Ricky e i suoi... amici - Capitolo 9

Scritto da , il 2020-01-13, genere gay

Capitolo 9 - Un luogo dove Andare
Avevo sentito parlare di quei luoghi dove i ragazzi vanno a cercare sesso e ne conoscevo uno o due.
La domenica riuscii a persuadere mio papà a lasciarmi la macchina e andare in giro alla ricerca.
Le cose non sembravano troppo promettenti. Non so se fosse colpa dell’inverno, ma non c’era niente in giro. Tuttavia a circa a metà strada tra la scuola e casa mia trovai un luogo che mi sembrò quello che stavo cercando. C’era un parcheggio attraversato da due sentieri, uno andava verso un boschetto e l’altro verso la strada strada principale. Decisi di ritornarci lunedì dopola scuola.

Non volevo che qualcuno a scuola scoprisse dove stavo andando, così presi un bus che passava a circa trecento metri dal parcheggio e mi incamminai, verificando che nessuno mi seguisse. Mentre mi avvicinavo lentamente vidi una macchina, ma dentro non c’era nessuno, così mi incamminai sul sentiero verso la strada principale guardandomi intorno. Quando ero quasi arrivato alla strada, mi girai e vidi un ragazzo che stava uscendo dal bosco e camminava verso la macchina; tornai indietro. Il ragazzo salì in macchina e si sedette. Mi avvicinai e lo guardai attraverso il finestrino. Doveva avere circa venticinque anni, piuttosto ben fatto e con capelli castano scuro. Era vestito. Non ero sicuro della situazione , così camminai su e giù per il sentiero quattro o cinque volte, come se stessi aspettando qualcuno. La quinta volta mi diressi verso l’altro lato della macchina e quando passai il ragazzo si allungo verso la portiera e l’aprì. Mi girai rapidamente per vedere se qualcuno stava guardando e salii.

Il ragazzo non perse tempo: “Vuoi venire a casa mia?” Chiese con voce distratta: “O fare qualche cosa in macchina?”
“A casa tua ma stasera non posso perché non ho detto a mia mamma che avrei fatto tardi”
“Cosa ti importa, non sei abbastanza vecchio?”
“Si, ma voglio che stia tranquilla. Che ne dici di domani?”
“Non posso sino giovedì, devo lavorare.”
“Va ben, dove ti troverò?”
“Qui alle quattro e mezza, non ritardare.”
Risi: “Sembri mia madre. Non ti preoccupare, ci sarò.”
E con questo uscii dalla macchina, andai rapidamente lungo il sentiero fino alla strada e tornai a casa in autobus.

Martedì ci vedemmo con Stefano ma non gli dissi nulla nel caso il ragazzo non si presentasse e non volevo fargli avere false speranze. Mercoledì mattina avvisai la mamma che probabilmente che non sarei tornato a casa prima delle sette dato che sarei andato da un compagno a fare i compiti. Lei non fece storie. A scuola non riuscivo proprio a concentrarmi e la giornata sembrava non finire mai. Fortunatamente l’ultima ora era buca ed uscimmo un po’ presto. Presi l’autobus ed in breve fui al parcheggio, il ragazzo era già là. Salii in macchina col cuore che martellava. Lui accese immediatamente il motore e partì. Credo che il tragitto per arrivare a casa sua durasse circa quindici minuti. Per tutto questo tempo non dicemmo niente e non facemmo niente. Lui tenne entrambe le mani sul volante ed io tenni le mie lontano dal mio uccello.

Il ragazzo viveva al secondo piano di un condominio che sembrava molto costoso. Entrammo in un posteggio sotterraneo e salimmo una scala. Ancora senza dire una parola lui prese le chiavi ed aprì la porta. Fu solo dopo che fummo entrati e con la porta chiusa che cominciò a parlare: “A proposito io mi chiamo Norberto, e tu?”
“Ricky.”
“Non ho molto tempo, Ricky. La camera da letto è là. Togliti i vestiti. Cosa ti piace?”
Non risposi così lui disse: “Non sei mai stato scopato?”
Scossi la testa.
“Vuoi scoprire quanto è bello?”
Accennai col capo.

Quando avevo fottuto Stefano lo avevo fatto piegare davanti a me. Norberto mi fece sdraiare indietro sul letto, prese della vasellina in un cassetto e si mise un preservativo prima di avvicinarsi ed ungermi il culo. Poi venne anche lui sul letto ed alzò le mie gambe mettendosele sulle spalle prima di cominciare a spingere dentro il suo pene. Il cazzo di Norberto non sembrava molto grosso, io mi aspettavo che lo fosse, non solo ma neanche molto lungo. Mi teneva le gambe e spingeva dentro e fuori come se volesse disperatamente finire in fretta. Avevo appena cominciato a strofinare dolcemente il mio cazzo che cominciava a colare pre eiaculazione, quando lo sentii gridare: “Caaazzzoooo!” Mentre estraeva il suo pene dal mio culo, strappava via il preservativo e schizzava il suo sperma sul mio torace. Rapidamente si sporse in avanti, prese il mio cazzo e lo strofinò con forza finché non sparai il mio carico in aria. Ero deluso, mi ero aspettato che le cose durassero più a lungo ma comunque avevo avuto per la prima volta un cazzo in culo.

Mentre ci pulivamo lui disse con noncuranza: “Vuoi venire qualche altra volta?”
Non sapevo cosa dire. Chiaramente volevo ma volevo portare con me Stefano.
“Allora vuoi?”
“Posso portare con me il mio amico?”
Mi fissò.
“Quanti anni ha?”
“Diciassette, un anno meno di me. Non preoccuparti, è legale.”
Lui si rilassò.
“Quando vuoi venire?”
“Sabato sera.”
“Dovrete essere qui alle sei.”

Venerdì non dissi niente a Stefano finché noi fummo al bar seduti al sicuro lontano da altri. Allora mormorai: “Ieri sono stato scopato da un ragazzo di circa venticinque anni.”
Stefano si girò e mi guardò negli occhi a bocca aperta, poi mi bisbigiò: “Hai organizzato una cosa a tre?”
“Ci puoi scommettere, domani alle sei.”
La sua espressione cambiò subito: “Bastardo fottuto. Raccontami tutto.”

Arrivammo a casa di Norberto precisamente alle sei. Lui aprì e ci condusse in sala da pranzo. Io mi sedetti senza chiedere il permesso e Stefano subito dopo allungò le gambe rendendo chiaro perché era là. Norberto andò in cucina, ritornò con della birra e cominciammo a chiacchierare. Era chiaro che Norberto era più interessato a Stefano che a me, non riusciva a tenere gli occhi lontano da lui e dopo poco interruppe una delle mie sciocchezze: “Mi lasci scopare Stefano per primo?”
L’avevo capito da quando aveva aperto la porta ma non potevo obiettare, dopo tutto eravamo nel suo appartamento.

Andammo in camera da letto e cominciammo a spogliarci. Norberto prese un pacchetto di condom e la vasellina dal cassetto prima di dire a Stefano di andare sul letto.
Stefano tremava. Dopo che ebbe spalmato la vasellina sul suo culo ed ebbe preparato il suo uccello, andò ai piedi del letto e tirò il mio amico verso di sé. Io guardavo e mi carezzavo delicatamente il cazzo. Norberto cominciò a spingere l’uccello nel culo di Stefano ed io guardai la faccia del mio amico, aveva gli occhi chiusi. Quando Norberto cominciò a muoversi lentamente dentro e fuori del suo buco, lui cominciò a lamentarsi. Le spinte diventarono più veloci. Stefano cominciò a gemere: “Aah.... aah... aah....”
Cominciò ad ansimare, aveva ancora gli occhi chiusi e la bocca spalancata; lanciai un rapido sguardo a Norberto. Aveva la testa spinta indietro e gli occhi chiusi. Anche lui stava ansimando. Capii che ci sarebbe stata presto un’esplosione ed infatti cominciò a gridare: “Vengo.... sborro... vengo!...” mentre spingeva e spruzzava tutto il suo carico nel preservativo.
Dopo di che ci fu silenzio. Lui tolse l’uccello dal culo di Stefano, si strappò via il preservativo e colando sborra andò in cucina a prendere delle birre.
Stefano mi guardò e bisbigliò: “Cazzo! Spero che potremo tornare il prossimo week end!”
Norberto ritornò con i beveraggi e ci sedemmo sull’orlo del letto senza parlare finché il ragazzo non si rivolse a me e disse:” Sei pronto, Ricky?”
Poi si alzò, mi tolse la lattina di mano e mi disse di chinarmi. Gli ubbidii e presto il suo cazzo fu nel mio culo. Questa volta durò di più, non come giovedì. Si prese il suo tempo e le cose si svilupparono lentamente fino ad un vero orgasmo. Mentre lui si affannava, vidi con la coda dell’occhio che Stefano stava a guardare e giocava col suo uccello.
A bassa voce gli dissi:”Vieni qui e prendimi il cazzo in bocca.”
Si inginocchiò immediatamente e sentii la sua lingua carezzare gentilmente la punta della mia verga. In quella situazione capii che non sarei durato molto e prima che me rendessi conto io stavo sparando un carico nella sua bocca ma dato che Norberto continuava a pompare, il mio pene rimase duro.
Stefano ricominciò a leccarlo ed io allungai la mano ad afferrare il suo cazzo. Col pene di Norberto in culo e le labbra di Stefano intorno al mio uccello sapevo che presto sarei venuto ancora e, cazzo!, lo feci. Fui afferrato da una sensazione incredibile e gridai: “Vengo!... Vengo!...”
Immediatamente Norberto cominciò a pompare sempre più forte. Per la seconda volta Stefano prese il mio seme in bocca, quasi subito Norberto estrasse l’uccello dal mio culo e sprizzò lo sperma sulla mia schiena. Alla fine Stefano aggiunse ruscelli del suo liquido bianco schizzando dappertutto sulla mia testa.

Stavo chiedendomi cosa sarebbe successo poi quando Norberto disse tranquillamente che doveva uscire ma che, se ci faceva piacere, saremmo potuti tornare la settimana seguente alla stessa ora. Uscimmo tutti e tre insieme ma siccome ancora era piuttosto presto, Stefano ed io decidemmo di andare al bar che avevamo visto non lontano da quella casa. Non c’era molta gente così fummo in grado di parlare di Norberto. Io dissi che secondo me eravamo solo all’inizio del suo sabato sera di divertimenti e che lui stava andando a cercare qualcunaltro a cui mettere il cazzo in culo. Stefano si disse d’accordo con me.

Il sabato sera dei due mesi seguenti li passammo dal nuovo amico. Il modello della serata era sempre lo stesso, la differenza fu che partecipavo all’azione quando Norberto scopava Stefano, mi inginocchiavo, prendevo in mano l’uccello del mio amico e glielo menavo gentilmente. Quando Stefano cominciò a lamentarsi, mi chinai in avanti e presi in bocca la punta del pene fino a che un carico di sperma non scivolò nella mia gola. Dopo di che Norberto volle scopare me mentre Stefano faceva del suo meglio col mio cazzo. L’unico guaio fu che io non inculai nessuno dei due. Tutto quello che potevo fare era sognarlo durante la settimana, quando mi segavo poco prima di addormentarmi. Tuttavia non penso che Stefano se ne preoccupasse, gli piaceva avere il pene di Norberto nel culo e lo fece ogni sabato.

La settimana prima di Pasqua dopo aver finito di scopare noi due, Norberto, invece di pulirsi e vestirsi come faceva di solito, ci chiese se volevamo ancora qualche cosa da bere. Naturalmente non dicemmo di no e mentre eravamo seduti in sala da pranzo, lui cominciò a parlare. Non l’avevamo sentito parlare spesso. Dapprima non disse nulla di particolare ma, improvvisamente, ci chiese se avremmo potuto arrivare un po’ più tardi il sabato seguente e fermarci per la notte. Ci guardammo, non potevamo credere a quello che stavamo sentendo. La cosa era un po’ più facile per me, sapevo che non avrei avuto molta difficoltà nel persuadere la mamma. Quindi dissi: “Sì sarà figo!”
Stefano era un po’ più esitante. Vedevo dall’espressione del suo viso che lo voleva disperatamente ma sapevo che probabilmente avrebbe avuto problemi coi suoi genitori.

Quando vidi Stefano il martedì, gli chiesi di sabato. Lui disse solo che ci stava lavorando e quindi non insistetti. La sera di venerdì, quando lo incontrai dopo il lavoro, lo trovai un po’ nervoso e disse che non sarebbe venuto al bar perché doveva tornare a casa. Quando gli chiesi il perché, lui mi disse che aveva avuto una grossa discussione con sua mamma a proposito di sabato. Lei gli aveva detto che avrebbero avuto visite e che doveva tornare per le nove. Lui non disse molto altro ma mi disse che ci saremmo incontrati sabato alle otto.

Quando arrivai al supermercato sabato Stefano era già là, che passeggiava su e giù. Appena mi vide lui disse: “Andiamo via di qui... Ormai sono grande e non voglio che mi si dica quando devo tornare a casa. Ma credo che papà verrà a cercarmi se non ritorno prima delle nove, quindi sarà meglio che andiamo da Norberto il più presto possibile.”
Quindi ci affrettammo alla fermata dell’autobus.

Norberto aveva già preparato le birre quando arrivammo e quando ci sedemmo in sala da pranzo sembrava un po’ nervoso. Non passò molto prima che scoprissimo il perché.
Improvvisamente si rivolse a noi e disse: “Avete problemi se registro quello che facciamo stasera?”
Fu la mia volta di innervosirmi ma non ebbi tempo di dimostrarlo perché Norberto non mi diede la possibilità di rispondere.
“Non preoccupatevi, non vi vedrete in un porno la prossima volta che navigherete in internet.”
Stefano mormorò: “Io non avrei problemi, ma devo vivere con i miei genitori.”

Quella sera fu piena di sorprese. Non appena finite le nostre birre Norberto mi disse: “Che ne dite se stasera Ricky scopa Stefano ed io vi registro?”
Ci guardammo l’un l’altro e gridammo contemporaneamente: “Cazzo! Siiii!”
Lui andò a prendere la videocamera e noi andammo in camera sa letto. Mentre ci stavamo spogliando chiesi a Stefano: “Devo farlo alla pecorina o come lo fa Norberto?”
“Non mi importa come, mi basta avere il tuo cazzo in culo.”
La mia prima scopata non durò molto, ero troppo eccitato e persi il controllo. Non me ne preoccupai molto tuttavia, sapevo di avere tutta la sera.
Non appena il mio uccello uscì dal culo di Stefano, Norberto mi diede la cinepresa e riprese da dove avevo smesso io.
“Assicurati di fare dei begli zoom del mio cazzo nel culo di Stefano, Ricky, e una o due riprese della faccia di Stefano.”
Scoprii presto che il maggior problema nel riprendere un video dell’azione era che non potevo essere coinvolto. Per tutto il tempo il mio cazzo rimase sporto in fuori, pulsante e gocciolante sperma dappertutto ed io non potevo toccarlo.

Dopo aver finito ambedue con Stefano, lui sembrava esausto così tornammo in sala da pranzo per un’altra birra.
Poi fu la mia volta a di avere un cazzo in culo. Prima fu Stefano che era la prima volta che scopava qualcuno. Norberto se ne rese conto e l’aiutò a mettere il suo cazzo nel mio buco. Si assicurò che io stessi sulla schiena, in modo che potesse spingere bene. Poiché aveva già schizzato due volte quella sera, Stefano fu capace di controllarsi, così ebbi il beneficio dei diciannove centimetri per almeno venti minuti. Aveva la testa gettata indietro mentre pompava e mormorava: “Cazzo, Ricky, e troppo fottutamente figo... aaagh, aaagh, aaagh... fottutamente figo!”
Quando ebbe finito Norberto disse: “Sei stato brillante, Stefano brillante.”
E lui ne sembrò veramente felice.

Ora era la volta di Norberto di scoparmi. Non mi ero ancora completamente ripreso dopo l’inculata di Stefano quando la verga di Norberto cominciò il suo lavoro e dopo cinque minuti non sapevo più cosa stava succedendo, ero completamente perso. A metà della sessione il mio uccello sprizzò sperma dappertutto ma lui continuò e il mio cazzo rimase duro. Quando alla fine sparò il suo carico, io rimasi sdraiato sul letto ad occhi chiusi. Stefano si avvicinò, si sdraiò accanto a me e ci addormentammo.

Erano circa le tre quando ci svegliammo coi cazzi ancora duri. Norberto era sdraiato sul pavimento accanto al letto e si stava massaggiando. In breve fummo di nuovo con lui ma questa volta senza videocamera.
Stefano mi inculò, poi Norberto scopò Stefano, dopo di che inculò me ed alla fine io scopai Stefano…


Ci svegliammo di nuovo verso le dieci della mattina seguente. Stefano era nervoso e voleva andare via immediatamente. Sapeva di essere nei guai e volle andarsene prima di fare colazione.

Quella fu l’ultima volta che lo vidi. Quando andai a prenderlo al lavoro martedì, lui non c’era, così provai a chiamarlo sul cellulare ma era spento. Ritornai venerdì e non c’era ancora quindi chiesi ad uno dei capi e mi disse che se ne era andato.

Sabato sera andai sa Norberto da solo. Lui fu sorpreso di non vedere Stefano e quando gli spiegai la situazione, disse semplicemente: “Che fottuto stupido! Se avessi saputo che potevate stare solo dal pomeriggio alla sera... E io ho un regalo per lui... Questo è il tuo.” E mi diede quello che sembrava un CD
“Cos’è questo?” Chiesi pensando che si trattasse di musica.
“Mettilo nel lettore e vedrai.”
Rimasi a bocca aperta quando vidi cosa appariva sullo schermo, ero io col cazzo nel culo di Stefano.

“Perché l’hai fatto?” Domandai.
“Non preoccuparti, fa parte del mio lavoro. Giro filmati e li carico senza che nessuno sappia. Forza, lo guarderai più tardi, andiamo in camera da letto!”
Mentre ci stavamo spogliando, improvvisamente Norberto disse: “Ti piacerebbe essere tu a scoparmi stasera? Però dovrai usare un condom, ho solo la tua parola che Stefano è stato l’unico che tu abbia inculato.”
Accennai col capo e dovetti dargli l’impressione di essere un po’ nervoso.
Infatti lo ero. Norberto non mi fece fretta, si prese il suo tempo. Mi mostrò come mettere bene il preservativo sopra il cazzo pulsante prima di sdraiarsi indietro sul letto ed alzare le gambe. Non ero molto sicuro di cosa aspettarmi mentre il mio uccello si avvicinava al suo culo ma fu presto chiaro che Norberto era stato scopato molte volte e regolarmente. Il suo buco del culo era allentato al massimo e il mio pene scivolò dentro piuttosto facilmente. Cominciai a pompare ma poi, dopo un paio di minuti persi il controllo e schizzai il mio sperma nel preservativo.

“Mi dispiace... Sono fottutamente... dispiaciuto.”
“Non preoccuparti. La prossima volta sarà ok, prendiamoci una birra.”
Mentre andava in cucina per le birre, mi sedetti chiedendomi cosa sarebbe accaduto poi quando Norberto gridò: “Perché non rimani questa notte? Puoi usare il telefono per dirlo ai tuoi genitori.”
“Non preoccuparti, userò il mio cellulare, non voglio che mia madre rintracci la chiamata.”
Fortunatamente fu mio papà a rispondere al telefono e non ci furono discussioni. Dissi che sarei tornato per le undici della mattina seguente e poi spensi il cellulare.
Quella notte inculai Norberto tre volte e lui mise il suo cazzo nel mio culo almeno quattro volte. Fu solo sesso, sesso, sesso ed ancora sesso. La mattina dopo penso di non aver avuto nemmeno una goccia di sperma nelle mie palle.

Mentre Norberto mi preparava la colazione cominciai a chiedermi se ogni sabato sarebbe stato così ma poi, mentre stavamo mangiando, lui cominciò diventare serio.
“Sai perché ho fatto quel video?”
Io scrollai le spalle.
“Vedi... io sto per trasferirmi.... la mia ditta mi spedisce al nord e non potrò più vedere voi due.”
Io non sapevo cosa dire, rimasi solo seduto guardandolo incredulo.
Alle dieci lasciai il suo appartamento per l’ultima volta sconvolto dalla notizia.
Avevo perso Stefano ed ora anche Norberto.

Quando arrivai a casa i miei genitori stavano per uscire con mio fratello, grazie al cielo, così andai in camera mia a guardarmi in azione e farmi una sega. Non era come la cosa vera tuttavia così all’una misi via l’uccello, mi vestii ed andai al supermercato per vedere se c’era qualche nuovo ragazzo. Non ce n’erano.
“Cazzo, pensai, dovrò tentare di persuadere la mia mamma a fare la spesa altrove!”

Questo racconto di è stato letto 1 0 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti erotismobrevi racconti pornoscambio copiaanale raccontierotica raccontiracconti roticiinculata in cantinaracconti sesso con nonnaracconti potnostorie vere erotichemoglie femdomracconti cuckracconti hard bisexracconti con suoceraracconti storie erotichesesso raccontigay porn raccontistorie di sesso gratisstorie nudistesuocera racconti eroticiracconti cfnmsesso con mio zioracconti erotici amatorialeracconti piccanti gratisgeniv racconti eroticistorie donne matureaddio al nubilato orgiaracconti xxracconto sexlaura panerairecconti eroticiracconti dominazioneracconti porno incestti cago in boccaracconto sexistorie pormosexi storieracconti erotici genereracconti figaracconti erotici videoracconti superdotatiracconti eoticiracconti porno di incestoracconti incrstisiti di zoofiliageneri eroticiracconti erotici ingravidatamia suocera e una troiasiti di incestiracconti erotici ewritersdonna scopa un cavalloracconti piediniracc69donna che scopa con un cavalloracconti gracconti hot gratisracconti eccitantisesso con zia raccontistirie eroticheracconti di una ninfomanepunture erotichecornuto e guardonecuckold storiasesso con mio cognatoporno gay tra cuginiracconti erotici al cinemaracconti erotici tra suocera e generoracconti hot gratisracconti transexerotico raccontoracconti prima esperienza gayracconti d'incestoscambio di coppia raccontiracconti erotucizia racconti eroticiracconyi pornoerotciraccontistorie porno italianoraconti sessoracconti sesso con animaliho inculato mia madreracconti pprnoracconti eroticiannunci69 tradimentistorie erotiche gratisdottoressa vogliosastorie e racconti eroticieacconti eroticiracconti umiliazionemio marito e cornutogeneri racconti eroticiracconti porboracconti porno trenocagami in boccastorie erotiche da leggere