Tu, Io, lei, l’altro

Scritto da , il 2020-01-14, genere etero

Venerdì, sabato, domenica e lunedì. Quattro fottutissimi giorni e sono ancora messa così.
Non ho avuto neanche tempo e modo di smaltire gli ultimi avvenimenti, che aggiungi cose a cose senza darmi una cazzo di tregua.
E se vado a ritroso, pensando a quello che è stato, ripenso e riparto da giovedì sera, quando nella vasca da bagno, abbandonata e persa, mi sono lasciata andare a una voglia sporca che, forse, preannunciava già tutto questo.
Venerdì, sabato, domenica e lunedì. L’eccitazione perenne, il desiderio costante. E non si placherà, no. Non ora, non stamattina. Non adesso che continui a sbattermi in faccia la fottuta voglia che hai di farti fare un pompino. Ti sei svegliato così, hai detto. E io, che ti immagino a lavoro, tra mille ordini e l’impellente stagione da organizzare, sono già con la bocca fra le tue cosce, pronta a succhiarti il cazzo mentre sei alle prese con le tue scartoffie. Perché sono nel cesso, con le mutande abbassate e la fica gonfia che pulsa oscenamente reclamando attenzione. E sbatte al solo pensiero di saperti eccitato. E cola fradicia, sbavando con indecenza sulla tua importante erezione.
La luce rossa dei faretti riscalda l’atmosfera già bollente mettendo in risalto un corpo lascivo e sinuoso. E mi guardo, riflessa nello specchio, per rendermi conto ancora una volta, dell’effetto che mi fai e di quanto sia visibile in volto.
Che bastardo figlio di puttana.
Io sono qui, tu sei lì.
E stamattina non ti basta niente! Non ti basto io ne le mie nudità.
Perché tu puoi fare così, come venerdì, che sei venuto al ristorante! Puoi passarmi davanti, sfilare con le mani in tasca nel tuo elegante cappotto grigio e, sorridere, sicuro e fiero, mentre mi presenti il tuo collega professionale e serio. Mi puoi stare vicino, molto vicino, mentre mostro la cantina e il locale al tuo amico, e farmi solo odorare il cazzo che poi non mi darai.
Oh, si. Tu puoi fare così. Mi puoi sussurrare all’orecchio, davanti agli altri e senza farti sentire, che sono una puttana, e poi andare via lasciandomi a bocca asciutta e insoddisfatta. Perciò sei venuto con lui. Per farmi dannare.
Ma che stronzo.
E ora sparisci anche se stavamo parlando. Anche se mi stavo toccando ansimando e gemendo. Sparisci perché hai trovato di meglio da fare. Perché devi rimarcare il fatto che ti sei negato a me, concedendoti a un altra.
E mi agito, scalpito, ti maledico.
Perché tu puoi fare così, come sabato, che mi hai mandato a fottere un altro. Puoi dirmi che sono bella e che ti ho fatto rizzare il cazzo ma che ora, il cazzo, devo farlo rizzare a qualcun altro. Perché mi vuoi sentire. Perché vuoi che te lo dica. Perché vuoi che ti racconti ogni particolare del cazzo duro che ho succhiato e che non era il tuo.
E mi hai lasciata qui, ora, a immaginarti con lei. La donna avvenente che tanto ti guarda, quella che ti fa il filo. Quella che ti ha invitato fra le sue cosce aperte e che ora è con te e forse sopra di te.
Perché tu puoi fare così, come domenica. Puoi farti sentire, anche se ero a pranzo fuori e non da sola, per ricordarmi cosa ti aspetti da me, come mi posso divertire e con chi. Puoi farmi parlare, spiegare, argomentare e poi lasciarmi ancora così, con tutte le parole dette che non hanno trovato sfogo.
E ricompari, ora, e più stronzo di prima lo dici, così, d’improvviso.
“Te l’ho detto. Stamattina è così, e la signora mi ha fatto proprio divertire.”
E non può essere, no, non può essere.
Invece sì!
Perché tu puoi fare così, oggi, lunedì.
Puoi farti fare una sega da quella bucchina che ti ha messo gli occhi addosso e le mani sul cazzo.
Perché non te la sei scopata, no. Non te la sei scopata.
“Mi ha fatto un sega, una sega e basta.”
Una sega. Le mani sui pantaloni e poi nelle mutande per trovarti caldo e pronto. Il cazzo in mano, una mano nuova, una mano che non è mia.
E hai goduto come volevi godere. Un momento, un fottuto momento, senza strascichi, senza lagne. Sei venuto, sborrando a terra, senza di me, che invece ti avrei chiesto di venirmi in mano. Per leccarmi le dita, per sentirle sporche di te. E se nel caso mi fossi persa qualche goccia, a pecora, a terra, l’avrei raccolta con la lingua.
E sono gelosa, cazzo! Gelosa. E bagnata.
Perché si! Mentre mi parli, ti vedo.
Eccitato, voglioso. Con i pantaloni aperti e le mutande appena abbassate. La sua mano che te lo impugna e gli occhi maliziosi nei tuoi.
E ce lo hai duro, fottutamente duro. Ti lasci andare al suo tocco, mentre lei, lentamente, fa su e giù fino alla base scoprendo la cappella liscia e viola. Ti smanetta, ti sega. Saggia la tua consistenza. Aumenta il ritmo, stai per godere. Io ti guardo, vi guardo. E vorrei esserci anch’io. Per farti passare dalla sua mano alla mia bocca, per ingoiarti tutto, per sentirti fino in gola. Per lasciarla lì, a mani vuote e farle vedere come si fa godere un fottuto bastardo come te.
E godo anche io, si, godo anche io. E indecentemente.
Perché tu puoi fare così, oggi, domani, dopodomani.
Puoi dirmi che ti è piaciuto, che ti sei divertito. Che hai fatto ciò che volevi e come volevi. Senza tirare in ballo tutto quello che, io, tiro in ballo ogni volta.
Perché puoi usare tutto contro di me, ogni parola, ogni gesto, ogni cosa.
Puoi dire e fare. Fare e disfare. Arrivare, sparire. Tornare, riandare.
Io sarò qui, con la solita ed incessante lagna.
E ti leccherò quel cazzo che ti sei fatto fare in mano da un altra. E te lo prenderò in bocca con la bocca sporca di un altro.

Questo racconto di è stato letto 2 9 2 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


raccontierticiero raccscat raccontistorie con suoceraracconti coppie cuckoldraccomti eroticicuckold pugliaraccontioseracconti di donne infedeliracconti spintiracconti erotici stuprataraccontu eroticistorie di tradimenti pornoracconti erotici napoliracc er 69sissy raccontiragazze si leccano i piediracconti zoofiliracconti di cazziraconti eroticeracconti eriticiracconti erotici gay eterocome diventare cuckolderotciraccontiracconti feetracconti sesso incestiracconti erotici mcornuti consapevoliraccontisessoracconti erotici di coppieracconti porno di nonnepornoinfamigliastorie di sesso al cinemai generi di racconti inceatoconfessioni incestostorie eroticostorie ponoracconti pronoracconti zoccoleeroticraccontiracconti erotici madre figlioracconti erotici nuovieros free on linechiavo mia madremamme incestuoseracconti sessualistorie incestuosefaccio sesso con mia cuginaracconti hard gratiseroticiracconyiracconti di mogliracconti erotici on lineprime esperienze di sessoracconti erotici in italianobisex raccontigiorgina la troiastorie erotivheracconto sesso analeracconti di vecchie troieraccontisessoraccontierotmia madre mi masturbastorie di zoofiliaracconti eros incestiracconti erotistotie pornoracconti erotici i generiracconti pirnoracconti in saunaraconti sessoracconti scambi coppiastorie di bondagemilu dominazionenonna culo rottoracconti eros gratisracconti erotici suocereracconti porno con caniracconti erotivracconti zoofiliaracconti incentuosiracconti sesracconti porbohot racconti