Le tre pietre

Scritto da , il 2020-01-13, genere pulp

I-LE 3 PIETRE
Keiji si godeva il meritato riposo. Dopo giorni a cavalcare per la valle di Lyria in compagnia della sacerdotessa Zethana, era giunto in un piccolo villaggio di contadini all’imboccatura del sentiero che lo avrebbe condotto alla Grotte di Cristallo.
Erano giunti in tempo per assistere ad una tentata esecuzione ai danni di una giovane ladruncola, accusata dalla folla di avere rapinato ed ucciso uno stimato mercante.
Keiji, voce del Damyo e suo braccio armato, era balzato dalla sella del suo destriero con un movimento fluido e aveva intimato alla folla di fermarsi “Indietro straniero, o sarai trattato suo pari per aver ostacolato la Legge” aveva intimato un uomo
“Io sono la Legge! Il mio nome è Keiji Shimada e sono voce e lama del Damyo Hirokawa. Mettersi contro di me è mettersi contro il nostro Signore” e aveva mosso un passo avanti, il pollice che alzava di un centimetro la lama della sua katana dal fodero “Quindi vi ripeto: smettete immediatamente quello che state per fare”
“Signore” un vecchio curvo si muove verso di lui a palmi alzati. Con voce tremante disse “Mio Signore, questa femmina è accusata di un atroce delitto. Un nostro stimato membro del villaggio è stato ucciso e derubato”
Keiji aveva guardato la ragazza, ora nuda e incatenata ad un palo, il corpo acerbo solcato da linee scarlatte e sanguinanti. Piangeva e implorava clemenza, proclamando la sua innocenza “L’avete processata? Avete prove concrete?”
“Quali prove volete avere? E’ una ladra di denari e uomini. Si è infilata sotto le lenzuola del nostro stimato cittadino, lo ha sedotto, lo ha derubato di ogni avere. E poi, come se non fosse stato abbastanza, gli ha piantato in gola un coltello”
“Torno a ripetere: qualcuno di voi l’ha vista commettere il delitto? Avete testimoni?”
Gli abitanti si guardarono smarriti “E’ una ladra. Non è prova più concreta?” chiese di rimando l’uomo che per primo aver parlato
“No. Questo è pregiudizio. Ora liberatala e conducetela in un luogo cui io possa interrogarla. Ora!”
Riluttanti, gli uomini del villaggio liberarono la giovane ladra e la condussero in una stalla. Due giovani robusti furono incaricati di sorvegliare l’uscita della costruzione “E ora mostratemi il luogo e il corpo del vostro concittadino” disse Keiji
Silenziosa, lo seguiva la sacerdotessa Zethana, avvolta nel suo etereo abito azzurro, sorretta dal bastone pastorale, simbolo di purezza “Lasciate che curi la giovane” disse piano a Keiji
Lui annuì e fece cenno all’uomo che per primo aveva parlato “Qual è il tuo nome, villico?”
“Li-Ham, signore” e indicò il vecchio “Lui è mio padre Shin, borgo mastro del villaggio”
Lo condussero ad una casa posta su un piano solo con un ampio giardino dominato da un albero di ciliegio. Due uomini robusti sorvegliavano l’ingresso della casa. Il vecchio fece segno loro di farli passare. Dentro, la casa era ben illuminata e accogliente, c’erano arazzi alle pareti e si avvertiva un forte odore di incenso. In un angolo della stanza giaceva un feretro, su cui era sdraiato il corpo di un uomo sui sessant’anni. Accanto, due donne in kimono bianco piangevano. Una era giovane, poco più che vent’anni. L’altra, sembrava la sua copia più vecchia, una bella donna sui cinquant’anni, con il corpo ancora florido cui il tempo non aveva ancora preteso il suo tributo. Mastro Shin lo presentò con il suo nome e la sua qualifica presso l’Imperatore.
Keiji fece le proprie condoglianze alla vedova, che si chiamava Hina, e la figlia, che si chiamava Vely. “Quella donna non merita un giusto processo” disse Hina con la voce rotta dal pianto. Ma a Keiji sembrava vano più lacrme di rabbia che di sofferenza “Sottrarla alla Giustizia del popolo, voi che siete la voce dell’Imperatore..”
“Avete detto bene: sono la Voce dell’Imperatore e, in quanto tale, si procederà secondo la Sua Legge, non la vostra” si avvicino al corpo dell’uomo e impose che venisse scostato il lenzuolo che lo ricopriva. C’erano molti odori che Keiji non riusciva a catalogare. L’incenso ne disturbava e distorceva la percezione. Balsamo, essenza di bergamotto, oli da bagno, essenza di rosa. E poi… L’uomo era nudo, con una vistosa erezione ancora in atto. Keiji, avvertì che lo strano aroma proveniva dalla zona dello Stele di Giada del mercante. Si allontano dal feretro e mosse alcuni passi nella stanza, soffermandosi nella zona degli oli profumati. Subito individuò una boccetta dal liquido violaceo che mostrò ai presenti “Vigore di Taurus”
“Mio marito ne faceva largo uso” annuì imbarazzata Hina “Le sue prestazioni non erano più come quando l’avevo sposato” Keiji annuì, svitò il tappo e ne annusò il contenuto, con cautela. Annuì di nuovo “Chi si occupa degli oli?”
“Io, mia figlia, mio marito” risponde la vedova
“Quindi, chiunque può accedervi” annuì Keiji
“Sì, ma perché v’interessano quegli oli. Forse ne volete acquistare qualche pozione?”
Keiji ignorò la domanda maliziosa della vedova affranta e si rivolese alla figlia Vely “Quando avete visto vostro padre per l’ultima volta?”
“Io, ieri sera, per il bacio della buona notte” la ragazza abbassò lo sguardo
Keiji le passò accanto, inspirò profondamente. Fece lo stesso con la vedova, poi si soffermò vicino al feretro “L’elisir di vigore è stato alterato con dell’essenza di Belladonna” disse rivolgendosi ai presenti
“Veleno tipico da donna” sbottò Li Ham
In quel mentre entrò la sacerdotessa Zethana e disse “Ho lenito le ferite della ragazza e controllato i suoi averi”
“Hai trovato qualcosa che indichi fosse lei l’assassina?”
“Ne una ne l’altra” ammise la sacerdotessa “MA, non ho potuto fare a meno di ascoltare quanto stavi dicendo poco fa: Belladonna. Non ve n’era traccia nei suoi effetti personali”
“Li avrà gettati via” sbottò Li-Ham “Una ladra scaltra e inafferrabile”
“Così inafferrabile da poter essere catturata all’istante” commentò Zethana
Keiji si pose di fronte alla ragazza “Levati il kimono”
“MA, come osa?” fece la vedova ma, ad uno scatto della katana fuori dal fodero, si ritrasse e abbassò il capo “Obbedisci figlia”
Lei sciolse la fascia che le cingeva la vita e lasciò che la veste cadesse ai suoi piedi. Una pelle candida che sembrava rilucere ai lumi delle candele, disturbata da graffi e segli di morsi. Keiji aggrottò le sopracciglia e fissò la sacerdotessa “Mostrami le mani” disse Keiji. Lei obbedì. Keiji annusò a fondo, poi ritrasse e disse “Da quanto tempo tuo padre abusava di te?”
Lei scoppiò a piangere e crollò in ginocchio
“Aspettate un attimo! Cosa state dicendo?” la voce del borgomastro era incredula “Suo padre non può aver abusato della figlia così..”
“Lo ha fatto. Prendiamo un’impronta dei suoi denti e confrontiamola con quelli che ha attorno ai capezzoli e sulle spalle. E il mio olfatto non sbaglia. Il Vigore di Taurus è sia nella sua vagina che sulle mani”
“Sì, è vero” disse Vely con un filo di voce “Sono stata io. Ho ucciso mio padre perché mi violentava fin da quando avevo dieci anni. La ladra non conta nulla”
“No, no, no” fa Li-Ham. Non può essere vero”
“Dove hai trovato la Belladonna?”
“In casa. Mia madre ne tiene una boccetta per eliminare i ratti. Ho pensato che poteva essere utile per un ratto più grosso”
Keiji guardò Zethana, poi di nuovo verso la ragazza che piangeva “A questo punto direi di far cadere le accuse sulla giovane ladra formulare una giusta accusa per Vely” sospirò “Penso che possa trovare consistenza la causa della Legittima Difesa’. Così ho deciso”
La ragazza alzò lo sguardo. Piangeva piena di gratitudine “Liberate la ladra” disse Keiji
“E di lei, che ne facciamo?” chiese il borgomastro “Sarà punita per omicidio?”
“Non ha sentito cosa ho detto, borgomastro? Il caso è archiviato. La ragazza ha agito per difesa” nessun altro morirà oggi in questo villaggio”
“Grazie. Rispetto il volere del Damyo” s’inchino Shin
Keiji e Zethana uscirono all’aria aperta “Arrivati al momento giusto” commenta la sacerdotessa
“Provvidenziale, direi” commentò Keiji. Un baluginio dalla borsa indicò che qualcosa stava cambiando “Le pietre..”
Zethanale controllò e vide che la pietra della Legge aveva ripreso il suo naturale colore celeste. “Era una prova. Ora ne ho la certezza” disse Keiji “La pietra della Legge è stata ripristinata. Ora ci restano le altre due”
“Ehilà” voce esultate della giovane ladra “I miei salvatori!” fece esaltante
La giovane ladra indossava un sottile perizoma che le copriva la zona del fiore di loto e un minuscolo corpetto che le cingeva il petto. Le mani erano coperte da guanti senza dita provvisti di artigli sui dorsi. A Keiji ricordò un gatto. Un giovane e attivo gatto pronto a fare le fusa “Abbiamo fatto solo il nostro dovere”
“Come posso ripagare tanta gentilezza?” la gatta si avvicino a Keiji cercando di abbracciarlo ma, lui si ritrasse velocemente, mettendo mano alla spada
“Non posso essere toccato senza il mio permesso”
“Ehi, calmo samurai, non graffio mica” ridacchiò la gatta “Ho capito.. Ho capito” e guardò verso la sacerdotessa “Posso almeno unirmi a voi?”
“Il nostro viaggio non prevede una terza persona” spiegò Keiji “Io e la sacerdotessa dobbiamo compiere una missione, da soli”
“Siete un tipo strano, samurai. Troppo rigido e ligio al dovere. Ma io ho un favore da ricambiare e non mancherò di riscuoterlo, prima o poi” e si allontanò, sculettando
“Hai rischiato la tua virtù” sorrise Zethana
“Non è mia intenzione accoppiarmi con una giovane ladruncola” allungò una mano a sfiorare la guancia di Zethana “

La sera, al sicuro nella stanza che ebbero riservato a loro, Keiji e Zethana si concedono un po’ di intimità. L’acqua nella vasca era calda al punto giusto e profumata con oli essenziali di rosa e viola. Zethana spugnò la schiena nuda del samurai a lungo. Si spostò sulle spalle, poi sul petto, fino a raggiungere il membro eretto sotto l’acqua.
Keiji, imperturbabile, nel suo io profondo fremeva a quel tocco e, il pensiero di non poter ricambiare quelle carezze mascherate da massaggi, lo faceva impazzire. Lui era un samurai, un sacro guerriero preposto all’incolumità della sacerdotessa. Lui era la Legge del Damyo..
Zethana entrò nell’acqua assieme a lui. Meravigliosamente nuda, la pelle che sembrava di luna, il taglio tra le gambe era perfetto e privo di peli. Si appoggiò alla schiena di lui, i capezzoli che premevano sulla pelle , le mani che accarezzavano il ventre e più giù. Keiji non disse nulla, la lasciò fare. Lasciò che le sue mani toccassero il sesso, che lo massaggiassero, che lo stuzzicassero. Poggiò le mani sulle sue e l’accompagnò nel gesto, quasi come se si masturbassero “Cosa credi accadrà, una volta raggiunte le grotte?” chiese lui in un sussurro
“Faremo ciò che è necessario fare” disse lei
“A volte penso che, il Destino crei questo genere di situazioni per prendersi gioco di noi”
“Il destino è una tela complessa nei pensieri degli Dei, Keiji. Ricordi la prima volta che ci siamo conosciuti?”
Lui sorrise “Eri bellissima. Mi innamorai all’istante”
“Sembra un’Etrnità”
“Invece, è passato soltanto un anno”

Questo racconto di è stato letto 5 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


prima volta racconti eroticiracconti in saunanuora porcaporno racconti veriracconti pprnoracconti erotiiracconti tramplingstorie erotiche da leggereracconti erotici nudisticpbrianzolasesso fra parentiracconti erotici tra cuginistorie potnoracconti safficoincesto con cuginaracconti erotuciracconti erotici gay fratelliracconti eroticjracconti porno incestracconti erotici 69.itrotici raccontirracconti eroticisauna raccontiraccontiporacconti mogli zoccolestorie erotiquella porca di mia ziaracconti sottomessarcconti eroticila sorella perversastorie di zoofiliasesso racconti eroticispiando mammamia moglie mi sodomizzaracconti potnoautogrill gayliberaevale seghe di mia ziaracconti di donne matureracconti erotici per adultiincesto raccontoerotico raccontiracconti hard 69sesso con mio nipoteal cinema porno con mia mogliecugina porcellinaraccontisessualii generi dei racconti gayracconti vicinaerotici raccpntisiti di zoofiliaracconti sesdoracconti trasgressionisexi storieraccontti eroticii migliori racconti pornoi generi dei racconti gayracconti sesso gaysesso con zia raccontiraccontiberoticiracconti erotici incesto gayracconti erotici la prima voltaracconto analestorie poenomoglie ingravidataho scopato mia cuginaracconti eroticjracconti di sculacciateerotici racconti.comtettona in toplessracconti di seghegeneri dei racconti eroticiveri racconti incestostorie porno vereracconti sesso gratissuocere racconti