Lola - Seconda Parte

Scritto da , il 2020-01-13, genere dominazione

Quella mattina dormii fino a tardi. Volevo riprendere le forze in fretta. Avevo un vulcano d’idee e sapevo che lei non si sarebbe opposta a subirne le conseguenze.
Anche ora ripercorrendo quei momenti, mi rendo conto che avevo scalfito solamente la superficie di quell’essere perfetto. Brama la frusta e la piuma in egual maniera ed ogni colpo riesce a trasformarlo in piacere. Riesce a godere con la testa e con la figa, un po come me.

Quel giorno lo passai al telefono, avevo in mente un progetto ben definito per quella nottata e avevo in mente le sue parole di qualche tempo fa. Bisogna sempre tenere in considerazione i desideri della propria schiava, il piacere deve essere condiviso per essere appagante e avevo intenzione di farle provare emozioni forti. Avevo io stesso sete di quelle emozioni.

Nel pomeriggio le mandai un messaggio, le dissi come fare entrare nel mio garage e dove avrebbe trovato la scatola con i vestiti e le istruzioni da seguire subito dopo.


Era metà pomeriggio, non avevo più l’ansia della prima volta, ora era eccitazione pura.

Sapevo cosa sarebbe successo, sapevo cosa mi aspettava e mi assaporavo ogni attimo di quella dolce attesa.
Uscii di casa alle 18:45 per recarmi in spiaggia, luogo dove ci saremo incontrati da li a breve. Quella zona della spiaggia è decisamente isolata, la scelsi appunto per questo motivo visto che non era battuta da guardoni, coppie o prostitute. Non ci sarebbero state cattive sorprese.
La vidi arrivare con il pareo, ma la brezza serale cercava di strapparglielo di dosso, rivelando di tanto in tanto porzioni del suo ventre, delle sue gambe e mostrando la nudità in tutta la sua perfezione.
Si guardò in giro per qualche istante, sperando forse di scorgermi tra i cespugli, poi eseguì gli ordini con estrema naturalezza, come se non aspettasse altro.

Stese il telo che le avevo dato, indossò il collare con il guinzaglio e si mise nella posizione che aveva imparato la sera prima, in ginocchi con fronte e gomiti al suolo.

Il pareo salì del tutto mostrando le bellezze che tanti occhi ha fatto girare.
Aspettai di finire la sigaretta e scesi in spiaggia con molta tranquillità. Le arrivai da dietro e senza proferire la parola le diedi 10 schiaffi su quelle rotondità perfette. Al 4° schiaffo i segni erano già netti...che opera d’arte.
“Buona sera padrone”
“Buona sera schiava” dando gli utlimi 3 colpi in rapida successione “Ti piace il posto?”
“Si padrone” ansimava “molto bello” non si era mossa di un centrimentro.
“Il bello di questo posto è che siamo le uniche persone nel raggio di almeno 5km” presi fiato e calmai l’eccitazione che mi saliva dalle mani ancora calde del suo dolore “Qui nessuno ti sentirà gridare”
Vidi nettamente un brivido percorrere il suo corpo. Presi la cintura e mi posizionai davanti a lei “Alza la testa e lecca il cuoio” gli porsi il lato grezzo della cintura e lei iniziò a leccarlo dall’alto verso il basso. Sputai sulla pelle e tirandola per i capelli la forzai a leccare usando più saliva. Fui brutale per una frazione di secondo e lei leccò con più lena “ Brava ora a cuccia”
Esaminai le sue natiche, la nottata precedente aveva lasciato i suoi segni, stasera sarebbe stato ancora più doloroso per lei. Si vedevano nettamente i segni della cintura e il viola della pelle ustionata. Presi un po di sabbia e la centellinai sulle sue ferite, simulando le piume che la sfioravano la sera prima. I brividi e i versi di piacere non si fecero attendere.
“Già godi?” e gli rifai la prima sonora e violenta cinghiata. Un urlo soave pieno di dolore, stupore e piacere echeggiò tra gli alberi.
“Urla quanto vuoi”
Dalla sua borsa presi una sveglia a pile, segnava la 20. Puntali la sveglia alle 20:10 “Ora inizio a frustarti, quando suona la sveglia smetterò e prometto che saranno le ultime frustate che ti darò quest’oggi” la guardai negli occhi e vidi la luce della paura e della voglia. Come si fa a non impazzire….
I colpi furono ritmati i primi due minuti, non forti ma decisi. Stava apprezzando e vedevo le prime goccie di piacere colare sull’interno coscia. All’aumento delle frustate, seguì un aumento delle sue grida, sempre più forti, sempre più piene di dolore e di piacere che si univano. 20:06, la prima cinghiata sulle sue labbra e nuove grida, urla e dolore echeggiò sulla spiaggia. Iniziai ad essere sempre più deciso e frenetico, alternando colpi alle natiche a colpi nell’interno coscia e sulle labbra. 20:09 era allo stremo iniziava a gridare di vero dolore, piangeva e gridava. Non si era mai alzata, ne aveva provato a farlo. Stava subendo, godendo e piangendo. Gli ultimi secondi furono un susseguirsi di urla, grida, pianti e colpi secchi che toglievano il respirlo. Il suono della sveglia mi fermò.
“Alzati subito”
Si vedeva che era una tortura, ma lo fece in modo abbastanza veloce, mal ferma sulle sue gambe umide del suo stesso piacere. Presi il collare e l’accompagnai verso la riva “Entra in acqua e allontanati di qualche passo. Brava, ora girati verso di me e siediti”
Credo avesse sottovalutato l’effetto dell’acqua salata sulle ferite, ma se ne rese subito conto non appena i primi schizzi non la bagnarono. Provò a fermarsi ma la fulminai subito “Seduta, subito, altrimenti ti lego a quell’albero e me ne vado”. Pianse, gridò, ma si sedette.
Il suo sguardo era pieno di dolore e rigato dalle lacrime, ma s’illuminò non appena vide che mi stavo sbottonando i pantaloni, tirai fuori il cazzo e guardandola iniziai a segarmi lentamente. Vidi il bacino che si muoveva, il sale non cessava la sua azione ma l’eccitazione era troppa anche per lei “Toccati”, non se lo fece ripetere due volte, aprì le gambe e iniziò un furuoso e doloroso ditalino. Andò avanti per qualche minuto, non distoglieva l osguardo da me, non smise di piangere ma il piacere stava avendo il sopravvento su tutto quel dolore, sorrise quasi leccandosi le lacrime che si appoggiavano alle labbra. Come poteva essere reale….
“Se vuoi godere devi subire altre 50 frustate, altrimenti aspetterai. Scegli” Dolore per piacere, ma riuscì a stupirmi ancora. A sfidarmi. Iniziò a gattonare verso la spiaggia, mi passò vicino facendo le fusa come una gatta, passando oltre verso il telo. Si girò, si sistemò e si mise a cuccia
“Quindi è questo che vuoi” un cenno della testa fu l’unica risposta che osò dare. Presi una manciata di sabbia e la feci cadere nuovamente sulla sua pelle, questa volta l’acqua la trattenne creando un sottile velo di sabbia sulla pelle irritata “Non perdere il conto” e iniziai con un ritmo incalzate e una forza sempre maggiore a colpire la pelle, cercando di togliere più sabbia possibile. In pochi secondi arrivai a 15 colpi ma la sua voce in breve divenne confusa, urla strazianti, pianti, grida. Non numeri. Mi fermai. “Ricominciamo da capo”. Il solito cenno del capo e i singhiozzi del pianto furono la sua unica risposta. Il buio era eccessivo e rischiavo di non fare un buon lavoro, colpendo male avrei potuto farle più male del previsto, quindi accesi una lampada a batterie che avevo portato. Illuminava bene la zona del telo permettendo ade ntrambi una buona visione.
Ricomincia con lo stesso ritmo, la stessa forza, questa volta distribuendo i colpi in modo alternato tra una natica el ‘altra. La sabbia depositata sula cintura era come carta vetrata e dopo 30 colpi ebbe un momento in cui le mancava il fiato, mi fermai un’attimo e vdevo la figa pulsare di piacere. Non ebbi più pietà e gli ultimi 20 furono violenti e forti come poche volte avevo osato. Non m’interessava più che contasse, mi cibavo di quelle urla e di quelle grida. Sudavo, tremavo e godevo di quel momento, fino all’ultimo colpo.
Poi il silenzio. Il suo respiro affannato. Il suo singhiozzare. Il rumore delle onde. “Alzati Lola” le porsi il bracco e l’accompagnai alla riva. Ancora piangeva e tremava. L’aria doveva bruciare, figuriamoci l’acqua salata. Fece due passi, si girò verso di me. Si sedette e iniziò a godere toccandosi furiosamente, gridando, piangendo e godendo. Non potei resistere. Tirai fuori il mio cazzo e feci due passi in avanti. Due colpi secchi e un fiotto di sperma la colpi in faccia. “Grazie padrone!” Urlo di gioia, piangendo e godendo.Singhiozzava e godeva in un amplesso dalla rara intensità. Poi un urlo più forte e poi il silenzio e il suo respiro.

Questo racconto di è stato letto 8 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.

Online porn video at mobile phone


orge familiariracconti porno cognataracconti tetteracconti hard cuckoldano dilatatoputtana raccontiracconti pprnoracconti x adultiraccontieroterotici racconti tradimentimamma eroticaracconti porboracconti erotici anzianostorie mogliescovolinaracconti incesti violentiracconti erotici africaracconti erotici adultiracconti zoofiliastorie di ragazze troieracconti.pornoracconti sessmasturbazione femminile yahooracc erosraccontizoofiliaerositalia racconticonfessioni erotiche vereerotici racinema porno raccontiracconti incesti pornoracconti erotocotrav raccontii racconti di miliracconti veri sexla monta delle vaccheracconti fratelli gaystorie di footjobracconti erotici stupratacougar raccontiracconti trasgressioniracconti ereoticiracconti porno estremoracconti donne esibizionistestrorie pornoracconti sculacciatafetish storieraccoti eroticivisita ginecologica raccontiracconti intimiracconti erotici garscconti eroticiracconti erotici di sessoracconti vicinasito racconti eroticigay al cinema pornoracconto tradimentoracconti lussuriosiracconti erotici seghetrans storietracconti eroticiracconti erotici fistingraccnti gayeros raccontiracconti animalracconti di orgeracconi pornoracconti erotici con ziaracconti erotici strap onstorie porno italianorqcconti eroticiracconti aroticisex clistereincest raccontiracconti cuklodracconti eoritcistorie di sesso con animaliracconti di pornoracconti hard lesboacconti pornoracconti sesso reali