Lei- 3.Novità

Scritto da , il 2020-01-13, genere dominazione

Qualche mese è ormai passato, ma sembrano anni per la rivoluzione che la mia vita ha subito. Il negozio è sempre li e per ora gli affari vanno a gonfie vele. L’installazione a Lei dedicata è ancora li, in bella mostra. Per alcuni giorni un avvocato passava tutte le mattina. Entrava con la sua ventiquattrore, si guardava in giro e se non c’era nessuno prendeva una sedia, la metteva in mezzo alla stanza e stava 20 minuti buoni a fissarla. Lo vedevo attento, studiava ogni foto con perizia, ogni tanto si avvicinava e altre volte si allontanava, per cambiare la prospettiva. Poi sparì. Non seppi mai cosa stesse cercando, ma pensai che lo avesse trovato.
Dopo quella sera le cose sono cambiate, per entrambi. Da parte sua c’era la voglia di sperimentare, dalla mia una fame d’emozioni come mai prima d’ora. Non ne avevo mai abbastanza.
Accadde che un giorno, vuoi il fato, vuoi la vita o vuoi semplicemente la fortuna, riservino delle sorprese. Così quel giorno ce lo si ricorda per forza, non dimentico il cliente noioso che voleva uno sconto di 5 maledetti euro su una foto, come non dimentico l’orrenda camicia che indossavo...ne il perchè. Insomma quel giorno quando la porta si aprì, il primo pensiero fu esattamente “Sono fottuto”. Rasato, spalle larghe, barba rasata, un occhiale a goccia, Lui fece la sua entrata nella Mia vita così…
Gli dedicai un sorriso un po tirato, forse. Liquidai il cliente, concedendogli lo sconto pur di levarmelo di torno e potermi prendere il rullo di pacconi che, da li a breve, quelle mani mi avrebbero riservato. Da quel giorno tengo sempre in ordine il kit del primo soccorso. Così, per scrupolo.
-Buongiorno! - squillai nel modo meno naturale possibile
-Buongiorno! - Nessuno sguardo da serial killer. Nessuna voce da pazzia omicida imminente. Solo un buongiorno caldo e amichevole. Quella volta mi andò di culo.
Le solite frasi di circostanza “Si accomodi”, “se ha bisogno chieda” “è inutile che guardi le macchine fotografiche tanto ti conviene comprarle al mediaworld” e tornai al mio lavoro. Un occhio sul registro, un occhio a Lui. Lo vedevo rapito dalla composizione fotografica dedicata alla Sua donna. Come tutti si avvicinava a cogliere un dettaglio e si allontanava per bearsi dell’insieme. Come feci a suo tempo io…
Mi rivolse tantissime domande, sul perchè della composizione, sul soggetto, sul messaggio che volevo comunicare. Mi stupì molto la sua curiosità, ma ancora di più la sua disarmante sincerità nel farmi i complimenti o critiche.
-Ma ancora non mi è chiaro cosa tu voglia comunicare. Qual’è lo scopo di queste foto in realtà. Che si tratti di un nudo di donna è lapalissiano, ma mi rifiuto di credere che sia tutto fine a se stesso.
-Vedi...Ho sempre avuto una convinzione, l’artista e lo spettatore vedono due opere diverse, perchè diverse sono le aspettative, diverse sono le esperienze, diverso quello che si cerca. Io posso provare ad instillarti un pensiero, un emozone, un sentimento se sono fortunato. Questo è il mio compito. Il mio lavoro. Lo scopo della mia arte. Tu, spettatore, devi fare il resto. Devi alimentare quel pensiero o quello che sarà, fino a capire quello che ti voglio dire. Ma lo devi capire tu, non posso spiegarti un emozione. Se ne fossi capire...scriverei - e tirai un grosso sospiro..
Ricordo che quella conversazione fu una delle più brillanti dopo diverso tempo. Rimasi affascinato da quell’uomo e dal suo punto di vista. Capii per quelle due anime si erano trovate.
Mi ritrovai in una situazione paradossale, Lui veniva a farmi visita un paio di volta la settimana , Lei la vedevo ogni giorno. Passava, uno sguardo, un gesto ed era subito una buona giornata. Ogni tanto dopo il lavoro si fermava per un calice di vino e per parlare di fantasie, di emozioni, di ricordi.
-E se ti facessi altre foto?
-Vuoi cambiare il muro?
-Perchè no? reinventarsi è lo scopo dell’arte stessa.
Mi passò la mano sulla coscia, dal ginocchio salendo verso il cavallo dei pantaloni. Le dita affusolate sulla stoffa, un brivido lungo la schiena.
-Alzati e inginocchiati
Le dita si fermarono. Lo sguardo fisso sul mio. Un velo di lussuria appannava il suo sguardo.
S’inginocchiò tra le mie gambe, sicura che quella fosse la mia richiesta. La feci allontanare di qualche passo. Accennò ad una flebile protesta
-Alzati la gonna e mettiti a carponi.
Il velo di lussuria si fece più fitto.
-Guarda fissa il muro.
Presi il mio frustino di pelle morbida, mi avvicinai a lei beandomi delle sue forme. Le gambe toniche, leggermente tese ed unite. I gomiti appoggiati al suolo mettevano in risalto la sua perfezione. Con la punta della frusta sfioravo le sue gambe. I muscoli si contraevano. La schiena vibrava. Sali leggermente e lentamente. Sfiorai ogni centimetro della sua pelle.
Un colpo secco. Non forte, ne violento. Deciso. Un urlo più di stupore che di dolore.
Sfiorai la zona arrossata, ne segnai i contorni, disegnai piccoli cerchi al suo interno. Una vibrazione continua, uno spasmo sena fine. Spinsi il tessuto del perizoma contro le sue labbra, lo feci aderire al clitoride spingendo e strappandole un gemito più profondo degli altri. Un leggero movimento del bacino, un accenno per prolungare quel contatto di qualche sospiro. Percorrevo le sue gambe dal tallone coperto dai sandali, fino all’interno coscia, sfiorando il tessuto e terminando la passata con un colpo di frusta deciso, sempre controllato. Aumentavo il ritmo delle passate, la loro velocità e l’intensità della frustata. Ogni gemito, ogni sussulto, ogni sospiro erano per me. Le feci abbassare e poi togliere il perizoma. Un forte odore di voglia pervase i miei sensi. M’inebriai per un istante di quel profumo, l’odore di una donna e del piacere che verrà. Ne feci una pallina, che con delicatezza spinsi all’interno della sua figa. I sospiri aumentavano, la stoffa creava un leggero attrito, ma veniva subito inumidita dal bisogno di godere. Vedevo quel candido buco contrarsi ritmicamente, ad ogni spasmo, ad ogni affondo del mio dito tra le sue grandi labbra, a nascondere quell’indumento dallo sguardo del mondo.
La frusta ora segnava i contorni delle grandi labbra, piccole frustate andavano a stimolare il clitoride. Gemiti sempre più forti, spasmi sempre più prolungati.
-ti prego…- quasi fosse una supplica
Passai il cuoio sulla pelle un’ultima volta. Un ultimo colpo sul clitoride. Sulle grandi labbra. Sulle natiche.
-Alzati
Il respiro accelerato e i capezzoli tesi allo spasmo erano una poesia per i sensi. Le sue mani passavo veloce sul corpo, sulle cosce, sulle natiche arrossate. Chiudeva gli occhi, chissà dove vagava la sua mente.
Mi allontanai di qualche passo, dirigendomi verso la porta. Presi la sua borsa in mano e guardandola fissa negli occhi
-A domani
-cosa??!
-Ho detto. A domani - Rafforzando il tutto con l’apertura della porta. L’ora tarda, le luci soffuse all’interno. Risultavamo alquanto anonimi.
Vedevo la rabbia prendere il posto della lussuria. Si avvicinò a grandi passi, subito non ci fece casa. A pochi passi da me il tessuto dentro di lei le solleticava le pareti interne. Ua stimolazione continua. La presi per un braccio portandola sull’uscio. L’appoggiai all’uscio e in un movimento fluido portai la mia mano sotto la sua gonna, mentre l’altra la teneva bloccata allo stipite con fermezza.
-Godi
Tirai con un movimento continuo il filo del perizoma che restava fuori. Gli occhi si riempirono di stupore, un accenno di gemito strozzato sul nascere per non destare attenzione. Lanciai il perizoma all’interno del negozio e lo sostituì subito con due dita ad uncino.
-Ho detto Godi - non staccavo il mio sguardo dal suo. La sua mano sulla mia spalla. Le mie dita che entravano ed uscivano ad un ritmo frenetico, un affondo più intenso. Le mie dita che si muovono dentro di lei. Gli occhi spalancati. Non un gemito. Il ritmo delle mie dita sempre più veloce. I brividi sempre più intensi. Gli occhi sempre più sbarrati. Poi l’orgasmo. Devastante. Intenso. Infinito.
Le misi la borsa in mano e con un piccolo gesto l’allontanai di qualche passo. Chiusi la porta. Tirai le tende. Spensi le luci e pensai tutta la notte. La vidi qualche minuto dopo guardare dentro, non mi vide. Gli occhi le brillavano. Le gambe non la reggevano. Il suo odore rimase in mia compagnia tutta la notte.
Il mattino dopo mi misi sulla porta ad aspettare il suo passaggio. Da lontano mi notò. Non volle degnarmi di uno sguardo, fino a quando non notò che in mano tenevo il suo perizoma. La fissai negli occhi mentre m’inebriavo dei ricordi. Un sorriso apparve sul suo volto, uno sguardo intenso e un piccolo morso sulla lingua a darmi il consueto buongiorno.
Il nuovo set di foto sulla vetrina, ne comprendeva una molto particolare. Era un dettaglio di una corda legata attorno ad un collo. Il bianco e nero donava una perversa purezza a quella composizione. Lui ne fu subito rapito e con altrettanta velocità partirono una serie di domande, le stesse a cui sono abituato oramai. Prima la conferma che quello che stava guardando, fosse quello che aveva inteso lui. Poi la curiosità di sapere chi fosse. Mi sorprese quando volle sapere quale messaggio volessi esprimere. Di solito mi chiedono se sono malato. Non male.
Fu così che parlammo molto della fotografia erotica. Lo vedevo rapito, coinvolto. S’illuminò quando parlammo del bdsm e le volte sucessive volle approfondire il discorso sempre di più. Gli parlai così delle modelle, del loro bisogno di dominazione e del mio bisogno di dominare il loro piacere, la ricerca di quest’ultimo attraverso il dolore, fino a trasformare le lacrime in sospiri. La dominazione per raggiungere la libertà sessuale, libera da ogni preconcetto o morale.
Passò un pomeriggio, avevo una mezza voglia di chiudere il negozio. Poca gente e meno voglia a dirla tutta. Mi venne a far visita forse per noia, forse perchè ormai potevamo considerarci amici o forse perchè aveva domande che ancora non sapeva di volermi fare.
-Stavo per chiudere. Entra dentro che ci beviamo una birra!
-Non si nega mai una birra!
E iniziammo una nuova chiacchierata, frivolezze, esperienze. Il solito insomma, fino alla sua richiesta di voler vedere qualche foto inedita.
-Me ne hai parlato così tanto che, ormai non batsa più immaginare - come a volersi giustificare
-Sai che è un atto di fede il mio? - ed in effetti mai avevo mostrato quelle foto ad altri. Ma le dinamiche son strane e talvolta fidarsi viene così...facile.
-Lo capisco, ma saprò non deluderti!
Tirai le serrande, presi un paio di sedie e collegai il portatile al proiettore. Una tenda copriva le vetrinette e le foto dei matrimoni, diventando il nostro schermo.
Avviai la sequenza di foto. Un capezzolo ricoperto di cera. Uno spillo infilato in un capezzolo. Un ghiacciolo tra le grandi labbra. Una corda attorno a dei polsi. Gli occhi ribaltati dal piacere. Fruste. Segni. Abrasioni.
Lo vedevo malfermo sulla sedia. Si muoveva in continuazione. Un uomo eccitato che se ne vergogna forse.
-Tutto bene?
-non lo so. Ci sono scene forti. Ho visto una natica rigata da una goccia di sangue. Ma altre sono piene di passione. Si sente il dolore, si sente il piacere..è coinvolgente.
-Sono felice che ti piacciano. Ora cambio genere!
Sullo schermo forme maschili subivano gli stessi trattamenti. Cappelle ricoperte di cera. Collari. Pettorali definiti segnati dalle fruste. Una corda che fasciava l’asta, lasciando libera solo la cappella luccicante.
-Ti danno fastidio?
non mi rispose subito. Forse stava cercando di capirlo.
-No. Ma non so perchè.
-Lo so io il perchè.
Lo guardai notando per la prima volta i suoi lineamenti. Un volto piacevole, uno sguardo profondo. Le mani non stavano ferme e si poteva vedere crescere qualcosa sotto quella zip.
Mi alzai e m’inginocchiai tra le sue gambe.
-Cosa…
-buono …
Armeggiai con la cintura e la cerniera dei pantaloni. Inarcò leggermente il busto e mi permise di abbassare boxer e pantaloni, con un po di fatica.
Svettava davanti a me un cazzo di tutto rispetto. Già in perfetta erezione. Senza un pelo. Palle gonfie. Lo guardavo fisso negli occhi mentre posavo le mani sulle sue cosce. Passavo le dita sulla pelle. Vibrava anche lui, vibrava anche il suo cazzo.
Mi alzai sulle ginocchia per portarmi con le labbra sopra la cappella. Distolse lo sguardo da me, ma con una mano presi il mento girandolo verso di me. Lo fissai intensamente mentre la lingua si appoggiò alla sua cappella. Un sapore di maschio. Caldo. Buono. Un sospiro.
Iniziai con piccoli colpi di lingua a stimolarlo. Mi piaceva. Ogni tanto avvolgevo le labbra all’asta e la lingua giocava con il prepuzio. Poi l’eccitazione mi prese. Affondai la bocca cercando di sfamarmi. Affondi lenti e pronfondi, sentivo le vede scorrermi sulle labbra e sulla lingua. I sospiri aumentarono con l’aumentare dei miei affondi. Il suo profumo m’inebriava. Sentivo sotto le mani i muscoli delle sue cosce tendersi. Ripresi il controllo e lo guardai fisso. Era una maschera di piacere. Mi guardava e mi sorrise appena. Affondai la bocca senza distogliere il mio sguardo, lento ed inesorabile fino a quando il naso non toccò il pube. Muovevo leggermente la bocca, lo sentivo nella gola. Pulsava. Mi alzai di poco e poi ripresi ad affondare. Una. Due. Tre volte. Sentii le sue mani sulla nuca. Gliele presi e le strinsi alle mie posandole sulle ginocchia. Aumentai il ritmo fino a quando il fiato non manco. Un piccolo colpo di tosse. Mi alzai il giusto per prendere fiato. Un’altor affondo. Lo sentivo sempre più grosso. Ansimava sempre più velocemente. Lo sfilai lento dalla mia gola, sentendo le pulsazioni del suo cazzo sempre più forti.
Svettava davanti a me. Lucido e luccicante. Pulsante. I suoi occhi erano increduli e supplicanti. I miei affamati.
Mi buttai su di lui stringendo le sue mani, lui strinse le mie e continuò a stringerle mentre la sua cappella massaggiava la mia gola, mentre la mia lingua assaggiava ogni centimetro di quel palo. Aumentai il ritmo sempre. Quasi soffocavo dalla forza con cui affondavo. Stringevo le labbra per sentirne la consistenza. Un sapore dolcissimo e nuovo si poggiò sulla mia lingua. Era ad un passo. Pochi affondi rapidi e profondi. Le sue mani stringevano sempre di più fino a quando un fiotto di dolce sperma non si posò sul mio palato pochi. Subito altri e altri ancora. Non mi fermai un istante. Il suo bacino si alzò quasi a scoparmi la gola. Scaricò un ultimo interminabile fiotto, che raccolsi insieme agli altri.
Mi alzai, ingoiando parte del suo sperma. Mi avvinai lento alle sue labbra, si ritrasse istintivamente ma non si negò al mio bacio. Alla mia lingua dentro la sua bocca. Gli riversai in bocca lo sperma rimasto.
Un ultimo bacio...le sue mani che si massaggiavano lo scroto ormai svuotato e lo sguardo perso nel vuoto. Lo guardai dall’alto, iniziando ad armeggiare con la mia cintura.
-non credo di riuscirci…
-Lo hai mai fatto prima?
-No…
-E allora non puoi saperlo!
Si ritrovò davanti il mio cazzo, gonfio, duro. Prima ci posò gli occhi. Poi la mano ad accennare una piccola sega. Stringeva. Saggiava la consistenza.
Pensavo che l’approccio sarebbe durato più a lungo, ma la curiosità vinse. Mi guardò un’ultima volta, un velo di rossore sulle gote. Vergogna? Eccitazione? non fu importante.
Sentivo la sua lingua, morbida, calda. Scorreva sull’asta. Sentivo le labbra appoggiate che scorrevano lentamente, dal pube alla cappella. Piccoli colpi di lingua. Un po di saliva. Si aiutava con la mano, leggera e ferma. Non dissi niente, non volevo godermi il momento più del dovuto o prolungarlo oltre la naturale evoluzione. Lo sentì ansimare leggermente, preso dal suo primo pompino. Provò ad affondare, ma forse esagerò visti i colpi di tosse. Non si perse d’animo. La sua lingua massaggiò con più decisione, le labbra strinsero, la mano e il polso fecero il resto. Fu un crescendo costante, una stimolazione sempre più intensa.
-Attento..- cercai di dire tra un gemito e l’altro
Lo sguardo che mi regalò fu di puro piacere, affondò la bocca cercando di sfamarsi, mentre la lingua mi massaggiava ogni parte della cappella, la mano pensava all’asta. Fu un attimo, iniziai a venire, il primo schizzo, poi il secondo e il ritmo della mano che aumenta, i miei gemiti lo seguono. Gli schizzi escono copiosi. Un colpo di tosse e vedo lo sperma uscire dagli angoli della sua bocca. Non smette di succhiarmi. Non smetto di venire. Attimi interminabili. Poi l’ultimo flotto. Il massaggio delle sue labbra, lo schiocco della sua lingua. Mi guardò fisso negli occhi, inghiottì tutto. Leccandosi le labbra che andai immediatamente a baciare. Calde. Gonfie. Belle.
Ci stendemmo per terra sfiniti, ma appagati. Non dicemmo una parola, mi accesi una sigaretta, gliene porsi una per cortesia. Fumammo, mettendo ordine alle nostre idee, mentre il fumo si rincorreva tra le luci del proiettore. Immagini di uomini e donne legati insieme, di capezzoli turgidi e labbra gonfie, si susseguivano sulla parete. Ricordavo ogni foto, ogni momento. Ogni attimo. Nemmeno quel momento mi scorderò facilmente credo.
Ruppe lui il silenzio per primo
-Aveva ragione Lei. Sei un porco

Questo racconto di è stato letto 5 6 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti piccanti 69chiavare con animaliracconti donne maturemoglie persa a pokerracconti moglie zoccolasesso fra donne e animalistorie di sesso gratisracconti porno freeculosfondatoracconti erotici zoofiliaracconti addio al nubilatoraccconti eroticiracconti incesroracconti di vecchie porcheracconti di milu'racconti porno incestracconti erotici con cognataracc 69raccontieroerotici rccontigeniv raccontii generi dei racconti eroticiracconti mogli pornoracconti erracconti tettonastorie sesso gratisletture erotiche gratiserticiraccontiraccnti eroticisculacciata raccontiracconti porno di casalingheincest raccontibdsm raccontiannunci69 .itracconti erotivraccont eroticieros gratisstorie eroticadonne che fanno amore con animalifotostorie erotichestorie vere incestiracconti erotici vissutisesso porno raccontistrip poker raccontiracconti incesti realipipparoloracconti porno sottomessaracconti erotici suppostaerotiraccontistorir pornoracconti milluracconti pissracconti di ricatti sessualiracconti erotici perversiracconti incesto madre e figliopegging raccontizoofilia con cavalliracconti erotticiracconti porno mariti cornutiwww.racconti eroticicornuti umiliatistorie potnogang bang raccontiracconti sex gaystorie erotivheraccontivietatistorie potnoracconti erotici papaerticiraccontiracconti zia troiaracconti erotici di ragazzeerotiraccontivideo racconti eroticiracconti inculateracconti erotiicisculacciate raccontiseghe al cinema pornovicina tettonaracconti erotici.comracconto sexyclisteri sexyracconti ingestifilm porno storieraconti pornoil cazzo di mio nipote