Lei- 2.Il Quadro

Scritto da , il 2020-01-13, genere dominazione

Eravamo entrambi stesi sul pavimento. Un groviglio di gambe e braccia, di sensi mescolati, di pensieri. Fumavamo la nostra sigaretta, disegnando arabeschi di fumo davanti alla lampada, una tela per i nostri pensieri ingarbugliati.
Si rivestì lentamente, mentre io mi beavo di quel corpo che sinuosamente s’infilava nella gonna, il seno sparire bottone dopo bottone, i capelli tornare a incorniciare il viso decisamente più arrossato di qualche ora prima. Mi sorrideva, arrossiva maggiormente se mai fosse stato possibile, mi fissava con quegli occhi da gatta che mi stavano facendo morire. Si chinò per sistemarsi le scarpe, ovviamente accentuando il gesto in modo plateale, dandomi le spalle mi donò la visione delle sue gambe chilometriche e toniche, si lisciò le scarpe per qualche istante facendomi intravvedere la mancanza del perizoma, lasciato distrattamente appoggiato al muro. Accennai ad alzarmi, ma in un gesto felino, posò il suo piede sul petto, fermandomi.
-Non osare alzarti o non andiamo più da nessuna parte
Allargò leggermente la gamba e il mio sguardo vagò dalla caviglia, salendo lentamente verso il il ginocchio e le cosce, il muscolo si contrasse leggermente aprendosi di qualche centimetro, alzai lo sguardo verso il suo, carico di lussuria mi fissava sorridendomi. Una mano si lisciò i capelli, mentre l’altra percorso le forme del suo seno, scese verso il fianco raggiungendo l’orlo della gonna. Mi fissava, mentre lentamente mostrava la peluria imperlata di piacere e di voglia. Il tacco del piede premeva sul petto, ma non era lei a spingere, la mia voglia di abbeverarmi da quella calda e succosa fonte premeva su quel tacco.
-Vuoi lasciarmi così? - indicando la poderosa erezione che mi aveva provocato quel gioco
Non parlò. Si mise sopra di me, mostrandomi l’interno coscia e le grandi labbra. Due passi indietro e lentamente si chinò su di me.
-Non muoverti.
Sentivo i suoi fianchi massaggiarmi, il piacere che le contrazioni mi stavano donando erano paradisiache. Afferrai le sue caviglie, limitandomi a massaggiare quelle gambe. Iniziò ad ansimare. I movimenti erano sempre più ampi e profondi. Nei suoi occhi vedevo il piacere montare in lei, dalla camicia i capezzoli chiedevano attenzioni, volevano lingua, saliva e denti. I nostri gemiti si unirono in uno solo, pochi colpi e poi il calore del suo orgasmo fu troppo per me. Capitolai con un lungo e profondo grido di piacere, mentre lei strabuzzava gli occhi, persi uno dentro l’altro. Con un gesto fulmineo mi tolsi da lei e prendendola per le natiche la feci cadere sul mio viso. Rivoli di sperma e succo si mischiarono nella mia bocca, mi abbeverai di quel nettare così dolce e mi beai dello stupore nei suoi occhi.
Si alzò mal ferma sulle gambe, i capelli ancora arruffati e l’aria accaldata di chi non era pronta per godere ancora. Mi guardò ancora un po incredula, si chinò e appoggiò le sue labbra sulle mie, condivisi con lei quel nettare cibandomi di quelle labbra. Un ultimo bacio più tenero, un ultimo sguardo
-Grazie davvero. A domani!
Il suono dei suoi passi, la porta che si chiuse e io mi addormentai.
Da quella sera cambiò tutto, fu inevitabile che la mia fame di lei aumentasse. La sua richiesta di essere fotografata mi stimolava. Volevo ritrarla nella sua massima espressione di piacere, volevo valorizzare quel corpo come nessuno avrebbe mai fatto. La mia mente era presa da un nuovo progetto e il mio lavoro ne veniva contaminato di continuo, ritrovandomi foto delle gambe in controluce della sposa, book fotografici dove il nudo artistico era sempre più nudo e per un periodo due labbra rosse grondanti piacere, erano in bella mostra sulla mia vetrina. L’ottusità comune giustificava quel liquido come latte, ma era solo il frutto del duro lavoro della modella. Forse un po oca, ma dal talento innegabile per l’arte bolognese.
Era passata poco più di una settimana da quella sera, ma non fu l’ultima volta che ci vedemmo. Durante la settimana ogni mattina passava a regalarmi un sorriso e il buongiorno, mai un gesto fuori posto, mai un accenno di carezza, a lei bastava uno sguardo a me osservare quel corpo percorso dalla voglia. Ogni sera prima di tornare a casa, passava dal negozio. Già la sera seguente tentò di replicare ma avevo ben altri piani in serbo. Ci scambiammo qualche bacio, molte carezze, ma sempre attento a non andare oltre, cercando sempre di tenerla sul filo del rasoio. Mi ricordò subito la promessa fatta e la rassicurai, ogni sera dovevo rassicurarla. Era difficile lasciarla uscire dal negozio senza aver assaggiato il suo sapore, o essermi perso nei suoi occhi, o aver goduto del suo calore.
Il venerdì sera c’incontrammo per caso, ovviamente, al bar dietro l’angolo. Tutte facce note, avvocati, notai, segretarie, bene o male ci si conosceva. La vidi arrivare in tutto il suo splendore, fasciata da un tailleur nero, una camicia bianca e l’accessorio che mi ha da sempre stregato. La cravatta. Mentre il lattaio cercava di spiegarmi che per certe foto era meglio mostrare anche la mozzarella e non solo il latte, segui i suoi movimenti, la rapidità con cui si muoveva sui tacchi era imbarazzante, l’agilità tra i tavoli, gli sguardi che riusciva a rapire, seguivo il tutto al rallentatore.
Riuscì a carpire alcune frasi del suo discorso e finalmente capii che era fidanzata, la cosa non mi meravigliava, una bellezza come la sua è difficile che resti senza compagno per troppo tempo. I programmi per il fine settimana erano semplici, sarebbero andati ad un evento molto popolare la sera dopo, una degustazione di vini. Mentre la domenica sarebbero stati ad un matrimonio, sospetto che quello fu uno dei motivi che mi portano a credere ai miracoli.
La sera seguente convinsi alcuni amici a seguirmi a quella degustazione, la curiosità e la voglia di giocare erano troppa per lasciarmi sfuggire l’occasione e l’evento era l’ideale per usare come scusa la casualità, se mai fosse stata necessaria una scusa. Entrammo nell’androne dell’antico palazzo, nel chiostro interno era stato preparato un rinfresco, mentre sotto il porticato erano presenti tavolini e sgabelli. L’acustica pessima non permetteva l’uso della musica dal vivo, ma gli organizzatori non lo sapevano e ci misero un violinista in mezzo al prato. Lo vidi dopo pochi minuti riporre il violino e degustare dell’ottimo prosecco.
Le sue gambe uscivano sensuali dallo spacco della lunga gonna bianca, un paio di sandali impreziosivano il piede delicato, le spalle coperte da una giacca coprivano anche una camicetta, il cui ultimo bottone lasciava una vista di preferenza a chi avrebbe saputo coglierla. Rideva, si divertiva, sicuramente era spensierata, ma l’espressione di stupore nel vedermi fu impagabile. Gli occhi brillarono ed un accenno di brindisi fu un tacito saluto.
Fu un gioco di sguardi, di gambe leggermente aperte, di una mano che ne sfiora distrattamente un’altra, durante un momento di fila al bar sfiorai il suo braccio, scendendo verso il fianco. Chinò la testa di lato, scoprendo il collo. L’avrei presa li, davanti a tutti, l’avrei baciata, posseduta, li in piedi in quell’istante che sembrava durare una vita. Le passai a lato andando verso un corridoio buio, dietro l’angolo una lunga e stretta scalinata finiva nel buio. Sentivo i suoi passi dietro i miei, feci la prima rampa di scale e mi fermai nel piccolo pianerottolo. I suoi passi si fermarono, era buio, la sua figura in controluce era una sinfonia d’emozioni, sentivo il suo profumo, il battito del suo cuore. Presi le sue mani, cercai il viso e baciai con passione quelle calde labbra, mi staccò quasi subito
-ho poco tempo
Non la lasciai finire, la girai e piegai alzandole la gonna. Non aveva intimo, fu troppo anche per me. Affondai la faccia e inizia a dissetarmi da quel nettare, le mia lingua si ricordò dove andare, le mie labbra come baciare e il mio naso si riempì di lei ancora una volta. Ansimava, ma a denti stretti. Mi alzai e la baciai mentre con due dita le stimolavo il clitoride. La sentivo vibrare, gemeva nella mia bocca e la schiena inarcata spingeva il suo seno sul mio petto, stava per venire. Mi staccai da lei e feci un passo indietro.
-Ti suona il cellulare - facendole notare il rumore della vibrazione venire dalla borsetta.
-Chissenefrega -ringhiò pretendendo il suo piacere
Se avesse potuto vedere il mio viso, avrebbe visto un ghigno.
-Rispondi, noi ci vediamo lunedì.
-No ...spetta...ma…-
Stavo già scendendo le scale mentre lei cercava di capire cosa fosse successo
-Si pronto? ...si ...si ero al bagno..arrivo…
I miei amici, come capita in queste occasioni, avevano già attaccato bottone con alcune ragazze, ci salutammo velocemente deciso a tornare a casa. Le lancia uno sguardo e la vidi sbranarmi in un mix di voglia e rabbia, si bevve tutto il bicchiere di prosecco. Uno sguardo ed ero uscito, una doccia fredda mi aspettava a casa.
Il giorno dopo avevo un matrimonio, foto a casa dello sposo, caffè, foto a casa della sposa e caffè. Arrivato in chiesa quasi ebbi un mancamento, lei era tra gli invitati. Lo stupore questa volta era di entrambi, ma l’eccitazione si poteva tagliare con un coltello. Durante la messa non potei esimermi da qualche foto rubata e lei si prestava a regalarmi sguardi che mi scioglievano. Il caos del matrimonio e il mio lavoro ci fecero perdere di vista, la rividi ad ormai cena iniziata, mentre ero indaffarato a smontare l’attrezzatura e mangia un boccone, la vidi passarmi vicino dirigendosi verso un giardino interno. Il vestito rosso la fasciava come un guanto esaltando le sue forme, ne ero rapito. Venni rapito da una mano che mi spinse verso il muro, le sue labbra subito sulle mie, le sue mani attorno al collo.
-Mi stai seguendo per caso? - mi chiese sorridendo
-Sciocca è lavoro…
-Baciare l’amica dello sposo è lavoro?- come adoravo quella risata...
-No ….fotografarla lo è
Arrossì leggermente
-Sciocco, fotografa gli sposi! Non voglio foto del mio culo sul loro album!
-Prometto che resteranno nel mio album personale
Ridemmo entrambi, poi la vidi guardarsi attorno e con un gesto veloce si mise le mani sotto la gonna, armeggiò un po e si tolse il perizoma, stranamente rosso.
-Bomboniera! torno al tavolo
Un ultimo bacio e ricominciò il mio lavoro, fatto di giri attorno ai tavoli, di foto rubate, di interminabili foto di gruppo. Un’agonia. Odio i matrimoni. La guardavo mentre accavallava le gambe, mentre si chinava a prendere qualcosa, mentre si sistemava sulla sedia...sapeva che la guardavo, questa era il suo show per me.
Verso il tardo pomeriggio le celebrazioni finirono, il sole tramontava ed era tempo per le ultime foto, molti erano andati via, altri cercavano di restare in piedi e altri invece avevano subito il fascino del vino. Il sole scendeva all’orizzonte, un bagliore ancora filtrava e la colpiva, lei appoggiata al muro di spalle risplendeva. Le feci diversi scatti, lei se ne accorse, si girò, alzo leggermente il vestito, senza che io smettessi di fotografare. La striscia di pelo imperlata dalla voglia ora luccicava, baciata da quel fortunato raggio di sole. La guardai fissa negli occhi mentre, con cura e discrezione, immersi il naso nel suo odore catturato dal perizoma. L’avrei presa li, subito.
Quella mattina avevo dei clienti in negozio, non mi ero minimamente accorto della sua presenza alla vetrina, ma quando entrò il suo profumo fu come il caffè al mattino. Mi destai immediatamente dal torpore della conversazione con la noiosa coppietta, tanto carina ma dalla vitalità di un pesce morto, ma sopratutto indecisa se avere foto a colori o bianco e nero. Li liquidai col solito trucco del prezzo, nessuno vuole spendere il giusto per delle foto...tipico.
Accompagnai i clienti alla porta, sfiorando il suo profumo, sfiorando il suo sguardo carico di stupore e lussuria, aveva visto la nuova foto della settimana. Non appena chiusi la porta sentì la sua borsa cadere a terra, mi girai e le sue labbra s’incollarono alle mie.
-Buongiorno anche a te!
Riprendemmo fiato entrambi, ma era durissima restare lucidi.
-Buongiorno! - col suo sorriso splendente -quella foto.. sono io?
-Quella rossa? l’ho messa stamattina, ti piace? - feci il vago...
-Quella foto, sono io? -il suo sguardo mi trafiggeva.
La foto in questione era un particolare di una delle molte foto fatte al matrimonio, una di queste coglieva il particolare delle grandi labbra spuntare dal vestito rosso. Ad uno sguardo distratto sembravano semplici pieghe, sopratutto per il gioco di contrasti e colore, ma lei le mie foto le ha sempre guardate...era il mio regalo per lei.
-Si sei tu!
-Sei un pazzo! - ancora quella risata...
-Perché?
-Perché sei un pazzo. Chiudi tutto e restiamo tutto il giorno qui dentro - Mi si avvicinò slacciandosi i primi bottoni della camicetta
Le presi le mani tra le mie, le portai alla bocca e restai un attimo a pensare. L’attrezzatura era pronta, dovevo solo montare le ultime cose e terminare il set, avrei potuto farlo in serata.
-A cosa pensi?
Si. Era giunto il momento
-Stasera non ci vedremo, ho del lavoro da fare. Ma domani tu sarai ammalata e io sarò chiuso. Voglio che vieni con 5 cambi d’intimo, quello che ti serve per truccarti e il necessario per una doccia.
Mi guardava con aria stranita
-Che dobbiamo fare?
-Domani sarai la mia modella.
Gli occhi si riempirono di paura, poi eccitazione, poi paura e poi piacere per la carezza che le stavo facendo.
-Accetti?
Si attaccò al collo e mi bacio con una serie d’incalzanti - Si Si Si Si si si ssi siSIii!
Fu una giornata difficile, la mente viaggiava, l’eccitazione mi assaliva. Durante la serata preparai le ultime cose, avevo installato una serie di macchine fotografiche ai lati e sul soffitto, avrei potuto cogliere una serie di particolari che sarebbero sfuggiti anche a me, il tutto comandato da un telecomando, un click e tutte scattavano, in aggiunta a quella che avrei usato io. Era la prima volta che realizzavo un sistema simile, l’avevo pensato per questo scopo e finalmente ebbi l’occasione...e che occasione.
La notte passò insonne, nemmeno l’erba migliore riuscì a farmi dormire quella sera, il che mi ha anche un po innervosito.
Arrivai al negozio un po teso, raramente mi emozionavo per un book, ma quel giorno era diverso. Tutto sarebbe stato diverso.
Sentii bussare e lei entrò col suo passo svelto e i suoi occhiali a nascondere il volto, uno stereotipo molto diffuso per farsi notare.
Parlammo molto, subito. Lei aveva dei timori ed era comprensibile, paura sopratutto di essere riconosciuta se avessi messo le foto online, di quello che le avrei fatto, insomma una serie di dubbi. La rassicurai, cercai di fugare ogni dubbio fino al
-Voglio solo regalarti la tua esperienza più emozionante fin’ora provata. Ti ho aspettata per così tanto tempo…
Andammo nella stanza che usavo come studio fotografico, lei poteva vedere le macchine fotografiche, le luci, alcuni fili. Non poteva vedere sotto i teloni, ma avevo lasciato in bella mostra una maschera nera sul letto.
-Ora ti chiedo di vestirti e truccarti, hai tutto il tempo che vuoi e non ti farò fretta. Io sarò di la nel negozio, quando hai finito basta che suoni questo campanello. Ho aperto una bottiglia di prosecco, li ci sono i bicchieri. Per qualsiasi cosa, suona!
Passò circa mezz’ora prima di sentire il campanello. Una media accettabile, ho dovuto aspettare anche 2h per quelle più lagnose.
Il trucco era leggero, come suo solito. I capelli erano raccolti in una coda di cavallo che le cadeva a lato. Semplice ma efficace. Aveva indossato un body nero, con una maglia a trame fine sul ventre e sulla schiena, mentre alcuni pizzi rossi ornavano i bordi dello slip e del reggiseno. La sua pelle olivastra risaltava e l’olio che le avevo lasciato esaltava la lucentezza.
-Sei un sogno…- a bocca aperta
-..tu il mio incubo
-Rilassati! Ora faremo una serie di scatti, non appena ti senti a tuo agio puoi iniziare a provare con pose meno caste, se vuoi spogliarti ne sei libera, se vuoi cambiarti basta che lo dici e ci fermiamo. Tu detti il passo, nessuno ci corre dietro!
I primi scatti furono veramente pessimi, era molto impacciata, ma capita a molte la prima volta. Iniziai a parlare di cose futili, il corpo si distrae e si scioglie, la tensione svanisce e arriva la naturalezza. Porto i discorsi sull’avventura al pianerottolo, il suo sguardo cambia. I suoi movimenti sono più sinuosi, le pose meno plastiche.
-Quel giorno non avevi il perizoma…
Mi guardava mentre piegata in avanti mostrava le sue gambe in tutta la lunghezza
-Avevo scopato da poco con il mio ragazzo - un sorriso apparse sul suo volto. Non smisi di fotografare.
-Eppure non ti ho vista andare ad nessuna parte mentre ero li
-Quando sei arrivato, mi stavo togliendo il suo sapore dalla bocca con il vino - fu dura continuare a scattare e non perdermi in quella risata
Dopo alcuni minuti mi chiese di cambiarsi, ma ci mise pochi minuti ed uscì con uno slip nero in pizzo, con un reggiseno in coordinato, le trasparenze erano le mie preferite..
-Continuiamo, sentiti libera di giocare e di fare quello che ti senti!
Andammo avanti alcuni minuti con foto, normali. Poi qualcosa cambiò.
-Possiamo mettere su un po di musica? - il tono della voce caldo…
-Tutta la musica che vuoi, hai portato qualcosa o faccio io?
-C’è una penna con dei pezzi sul bancone, lasciala andare!
CI misi pochi minuti e tornai, con lei che seguendo il ritmo della musica aveva iniziato a flettersi sulle ginocchia, a ballare, a sedurre la fotocamera.
Ora a gambe aperte mostra un labbro, ora accavalla le gambe sulla poltrona, ora s’inginocchia accarezzandosi i glutei. E io rapito non smettevo di scattare. I suoi occhi mi rapivano, le sue mani mi ammaliavano. Era elettrizzante l’aria che si respirava.
Nel giro di una mezz’ora si spogliò, regalandomi rare perle d’erotismo. Un capezzolo intravisto, il clitoride e le piccole labbra nascoste da 2 dita, i capezzoli bagnati dal suo piacere. Le prime gocce che lentamente imperlavano il pelo. Lo sguardo che si faceva più magnetico. La lingua che frenetica massaggiava le labbra…
Ero in preda ad un erezione, ma non facevo nulla per nasconderla. Mi avvicinai di qualche passo, mi mise il piede sulla spalla donandomi una prospettiva unica.
-Direi che ti sei scaldata!
-Ho voglia...dammelo
-Tu hai sempre voglia, non mi freghi..
-Dammelo …- spalancando le gambe e iniziando a massaggiarsi..
-Cosa vorresti? - stava montando la lussuria, non smisi un istante di fare foto.
Si passò le dita sulle labbra, poi se le infilò dentro con colpi studiati e lenti. Gli occhi si chiusero un istante, un sospiro.
-Tu - leccandosi il piacere dalle dita
-Godi per me …
Iniziò a giocare col clitoride, gli occhi chiusi, la bocca aperta, raggiunse l’orgasmo in breve, brevissimo tempo. Il rumore delle sue dita che entravano in quel pertugio bagnato, venivano in parte coperte dalla musica, ma l’odore che si respirava...era sesso puro.
Immortalai ogni istante del suo orgasmo, ogni spasmo, ogni muscolo.
-Bene, ora che hai familiarizzato con la macchina, possiamo iniziare.
-Iniziare? non abbiamo finito?
-No cara mia, abbiamo appena iniziato. Vatti a dare una rinfrescata e torna qui. Se vuoi c’è una doccia di la, sentiti libera di usarla se vuoi!
Era un po frastornata, forse si aspettava qualcosa di diverso, forse pensava che alla fine avremmo anche scopato. Tornò quasi subito, più distesa.
-Cosa devo fare?
-Mettiti la mascherina e stenditi sul materassino. Sappi che ti metterò delle cinghie ai polsi, ma sono più per scenografia che per costrizione, non le troverai scomode, ma ne capirai il senso. Ti ho promesso di farti provare qualcosa di unico, di mai provato. Fidati di me.
Non disse una parola, si mise la maschera, sistemò i capelli e si stese. Legarla fu per me emozionante. Sentire il cuoio sulla sua pelle, la catena, il suo sguardo eccitato e spaventato mi appagavano.
Feci una serie di scatti, dei dettagli ora che la palle non era ancora arrossata. Scatti preziosi.
-Ora metterò una benda sui tuoi occhi. sarà appoggiata, quindi non ti darà fastidio.
Mi guardò con pietà.
-Iniziamo.
Presi una piuma e inizia a percorrere le sue braccia. Colpi leggeri. Il suo corpo si muoveva come scosso dalla corrente. Segnai il suo fianco, la coppa del suo seno avvicinandomi ai capezzoli, senza mai sfiorarli. Arrivai al ventre e ormai le scosse erano continue, gemeva leggermente. Passai alle gambe, ne percorsi e disegnai le forme, arrivando a sfiorarle le grandi labbra, senza mai andare oltre. Vedevo la sua figa contrarsi leggermente, piccoli spasmi.
Presi l’olio per il corpo e iniziai a farlo cadere, piano a filo sul suo corpo, i capezzoli, il clitoride, il ventre, le gambe. Poi mi regalai la sua pelle, la massaggiai, spalmai l’olio sui capezzoli, giocandoci e facendola gemere, poi passai al ventre, alle gambe, alle cosce. Spalmai con decisione l’olio sulle grandi labbra, a mano aperta massaggiai anche l’interno, scendendo leggermente e lubrificando anche il buco posteriore. Mi mordevo le labbra, ma la sue pelle mi faceva impazzire..
Dopo un rapido passaggio al bagno per lavarmi, tornai armato di candela.
-Ora sentirai qualcosa di nuovo, farà male. Ma ti piacerà. Non subito. Ma ti piacerà.
-Cosa mi fai? - tremava leggermente la voce
-Nulla che una doccia non laverà via
La prima goccia cadde sul capezzolo. Mi fermai a vedere il corpo fremere come scosso da una scarica improvvisa. La macchine fotografavano all’impazzata. Altre gocce, una sopra l’altra a coprire il capezzolo. La sentivo, non urlava, non voleva darmi questa soddisfazione. Tratteneva il fiato, poi gemeva. Lasciai cadere alcune gocce sul petto fino ad arrivare all’altro capezzolo. Ripetei l'operazione e lei ancora non emise un gemito di dolore. Mi stavo eccitando sempre di più…Presi un’altra candela e impostai lo scatto programmato. Una candela sul ventre, una sui capezzoli. Disegnavo piccoli cerchi, la cera colpiva punti imprevedibili, il corpo si muoveva, si contraeva e finalmente un gemito di dolore e di piacere uscì da quelle labbra.
Le due candele si rincorrevano in una danza, il suo corpo seguiva e partecipava a questo ballo fatto di scosse, di vibrazioni, di piacere e di dolore che si uniscono per creare un quadro. Mi fermai. Tutto si fermò. Anche il suo respiro. Con una spazzola tolsi la cera dalle zone maggiormente coperte, colpi veloci, non si sentonof nemmeno.
Lasciai sciogliere la cera qualche istante.
-Non ….pen….pensavooo..che fosse…- un urlo...di dolore, piacere, stupore...un urlo di tutto.
Entrambe le candele versarono un paio di cucchiai di cera bollente sui due capezzoli e sul seno. Vidi le piccole labbra aprirsi, quasi schiudersi.
-Ti piace?
-non lo so cazzo..non lo so!
Aspettai un minuto e ricoprii il ventre e un fianco. Un' altro urlo, questa volta di piacere e dolore.
-Cazzo fa male!
-Ma?
-Non smettere…
-Non sei tu a dare ordini.
Questa volta colpi le grandi labbra, il clitoride e l’interno coscia, fu la goccia che fece traboccare il vaso.
Mi fermai, la vidi contorcersi mentre la cera si raffreddava e la pelle iniziava a tirare. Piccole scariche di piacere e di dolore si susseguivano. Il suo corpo era tempestato da spasmi.
Presi la spazzola e tolsi via la cera, la graffiai leggermente
-Cazzo!
-ops!
-Sono sensibile!
-Lo so- il mio tono non ammetteva repliche.
Presi la piuma e iniziai a stimolare le zone che erano state inondate di cera bollente. La maggior sensibilità la faceva gemere, sopratutto quando iniziai a stimolare il clitoride. Gemette più forte e più forte ancora.
-Ti prego..
-Cosa?
-Non ce la faccio più...fammi godere.
-Come si chiede?
-Stronzo
Svuotai il serbatoio della candela, rimasta accesa per circa 10 minuti ormai, sul clitoride.
Urlò, mentre con la cera ancora calda iniziai a stimolarle il clitoride. Mi bruciai anche io.
-SSi...s.iiiii ...non smettereee ..
Tolsi le dita e versai la cera dell’altra candela e subito le mie dita vi s’immersero.
-voglio godere...ti pregooooo!!!!-
Venne urlando, venne con brividi, venne con per almeno 5 minuti. Io l’osservavo contorcersi, nel suo piacere. Ogni tanto sfioravo il clitoride con la piuma e l’orgasmo riprendeva vigore. La tenni in balia del piacere usando la piuma per altri 10 minuti, poi con la spazzola tolsi tutta la cera, cerca di essere delicato ma la sensibilità era tale che venne ancora, gemendo e gridando tutto il suo piacere.
Il suo respiro era accelerato, il suo petto si muoveva in maniera spasmodica, le macchine non smisero di fotografare, ogni gemito era immortalato, ogni spasmo rubato.
Una volta che pulita, la slegai. Ma non le tolsi la maschera ne la benda. Passa il suo corpo con l’olio per il corpo, sentendola vibrare ad ogni passata.
-Non smetto di tremare
-è il piacere…
-cosa mi hai fatto??
Le passai un dito sul clitoride
-Se mi sfiori...godo!
Entrai dentro di lei, la volevo. Infrangei la regola più importante, ma quella volta non aveva senso.
La feci mia, le tolsi la maschera e mi dimenticai delle macchine fotografiche.
Il suo sguardo era pieno di stanchezza e di piacere, il trucco rovinato da qualche lacrima, le labbra gonfie dalla voglia e pronte a ridarmi ogni bacio, la lingua ad assaporarmi ...gli occhi a rapirmi.
Mi salì sopra, mi cavalcò come fece nel negozio, ma questa volta vedevo il bisogno di godere, le grandi labbra erano gonfie e il clitoride sembrava dovesse esplodere e così fece ...la sentì contrarsi, quasi a stritolarmi. Gli occhi strabuzzati, un grido di piacere che terminarono in un sorriso di beatitudine, mentre io sotto di lei capitolavo con la mia dose di grida.
Non so quanto restammo li, fermi esausti a prendere fiato, forse una vita forse due.
Non parlammo non dicemmo niente. Forse ci addormentammo o forse fu un sogno.
Facemmo la doccia insieme, ma nessuno dei due voleva andare oltre alle carezze e ai baci, le lavai i capelli, la insaponai, l’asciugai e la misi dentro al suo accappatoio.
-non so cosa dire..
-L’emozioni non si possono spiegare. no? - e le sorrisi. Parlare talvolta è superfluo.

Il giorno dopo lo studio rimase chiuso. Le mandai un messaggio dicendole che alla sera ci sarebbe stata un’esposizione in anteprima dedicata a lei.
Preparai le luci come avevo imparato, installai le nuove foto e aspettai sorseggiando la mia birra. Avrebbe apprezzato? chi lo sa…
Quando arrivò la feci accomodare, la misi davanti al muro e una volta accese le luci mi godetti lo spettacolo del suo stupore. Un emozione che non mi abbandonerà mai credo.
-Ma..
Lo stupore di riconoscersi in una foto, poi in un’altra e un’altra ancora..
-Ma...sono io!
-Si
-No ma in tutte! in tutte sono io! - guardava con emozione ogni singola foto, come se toccarla le facesse rivivere qualche emozione..
-Ho capito che la perfezione per me, sei tu. Semplicemente tu. Prima di conoscerti avevo bisogno di 30 modelle per rappresentare la perfezione del corpo femminile, adesso ho capito che aspettavo solo te.

Questo racconto di è stato letto 6 4 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


racconti la prima volta nel culoracconti di escortracconti erotici zoofilistorie porcheracconti erotici ziorqcconti gayracconti porno ginecologoracconti di cazzi in culoi generi dei racconti eroticiracconti erotici itraccontineroticiraconti eroticiracconto sesso analestorie sculacciateracconti fetish piediracconti figaracconti reoticiclistere erotico raccontizietta porcaerotici racerotici racconti dominazioneracconti erotici nonneracconti erotici disiti erotici italianiracconti porno al cinemaracconri eroticiracconti e storie erotichei segreti della ziaracconti erotici eccitantiracconti erotici con transracconti erotici scambistiracconti erotici annunci69storie fetishracconti 69 annuncigeneri di racconti eroticisesso anale raccontigeneri racconti eroticierotiche storieracconti erotuciracconti di donne voglioseracconti erotici annunci 69racconti milùracconti erotici la mia prima voltaracconti erotici annunci69racconti padre figliaracconti erotici anzianoracconti erotici piccantifeticismo forumracconti di mogli infedeliracconti erotici dominazione femminileracconti gratis eroticierotivi raccontiracconti hard 69trans eroticiracconti erotici tra cognatierotico spintoporno racconti animalracconti peccaminosiclistere storierac erotmia cognata porcaraccontia69erotici raccontstorie di e per adultiracconti erooticila sorellina della mia ragazzalettere hard da leggere gratisporno raccontistorie di sculacciateracconti dominazione lesboracconti erotici pissingi generi di racconti inceatoracconti erotici vacanza