Famiglia nudista parte 5

Scritto da , il 2020-01-15, genere incesti

Complici le idee che mi stavo facendo su mamma nonché l'eccitante idea di farlo ancora con la bella tettona Valentina alle sette ero a casa sua.
Nei miei programmi l'avrei portata a cena fuori per una pizza e quindi ci saremmo appartati in macchina dove avremmo fatto follie.
Solo all'idea già lo avevo bello gonfio e lo tenevo schiacciato e sofferente nei pantaloni.
La delusione però fu grande quando ad aprirmi la porta non fu la giovane giumenta che immaginavo ma la vecchia babbiona di sua nonna.
Aveva un abito nero intero molto corto che evidenziava le gambone grasse e cicciotte nonché il seno prominente che pareva quasi volesse sgusciare fuori da un momento all'altro.
“Sono venuto a prendere Valentina” le dico.
“Non c'è Valentina l'ho mandata a fare la spesa”.
“Alle sette di sera?” mi stupisco.
“E' aperto fino alle otto. Solo due cose urgenti. Torna presto non preoccuparti”.
“Allora torno dopo” dico serio e delusissimo.
Ma lei mi guarda seria e quasi mi tira dentro casa. “Dai che arriva subito. Vuoi bere qualcosa?”.
Provo a dire no ma mi trovo seduto sul divano accanto a lei preso quasi di peso.
Sul tavolino davanti a noi c'è una bottiglia di Vino già aperta. “Vuoi?” mi chiede.
“No grazie devo guidare. E' meglio di no”.
“Pazienza -dice e si ingolla un bicchiere- alla salute”.
A quel punto non so come ma si mette ad accavallare le gambe. Quei due gamboni che non sono esattamente grissini. Insomma non è una posizione molto facile da assumere e infatti il vestito già corto di suo si solleva fino alla coscia e mi becco in primo piano il gancetto del reggicalze e la giarrettiera.
Ora sia quel che sia, cessa o non cessa, grassona o no a me vedere l'attaccatura delle calze fa sempre un certo effetto e infatti la fisso e sotto mi si smuove qualcosa.
Già non era tranquillo pensando a Valentina ma ora è proprio duro duro e ho il bozzo sui pantaloni bello evidente.
Lei mi fissa seria e io tremo credendo se ne sia accorta. Nascondo l'erezione con una mano ma riesco solo a sottolinearla...
“Hai preso i preservativi?” mi chiede a bruciapelo.
E io che ho di nuovo gli occhi incantati sulla sua cosciona faccio “Cosa?” perchè proprio non ho capito.
“Per stasera. I preservativi? Ragazzo vorrai mica mettermi incinta la nipote”.
E' imbarazzante. Terribilmente.
Ora è ovvio che la vecchia sappia che scopo con Valentina, ci ha visti non nego i fatti, ma che deva anche darle dei dettagli in merito non l'avevo previsto.
“Io veramente... Cioè.... Non li uso... Non è che... Come dire....”.
Lei annuisce “A si già, per via della misura vero?”.
“Misura cosa?”.
“Si la misura del tuo coso... Non ti stanno scommetto. Ma ci sono le misure per i guantini?”.
In effetti non ci ho mai pensato.
“A pensarci bene deve essere un problema per te. Anche la Valentina poveretta... Ho trovato un po' di sangue in bagno sai”.
“Non l'ho fatto apposta mi creda”.
“Si, si lo so poverino anche tu con una roba del genere fai quello che puoi”.
La fisso e mi chiedo se sia proprio il caso di intrattenere simili discussioni con una vecchia babbiona. Ma è davvero una impicciona nata. Forse per sfida le dico “Comunque quando è bella bagnata ci passa tutto!”.
“Dici....” borbotta lei fissandomi.
Ora non resisto più. Solo a parlarne mi si è scosso un altro po' e ora pulsa sui pantaloni da far male. “Scusi posso andare in bagno”.
Mi indica la porta.
Entro, chiudo a chiave e mi abbasso i pantaloni. La belva è dura come marmo.
Che faccio? Mi sparo una sega per farlo ammosciare? Mi faccio una doccia fredda?
Anche se l'istinto mi porterebbe a prenderlo in mano e segarlo come un pazzo me lo prendo delicato e tenendolo basso lo faccio scivolare lungo la gamba dei pantaloni.
Mi guardo allo specchio e pare che abbia un pennarello in tasca.
Un pennarello per un gigante ovvio ma è meglio che avere il bozzo sulla patta e fa anche meno male.
Speriamo che Valentina torni presto...

Torno in salotto facendo finta di nulla e sperando che non lo noti ma accade esattamente l'opposto.
La cosa è così arrapante che davvero rischio di strappare i jeans con una erezione. “Signora Lorena ma che cazzo fa è pazza?”.
Non posso crederci. La vecchia babbiona è nuda!
Ha tolto quasi tutto a parte un sottile reggicalze nero agganciato attorno alla vita che sorregge le calze di nylon trasparenti. A dirla tutta questo dettaglio la fa sembrare anche più vacca.
Lei mi fissa mezza ebete “Pensi davvero che possa guardare quella mazza e non aver voglia di provarla? Vedi sono una donna anche io sai” e per sottolinearlo si apre bene la vulva con le dita.
Pelosetta, grigia con due grandi labbra sporgenti all'infuori. E' già bagnata e si vede perchè alcune gocce colano appena la accarezza.
Confesso che quelle poppone giganti (cosa sono una nona? forse di più?) solleticano la mia fantasia di tettomane.
Nonostante sia bella cicciotta, nonostante sia bella stagionata due tette così sembrano fatte apposta per infilarci il cazzo in mezzo e fare una bella sborrata.
Cedo al dolore che ho tra le gambe e mi lascio cadere i jeans.
Il mio attrezzo si rizza su duro con la cappella pulsante di voglia.
Lei strabuzza gli occhi “Oooo sembra anche più grosso da così vicino”.
Mi avvicino di un altro passo, lei seduta davanti a me pare nella posizione perfetta. Allungo una mano e le afferro i capelli. La tiro appena verso di me.
“Forza controlla di persona quanto è grosso vecchia puttana” e così dicendo glielo spingo sulle labbra.
Lei tranquilla apre la bocca e ne inghiotte il più possibile.
“Succhialo babbiona succhialo” le dico mentre la incito a sbocchinarmi per bene.
Ci da dentro, si da da fare. Tra una succhiata e l'altra lavora ben bene con la lingua sulla cappella.
Le strizzo uno dei grossi tettoni. “Che bella mercanzia che hai porcona”.
Lei ciuccia anche di più.
Capisco che le piace essere trattata da vacca e insisto “Dai troia fammi sborrare. Fammi sborrare sulle tue tettone”.
Di botto se lo sfila dalla bocca “No, no non sborrare, lo voglio dentro, lo voglio dentro”.
“Vabbè allora apri le coscione che ti sfondo.....” sorrido io ormai arrapato al massimo...

Si mette a pecorona sul divano
Un culone che fa provincia... Non è esattamente un pezzo di fica tanto più che io ero venuto per scaricarmi le palle nella bella fichetta di una ventenne formosa e calda come il fuoco. Ma sia come sia ormai in un miscuglio di depravazione e rabbia ho l'asta pronta a sfondare tutto quello che mi capita a tiro.
“Toooo” gemo mentre spingo il bacino in avanti.
“Aaaaa” geme la tardona mentre le entra mezzo cazzo dentro in un sol colpo.
“Cazzo quanto sei bagnata....” noto mentre con un secondo affondo le entro dentro fino ai coglioni.
“Ooooo mi apri tutta”.
“Si che ti apro tutta vecchia befana. Hai voluto tentarmi e adesso ne paghi le conseguenze”.
“O sii sii che belle conseguenze, che bello... Era così tanto che non lo facevo... Che bellooooo”.
“Ferma troia che sei così larga che mi scivola fuori! Ma quanti uccelli hai preso vaccona”.
Non risponde è troppo presa a pompare avanti e indietro nell'impresa di farsi fottere a 360 gradi.
Io me la godo, tutto sommato montare questo cesso non è poi tanto male. La rabbia che ho in corpo deve pur sfogarsi...
Di colpo glielo sfilo dalla sorca grassoccia e immediatamente sento che inizia a colare come un rubinetto rotto. All'inizio parrebbe piscio ma poi è evidente che la befana è venuta come una vacca.
Tutto bello lubrificato dal suo seme glielo poggio sulle chiappone grasse allargandole piano con una mano.
“Amore che fai?” sussurra lei.
“Ti inculo. Amore” e rido mentre spingo la cappella nel piccolo buchino semi nascosto dalla ciccia.
“O aia aia!” mugugna. Ma io spingo ancor più forte.
“Aia!!!!”
“Ma stai buona troia...”.
“Mi fai male nel culo.... Aia, aia”.
“Peggio per te” rido e ormai ho messo dentro al suo ano un bel pezzo di carne.
Spingo piano e dopo un po' tra i suoi lamenti riesco finalmente a poggiarle i coglioni sulle chiappe segno che ho tutto il mattarello dentro di lei.
Per darle modo di abituarsi un po' allungo una mano fra le sue gambe e le afferro la gnocca umida e pelosa. Le piazzo un dito dentro e inizio a masturbarla forte.
Devo però aggiungere un secondo dito e poi un terzo prima di riuscire a mungerle la sorca come si deve. “E' davvero sfondata lo sai?”.
“E adesso grazie a te è sfondato anche dietro” commenta lei.
“Non fare la santarellina si sente che ti piace” e così dicendo senza smettere di masturbarle la fica con una mano inizio a muoverle il cazzo su e giù per il culo, sempre più forte, sempre più forte.
Alla fine vengo con un ululato liberatorio tipo cane lupo. Lei un gemito dopo l'altro mentre il suo anellino anale si fratturava del tutto è riuscita ad avere un altro orgasmo che mi ha lavato la mano.
Afferrandola saldamente per le cicce molli del ventre con due ultimi colpi mi svuoto le palle nel suo culone burroso. Un vero e proprio clistere di sperma, appagante e liberatorio.

Questo racconto di è stato letto 3 1 6 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici clisteriracconti erotiicsesso racconti eroticiracconti porno matureracconti safficouomini che leccano i piedi alle donneraccconti eroticistorie eoticheracconti amore gayracconti erotocihard raccontiraxconti eroticiracconti erotici in saunaracconti di sesso spintostorir pornoho voglia di inculartiracconti di mogli esibizionisteeroticiraccontistore pornoracconti di sesso in trenoincestoxxx.comtette raccontiracconti xxio milu raccontiracconti annunci 69racconti eorticistorie analiracconti porno inculatelesbiche storieracconti sul sessoracconti esibizionisteraccontisessoracconti incesti gayraccontierotici 69una moglie insaziabileracconti erotici padre e figliastorie sesso con animalifiglia ninfomaneraccontihotmia moglie esibizionista al mareracconti addio al nubilatocugina tetteiincesti italianiraccontie roticiracconti incesti amatorialiracconti erotici cuckoldsculacciata raccontimarito cornuto sottomessotrenino bisexstorie zoofiliaho scopato mia sorellaesibizionismo al marescambio di mogli tra amiciracconti di guzzonprimo pompino raccontoerotici raccontincesti nonne e nipotistorie sesso con animaliconfessione erotichelettere hard da leggere gratisraccontierotici.itraccontierticistore pornoracconti orgasmoracconti erotici clistereinculate raccontiesibizioniste in autosorelle incestuosemia mamma è una troiaerotociraccontiracconti erotici trioracconti eteroracconti sodomizzataracconti porno a scuolaracconti di cornami inculo mia suocerastorie miluracconti eroticki racconti di milicameriera eroticamasturbazione raccontiracconti porno gay incestostorie erotichr