Nonne troie parte 6

Scritto da , il 2020-01-13, genere incesti

Che mi segassi di continuo era diventata talmente la regola che le nonnine ne parlavano come nulla fosse. Un giorno mentre ero in bagno a toccarmi sentii nonna chiedere a zia “si fa il lavoretto?”.
'Ha quasi finito' risponde tranquilla lei.
'Meno male perchè mi scappa.... ma non se la era già fatta prima?'. 'Si si sarà la terza' annuisce zia.
'A però... ne ha di energia' commenta nonna e ridono insieme.
Io visto che mi avevano colto sul vivo uscii dal bagno senza pantaloni col cazzo duro.
Mi fissarono e soprattutto fissarono il mio cazzone.
“Come mai questa novità?” sbottò severa zia.
“Diciamo che ho caldo”.
“Bhe basta che si copra quando c’è gente” fece spallucce la nonna.
Zia scosse la testa “stiamo un po’ esagerano però Norma”.
Ma la nonna fece l’occhiolino alla sorella “lascia che si diverta dai”.

Il giorno dopo però zia mi chiamò mentre la nonna faceva il riposino. Io già credevo fosse in vena di farmi leccare la fica o comunque di masturbarci insieme ma lei era ancora vestita e soprattutto era molto seria.
“Cosa c'è zia dimmi?”
“Le seghe. I tuoi giochi con la mano. Non sarà che ne fai un po troppi. Quattro, cinque al giorno non sono troppi? A volte vedo che te ne fai anche una dietro l'altra. Ma davvero hai sempre così tanta voglia”.
“Vuoi che la smetta zia?”. '
“Ma no, ma no non è questo. Lo so che voi maschietti dovete farvele per stare bene e poi hai imparato a farle senza sporcare quindi va benissimo, solo che non capisco come mai te ne fai così tante di fila. Cioè come mai sei sempre così.... Così arrapato...”.
La zia non capiva perchè ero così arrapato? Strano visto che il motivo del mio arrapamento mi stava proprio seduta accanto. Dovevo dirglielo? Dovevo... “Penso alle donne nude zia”.
“Donne tipo la vicina di casa?”.
“Bhe mica solo lei” dico mentre il discorso mi ha già provocato una bella erezione.
“Tua sorella...”.
Io la fisso dritto negli occhi col cazzo dritto già scappellato “zia io penso a te e nonna. Penso a scoparvi!”.
“A porcone lo sapevo”.
“Bhe non lo avevi capito con tutte le seghe che mi faccio guardandovi..”.
“Diciamo che speravamo fosse una fase passeggera. Che diventando normale vederci nude dopo un po’ la voglia ti passasse. Eliminata la curiosità anche l’oggetto di desiderio dovrebbe diminuire”.
“E perché dovrebbe diminuire? Tu e nonna siete così eccitanti”.
“Ma siamo vecchie per te. Oltre ad essere tue parenti. Davvero avresti la voglia di far sesso con noi”.
Le poggio una mano sulla coscia “zia ti trapanerei ogni buco anche adesso”.
Lei mi sposta la mano “calma, calma stiamo solo parlando. Rimetti la pistola nella fondina cowboy”.
“Vedi tesoro un conto è fare qualche giochetto innocente, un po’ di masturbazione, qualche bacetto, qualche leccatina ma metterlo dentro fare proprio un vero incesto completo fra zia e nipote mi lascia un po’ perplessa. Sai che direbbero in giro se si sapesse che un diciottenne scopa la zia o la nonna...”.
“Ma io non lo direi mai in giro zia”.
“Sarebbe comunque una cosa davvero grave farlo questo lo capisci vero? La società non accetterebbe una cosa del genere”.
Mi fissa per capire se ho capito. Io annuisco.
“Adesso vuoi farti una sega scommetto?”.
“Sarebbe bello me la facessi tu zia. Toccarsi è nelle regole giusto”.
Scuote la testa “porco, ci provi sempre” ma mentre lo dice si è già levata la camicetta e le sue tette non vedono l’ora di saltare fuori dal bustino.
Lo afferra, lo stringe, lo accarezza come se volesse saggiarne la consistenza e poi esclama 'Certo che è davvero venuto grosso stò uccellone'. Intanto la sua mano comincia a muoversi su e giù... mi stà segando, mi sta davvero segando. Io sono già al settimo cielo e penso che non ci sia nulla di più bello mentre fisso le sue grosse poppe al vento iptonizzato dalla loro grandezza e da quel movimento ritmico quasi ipnotico.
Dopo un po’ vedo che si passa la lingua sulle labbra e sembra che deglutisca la sua saliva.... “vediamo se me la cavo ancora bene” dice. Si china sul di me, spalanca la bocca e me lo succhia.
Oddio non posso crederci mia zia mi sta facendo un pompino ed è meraviglioso.
Mi lascio sollazzare per un po’ dalla sua lingua infuocata poi prendo coraggio, allungo anche io la mano e gliela ficco tra le cosce senza tanti complimenti.
Il suo buchino è già bello dilatato e le mie dita le si insinuano dentro con forza.
Lei fa un mezzo bortobbio... “male?”.
“No no amore continua che sto godendo”.
Mi succhia il cazzo per un quarto d’ora buono mentre accentua il piacere lasciando che lo appoggi sulle sue tettone, sono eccitantissime è così ne approfitto. Le apro un po’ il solco fra i seni e in un attimo sono in perfetta spagnola.
Zia Olga non fa obiezioni, anzi capisce cosa cerco e si afferra le tette saldamente con le mani cominciando a muoverle su e giù sul mio cazzo mentre continua a leccare la cappella con la sua lingua bavosa...
Faccio appena in tempo a dire “vengo” che già mi parte un fiotto di sborra che le arriva dritto sul viso, sugli occhi, sul naso, sulla bocca.
Per un attimo penso che mi rimprovererà per questo ma invece la vedo pulirsi le labbra con la lingua come nulla fosse. Si porta in gola la mia sborra e la ingoia di gusto.
Non sazia si attacca di nuovo al mio tubo e succhia avida mentre io colo i resti della stupenda sborrata.
Il suo succhiare ritmico e instancabile me lo fa subito tornare duro e voglio leccarla anche io. Mi sdraio e le propongo un 69 che lei subito accetta sdraiandosi su di me e mettendomi il culone in faccia.
Lei succhia, io lecco... lecco la figa marcia di umori mentre i suoi peli luridi mi bagnano il viso ma lecco anche il suo buco del culo.
Il sapore non è buono ma non mi importa perché quel lavoretto nel suo buco nero la fa genere più che mai. O quanto vorrei infilarle il cazzo invece della lingua penso mentre mi godo il suo secondo fantastico pompino.
Le dico che sarebbe stupendo sborrare sulla sua figa, lei non fa obiezioni. Appena decidiamo che sono pronto scivola sotto di me e si piazza a gambe larghe.
È bellissima specie con quelle calze ancora addosso che fanno tanto troia. Mi avvicino, passo il cazzo durissimo sul suo pelo, lo sposto, lo sego forte poi lo appoggio di nuovo proprio sulle sue labbra vaginali mostro sporgenti che trasmettono al mio pene tutto il calore della vecchia porca.
Non resisto, do un colpo di reni in avanti e la cappella spinge.
“Che cazzo fai?” urla. Ma la cappella è già praticamente dentro.
Sento il calore del suo intimo, la voglia di spingere mi pervade. Vorrei fotterla con tutte le forze che ho “voglio scoparti Olga!” le dico implorante.
Ma lei non pare della stessa idea. Mi fissa strano, allunga la mano e mi afferra salda il lungo cazzo facendomi male.
Con uno scatto secco lo tira fuori per quel poco che era dentro.
“Direi che questo è un po’ troppo” e spingendomi all’indietro si alza dal divano e se ne va con tutto il culo che balla e la sbroda che le cola dalla gnocca ad ogni passo.
“Scusa” provo a dire ma lei pare non mi abbia neanche sentito e si è già chiusa in bagno.
Mi maledico per essere stato così irruento. Dovevo accettare i suoi limiti. Potevo sborrare sul suo bel pelo e ne ho perso l’occasione. Ora ho un cazzo duro come acciaio e di nuovo sono solo con le mie mani.
Sconsolato finisco la mia sega meglio che posso...

Questo racconto di è stato letto 3 8 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti hotstorie porno al cinemaconti eroticiracconti padre figliamuratori gayracc erotracconti sex 69racconti erotici strapontacconti pornoracconti di donne voglioseracconti erotici iomiluracconti erotici madrewww.eroticiraccontiannunci69 gayracconti erotici cazzo piccolomariti cornuti e mogli troieracconti cucklodxxx raccontifemdom storieracconti padronaracconti erotici incestoracconti erotici professoreerotic raccontieracconti eroticicornuto raccontostorie feticismoracconti porno tradimentoinculo mia cognatastorie di slaveporno racconti incestostorie di footjobracconti porno cognatai generi dei racconti eroticiraccon ti eroticiracconti eroticiracconti erotici piedisculacciate raccontiracconti erotici madre e figlioracconti hot gratisracconti di mia suoceraraccomti pornoavventure maturefetish storiestorie di sesso incestiracconti foot fetisheroticiracconti.itraccondi eroticiracconti porno scambio di coppiai pompini di mia madrezoofilia raccontiuomo bifallicostorie di culi rottistorie pronoracconti interrazialiracconti guardoniho inculato mia madremio nonno mi scoparacconti incesti suocereraccondi eroticiracconti giovani gayamoreinfamiglia.blogspot.it.racconti piccanti gratisracconti eroricierotica raccontiracconti erotici genereracconti erotici coppiaracconti guzzon59tacconti eroticiracconti erotici videoracconto transracconti erotici schiavaracconti nipoteracconti porno bisexguzzon 59racconti porno iterotici racconti gratisstorie di sesso con caniracconti cuckoldracconti di scambistila nipote prediletta pornoracconti feticismoracconi eroticiracconti erotici legataracconti hard amatorialigeniv storieorgia raccontoracconti porno di stupriavventure mature