Escort 6 - l'industriale sadico -

Scritto da , il 2020-01-14, genere etero

Stavo diventando vergognosamente ricca. Vergognosamente per la facilità con cui guadagnavo soldi facendo una cosa che, il più delle volte, mi piaceva. Il più delle volte ho detto.

Non sempre era tutto rose e fiori, non sempre i clienti erano gentili e premurosi o bei fighi, capitava ogni tanto un tipo con cui avresti fatto volentieri a meno di andare perché brutto o laido o pervertito, ma il lavoro è lavoro (fate pure la battuta: “è un lavoro del cazzo”) e accettavo quasi tutti gli incontri.

Una delle volte che rimpiansi di aver accettato è stata quando Muriel mi propose un incontro a tre con un industriale suo cliente a cui non poteva dire di no. Mi spiegò che aveva delle abitudini per le quali lei avrebbe voluto rifiutare, se non che avrebbe significato bruciarsi una buona parte della clientela legata da rapporti più o meno leciti con lui. Quindi buon viso a cattivo gioco e, specificò, avrebbe fatto in modo in attirare su di sé, poiché era abituata, almeno il peggio della cosa. Sinceramente ero un po’ spaventata dalla sua descrizione ma la sua promessa mi tranquillizzò. Il compenso era alto, valeva la pena prendere qualche schiaffo, così disse mi sarebbe accaduto, e sopportare.
Vestite di tutto punto ci recammo all’hotel del tipo e salimmo subito in camera.
Ci aprì subito sollecitandoci ad entrare. Alto, sui 45-50, fisico non appesantito, mi colpì soprattutto il suo sguardo….”cattivo”, non saprei come altro descriverlo.
Con fare sbrigativo e tono di voce duro ci ingiunse di spogliarci e di fare tra noi sul letto.

Lui si spogliò e rimase a guardarci seduto in poltrona mentre io e Muriel ci mettevamo a 69 sul letto slinguazzandoci allegramente ma ben attente ai suoi ordini che non tardarono ad arrivare:

- Basta troie. Ora venite a ciucciarmelo –

Fu lì che commisi il mio primo errore. Muriel mi aveva avvertita ma non ci ripensai e mi alzai dal letto andando verso di lui che si era alzato in piedi. Solo quando mi accorsi che invece la mia amica stava gattonando lentamente mi ricordai le sue parole, ma oramai era tardi.
Lo schiaffo mi colse di sorpresa facendomi girare la testa da un lato.

- Brutta troia, quando ti chiamo devi venire da me sulle ginocchia come la cagna che sei –

Mi affrettai a inginocchiarmi e mettermi di fianco a Muriel che già lo aveva imboccato e cominciato a succhiare.
Aveva un cazzo superiore alla media, non enorme ma certo notevole. Quando Muriel me lo passò feci fatica a farlo entrare in bocca mentre lei si dedicava ai coglioni. Lui mi prese i capelli forzandomi sul suo inguine, cercai di rilassare la gola più che potevo ma le lacrime mi scesero spontanee sentendomi forzare oltre le mie possibilità.
Stavo quasi per ribellarmi perché mi sentivo soffocare quando mi lasciò libera la testa.
Mi sbrigai a scostarmi sentendo la tosse scuotermi il petto. Muriel mi aveva sostituita ricevendo lo stesso trattamento, vidi le lacrime sgorgare all’angolo dei suoi occhi prima che lui la lasciasse libera.
Mi resi conto che sarebbe stata dura ma oramai era troppo tardi per ripensarci.

- Hai portato i giocattoli? –

Muriel si affrettò ad annuire andando alla borsa da cui trasse un dildo nero, di dimensioni medio-piccole, senz’altro più piccolo del suo uccello, che si mise subito in bocca insalivandolo per bene mentre si metteva a quattro zampe sul letto.
Mi porse il dildo e si chinò in avanti esponendomi il culetto.
Era chiaro cosa dovevo fare e lo feci facendole passare il dildo sulle labbra della micina in una carezza che volevo fosse preparatoria per quello che, mi aveva avvertito, sarebbe arrivato dopo. La penetrai piano facendoglielo scivolare ogni colpo un po’ più dentro fino a riempirla completamente.
La scopai per un paio di minuti poi l’uomo parlò ancora.

- Ora basta con le delicatezze, mettiglielo dietro, devi spaccarle il culo a questa puttana –

Eseguii cercando di fare il più piano possibile ma lui si arrabbiò e prendendo la mano con cui reggevo il dildo spinse facendolo entrare di colpo nell’ano di Muriel.
Lei lanciò un urlo di dolore e si inarcò sul letto. D’istinto l’abbracciai e lei, all’orecchio, mi sussurrò:

- Non preoccuparti, non mi fa male, tu obbediscigli senza discutere –

Così inculai Muriel a lungo e ogni volta che cercavo di essere più delicata lui mi insultava colpendomi con schiaffi testa e guance, sculacciando Muriel fino a far arrossare tutta la pelle di quel culetto che stavo, involontariamente, martoriando.
In piedi lì vicino ci guardava con un’aria terribile sul viso, masturbandosi lentamente e schiaffeggiandomi ogni volta che giravo la testa verso di lui fosse anche solo per ricevere un suo ordine.

- Basta, ora ho voglia di fottervi –

Finalmente arrivò l’ordine che aspettavo, lentamente sfilai il dildo dal buchetto arrossato e abbraccia Muriel per consolarla. Era sofferente ma non disfatta, sapeva cosa l’attendeva ed era preparata.

- Prendi l’altro giocattolo troia, adesso facciamo sul serio –

Muriel dalla borsa prese un altro dildo, più grande del precedente che agganciò a quelle che riconobbi come delle mutandine di pelle con fibbie ai lati. Mi si avvicinò e iniziò ad allacciarmele quando l’uomo la colpì forte con uno schiaffo.

- Chi ti ha detto di fare di testa tua? Decido io cosa fare. Sarai tu a scopare la tua amica –

Era un qualcosa che la mia amica non si aspettava, lo capii dall’espressione di sorpresa sul suo viso, ma ci affrettammo ad ubbidire e poco dopo Muriel mi appariva come un ermafrodita: i bei seni eretti e, tra le gambe, un cazzo di plastica di discrete dimensioni.
Mi fece stendere sul letto e mi cercò la micina.
Inutile dire che la delicatezza che usò lei venne vanificata dalla spinta dell’uomo sulla sua schiena. Urlai sentendomi dilatare di colpo, il peso di Muriel sopra di me mi impediva di muovermi. Mi lamentai un po’ ma presto mi adattai e, anzi, cominciai a sentire qualcosa di piacevole nonostante la rudezza dell’atto. Muriel mi scopava facendo di tutto per alleviare la mia pena, baciandomi, leccandomi sul collo dove sapeva che ero più sensibile, muovendosi con perizia superiore a quella di tanti maschi.
Purtroppo non era finita lì.

- Va bene puttane, adesso capovolgetevi senza farlo uscire o vi prendo a calci –

Ci rivoltammo e ora io ero sopra Muriel che ancora si muoveva dentro di me. La testa vicina al mio orecchi mi disse piano:

- Cerca di resistere, durerà poco. –

Compresi subito cosa intendesse. Quel bastardo si avvicinò e me lo mise dietro di colpo, a secco. Urlai con quanto fiato avevo in corpo con Muriel che mi stringeva a se carezzandomi la schiena e ripetendomi all’orecchio che mancava poco, che presto sarebbe finito.
L’uomo non ebbe pietà e mi inculò con forza per alcuni minuti mentre io singhiozzavo sul petto della mia amica. Sentii un paio di colpi più forti e dentro di me fluire il suo seme, la voce di lui che mi insultava prima di farsi indietro e lasciarmi, finalmente, libera.

Senza dire altro si sedette sulla poltrona servendosi un qualche liquore.
Muriel mi abbracciò portandomi al bagno e, chiuse a chiave, cercando di consolarmi.
Recuperato il controllo uscimmo dal bagno e ci vestimmo. Lui fumava una sigaretta e beveva da un bicchiere guardandoci con disprezzo. Prima di uscire porse una busta a Muriel che lei fece sparire velocemente nella borsa spingendomi, altrettanto velocemente, verso la porta.

- Addio troie, mi sono proprio divertito con voi –

Questo fu il saluto.

In macchina facevo fatica a stare seduta, delle piccole fitte mi impedivano di trovare una posizione comoda. Nello specchietto vedevo la faccia con i segni degli schiaffi. Nulla di grave ma ci sarebbero voluti due o tre giorni per farli sparire.
Quando Muriel mi porse la mia parte sussultai. Era una cifra spropositata rispetto a quelle a cui ero abituata. Muriel mi spiegò che l’industriale pagava molto perché sapeva che per alcuni giorni non avremmo potuto “lavorare”. Ci rendeva inoperose ma ci compensava.
Ciò non toglieva il fatto che fosse un bastardo.

- Capisci Miriam, ha agganci dappertutto: industria, politica, se ti azzardi a dire qualcosa ti ritrovi bene che ti vada senza poter più lavorare, e non puoi rifiutarti di incontrarlo. –

- Perché non va con quelle specializzate in sado-maso? Sarebbero felici delle sue “attenzioni” così ben retribuite –

- Non gli piacciono, dice che preferisce quelle come me che soffrono veramente. Gli piace farci gridare. Non va mai oltre un certo punto, non è stupido, però …….. però hai visto. -

- Neanche il tuo amico poliziotto può fare qualcosa? –

- Purtroppo è al di là della sua portata –

Questa frase mesta concluse la conversazione. Ci mettemmo una settimana a riprenderci e far sparire i segni di quella notte, e per tutta la settimana io e Muriel dormimmo assieme consolandoci tra di noi, donandoci dolcezza per dimenticare.

Fu con viva soddisfazione che qualche mese dopo apprendemmo che il tipo era in guai grossi, talmente grossi che ogni copertura politico-economica era saltata.

Magra consolazione.

Questo racconto di è stato letto 1 4 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici ewritersracconti porno bdsmracconti erotici gatracconti erotici 69erotici racconti.itstorie di sesso gratisautogrill gaysito racconti eroticiracconti incesti madre figlioerotici racconti incestoracconto porno gratisraccontilesbomoglie persa a pokerracconti cucklodstorie di troieracconti amatoriali di sessoracconti di zoofiliaorsi italiani raccontieroticiraccontistorie erotichrstorie pornograficheracconti erotici maestraracconti:eroticisesso dopo massaggioracconti padrona schiavoracconti trasgressioniracconti suocerostorie di tradimenti veristorie di sesso gayinculata raccontiracconti minustorie ponoracconti eroticviracconti hard moglieerorici raccontisesso con incestiracconti sensualiraccontipiccantieritici raccontiracconti sadomaso gayracconti dimiluerotici gratisiraccontieroticiracconti erotici 69.itinculata raccontostorie eriticheiraccontidi milustirie pornoracconti reali di sessoracconto erotico ginecologoraccontieroticidiguzzon59fratellino ti faccio un pompinoscopate raccontiracconti gratis gayracconti piedi maschiliravconti pornoracconti sesso scuolaracconti eeoticiracconti eropticimamma spiata in bagnostorie spinteraccontj eroticistorie pronoracconti hard incestoesperienze scambio di coppiaracconi eroticiracconti a 69raccnti pornoaffogata di sborraracconti eroticil cazzo di mio cognatostorie vere sessoerotici raccontiracconti mulumia moglie raccontiracconto scambio coppiamonella sculacciatageneri eroticiincesto gifracconti porno freeracconti porno trenoracconti teenerotici taccontiracconnti eroticiinculami paparacconti 69 lesboracconti eccitantiracconti incesroracconti donne matureracconti erotici sottomessoracconti sesso in famigliaracconti eritici