l'anello del buco del culo più lei veniva sgrillettandosi come una pazza.
Certo il suo uccello era più grosso del solito e la vecchia si aprì come una cozza ma la cosa pareva solo darle piacere.
Da quella sera il giochino notturno iniziò a prevedere una prima fase con lei in braccio a lui a leccarle le tette e una seconda a pecorina prima in fica e poi in culo dove si concludeva con la sborrata finale.
Il brutto era solo che quella chiavata notturna non durava mai più di un oretta scarsa e dopo un po che la nonna era andata via a lui tornava duro.

Una sera, proprio mentre la stava inculando la nonna gli chiese "Ti piace zia Vera?".
Lui non capì la domanda.
"Si insomma ho visto come le fissi i tettoni. Vorresti fartela vero?".
George avrebbe voluto far finta di niente. Normalmente sarebbe stato molto più pudico e riservato, specialmente con sua nonna ma in fondo sua nonna era lì col suo cazzo nel culo. Perchè quindi non confessare...
E lo ammise. Ammise quanto gli piacevano i tettoni grossi e di quanto lo fossero oscenamente quelli di Vera. Anzi, raccontare la cosa lo fece arrapare e finì per riempire di sborra la nonna mentre le parlava della cara zia.
Alla fine se ne scusò "Ti da fastidio se parlo eccitato di tua sorella".
"Ma no perchè. E' normale che ti ecciti con quelle angurie che ha. Solo che mi sei venuto troppo in fretta e io ne volevo ancora un po".
"Ma questo non è un problema nonnina" sorrise lui e presale una mano se la mise sul cazzo che era si umido di sborra ma era anche duro e sodo e pronto a fottere ancora.
Così col pensiero di zia Vera in testa e la mano calda della nonna sul cazzo in pochi istanti si sentì di nuovo operativo e finì per montare a ripetizione la nonnina per una buona oretta. Alla fine esausti e sudaticci si sdraiarono nudi l'uno accanto all'altro e la nonna tornò ai suoi discorsi. "Sai anche a me piacciono le tette grosse".
"Nonna ma che dici? Tu sei una donna".
"Bhe è con questo?".
"Se ti piacciono le donne sei lesbica".
"La parola giusta è bisex" sorrise lei.
"E tu lo sei?" chiese lui iniziando ad eccitarsi.
"Diciamo che una bella fichetta la lecco volentieri" ammiccò maliziosa mentre le sue dita le scivolavano nella vulva.
"Cristo nonna me lo fai tornare duro".
"Bhe che c'è di male" strizzò l'occhio la vecchia e scoparono ancora con ancor più foga alternando culo, bocca e fica della vecchia che si godeva un orgasmo dietro l'altro.
Sua nonna adorava le tettone.
Anche se dell'argomento non parlarono per parecchi giorni George aveva chiaro ed evidente questo fatto e così fra una scopata e l'altra iniziò a mandare sul videoregistratore alcuni dei suoi porno preferiti dove le donne avevano davvero dei seni enormi.
La vecchia Irene non si fece problemi anzi pareva che guardare i porno mentre il nipote la montava come una vacca gli desse ancor maggior stimolo spingendola a bagnarsi tutta di piacere.
Non parlavano mai apertamente di una persona precisa anche se Vera era stata nominata da Irene per sottolineare a George quanto una sorella fosse attratta dall'altra ma non c'era bisogno di essere dei detective per accorgersi di quanto durante il giorno Irene fissasse con attenzione le enormi bocce della sorella.
Così una sera lui glielo chiese. "Hai mai visto le tettene di Vera al naturale?".
"Ovvio siamo sorelle, capita spesso di vestirci assieme".
"Già" annuì lui senza smettere di pompare.
"Vestirvi o svestirvi nonna?".
"Certo che sei malizioso bello della nonna".
Lui non commentò continuando a pompare come un mulo.
Dopo un pò lei confessò "Tua zia Vera ha i capezzoli così grossi che sembrano dei cazzetti in miniatura".
"Ma dai" annuì lui sentendo subito dopo la mano della nonna che gli si poggiava sul cazzo.
Lo fece mettere comodo per riprender fiato dopo la chiavata e massaggiandogli l'uccello iniziò a raccontare che le lesbiche con le tette grosse si ficcavano i capezzoli nella fica l'una con l'altra usandoli come sostituti per la masturbazione e che zia Vera era abilissima nel fare quel bel giochino.
"E tu come fai a saperlo?".
"Perchè me lo sono fatto fare".
"Ti sei fatta mettere i capezzoli della zia nella fica? Ma sei lesbica davvero allora".
"Anche... Prendo tutto. Cazzi nel culo e fiche in bocca...anche quella di miasorella. Ti da fastidio?".
Lui le rispose sborrandole in mano....
"E bravo il mio nipote porcellone".

Passarono altri giorni e tutto tornò alla normalità quando un pomeriggio che erano tutti e tre in salotto a guardare la tv nonna Irene disse "Fa così caldo oggi".
"Davvero caldo" disse Vera e ancor prima che lui potesse rendersene conto si sfilò la maglia.
Non aveva reggiseno e le sue tettone gigantesche erano li a ballonzolare in tutto il loro splendore. Il cazzo gli era venuto duro. Fissava quei meloni con sguardo eccitato anche se tremava per l'emozione.
Irene intanto aveva iniziato a spogliarsi. Senza dire una parola sfilò tutto ed in un attimo fu con addosso le sole calze autoreggenti nere. La sua ficona pelosa era li splendida e pronta e fu il segnale che invitò George a calarsi le braghe.
"Che cazzone!" sbottò Vera togliendosi a sua volta la gonna.
Anche lei (porca) non aveva mutande ma solo una bella fichetta dal pelo nero e rado...
Si accucciò bene sul divano come una cagnolina e porgendogli la fica disse sbrigativa "Dai che aspetti non c'è mica solo tua nonna sai".
Non se lo fece ripetere due volte.
La penetrò in un sol colpo "Zia ma sei strettina sai".
In quel mentre nonna Renata posò la vulva in bocca alla sorella.
Eccitato da quel mare di tette, da quelle due porcone arrapate, dalle loro fiche calde, dai reggicalze sensualissimi scoparono per quasi tre ore senza smettere.
George era un fiume in piena. Sborrava in culo a Irene, sulle tette a Vera, in fica alla nonna, in bocca alla zia.
Perse il conto dei suoi orgasmi come le due vecchie persero il conto dei propii.
Smisero che era ora di cena.
Quella notte, anzichè nonna Irene, nel suo letto si presentò zia Vera col le sue enormi tettone.
"Facciamo una sera per una ti va?" disse la zia.
Lui le stava già succhiando le tette e rispose annuendo.
"Al pomeriggio un bel giochino in famiglia e la sera una bella chiavata normale.
Oggi io domani Irene. Se ce la fai".
"E me lo chiedi" sbottò lui mentre con uno spintone la faceva chinare a pecora e glielo infilava dritto nel culo con la forza di un toro.
Ancora, ancora e ancora...

Questo racconto di è stato letto 4 3 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


scambio mail eroticheracconti eroticiiracconti erotici haremracconti erotici toplessracconti erotici scambistiracconti erotici gratuitiracconti incesto madreracconti e video eroticiertici raccontistorie pornoracconti erotici caccaracconti chiavateracconti culi rotticar sex raccontiracconti di suocere troietorie pornoracconti erotici di anzianischiava aziendale 7a69 raccraccomti eroticiracconti erotriciracconti erotici caccaracconti erotici di cornaracconti sodomizzataracconti eroticiiracconti di guzzonracconti erotici lesbo incestoracconti erotici con la nonnascopare con il caneracconti prima esperienzaracconti erotici mariti cornutiracconti erotici con la nonnaracconti di cuckoldracconti porno con vecchiestirie pornoracconti porno con animalistorie erotic eracconti erotici castrazioneraccconti eroticirecconti eroticiracconti erotici prima voltaracconti hard moglieracconti di sesso gratislibri erotici comiciracconti camionistimamma mi fai un pompinorecconti eroticii generi dei racconti eroticistorie porno realiragazze che fanno sesso con caniraccinti pornoracconti eeroticiracconti porno+storie di figaracconti orgasmoerotici raccraccontineroticirracconti eroticipissing per stradaracconto primo pompinoracconti porno gaystorie sesso suocerastorie hot gratisstorie piediraconti picantiracconti pronoracconti di figaracconti xxx gratismoglie inculata racconticornuto felicestorie porno tradimentosesso racconti eroticierotici racconti realiracconti 69 incestoracconti couckoldracconti incetuosiprofessoressa eroticaracconti erotiracc0nti erotici