Nonne troie parte 7

Scritto da , il 2020-01-13, genere incesti

Per due giorni non faccio più niente.
Quasi non oso guardare ne zia ne nonna e mi trattengo anche dal segarmi se non fosse che, la seconda sera nonna decide di mostrarci le calze a rete che, una amica, dice, le ha regalato.
Abbiamo appena cenato e siamo davanti alla tv quando lei apre la confezione di golden lady e c’è le mostra. “Che ve ne pare di queste?”.
“Sono tanto moderne” dice zia.
“Un po’ da ragazzina” dico io.
“Non so -mormora nonna- non sono mai andata pazza per i collant”.
“Neanche io.... a me piace la coscia libera se no mi si arrossa” dice zia fiera delle sue calze col gancetto.
“Baaaaaa che vi devo dire, la Elsa dice che vanno di moda e me le ha regalate. Me le provo poi al massimo le regalo a Luisella o Monica loro le mettono di certo”.
Luisella e Monica sono le sue due figlie più grandi. Ne ha tre contando mia madre che, fra l’altro non si fa viva anche se è passato un altro mese.
Si leva le calze color daino che ha addosso e già questo per me è un bel vedere che mi scatena una forte erezione. Si sfila le mutandine azzurre, visto che oggi le ha, e la sua ficona bionda e bianca è in pole position, cerco di fissarla il meno possibile ma non c’è la faccio... troppo provocante.
Si mette le calze nere a rete che senza mutande la fanno proprio sembrare una troia e non si da neanche la briga di rimettere la gonna quindi è lì con la pancia contratta dall’elastico dei collant, i peli che escono dai buchi delle calze a rete e gira tranquilla per il salotto mentre noi la fissiamo.
“Che ne dite?” chiede sorridente.
“A giudicare dal bozzò che ha sotto ai pantaloni il nostro George direi che sono molto sexy” commenta secca la zia.
Io la fisso pensieroso e lei finalmente mi fa un sorriso
“zia ti chiedo perdono” dico sconsolato mentre lei mi strizza l’occhio.
“Dai su tiralo fuori lo so che vuoi segarti su quelle calze” dice per sdrammatizzare.
Solo a quel punto mi rendo conto che anche zia Olga ha la mano sotto alla gonna e si sta toccando...
Non bisogna mai rifiutare un invito specie da nonna e zia quindi faccio come mi hanno detto e mi levo al volo i jeans. Sotto non ho le mutande (da un po’ ho smesso di portarle anche io visto che tanto in questa casa pare normale) il cazzo schizza subito su dritto. Le due vecchie mi guardano con un sorrisetto.
Zia Olga si alza... scusate ma devo proprio andare in bagno. Vi lascio soli soletti cari miei e mi raccomando a non sporcare il salotto...
Esce dalla stanza con una mano sotto alla gonna che non ha mai tolto è chiaro che c’è sotto qualcosa. Ora, visto che siamo soli lo chiedo a nonna perché è un dubbio che mi tormenta da un bel po’ “nonna ma la zia Olga è lesbica?”.
“Perché dici queste cose tesoro? Ti pare lesbica?”.
“Bhe non si è mai sposata, vive con te e a volte per scherzo mamma diceva che tu fai la donna è lei l’uomo. Allora sai ho pensato che magari le piacevano le donne davvero”.
“Questo perché ha rifiutato di farsi infilare il tuo cazzo in pancia?” dice severa la nonna mentre mi siede accanto...
Io sono un po’ in imbarazzo, la zia le deve aver detto tutto, però sono anche teso e ho il cazzo alla massima erezione.
Non c’è la faccio e mi tocco...
“Bisogna che ti racconti alcune cose ma sono cose che non potrai mai ripetere a nessuno capisci...?”
“Nonna l’ho già giurato anche a zia. Di ste cose resterà sempre tutto in famiglia”.
“Si ma devi giurarlo un altra volta. Giura che ti cada il cazzo se menti”.
“Giuro. Che mi cada il cazzo e diventi un eunuco se mento”.
“O amore di nonna, se ti cade questo attrezzo lo facciamo imbalsamare perché è troppo bello” dice mentre me lo afferra salda in mano e inizia a masturbarmi lentamente.
“Dunque come ti dicevo questa è una storia che risale addirittura alla tua trisnonna. Lei aveva sette sorelle, tutte sposate con figli ma sappiamo che spesso fra di loro andavano a letto assieme. Una cosa che le univa, un vero amore saffico che sfogavano in gran segreto. Poi c’è stata la tua bisnonna, mia madre, ha fatto sesso con tutte noi figlie appena siamo state abbastanza grandi e ci spingeva lei a farlo anche fra di noi cosa che non abbiamo mai mancato di fare”.
“Quindi tu e zia Olga....?”.
“Si è anche zia Maria e zia Mariuccia”.
“Cazzo! Siete lesbiche? No siete bisex direi visto che tu e Mariuccia era te sposate”.
“Si penso che bisex sia la parola giusta anche se Maria direi che tende più a essere lesbica visto che è ancora vergine”.
“Ma dai. Verginella a 58 anni...”.
“Diciamo che bisognava mantenersi vergini per il matrimonio. Sai una volta era così”.
“Quindi tu fino a che non hai conosciuto il nonno eri vergine?”.
“Si. Davanti si”.
Spero di aver capito male ma ho proprio capito bene e la cosa mi eccita da matti.
“Il culo?”.
“Una volta si usava tesoro. Siccome non potevi avere rapporti prima del matrimonio perché doveva essere il marito ad aprirti ma la voglia era tanta lo stesso facevamo due cose... sesso con altre donne e sesso anale coi maschietti. Specie a casa nostra dove pare si abbia sempre voglia. Deve essere genetico credo”.
“Quindi avere tutte e quattro il culo aperto?”.
“Bhe non sfondatissimo ma si abbiamo dato tutte e quattro soprattutto perché tuo bisnonno su questo non sentiva ragioni”.
“Cioè vi scopava tuo padre?”.
“Si amore, tutte e quattro”.
“Faceva male?”.
“È si caro perché lo aveva grosso come il tuo. Anzi credo che l’hai ereditato da lui”.
“E la bisnonna, tua madre, che diceva? Lo sapeva?”.
“Certo che lo sapeva era tutto alla luce del sole. Era lei a ungerci il buco di burro perché entrasse meglio pensa un po’”.
“E quindi siete diventate tutte bisex e praticanti del sesso anale è questo che vuoi dirmi?”.
“No questa è la premessa per dirti che anche io ho praticato la tradizione di famiglia e ho fatto sesso saffico con tua madre e le tue zie”.
Sorrido “in effetti quel giorno che ti ho beccato mezza nuda con zia Luisella un mezzo sospetto l’ho avuto. Facevate sesso vero?”.
“Stavamo per farlo prima che tu e tua sorella ci interrompeste...” annuisce.
“Mi spiace. A saperlo potevamo anche farlo in quattro” dico eccitato.
“A già -annuisce lei- me l’ha detto Olga che tu e tua sorella scopate. Spero facciate molta attenzione. Mi auguro”.
“O si, si tranquilla nonna” la rassicuro io anche se in realtà sto mentendo perché l’ultima sera le ho proprio spruzzato dentro a tutta forza.
“Bravo perché questo è l’altro problema e riguarda soprattutto Olga....
Una sera tuo bisnonno tornò a casa ubriaco. Non era una novità, lo faceva spesso, ma quella sera era più caldo del solito e tua zia Olga, diciamo, è sempre stata la più calda e carica di voglia fra noi quattro. Insomma per fartela breve quella sera lui se la scopa. Contravvenendo alle sue regole le apre la patata col suo cazzone e scopano come pazzi. Ne fanno una, poi un’altra e poi ancora mentre noi già stiamo dormendo (il nonno era un toro come te e non gli si ammosciava dopo una). Insomma per farla breve dopo qualche tempo Olga è incinta”.
“Ma cazzo!” sbotto io incredulo.
“Ora siccome non era nemmeno legale abortire e nessuno sapeva come giustificare la gravidanza di una ragazzina hanno tenuto Olga in casa nascosta da tutti fin che non è nata la sua unica figlia. A quel punto grazie a una suora amica di mia mamma abbiamo fatto sparire la figlia che è poi stata adottata non si sa da chi. Ora capisci che per Olga la sofferenza è stata grande e si era convinta che era stata una punizione per aver praticato l’incesto con un maschio anche perché avendo partorito così giovane secondo il medico non avrebbe più potuto fare altri figli”.
“Povera zia...”.
“Da quel giorno ci siamo giurate che non avremmo più fatto infilare i cazzi ai nostri familiari, che l’incesto era un male è così è stato. Papà non ci ha più toccate anche se ogni tanto si segava ancora con noi ma questo era concesso.
In seguito io mi sono sposata con tuo nonno e ho avuto tua madre e le sue due sorelle, così come tua zia Mariuccia che ha avuto una figlia, Maria invece è rimasta casta e sempre più assidua frequentatrice della parrocchia e Olga.... Bhe Olga si è innamorata di una donna”.
“Ma dai. Quindi era lesbica?”.
“Si. Traumatizzata dal cazzo di nostro padre si dava alla pazza gioia con la sua amica che purtroppo è molta molto giovane di un brutto male a quel punto ha avuto altre esperienze anche con maschi ma mi ha detto che a nessuno ha più permesso di venirle dentro fino a che quando le mie figlie erano già fuori di casa abbiamo deciso di vivere tutt’e assieme. Io, lei e tuo nonno”.
Non oserei dirlo ma lo dico “nonno si scopava anche lei vero?”.
“Si amore. Sono stati anni bellissimi, avevamo già i primi capelli bianchi e facevamo sesso a tutto andare. Anche tuo nonno era un bel toro ed era sempre in tiro quindi si, diciamo che ci siamo divertite... però, nonostante tutto, nonostante anche la menopausa, mai tua zia Olga si è fatta riempire. Mai più”.
Io la fisso mentre il cazzo eccitato da tutta questa storia pare aver preso vita propria ed erutta sperma a fiotti che cadono sul collant a rete di nonna.
“Quindi vedi nipotino caro. Capisci perché non te lo fa infilare. Abbiamo giurato di non farlo mai più. C’è lo siamo giurato a vicenda”.
Annuisco.
“Però nonna se posso dire una cosa. Cioè, voi mi fate le seghe, mi lasciate leccare le vostre fiche, sborrare quanto voglio... insomma un sacco di porcate che magari non saranno incesto ma ci vanno davvero tanto vicino”.
“Te l’ho detto caro abbiamo il gene della porcaggine dentro di noi. In qualche modo va sfogato. Fino a che Olga non vi ha beccati a scopare avevamo il dubbio che voi non c’è l’aveste e abbiamo tenuto tutto segreto ma poi, insomma, piano piano stando bene attente che tu fossi un ragazzo discreto che sa tenere i segreti... qualche giochino ci vuole”.
“Quando io non vivevo con voi facevate di peggio vero?”.
“Bhe dormivamo assieme, se vuoi chiamarlo dormire. Si, in pratica dopo che sono rimasta vedova Olga è diventata il mio maschio e io la femmina”.
“Cioe fa il maschio con un...”.
“Tesoro li fabbricano fin dagli anni 20 i falli finti, credi sia proprio un gran problema comprarne qualcuno per posta”.
“Ma che troie!” sbotto.
“George ma che linguaggio usi sono pur sempre tua nonna!” mi rimprovera lei.
“No sei una nonna troia. Troia e cattiva che gode coi cazzi di lattice e io mi ammazzo di seghe. Ma che male ci sarebbe nonna. Siete tutte e due in menopausa mica vi ingravido”.
“Abbiamo fatto una promessa e Olga ci tiene molto”.
“No guarda secondo me quella lesbicona è solo gelosa di te e sa che ti scoperei meglio io con questa trave di carne che lei coi suoi attrezzi”.
“Non parlare così di tua zia lei ti vuole bene. Sei il suo nipote preferito e ti ha fatto anche la tua prima sega”.
“Cosa?”.
“Bhe tu eri piccolo non lo ricordi ma è successo. Ti stava lavando quando ti si è smosso e hai schizzato. Le hai proprio schizzato in faccia giuro. Io ero lì vicino e sembrava che l’avesse ricoperta un adulto”.
“E lei che ha fatto?”.
“Ha riso e poi ha detto -accidenti quanto è precoce il nostro pupo- poi ovvio che non siamo certo pedofile quindi abbiamo cominciato a stare attente a come maneggiavamo le tue parti basse durante il bagnetto ma, insomma, lei è stata la prima a bere il tuo seme anche se tu non lo sai. Non dovresti disprezzarla”.
“Ma io non la disprezzo io vorrei scoparla.....e scoparmi anche te nonna. Io vi amo. Davvero non potete rivedere il vostro giuramento?”.
Mi sorride “ci penserò”.
“Vorrei tanto entrare nella tua bellissima figa nonnina”.
“Bhe amore, per oggi fatti bastare un pompino” e senza dire altro si china sul mio cazzo e inizia a succhiare come una idrovora mentre io la tengo per i capelli.
Una sborrata fantastica sul suo viso eccitato sia dal suo poderoso succhio che da quelle storie così perverse e peccaminose....

Questo racconto di è stato letto 4 5 0 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotici la suoceraracconti xxsito racconti eroticii generi dei raccontimamma racconti eroticiracconti.milustorie erotic eracconti erotici in trenoracconti erotici sesso con animalifisting estremiraccobti eroticimigliori racconti eroticiracconti erotici ricattopompino a mio cuginoracconti incetosottomessa raccontiracconti eroticjgay inculato da cavallostorie sensualimamma ti sborrozie troie raccontiracconti porno lesboracconti erotici culoracc0nti eroticiprime esperienze sessoracconti incesto mamma e figlioracconti giovani gayracconti porboracconti incestuosi realiracconti lesbo matureeriticiraccontiracconti eoritcihard raccontiporno moglie al cinemastorie scabrosevideo racconti gayrqcconti eroticiracconti.miluracconti erotici tra donnestorie eroticastorie porracconti erotocistorie di mogliraccobti eroticiracconti/eroticierotici raccoraccconti pornopiedi femminili raccontiracconti erotici diinculata dal caneracconti porno clistereracconti erotici cugineracconti di trioracconti prnoerotico raccontoracconti erotici gratuitiraccoti pornostorie zoofiliaraccontu eroticistoria porno italianoho scopato mia suocerastorie hard gratisporno storie vereracconti porno mogliracconti incesto madre figlioracconti milstorie ornoracconti sesso con animaliwww iomiluracconi pornostorie di feticismoincesto storieracc lesboracconti hard italianiracconti crossdressererotici racracconti porno cinemaerticiraccontiesibizionismo eroticomogli dominantiwww.eroticiracconti.iterotica raccontinonnigayaspirante cornutoracconyi pornoracconti erotici costrettaracconti erotici inculateracconti mia moglieracconti erotici giocostorie eroticrqcconti eroticiraccontii eroticisesso racconti eroticiracconti gay scuolaracconti erotici travestiti