Endorfine

Scritto da , il 2020-01-15, genere tradimenti

Alle 05:50 l'allarme del cellulare mi trova già sveglia con gli occhi sul soffitto. Spengo, mi strappo a fatica dal cuscino e scivolo fuori dalla stanza evitando di svegliare Alessandro.

Con gli occhi semichiusi entro in bagno, siedo sul wc e accendo il cellulare, e mentre scorro distrattamente la bacheca di Facebook, mi arriva un messaggio Whatsapp:

Enrico - ho bisogno di parlarti - 06:03

Visto che non ho ancora preso il caffè, sono ancora troppo addormentata per rispondergli a tono, quindi mi limito a: - sto andando a correre, se vuoi raggiungimi sul lungomare più tardi - 06:09

Enrico - ok - 06:10

Pigramente mi lavo e mi vesto: top sportivo, t-shirt con su scritto opportunamente "I Can and I Will", leggings, scarpette rosa da corsa.

Cerco di domare il cespuglio intricato che mi ritrovo sulla testa: le mani si muovono automaticamente dividendo le ciocche e ripiegandole a formare due odango quasi ordinati che fermo con piccole forcine. Lo specchio mi rimanda un'immagine sbarazzina che mi fa sorridere: tendo la mano con la spazzola verso l'alto, ripetendo mentalmente: "Potere del Cristallo di Luna, vieni a me!"

Rido del mio momento di stupidera, ricordando quando rientravo da scuola in tutta fretta per accendere la TV e trangugiare al volo il pranzo guardando Sailor Moon, mentre mamma mi diceva "Ma non sei un po' cresciuta per i cartoni animati?". Quello che lei non immaginava è che la combattente che veste alla marinara avrebbe segnato tutta la mia generazione, mostrandoci che l'amore è amore in tutte le sue forme. Se si fosse soffermata a guardarlo con me non avrebbe certo approvato il rapporto tra Sailor Uranus e Sailor Neptune, e che avrebbe detto poi delle Sailor Starlight che da uomini diventavano donne guerriere? Certo che la povera Bunny si è trovata proprio in un bel dilemma divisa tra quel gran figo di Seiya e il suo Marzio...

Infilo gli auricolari nelle orecchie, accendo il mio vecchio Ipod nano con la playlist per la corsa e mentre partono le note di “Eye of the Tiger” mi chiudo alle spalle la porta di casa e inizio ad allungare un passo davanti all’altro. Sorrido ripensando alla band della mia coinquilina all'università... oddio com'è che si chiamava quel ragazzo? Lo sguardo al cielo come a dire "che palle 'sta canzone" suonando quel "do" ripetuto all'infinito dalla seconda chitarra mentre la prima snocciolava il riff... e quel sorrisetto che prometteva "appena finisco qui ti sbatto sul retro del furgone fino a farti miagolare..." peccato che alla fine l'unico contatto tra noi fu quella mano scivolata sulla mia coscia mentre si rincasava in macchina, e io, mezzo brilla di Bacardi Breezer al Pompelmo, che insinuavo il naso nell'incavo del suo collo. Neanche un bacio, cazzo. Colpa del bassista, che rivendicò a non so che titolo un diritto di prelazione e il chitarrista figo si fece da parte. E così "You Shook Me All Night Long" rimase solo il titolo di una canzone...

L'Ipod continua a versare note nelle mie orecchie, dando il ritmo ai miei passi "Come on little devil... be my little angel...". L'aria del mattino sul lungomare è piacevolmente frizzante, a quest'ora in giro si incrociano solo pochi folli che come me amano la pace e si godono la vista del sole che alzandosi dal mare lascia una scia dorata sull'acqua appena increspata, che si rompe in mille scintille danzanti sulla superficie, in una promessa di perfezione che ogni giorno verrà prosaicamente infranta dalla realtà quotidiana, ma che ora è tutta lì, a riempirmi gli occhi e il cuore.

Sento l’odore del mare, il calore del sole, le fibre dei muscoli, la fatica, e infine la ricompensa. La corsa, oltre a donarmi una dose gratuita di endorfine, ha il potere di schiarirmi la mente, diradando la nebbia che talvolta avvolge i pensieri. E oggi più che mai ne ho bisogno. Infatti a completare lo stream of consciousness mattutino si riaffacciano alla mente le ultime vicende.

Alessandro, Enrico... che confusione! Questo limbo di bugie non durerà, qualcuno si farà male. Fremo in attesa di sentire cosa avrà da dirmi, e inizio a congetturare sul come sbattergli in faccia quello che mi ha rivelato Alessandro ieri sera. Mi chiedo però a che titolo potrei ritenermi offesa dalla sua omissione, dato che quello che c’è tra noi non ha un nome, né una definizione… Abbiamo avuto una notte folle di sesso, e poi solo momenti rubati di baci e carezze, nulla di più. Siamo… amanti? Cosa prova lui per me? E cosa provo io per lui? Quando gli sto vicino mi tremano i polsi, e non riesco a pensare a null’altro che al sapore dei suoi baci… Ma questo non ha nulla a che fare con i miei sentimenti per Alessandro, che sono certa di amare alla follia e a cui non potrei rinunciare per nulla al mondo.

E quel legame tra loro, quella strana amicizia, che diavolo significa? Perché Enrico si ostina a voler giocare con il fuoco, mettendoci entrambi un una posizione di potenziale rischio di deflagrazione?

Invasa dalla stanchezza e dalla piacevole sensazione di benessere post-corsa, mi infilo dentro il solito baretto per fare colazione. Enrico è già seduto al tavolino, gli occhi fissi sull’orizzonte. Mi siedo di fronte a lui:

- Buongiorno…

- Ehi, testolina buffa… - mi guarda piegando leggermente la testa di lato, aprendosi in un sorriso che come al solito mi fa tremare le ginocchia.

- Muoio di fame… Mangiamo qualcosa? – Ordino cappuccino, cornetto alla crema e un bel bicchierone d’acqua, e nel frattempo rimango in silenzio a guardarlo, senza riuscire a dire neanche una delle mille cose che mi vorticano nella testa. Ci pensa lui a rompere il silenzio:

- Sono sicuro che Ale te l’ha detto, ieri, quindi vado dritto al dunque: sì, io e Giada ci siamo lasciati. Ma non per colpa tua, le cose non funzionavano e io non la amo più da tanto tempo. La sera della festa le ho detto che voglio il divorzio, lei è convinta che sia perché ho un’altra donna, ma credimi, sarebbe successo comunque. Lei non sa di noi due, nessuno lo sa, e così deve restare. Non ti chiedo di lasciare Alessandro per me, tengo troppo alla sua amicizia per rubargli la donna. – Si ravvia nervosamente i capelli, e evita il mio sguardo, guardando nuovamente verso l’orizzonte.

- C’è dell’altro, vero? L’ho capito…

- Mi dispiace, Alice… -

- Ti dispiace? Stai dicendo che tra noi è finita? Per questo mi hai cercato?

Fa per prendermi la mano, ma io mi scosto bruscamente – che significa? Sono stata un passatempo, un diversivo? – Mi sale il sangue alla testa, sento gli occhi riempirsi di lacrime…

- No! Ti prego, non pensarlo neppure! Sto solo cercando di fare la cosa giusta! Non odiarmi, ti supplico, o ne morirei… Io sento di amarti, ma Alessandro…-

Non posso ascoltare di più, non posso fare altro che alzarmi dal tavolino, posare qualche moneta per la colazione e fuggire via in lacrime senza dire una parola.

Questo racconto di è stato letto 3 6 5 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti porno di stupriporno racconti hardracconti erotici adultiracconti erotici freeracconti erotici in autobusballbusting raccontiracconti gratis di sessostorie erotivheracconti erotici cuckoldracconti erotici familiariracconti di giovani mogliraccnti pornoscritti eroticiraccontu eroticimoglie inculata da amantelibri erotici gratisracconti porno cornutiracconti di scambistiraccontierotracconti mariti cornutisex done con animalieracconti eroticiwww.eroticiracconti.iti generi racconti eroticiracconti erotici ricattoracconti di sesso con la mammastorie porneracconti pornpi generi di racconti inceatoeroriciraccontiracconti stupro gayracconti erotici moglie scopatamary rider escortdonne incestuoseracconti erotickcfnm raccontiraccontierotimilu dominazioneracconti tetteracconti di camionistiracconti scambi coppiaracconti erotiiciracconti erotici mariti cornutiracconti incesto mammarscconti pornoporn raccontiracconti lesbicaracconti mariti cornutiracconti trasgressioniracconti erotici animalracconti footjobracc erotsesso porno raccontiracconti erotici coinquilinastoria porno italianoraccomti eroticistorie cucklodsuocera arrapatasupertroiaeroticeraxconti eroticiracconti erotici freeraacconti eroticiraccontihotracc eroterotic raccontistorie sesso gratismogli esibizioniste troiericatto racconti eroticieroticaracconti