La mia prima volta. A casa di Alessandro

Scritto da , il 2020-01-15, genere gay

Era già da qualche tempo che avevo la curiosità di provare a fare qualcosa con un uomo, ma un po’ per paura e un po’ per mancanza di coraggio avevo sempre rinviato il momento.
Fantasticavo con qualche video porno gay e più che mi ci masturbavo sopra, più che la voglia saliva.
A 19 anni trovai l’occasione di provare e di li in poi di non farne più a meno.

Era domenica pomeriggio e dopo qualche ora passata davanti al pc, capitai a navigare in un sito di incontri per adulti.
Lì cominciai a parlare con Alessandro, un uomo di 45 anni che abitava in un altra città e dopo aver fatto un po’ di conversazione decisi di farmi coraggio e di incontrarlo.
Mi invitò a casa sua, così presi la mia auto e mi avviai verso l’abitazione.
Arrivai e dopo aver passato qualche minuto in auto a pensarci sopra, scesi e mi diressi verso il portone. Suonai il campanello e salii le scale.
L’uomo mi stava aspettando sulla porta, per poi accogliermi invitandomi ad entrare.
Rimasi in piedi nel mezzo al salotto, imbarazzato ed in silenzio senza saper che fare e o dire.
L’uomo mi fece accomodare sul divano e dopo avermi offerto un po’ d’acqua inizio a parlarmi.

“È la tua prima volta quindi?” Disse
“Si...”
“Bene, spero tu ne rimarrai soddisfatto”
“Lo spero pure io...te hai esperienze?”
“Abbastanza, mi piace molto farlo con uomini ma è la prima volta pure per me con un ragazzo così giovane ed inesperto “
“Ah...ok”

Rimanemmo in silenzio qualche altro minuto , fino a quando l’uomo si alzò in piedi andando ad accendere la tv e mettendo un dvd porno.
Iniziarono a scorrere le immagini, dove due uomini iniziavano a scopare.
L’uomo si calo i pantaloni e le mutande per poi sedersi accanto a me sul divano.
Il suo cazzo stava diventando duro ed io non potevo fare altro che ammirarlo.
Avevo gli occhi fissi sul suo grosso membro.
L’uomo a quel punto mi disse:

“Ti piace?”
“Molto...”
“Allora perché non cominci a farmi una sega?”
“Si...”

Allungai la mano e afferrai quel cazzo oramai duro come il marmo. Il cuore mi batteva forte e non stavo capendo più nulla. Senza accorgermene stavo iniziando a fare la mia prima sega ad un uomo e dopo qualche minuto, abbassai la testa e di istinto iniziai a succhiarlo.
Avevo il cuore a mille ma quella cosa mi stava piacendo da impazzire, cominciando a farli così un bel pompino.
L’uomo stava apprezzando, iniziando lentamente ad ansimare e a godere, fino a quando dopo qualche minuto mi ritrovai senza essere avvertito con la bocca inondata dal suo sperma.
L’uomo nel frattempo con le sue mani mi teneva la testa pigiata , in modo da continuare a spruzzare in bocca ed in gola.

“Brava, così! Becca tutta la mia sborra in gola!” Esclamò
“Bevila tutta, non fare uscire nemmeno una goccia !” Disse ancora.

Mi sentivo obbligato ad ingoiare, come se non avessi scelta. Mi sentivo sottomesso ma mi piaceva l’idea di essere lì solo per soddisfarlo, così ingoiai.
Alzai la testa per prendere respiro, in uno stato di strane emozioni contrastanti.
Rimanemmo in silenzio qualche istante, per poi alzarmi a prendere le mie cose.
L’uomo però mi blocco e afferrandomi la mano mi tirò nuovamente sul divano e disse :

“Che fai?”
“Andavo via...”
“Come?”
“Non abbiamo finito?”
“Ma che dici! Ho ancora voglia!”
“Ok...allora resto...”
“Guarda ho ancora il cazzo duro! Voglio infilartelo dentro al culo!”
“No dai...nel culo no...”
“Come no? Non volevi provare?”
“Beh si...”
“Allora rimani che ti svergino!”
“Ok...però fai piano...”
“Non ti preoccupare”

A quel punto l’uomo mi fece calare i miei pantaloni e mutande, per poi farmi mettere a pecorina sul suo divano.
Si alzò in piedi e si posizionò dietro di me, ungendo il suo cazzo con della vaselina e mettendone pure un po’ dentro al mio buchetto con un dito.
Mise la cappella sul buco e iniziò a strusciarsi e a spingere, senza riuscire ad entrare.
Ero stretto e l’emozione non mi faceva rilassare a dovere. L’uomo però senza esitare continuò a provare.

“Non entra...” dissi a bassa voce con tono sottomesso, per poi un istante dopo sentire il mio sfintere dilatarsi improvvisamente.
Era entrato con la cappella e stava continuando a spingere verso l’interno.
Faceva un po’ male ma comunque sia tutto nel sopportabile.
Inizio a far scorrere il cazzo su e giù, entrando sempre più in profondità fino a quando la sua punta non fu completamente in fondo.

“Visto? È entrato senza problemi!” Disse l’uomo
“Si...” dissi ansimando
“Ti piace?”
“Si...”

Inizio a stantuffarmi sempre più con fare deciso, allargandomi il buco del culo a dovere.
Mi stava piacendo quella sensazione e non volevo che si fermasse, nonostante continuassi a sentire un po’ di dolore.
L’uomo sentendomi godere inizio a sbattermi con più energia , scopandomi come si deve e sculacciandomi pure.

“Ti piace troia?”disse l’uomo
“Si...godo!”
“Ti sfondo il culo troia e ti ci sborro dentro!”
“Si...sono la tua troia...inculami!”
“Si troia! Ti spacco il culo!”

Mi stava sbattendo forte e a mi piaceva. Faceva male ma godevo e mi sentivo la sua puttana.
Poi uscì e mi fece mettere a sedere, per poi alzarmi le gambe e aprirle.

“Tieni le gambe aperte che ti rompo il culo!” Esclamò

Aprii le gambe tirandole a me , tendendole con le braccia e più aperte possibile.
L’uomo a quel punto in un colpo solo entrò di nuovo dentro riprendendo a scoparmi con forza.
Sentivo quel cazzo duro spinger le sul fondo facendomi male, ma senza dire niente, lo lasciai continuare.
L’uomo però vide la mia espressione un po’ sofferente e disse:

“Fa male?”
“Un pochino...” risposi ansimando
“Mmm, bene! Vuol dire che ti sto rompendo il culo a dovere!”
“Si...continua!”
“Sei una Troia nata! “

Dopo qualche minuto l’uomo inizio ad ansimare sempre più fino a quando iniziò a spruzzare dentro al mio culo un getto continuo di sborra bollente.

“Ti ho farcito il culo e ti ho rotto il culo puttana! Contenta?” Esclamò
“Si...”
“Bene, Ora pulisci il divano! “

Sentivo la sua sborra colare fuori, infatti mi alzai e oltre ad averla tutta di fuori, una parte era finita sul divano.
Così mi inginocchiai e succube di quella decisione la leccai tutta.
Nel frattempo l’uomo venne dietro di me ricominciando così a fottermi di nuovo.
Mi scopo per altri 10 minuti, sborrando nuovamente nel mio culo oramai aperto.
Mi vestii alla fine di tutto e senza nemmeno salutarci uscii di casa.
Mentre guidavo per tornare a casa sentivo il suo seme uscire dal culo e bagnarmi le mutande.

A casa realizzai cosa era successo iniziandomi a masturbare così forte da sborrarmi addosso in pochi secondi

Questo racconto di è stato letto 1 3 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


donna inculata da cavalloracconti-eroticiracconti coukoldbdsm storieracconti di sesso in trenostorie di tettonestorue pornoscambio di coppia raccontipiccola pompinararaccontie roticiscopate storieracconti giovani gayracconti iomilùraccoti eroticiracconti porcateracconti sex gratisracconti hard con animaliracconti erotici scambistiracconti erotici di zieracconti grannyracconti porno violenzaracconti eroti ciracconti erotici schiavaracconti erotici per tuttiracconti erotici anzianoracconti ereoticiracconti scambististorie fetishracc69storie pirnospompinamentoi racconti di milúracconti erotici fetishracconti erotici con vecchiecornuto e contentocognata provocanteraconti sessoerotici raccomtistorie pornpracconti nonno gayeroticiracconti gratismia madre mi masturbacconti eroticiracconti di coppie scambistestorie pornracconti sex pornostorie fetishimcestoracconti eroticuerotica raccontiracconto xxxraconti gaystorie erotichrraconti sexracconti erotici immaginiracconti erotici gatraacconti eroticiracconti prnolecca suoleracconti di mogli puttaneracconti lesbo eroticiracconti mariti cuckoldracconti erotici figliacornuto e contentoracconti di sessracconti pororaconti erotici 69racconti erotici caneracconti erotici suppostavicine di casa troiecuckold umiliatoracconti hard mogliei generi di racconti gaysuocera vaccaracconti erotici masturbazione femminilemia sorella mi provocaa69 racconti eroticiinculata per scommessaracconti erotici tradimentosorie pornoracconti erotici 69.itstorie porno tradimento