Fabio e Mario 1

Scritto da , il 2020-01-13, genere gay

Fabio era un uomo normale, sulla cinquantina, il classico cinquantenne che lavora in ufficio, sempre lindo e ordinato, mai un capello fuori posto. Fabio non emergeva mai dal gruppo, era un lavoratore silenzioso, di quelli che nessuno notava e nessuno avrebbe mai notato. Nascondeva la timidezza e una calma smodata dietro ad un look antico, più antico dei suoi cinquantanni. Lui e la moda erano due concetti praticamente agli antipodi. Portava sempre questi capelli ben tagliati, un po' a spazzola un po' a cazzo di cane, il naso aquilino era sovrastato da un paio di occhiali la cui montatura già richiamava alla mente discorsi noiosi. Non era affabile, non era di compagnia. Evitava ogni possibile rapporto umano con gli altri colleghi, sembrava vivere in simbiosi solo col proprio cellulare dal quale mai l'avevano visto separarsi. Mangiava persino in disparte dai colleghi, con la testa china sulla scrivania, a mordicchiare perennemente dei panini col prosciutto. Era talmente tranquillo e isolato dal mondo che qualcuno ipotizzò fosse un terrorista o comunque un uomo che amava nascondersi per tramare qualcosa di segreto. Per la maggior parte dei colleghi Fabio era solo uno sfogato che non sapeva altro che alternare la camicia bianca con quella azzurra.
Io che lo conoscevo di più invece avevo un'idea ben diversa di questo soggetto. Conoscevo i suoi lati più indecenti e nascosti, le sue passioni più sfrenate dense di perversa trasgressione e ambiguità. Se per tutti quindi Fabio era un impiegato modello, magari un po' strano e taciturno per me il giudizio era ben altro. Lo conoscevo. L'avevo visto. Me ne aveva parlato.
Fabio aveva un cognato. Uno totalmente diverso da lui. Molto più atletico e incline allo stare in compagnia. Mario non era solo il cognato per Fabio, era un amico, un confidente, una persona con cui potersi mettere a nudo e non solo metaforicamente, intendo "a nudo" dal punto di vista fisico. Si piacevano, si erano sempre piaciuti ma alle mogli non potevano rivelare questo loro segreto anche perché le mogli tra loro erano sorelle. Ed entrambi si erano resi conto sin da subito dell'errore fatto. Avevano sposato ai tempi quelle due belle ragazze per poi scoprire col tempo una passione diversa. Questo impulso non riuscivano più a controllarlo, non era più possibile tenerlo a freno. Persino i pranzi in famiglia erano diventati insostenibili, una perenne lezione di autocontrollo. Una fustigazione continua. Entrambi si trovavano in una situazione complessa, come potevano confessare alle mogli che "scopavano il marito dell'altra?"
Fabio era più sottomesso, più manovrabile. Mario adorava fottergli il culo e quando si incontravano di nascosto, in qualche motel, non faceva altro che infilargli il proprio arnese nel sedere. E Fabio si lasciava inculare , senza proferire parola. Mentivano al lavoro pur di poter uscire prima e incontrarsi da qualche parte.
I loro incontri trasudavano di paura e amore, di ossessione e tradimento. Mario amava prendere in bocca il cazzo di Fabio, di sentiva davvero a proprio agio con il pisello del cognato tra le labbra anche se per un pizzico di schifo mai represso non permetteva a Fabio di venirgli in bocca. Fabio invece da quella storia clandestina voleva cogliere ogni attimo, ogni dettaglio, ogni lascito perverso. In genere le loro performances sessuali si concludevano con Fabio inginocchiato e Mario che gli spruzzava sborra in bocca e sugli occhiali. Su quegli occhiali da bravo impiegato sfigato.
Le mogli non so spettavano nulla, come potevano sospettare di due uomini cosi tranquilli, così innocui, così apparentemente legati alla famiglia, ad una vita tradizionale. Eppure... Eppure il loro istinto primordiale si era risvegliato e ogni cellula dei loro muscoli voleva incontrare lo sperma e il sudore dell'altro. Ormai Fabio e Mario erano una cosa sola, un'unica anima, un unico corpo. Quando Mario infilava il proprio pisello nel culo di Fabio gli arrivava dritto al cuore, e lo stesso, quando Fabio ingoiava la sborra di Mario era come se stesse ingoiando i suoi più intimi pensieri.
Poi, dopo ogni ingoio, la vita procedeva nella direzione stabilita di una ipocrita triste bugia consumata a fatica.

Questo racconto di è stato letto 1 2 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti porno mammastorie di sesso con la cuginastprie pornostorie porno filmracconti postotie pornoracconti erotici tettonetradimenti raccontirita gaudentegay raccontistorie erotichdonne che scopano con i cavalliraconti erosveri racconti eroticiracconti gay pelosiracconti erotici zoofilistorie eroticstorie erstorie porno eroticheracconti annuncio69racconti di cornastorie pronoracconti sroticierotici raccontostprie pornoracconti gay bsxraccpnti eroticiraccontieroticiincestoluisa transgeneri dei racconti eroticiracconti puttanafeticismo forumstorie di bondagedonne mature raccontiracconti porno di incestieracconti eroticiraccontihardracconti schiavaracconti hotraccoti miluracconti di storie di sessoracconti spankmia sorella raccontisesso gay storieracconti erotici caneracconti storie erotichetroia suoceraamoreinfamiglia.blogspotracconti garacconti erotixiracconti erotici con suocerestorie sesso incestoconfessionale eroticoracconti tettonaracc erotracconti amore gayi raccconti di miluerotici racconti gratisracc lesbopiccole trasgressioni raccontiracconto erotico 69storie fetish piediracconti di seghestoriedi sessoi migliori racconti eroticiracconti erotici realmente accadutitravestiti sissydottoresse voglioseracconti rtoticierotici racontiraccnti pornoa69 gayracconti casalingheschiava umiliataracconti porno zoostorie porno dominazionestorie ornoracconti rtoticiracconti erotici con suoceraracconti porno analpadrona e sottomessoracconti gay amiciracconti erotoci gaypompino a mio figliostorie sesso a treerotiraccontiracconti 69 incestoracconti mariti guardonierotici raccontizia porconaracconti erotici da leggere gratisracconti eroiticiracconti erotici caneracconti inculategenere dei racconti eroticiraccontu eroticiracconti erotici gay papà