Fidanzate - Perfect little doll

Scritto da , il 2020-01-15, genere etero

– Annalisa, devo confessarti una cosa. Non è vero che Ivan non è venuto perché sta male. Non è venuto perché gliel’ho detto io.

Rada me lo confida con la mano poggiata sul maniglione della porta che dal garage conduce all’interno dell’albergo. Forse in un altro momento il mio “e perché?” avrebbe manifestato più sorpresa, ma adesso no. Di sorprese Rada me ne ha già fatte abbastanza, stasera. Di rivelazioni che riguardano il rapporto tra lei e suo fratello. E in un certo senso, anche se io non ne so un cazzo, tra suo fratello e me.

– Perché mi andava di andare fuori a bere una cosa noi due, tra ragazze – risponde con un sorriso.

Va bene, ok. Non posso dire di essere stata male, eh? Cioè, magari qualche cosa me la sarei aspettata pure che me la dicesse. Ad esempio che piaccio a Ivan. E capirai che scoperta, mi sta sempre a guardare di nascosto che vabbè, io non so perché l’hai fatto Rada, ma sei stata pure un po’ stronza a dirgli di rimanere in albergo. E’ l’ultima sera, in definitiva, che male faceva se veniva anche lui? Che poi, sta storia della sorella minore che dispotizza il fratello, sì, succede ogni tanto. Ma certe cose non me le sarei aspettate, dai. E certi particolari non avrei nemmeno voluto saperli.

Però avrei dovuto capirlo sin dalla colazione che sarebbe stata una giornata strana. Tuttavia, non faccio per giustificarmi, ma mettetevi un secondo nei miei panni. L’ultima mattinata sulla neve, l’ultima sciata. Sì, lo so che a Martina dispiace. Però cazzo, sorè, una settimana intera è troppo no? Cioè, per te che ti ci diverti sarà poco, ma per me…

Forse per ripicca, forse perché le girava proprio così, per tutto il giorno Martina ha fatto la scemetta e non mi ha voluto dire con quale dei due maestri di sci sarebbe uscita la sera. Se con il mio istruttore, Peter, o con Bruno. Io ho sponsorizzato Bruno, ma a lei piace anche il primo. Vabbè… Con mio grande disappunto mi ha lasciata andare sola in piscina. L’ha bypassata insieme alla sauna, per concedersi un massaggio e un detox.

Quando sono risalita l’ho trovata che, con un piede appoggiato sulla vasca da bagno, appianava alcuni problemi pubici con un rasoio. Che cazzo vi devo dire, l’ho preso come un segnale incoraggiante e quando ha finito le ho chiesto se me lo prestava. Per la verità le ho chiesto anche se alla fine si fosse decisa, e lei mi ha detto che aveva fatto la scelta peggiore possibile: aveva dato appuntamento a tutti e due in un ristorante a una decina di chilometri da qui. Era naturalmente troppo tardi per farle cambiare idea, ma ho protestato. Eddai, cazzo, è la prima volta che esci con uno dopo che Massimo ti ha lasciata e tu che fai? Esci con due? E’ il modo migliore per fare sì che non succeda nulla. Mi ha smontata con un sorriso dolce e con un “ma che cosa deve succedere?”. E allora ho lasciato perdere. Non fa nulla, sorè, hai ragione. Sono io quella che… per te forse è troppo presto, prenditi tutto il tempo che vuoi. Poi è stata lei a domandarmi “da quando ti depili?”. “Un anno… no, un po’ di più – ho risposto – e tu?”. Lei no, mi ha confessato facendomi strabuzzare gli occhi, la prima volta l’ha fatto che aveva tredici anni. “Tredici anni?”, ho esclamato. “Lo facevano le mie amiche – ha risposto – e a me piaceva guardarmi allo specchio. Una volta lo ha scoperto mamma ed ha fatto un casino ahahahah”. Io le racconto invece che, una volta, un tipo ultracattolico con cui stavo limonando mi ha detto che secondo la sua ragazza quelle che se la depilano sono tutte puttane. “Pensa che sti due manco scopavano. Anzi, probabilmente manco si toccavano”, le ho detto. “E tu come c’eri finita con un tipo così?”, mi ha chiesto. “Oh, era davvero un gran manzo, eh? Abbastanza coglione, purtroppo. Si è fatto fare un pompino sulle scale del palazzo suo e poi è scappato ahahahah”. “Quando dici queste cose non so mai se seria o se mi pigli per il culo”, ha commentato prima di cominciare a vestirsi, chiamare un taxi e andarsene via. Strafighissima.

Lasciando chiaramente la sottoscritta da sola a cena, per la sorpresa di Osvaldo e l’ansia del papà di Rachele. In piscina, per dire, ha scientificamente evitato ogni mio sguardo. A tavola ha proprio fatto finta che fossi diventata trasparente. E dai, cazzo, ma ti pare che vado a dire a tua moglie che ieri sera ti ho fatto un pompino? E che tu poi mi hai fatto un ditalino perché non ti si è più rizzato? Certo, se devo essere onesta, ho goduto. Però non me ne frega un cazzo, sono stati cinque minuti di follia, non mi piaci nemmeno. L’unica cosa che vorrei dirti davvero è che hai le mani pesanti e che il sedere mi brucia ancora per le sculacciate che mi hai dato…

E quindi niente, dopo cena siamo uscite da sole io e Rada. Ripromettendoci anche di non fare tardi, visto che l’indomani sia loro che noi partiamo. Siamo andate in un paesino qui vicino, niente di che. Anche se per strada ero un po’ inquieta a vederla alle prese con questo mega suv del padre. Che suo fratello, Ivan, guida benissimo. Lei… mmm, insomma. Quattro chiacchiere e una Coca per me, grazie. Dopo tutta la grappa di ieri sera direi che è il caso di calmarsi, non ho nemmeno preso il vino a cena. Sì, ok, va bene una birra me la bevo. No Rada, quello che fai tu non lo faccio. E sarebbe bene che non lo facessi nemmeno tu, che dopo devi guidare. Come cazzo fai a buttare giù un sorso di quella roba che ti brucia lo stomaco e poi spegnere l’incendio con la birra?

Solo che le “quattro chiacchiere”, stasera, sono state un po’ diverse dal solito. Non avevamo mai parlato di certe cose e sul momento non mi sono nemmeno resa conto di come ci sia scivolata dentro. La svolta è stata quando mi ha detto, con il suo solito sorriso innocente, “piaci molto a Ivan, lo sai?”. Lo so? Mica sono cretina! Non le dico così, però. Le dico sorridendo “sì, un po’ me ne sono accorta”. “Io l’ho capito subito, dalla prima volta che ti abbiamo vista in piscina”, ha continuato. Poiché sento che vuole dirmi qualcosa, ma non so cosa, mi sono messa in difesa rispondendole “oddio, con quel costume ridicolo che avevo… non pensavo proprio di fare colpo ahahahah”. Se volevo fare la spiritosa non ci sono riuscita, perché lei ha proseguito imperterrita. Dicendomi ciò che, in definitiva, voleva dirmi dal principio: “E lui, a te, piace?”. “Beh… sì, è un bel ragazzo… ma siete molto belli tutti e due, questo anche io l’ho pensato subito”, ho risposto continuando a non capire dove volesse andare a parare. Ma per capirlo non ho dovuto attendere tanto: “Sai la prima volta che siamo usciti io, te e lui, no? Che Martina non c’era… quella notte l’ho sentito che si masturbava a letto”.

“Ah…”. Cioè, ma che cazzo volete che dica di fronte a una cosa del genere? Le ho detto “ah…”, appunto. Ma se pensate che sia finita qui non sapete quanto vi sbagliate. Mi ha messo praticamente gli occhi negli occhi e, senza mai abbassare lo sguardo, ha continuato: “Sono andata da lui e gli ho tolto la mano, gliel’ho preso io, l’ho masturbato io e gli ho detto che lo sapevo che stava pensando a te… Gli ho chiesto cosa immaginava di fare con te e… Dio, quando è venuto ha fatto un bel casino… Vuoi sapere cosa mi ha detto, immagino…”.

No, scusa un attimo Rada, calma. Il punto non è quanto ha schizzato o cosa pensasse di farmi. Il punto, direi, è un altro, no? Il punto è: “Rada… ma, tu… cioè, tu hai masturbato tuo fratello?”, le ho domandato. “… mmm, sì. E poi gliel’ho anche pulito, con la bocca, intendo… al resto del casino però ci ha pensato lui… ahahahah”.

Beh, io non so come la pensiate voi, ma io… ecco. Sapete bene che non sono una bacchettona, ma se c’è una cosa che mi fa venire un crampo allo stomaco è l’idea dell’incesto. E che cazzo… Ma nemmeno per questioni morali, eh? E neanche religiose. Sì, magari un sottofondo della mia educazione dalle suore c’entra qualcosa, ma insomma… No, è che penso proprio che, se da un certo punto in avanti l’umanità ha deciso che in famiglia non si scopa un motivo ci sarà pure, no? E io comunque… cioè, per dire, io con Martina (non voglio nemmeno prendere in considerazione papà), ma nemmeno morta. Ma proprio zero. Nessuna intimità di quel tipo, anzi, credo che da quando siamo diventate grandi non l’ho mai vista tante volte nuda come in questi giorni. Ma ragazzi, dico, nemmeno per l’anticamera del cervello, mi vengono i brividi solo a pensarci… E invece questa che fa? Fa una sega al fratello e poi glielo prende pure in bocca per pulirlo. E me lo viene anche a dire?

– Rada, sei ubriaca? – le ho chiesto gelida.

– No, perché? Ti ho scandalizzata?

– Beh, oddio, non è la parola giusta… turbata?

Forse proprio perché mi ha vista turbata abbiamo pagato e ce ne siamo andate. L’ho seguita in silenzio e, proprio mentre aprivo la portiera della macchina, le ho domandato “scusa, Rada, ma in tutto questo… i vostri genitori?”. Mi ha guardata, stavolta lei sì scandalizzata: “Mamma e papà? Nooo”. “No, no, volevo dire, non hanno visto, non si sono accorti di nulla?”. “Loro? Ma loro hanno un’altra stanza”, ha detto come se le avessi chiesto una cosa che dovessi, pacificamente, sapere sin dal principio.

Ho pensato che forse avrei fatto meglio a starmi zitta e a lasciare cadere tutto lì, ma non ce l’ho fatta. E così mentre viaggiavamo le ho anche domandato perché mi avesse detto quelle cose. “Perché sono curiosa di sapere – mi ha risposto – se anche tu hai provato le stesse sensazioni per Ivan”. “Io? Boh… no. Cioè, sicuramente non così. E’ un bel ragazzo, te l’ho detto, ma…”.

Di certo non le vado a raccontare che ieri sera, prima di farmi travolgere dalla voglia di vedere il cazzo del papà di Rachele, stavo per salire in camera a farmi un ditalino mettendo nelle mie fantasie – oltre a Lapo, Serena, Chris Hemsworth, Fabrizio e il bel Bruno – anche Ivan. Sì, anche suo fratello. Mi eccitava immaginarmi scopata contemporaneamente da due strafighi mentre succhiavo il cazzo a lui e lo imploravo di farmi vedere che è un uomo, di lasciare da parte la sua timidezza e trattarmi come merito.

– Scusa, Rada, ma ora che ci penso non ho capito una cosa – le ho detto – tu hai masturbato Ivan ma… ma lui te l’ha lasciato fare? Cioè, è normale?

– Non hai capito tante cose – ha risposto seraficamente – Ivan fa tutto quello che dico io, è sempre stato così. In tutto e… anche nel sesso. Non ce ne sono stati tanti, ma lui è stato il primo.

Ecco fatto. Ero turbata prima? Ma che cazzo dite? Questo è il vero turbamento. E anche un po’… avete presente la ripugnanza?

– Hai fatto proprio… sesso? Hai perso la verginità con lui?

– Quando ho deciso, l’ho voluta perdere con lui. E con chi altri? E’ così bello…

E certo, come no? E io cretina che mi ammazzavo di pompini aspettando “quello giusto”. Bastava avere sottomano un fratello, no? Oddiosanto…

– E a te? – mi ha domandato all’improvviso, ritornando sulla sua curiosità – non è mai venuto di pensare a Ivan, in questi giorni? Di toccarti pensando a lui?

– No, sinceramente no… – le ho risposto – A parte il fatto che divido il letto con mia sorella e che… Insomma, no.

– Non ti masturbi? – mi ha chiesto imboccando l’ingresso del garage.

– Sì, ma… boh, non spesso.

Va bene, ok, le ho mentito. Ma perché devo fare proprio a lei un resoconto dei miei ditalini e delle mie luride fantasie? Un po’ di privacy, no?

E’ stato a questo punto, una volta scese dalla macchina e avviateci all’uscita del garage dell’albergo che mi ha detto quella cosa. Che mi ha rivelato “non è vero che Ivan sta male, gli ho detto io di non venire stasera”.

Per parlare tra ragazze, come dice lei? Qualcosa non mi torna. Non so, è l’intuito. Che mi dice che sì, è vero, stiamo entrambe per ritornare nelle nostre stanze. Ma che lei, prima, deve ancora dirmi qualcosa. E il mio intuito, ragazzi, sbaglia raramente. A differenza del suo.

– Sai invece su chi mi sono completamente sbagliata? – dice abbassando il maniglione e aprendo la porta.

– No… – le rispondo seguendola.

Si ferma nel bel mezzo del corridoietto. Alla nostra sinistra c’è la porta dello stanzino dove ieri il papà di Rachele mi ha trascinata. Rada non può saperne nulla, ma provo lo stesso un certo imbarazzo a stare lì. Mi fa sentire… boh, quasi in colpa. Che detto da me lo so che può sembrare strano, ma è così.

– Su tua sorella – continua Rada voltandosi verso di me.

– Su Martina? Perché?

– Perché ero convinta che fosse lesbica.

Se fino a questo momento l’avevo soltanto immaginato, adesso lo capisco benissimo. Per meglio dire, lo so! Sono talmente in allerta che non sto lì a domandarmi se sia vero o falso, lo so e basta. Sin dalla prima sera, da quando mi ha fatto tanti complimenti su di lei, Rada ha puntato Martina. E’ chiaro, come Ivan avrebbe voluto me, lei avrebbe voluto Martina. Ora sì che l’ho capito, scema che sono.

Rispondo “non saprei, non abbiamo mai parlato tanto di queste cose, probabilmente non è il suo genere”. Lei fa un passo in avanti e mi blocca. Cioè, tra noi non c’è nessun contatto, ma mi è impossibile staccarmi dalla parete. Avvicina il suo viso al mio e le punte dei nostri nasi si sfiorano!

– E il tuo genere qual è? – sussurra – succhiare il cazzo ai padri di famiglia?

Per un attimo, ma che attimo, è solo SDENG! Il suo fiato caldo sulla mia faccia, il suo “go down on a family man”, il ricordo del cazzo del papà di Rachele che mi esplode in bocca e dello sperma caldo trangugiato, la sensazione di essere un’inutile sgualdrinella buona solo a ripulire e lucidare tutto affinché sua moglie non si accorga di nulla. Ho un sussulto che gli esalo in volto, incapace di staccare i miei occhi dai suoi. Avverto il crampo del ricordo e del desiderio.

– La porta dello stanzino non chiude bene – sussurra ancora, poi abbassa la maniglia e apre la porta, mi fa guardare dentro. E’ buio come ieri sera, c’è giusto quel po’ di luce notturna che entra dalla finestra. Mi si piegano quasi le gambe quando riconosco il punto esatto in cui mi sono inginocchiata. Appoggia i palmi delle mani sul muro e mi incastra lì rendendomi, ora di fatto sì, prigioniera tra le sue braccia.

– Eri… eri con Martina? – riesco a biascicare.

– Oui ma chère, Ivan era già andato su… è stato molto… molto eccitante… Come te la cavi con le ragazze?

– Martina ha… ha visto?

– E’ chiaro che ha visto – risponde – che domande fai?

Io però per un po’ non la ascolto. Sono sbigottita, terrorizzata. Mia sorella ha visto tutto. Tutto. Mi ha vista mentre facevo un pompino al papà di Rachele mentre Rada… beh, è ovvio, Rada ci stava provando con lei.

– Cosa ha detto? – le chiedo quasi angosciata.

– Niente, non ha detto niente – risponde – ha detto solo che le ragazze piacciono a te, non a lei…

Per un momento lo penso davvero, penso “ecco fatto, adesso questa mi appiccica al muro, mi scopa in piedi e poi mi fa fare tutto quello che dice lei”. Lo penso con dentro un misto di voglia e di paura. Ma soprattutto, direi, di rassegnazione. Perché qualsiasi cosa succeda, non avrei né la forza né la voglia di oppormi. Anche perché non riesco a liberarmi dall’idea che Martina mi abbia vista alle prese con… diciamo le cose come stanno e come le dice Rada: con il cazzo di un padre di famiglia.

Tuttavia Rada non fa niente altro che appoggiare morbidamente le sue labbra alle mie e sfiorarmi. Magari chi a questo punto si aspettava una scena di sesso saffico e selvaggio rimarrà deluso. Ma davvero, succede solo questo. Anche se basta e avanza per farmi tremare come una foglia. Non riesco a staccare gli occhi dai suoi, devo avere uno sguardo da braccata.

– Sei mai stata in Svizzera? – sussurra ancora.

– Io… solo con i miei…

– Condivido un appartamentino con due amiche… potresti venirci a trovare. Saresti la nostra bambolina perfetta…

Dice proprio così, perfect little doll. Dice solo questo. Ma non so perché mi trasmette perfettamente l’idea di essere usata per una notte intera da tre pervertite. Ce l’ho nel cervello la scena: lei che mi introduce alle altre e dice loro “questa qui è proprio un giocattolino”. Ed è questo pensiero che mi fa ansimare ancora di più, pulsare, aprire le cataratte.

Mi bacia ancora, ma stavolta è un bacio più pressante. E mentre mi infila la lingua in bocca infila anche la mano nei miei jeans, Appiattisco gli addominali per lasciarla passare, lei capisce e va oltre, nelle mie mutandine. “Sei di velluto”, mormora. Beh, uao, ci sai fare con i complimenti, eh? Poi ci affonda rapidamente un dito, in quel velluto fradicio. E’ un attimo, ma è un attimo che mi fa squittire. Uao, ci sai fare anche con i ditalini, mi sa. Ritira il dito, lo porta alla bocca e lo succhia. Mi sorride. “Lo sapevo”, dice. Poi mi prende per mano e mi porta fuori da quel piccolo tunnel.

Avanza lungo il corridoio principale, sempre tenendomi per mano, io sono un passo indietro e la seguo come un cagnolino al guinzaglio. Ho capito dove vuole andare e le mormoro “a quest’ora la spa è chiusa”. Lei risponde sicura “non se passi dagli spogliatoi, ci sono stata l’altra sera a recuperare questo”. E alza il polso per farmi vedere il braccialetto. Ha ragione. Dagli spogliatoi si accede all’ampio spazio della piscina, quasi buio. Illuminato solo dalla luce della luna che passa dalle vetrate. Lascia cadere borsa e giaccone su una delle sdraio imbottite e mi bacia ancora una volta. Leggermente, labbra che sfiorano labbra. Mi sussurra “spogliati… togliti tutto”.

Eseguo. Le ultime barriere che cadono sono il reggiseno e le mutandine. Allunga la mano e mi fa “queste le tengo io”. Poi le stringe e se le porta al naso. Aspira il suo trofeo ad occhi chiusi, quasi sorridendo. Mi dice di girarmi, poi di farlo ancora. In un verso e nell’altro. Di fermarmi e mostrarle la schiena, il sedere. Lo faccio, faccio tutto quello che vuole. Sono come in trance, con il calore umido e pulsante in mezzo alle gambe, i capezzoli duri come diamanti e addosso una voglia di essere leccata, succhiata, scopata che non riesco più a contenere. Mi bacia di nuovo, stringendomi a lei. Rispondo al bacio in modo furibondo, appiattendomi sul suo corpo, sentendo sulla pelle la lana del suo maglione. Cerco di trasmetterle tutto il mio desiderio.

“Sei così bella, hai questa faccia innocente – sussurra – ma sei anche trasparente… e ti si legge benissimo dentro, si capisce cosa sei davvero…”. La ascolto ad occhi chiusi perché ha cominciato a passare leggera i polpastrelli lungo il mio corpo, ho brividi diffusi. Titilla i miei capezzoli, che quasi rimbalzano per quanto sono eretti. “Hai il seno di una ragazzina”, sussurra ancora giocandoci. Poi mi ripete che devo assolutamente andare da lei, a Ginevra. Ancora una volta ignara dell’assurdità della sua richiesta. Mi investe la consapevolezza che deve essere una abituata ad ottenere tutto ciò che vuole, a vedere soddisfatta ogni sua richiesta. E l’idea che, non potendo avere Martina, anche lei come il papà di Rachele si stia rifacendo con la sorella più piccola mi mette pure un po’ di paura.

Lecca un capezzolo e ci soffia sopra, mentre l’altro è delicatamente prigioniero della sua mano. “Con questi io e Ingrid sapremmo cosa farci…”. Poi mi afferra le chiappe stringendole, ma solo un po’: “Mentre questo capolavoro della natura sarebbe il regno di Marta… è italiana come te, sai? E’ bellissima… mora occhi verdi, un viso perfetto e un corpo… oh! Dio che corpo… E’ un po’ sadica, a volte. L’ultima ragazzina che è stata da noi l’ha fatta piangere per tre ore di fila… Poi però la mattina dopo abbiamo dovuto cacciarla a forza, e stavolta piangeva per sapere quando poteva ritornare, quella piccola puttana… era proprio un animaletto. Sei mai stata appesa per le braccia a un soffitto?”.

Non so se dice tutto questo per terrorizzarmi, o per eccitarmi. O per eccitarmi attraverso il terrore. Se il suo scopo è quest’ultimo, devo ammettere che ci riesce benissimo. Sto tremando al suo cospetto. Inerte, ad occhi chiusi. Mi passa una mano sul ventre, lo sfiora. Posa le sue labbra sulle mie, si muovono impercettibilmente mentre sussurra “senti il calore, vero?”. Annuisco.

Improvvisamente, Rada fa un passo indietro e mi dà una spinta. Non offro alcuna resistenza, non posso farlo. E nemmeno grido. Mentre volo ho solo il tempo di pensare “non è possibile”, poi sprofondo nell’acqua della piscina. Riemergo infreddolita, tossendo, e la vedo piegata in avanti, con le mani sulle ginocchia, che ride. “Raffreddati un po’”. La sua allegria mi contagia, smetto subito di pensare “che scherzo del cazzo” e mi metto a ridere anch’io.

Si porta una mano alla vita e la sua lunga gonna bluette finisce alle caviglie, il maglione vola via.. Resta con indosso un body nero e i collant. Via tutto, anche quelli. A coprirla solo un perizoma per la verità abbastanza casto. Se lo sfila sorridendo, lentamente. Per tutto il tempo rimango con gli occhi incollati allo spettacolo che mi offre. Non è proprio una novità, in tutti questi giorni l’ho vista in costume e sin dal primo momento l’ho giudicata una bellezza. Per il viso incorniciato dai capelli biondi e quasi ricci, ma anche per il fisico snello, le gambe che non è una banalità definire tornite. I seni sono molto grandi, per quello che è il suo corpo. Ballano mentre si avvicina al bordo vasca. Adesso posso vedere meglio la sottile striscia di peluria bionda che le orna il pube. Si siede e mi sorride ancora, allarga le gambe in modo indecente: “Come closer, little doll”.

Mi avvicino a quelle gambe spalancate mordendomi forte il labbro. Credo di avere gli occhi della foia. In quei pochi secondi in cui mi impegno a vincere la resistenza dell’acqua definisco già il mio piano operativo, che come prima cosa richiede molta, molta saliva. Chino la testa sul suo ventre, le gocce d’acqua che dai miei capelli le precipitano sulla pelle la fanno trasalire. La lunga, lentissima e umida lappata che regalo a tutto il taglio della sua apertura e al suo grilletto la fa sussultare. Mi piace il suo succo, il suo sapore, ma ho già deciso che possono aspettare. Voglio esasperarla come lei ha esasperato me. Bacio, lecco e mordicchio tutto intorno al suo sesso. Allungo le braccia per giocare con il sodo-morbido delle sue tette, con i capezzolini rosa. Mi fa impazzire, vorrei potere uscire dall’acqua e leccarla tutta. La prendo e la faccio mettere seduta, ripiegata verso di me, per raggiungere con la bocca la sua mammella mentre con una mano gioco con l’altra. Saranno i miei denti, le mie dita o il freddo dell’acqua, fatto sta che la sua reazione si manifesta in brividi, pelle d’oca, respiro che diventa sempre più pesante. Mi stacco un attimo e, guardandola negli occhi, le dico “faccio tutto quello che vuoi per darti piacere”. Rada mi attira a sé e mi bacia, poi mi afferra la testa e se la riporta sul seno. Ha le tette più grandi di quelle di Serena, forse nemmeno quella stronza di Viola le aveva così grandi. E’ lei che mi dice cosa farci. Lecca, succhia, mordi. E io eseguo. Lei ansima sempre più forte finché non mi stacca, mi guarda in faccia e torna a stendersi spalancando un’altra volta le gambe. “Adesso mangiami – mi fa – mangia la mia fica”.

In un certo senso, sono ammirata dal suo autocontrollo. Perché mentre la lappo con dedizione riesce a parlarmi, a mantenere quella strana forma di comando che si è intestata nei miei confronti e che, in definitiva, è una delle cose che di lei mi fanno sbroccare di più. Mi dice che non si capacita di come abbia fatto a succhiare il cazzo di “quell’uomo orribile”, come lo chiama lei. Ma che a vedermi si è eccitata tantissimo e che avrebbe voluto che Martina le facesse, lì e in quel momento, la stessa cosa che sto facendo a lei. Sono troppo fuori come un balcone per pensare a Martina, adesso. Ma nonostante ciò non posso fare a meno di immaginare quella scena e sentirmi scossa. Forse è anche per allontanare questa visione che decido di andare avanti un po’ a modo mio, di farle ciò che mi piace mi venga fatto. Quello che ormai Serena ha imparato a farmi quando decide che devo proprio uscire fuori di senno. Non so se per lei sarà lo stesso, ma lo faccio. Le alzo le gambe e vado a intrufolare la lingua più giù, sull’ano, leccandolo e cercando di penetrarlo mentre con un dito frugo nella sua vagina. E qui sento i suoi primi gemiti. Che aumentano quando faccio il contrario, infilandole la lingua nella fica e inculandola con quello stesso dito. Quando le metto un dito nel culo, due dita nella fica e con la bocca mi accanisco sul grilletto… beh, addio autocontrollo. Scatta e mi serra la testa tra le cosce. E come se non bastasse mi pianta la mano sulla nuca bagnata per farmi capire che non mi devo muovere da lì. E’ anche tutto abbastanza rapido. “Don’t stop, don’t stop”, gemiti e contorcimenti, qualche parola nella sua lingua e il lungo sussulto finale, accompagnato da un rumoroso sospiro. Mi piace continuare ad asciugarla leggermente, mentre si riprende. Ci tenevo tanto a farla godere, ed è un po’ come se fossi venuta anche io. Sono al settimo cielo quando si lascia scivolare anche lei nell’acqua e mi bacia.

Ci baciamo, ci accarezziamo, strusciamo i nostri sessi l’uno sull’altro, li penetriamo. Giochiamo con il getto a pelo d’acqua delle bocchette dell’idromassaggio, offrendoci a loro a gambe spalancate, aiutandoci reciprocamente, scappando e ridendo quando ci avviciniamo troppo e la pressione dell’acqua è insostenibile. Ho voglia di lei, ho una indescrivibile voglia di essere sua. Di essere giustiziata dalle sue mani e dalla sua bocca. “Scopami – le dico al termine di un bacio – sono tua, scopami, ti prego”.

Ancora una volta, come quando mi ha portata qui, mi prende per la mano e mi conduce fuori dall’acqua. Mi dice “voglio fare una cosa per te”. Si asciuga la mano sui miei jeans e prende il telefono dalla borsa. Non sono scema, capisco. E quando la sento parlare in bulgaro capisco anche meglio. E lei sa che io ho capito.

– Quando sono tornata in stanza ieri sera – mi dice abbracciandomi da dietro – avevo una voglia incredibile. Ho svegliato Ivan e l’ho costretto a guardarmi mentre mi masturbavo davanti a lui, nuda. E mentre lo facevo gli raccontavo di cosa ti avevo visto fare… Sotto il pigiama si vedeva l’erezione, Ivan ha un gran bel cazzo… Per un attimo ho pensato di farmi scopare ma, vedi, è tanto che non lo facciamo… è tanto che non vado con un ragazzo. Però voglio dartelo, voglio farti questo regalo… e voglio fare questo regalo a lui… Sei bellissima, voglio che tu sia sua. Meglio che quella stronza inglese della sua ragazza…”.

Sentitevi dire queste cose in un orecchio, poi mi dite come reagite. Soprattutto se chi te le dice ti stringe, ti accarezza, appoggia il suo seno contro la tua schiena, gioca con i tuoi capezzoli, passa a sfiorarti il grilletto con il polpastrello. La mia reazione la si vede nel respiro che si fa più accelerato, nei gemiti flebili, nei brividi che ogni tanto mi scuotono.

“Lo vuoi? – mi domanda Rada – lo vuoi?”. Rispondo “sì, ma vi voglio tutti e due”, lei però si mette a ridere e mi dice “non faccio sesso con mio fratello, per chi mi hai presa, per una degenerata?”. Ride ancora, più forte di prima, e mi assesta uno sculaccione che mi fa ricordare che ieri sera il papà di Rachele me l’ha conciato per le feste, il mio bel sederino. Gemo. Di dolore stavolta. Rada mi sussurra all’orecchio “troia, ho visto quanto ti piace” e me ne dà un altro. Mi infila da dietro un dito nella vagina e copre il mio miagolio dicendo “prenditi Ivan, non te ne pentirai”.

Proprio come se l’avesse annunciato, in quel momento Ivan apre la porta di accesso alla piscina. Indossa l’accappatoio marrone dell’albergo e in mano tiene la cesta a disposizione degli ospiti. Dentro c’è un altro accappatoio, Rada lo prende e lo indossa, posa i suoi vestiti nella cesta. Essere nuda di fronte ai loro sguardi mi eccita, mi eccita il modo in cui Ivan sembra quasi studiare le mie intimità, la voglia che leggo nei suoi occhi. Rada gli slaccia la cintura e l’accappatoio si apre. Il sesso di Ivan non è la prima cosa che vedo. La prima cosa è il petto, gli addominali modellati dalla pratica sportiva, non dalla palestra. Nelle serate precedenti, mi ha confidato di avere sempre amato l’atletica, il salto con l’asta. E che adesso che studia a Londra è addirittura nella squadra dell’università. Bisogna avere gambe e braccia forti, mi ha detto, un corpo agile ma d’acciaio. Lo avevo notato, in piscina, nei momenti di pigro relax del dopo sci. Ma, adesso, sapere che quel corpo glabro e definito si impadronirà del mio fa tutto un altro effetto. E poi sì, scendo ancora più giù con lo sguardo, il cazzo. Rada non aveva torto. Non ha la pienezza dura dell’erezione, ma ha il gonfiore della voglia. Si sta preparando. Per me.

Rada mi spinge leggermente verso di lui, mi posa le mani sulle spalle. Mi sussurra “fagli vedere quanto sei brava, almeno quanto lo sei stata ieri sera con quell’essere ignobile”. Mi spinge giù ma io reagisco. Dico “aspetta”, guardando Ivan ma parlando a lei. Infilo le mani sotto l’accappatoio del ragazzo e lo spoglio, offrendo la mia bocca al bacio. Le nostre lingue si intrecciano e, dal modo in cui mi stringe, capisco che non lo sta facendo solo per compiacere la sorella. E neanche il pompino che sto per fargli è per Rada, è una cosa tra me e lui. Il mio corpo bagnato lo fa rabbrividire. Accarezzo la sua schiena, i suoi glutei di marmo, e sulla pancia adesso sento la sua durezza, la sua urgenza. Mi è difficile sciogliermi da quell’abbraccio, mi sento serrata e vorrei che quelle braccia continuassero a stringermi. Scendo giù molto lentamente, baciandogli il collo, il petto, il ventre. Lo sento ansimare mentre, tra le gambe, mi squaglio a sentirne l’odore. Lo imbocco, lo insalivo, lo succhio. Alzo la testa verso l’alto e gli dico “don’t be shy”.

Un’altra cascata di saliva sul suo cazzo, un altro affondo, un altro rantolo. E’ largo e non è nemmeno tanto corto. E’ impegnativo. Ma per me è un punto d’onore prenderlo tutto. Per me è un punto d’onore reprimere il conato, lo spasmo. Sbavare e sentire le lacrime. Per me è un punto d’onore soffocare, riempirmi i polmoni mentre uso la lingua e ritornare ad affondare. Anche i rumori osceni che produco sono un punto d’onore. Rada ci guarda, distesa su una sdraio, coperta dall’accappatoio, le mani intrecciate sopra la pancia. E’ anche lei il centro del mio interesse. Sapere che mi osserva mentre gli spompino il fratello mi riempie di eccitazione, mi restituisce con gli interessi quello che non c’è, quello che mi manca. Mi manca la mano di Ivan che mi afferra la testa o mi strappa i capelli per diventare lui quello che dà il ritmo. Mi manca quel tipo di maschio che oltre al suo cazzo ti offre anche la sua voce sotto forma di apprezzamenti e insulti.

Sono così gonfia, tesa, che potrei esplodere. E allo stesso tempo mi sento orribilmente vuota. E’ lui che voglio, ora. Rada forse non mi basterebbe più. Perché non è solo un orgasmo che voglio. Voglio proprio essere penetrata, riempita, posseduta. “Voglio essere scopata”, ansimo mentre mi struscio la guancia sul cazzo duro e scivoloso di Ivan. “Devi bere il suo sperma, prima – è la risposta di Rada – non gli manca molto”. Come faccia a saperlo non ne ho idea, ma è vero. Perché dopo un po’, finalmente, l’istinto di maschio si fa strada, come le sue mani sulle mie tempie che mi stringono e mi attirano a lui, mentre mi aggrappo alle sue natiche. Mugolo quando mi esplode in bocca a fiotti, ma intanto lotto contro l’ondata di brividi che il gelido ordine di Rada – “devi bere il suo sperma, prima” – mi ha provocato.

Si alza dalla sedia a sdraio, fa alzare anche me. Le mie ginocchia ringraziano. Mi bacia. Magari un cazzo no, ma il bacio al sapore di sperma le piace eccome. Eppure ho l’impressione che lo faccia ancora una volta per prendersi qualcosa che considera suo di diritto. Le porto una mano sotto l’accappatoio, tra le gambe. “Sei bagnata come…”. La similitudine non la completo, in compenso le affondo due dita dentro che la fanno gemere e piegarsi. Ma non lo faccio per darle piacere, lo faccio per ristabilire le distanze. Perché non mi piace che sia così dispotica, che abbia la pretesa di essere padrona dei destini e dei piaceri miei e di Ivan. Mi fulmina con un’occhiata, una di quelle che dicono “non lo dovevi fare”. Quasi per irriderla le infilo le due dita in bocca. Lei succhia, ma poi mi morde. Lancio un urletto, perché non è stata proprio leggera, ne approfitta e mi spinge sul suo lettino. “Adesso arriva il tuo regalo”, dice. E sembra quasi una minaccia. Guardo Ivan, guardo il suo cazzo non più eretto ma gonfio come la prima volta che gliel’ho visto. Gli sorrido e gli faccio un cenno con la testa per invitarlo. Non si muove e invece io lo voglio terribilmente. Voglio lui, non lei. Voglio che si stenda sopra di me, mi schiacci con il suo corpo, mi possieda con la sua carne. Apro le cosce e stendo le braccia verso di lui. Gli dico “vieni, siamo solo noi due”. Ma mi sbaglio, e non so quanto.

Più che essere interessato a me, Ivan lo è a quello che la sorella gli dice. Le risponde. Dialogano in bulgaro, non capisco nulla se non che stanno parlando di me. E ciò mi indispettisce e allo stesso tempo mi eccita. L’unico a mostrare davvero qualche attenzione nei miei confronti è, adesso, il cazzo di Ivan che sta tornando duro e dritto.

– Ti devi girare – mi fa Rada.

– Perché?

– Fai come ti dico.

Eseguo, mi volto. Mi metto a pecora, con le ginocchia ed i gomiti puntati sul morbido del materassino, la testa crollata in basso e i capelli che bagnano tutto. Sarebbe anche la mia posizione preferita, per la verità, ma in questo momento conta poco. Non è quello che volevo. E tuttavia la tensione dentro di me sale. Contro ogni mio desiderio mi sento ricacciata nel ruolo di vertice subalterno di un triangolo. Ogni mia altra volontà viene ignorata, annullata. Come se fossi solo uno strumento per il piacere che si prenderanno insieme, sia pure in modi differenti. Hanno spento il mio cervello e mi hanno ridotta allo stato di sgualdrina-da-usare. E come tutte le volte che questo avviene, so benissimo che potrei venire solamente a concentrarmi per un po’ su questa sensazione di attesa. Del resto, l’orgasmo, sta già montando a ondate dentro di me, faccio fatica persino a parlare.

– Tu cosa gli hai detto? – piagnucolo a Rada.

– Gli ho detto “scopa questa troia ninfomane”.

Dice “nympho-slut”, che in un certo senso è anche peggio della traduzione italiana, almeno per me. Mi entra nel cervello e me lo chiava, proprio un attimo prima che avverta Ivan appoggiarsi sulla mia apertura. Miagolo “oddio” per le parole di Rada e poi strillo per l’invasione del fratello. E non so se lo strillo dell’orgasmo è lo stesso o è un altro che gli si affianca immediatamente dopo. Ma in fin dei conti sticazzi, per qualche istante mi sento fulminata ed è come se tutta la tensione accumulata sino a quel momento si scaricasse a diecimila volt dalla fica attraverso tutto il corpo e esplodendomi in testa. Come spesso accade quando la botta è così forte, perdo cognizione di me. Quando la riacquisto sto gridando a squarciagola “sì, così”, e non me ne frega un cazzo se qualcuno mi sente.

Gli orgasmi non li conto, non li ho mai contati. Non mi importa nulla e in fondo non ci riuscirei nemmeno. Nemmeno il tempo che passa mi è mai interessato. Ma stavolta ho l’orologio della piscina quasi davanti ai miei occhi, e vi posso dire che non so esattamente quanto ma ne passa tanto. Che la lancetta dei minuti si sposta di un bel po’ e quel bel po’ è proprio parecchio nelle mani di uno come Ivan. Cazzo, chi l’avrebbe detto… Strillo, gemo, vado fuori di testa, godo. Lo imploro “screw me”, perché non mi viene il corrispettivo di “sbattimi”. Ma è proprio “sbattimi” che gli vorrei dire, perché così che mi sento di dovergli dire. Sbattimi come l’uovo dello zabaione, fammi proprio cambiare forma.

Sbattuta. Per lunghi, interminabili, minuti. E subito dopo inculata. Non ho ancora finito di ritornare da un orgasmo che Rada gli dice qualcosa nella loro lingua e lui si sfila, svuotandomi. Lasciandomi mezza morta, senza forza, ma con la voglia irrefrenabile di supplicarlo no, torna, non mi lasciare così, sono una troia senza senso se non mi godi dentro. Non ce la faccio a spiccicare parola, ma non ce n’è bisogno. Perché lui torna a riempirmi sì, ma dall’altro ingresso. Senza chiederlo né annunciarlo. Senza che i miei “nooo” servano ad impedire che mi spinga il fuoco dentro grugnendo, forzando, strappandomi la carne. Come cazzo è possibile che i miei strilli non abbiano ancora fatto scendere giù tutto l’albergo?

Obiettivamente, tutto ciò mi fa impazzire. Mi fanno impazzire quel fuoco e quel dolore. Mi fa impazzire la sensazione essere allargata e gonfiata in quel modo. Mi fa impazzire il fatto che Ivan mi stia facendo ciò che forse Rada avrebbe voluto che mi facesse la prima sera, dopo avermi vista in piscina e dopo che avevamo fumato quella sigaretta fuori, sulla neve. Mi fa impazzire, in definitiva, che lui mi stia sodomizzando per eseguire un suo ordine. Perché sì, cazzo, deve essere proprio vero: lui fa tutto ciò che lei gli dice di fare. E in questo momento anche io. Mi sento completamente prigioniera. Il corpo prigioniero del dominio fisico di un maschio, il cervello prigioniero delle voglie perverse della sorella. E pure questo mi fa impazzire. Come alla fine mi fanno impazzire gli schizzi caldi nell’intestino, ognuno dei quali accompagno con un “siiì” privo di ogni ritegno. Godo, piango, singhiozzo e, come un’idiota, alla fine quasi mi rammarico che lo scempio sia terminato.

Cos’è che immaginavo, che volevo, ieri sera? Essere usata e lasciata in un angolo tremante e piena di dolori? Ecco, ventiquattro ore dopo l’ho avuto. Sei contenta, Annalì? Rannicchiata sulla sdraio senza riuscire a tenere le gambe ferme, piagnucolante. Ho gli occhi ancora pieni di lacrime e quasi non li vedo, Ivan e Rada, mentre se ne vanno abbracciati. Quasi non la sento mentre mi dice “pensaci, bambolina, vienimi a trovare”.


CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 1 2 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


ra cconti eroticiracconti sul sessoracconti wroticiracconti erotici in pubblicoracconti porciho inculato mia madreracconti pormoerotici raccpntiraccontieroracconti xxracconti scambistiracconti di suoceraracconti amatoriali gratisracconti icestoraconti eroticiraacconti eroticiscopata da un camionistaraccontipornograficirotici racconticollant raccontia69raccontisborrata cavalloseghe raccontiracconti eroticheracconti di sculacciatamia zia è una porcastorie etotichemamma eroticaracconto eroticierotci raccontitacconti pornoracconti rroticistorie di crossdressersissy raccontierotico raccontopanerai laurastorie cuckoldracconti eoticipèornofemdom raccontistorie di figheracconti erotici ingravidataracconti eroticestorie feticismoracconti 69 lesboracc lesboracconti di coppiaracconti gay beareros raccontiraccontti eroticistorie di sesso gratisstorie sensualiracconti erotici cuckoldracconti annuncio69storie di sesso con donne matureracconti erotici napoliracconti erotici prima segaracconti disessoracconti erotici piediraccont eroticporno storie realimaria teresa ruta cosceraccontj eroticiracconti roticiinculo mia suocerasesso donna con animalestotie pornoraccontieroticidiguzzon59scopateconanimalimarito e moglie al cinema pornoracconti erosracconti erotici.